Nasce ad Amatrice la Casa della Montagna.

oggi la posa della prima pietra con il Club Alpino Italiano e Anpas.

I frutti tangibili del volontariato.

 

Il segno tangibile di quello che può essere la rinascita di un territorio, non solo materiale, ma anche umana e sociale. Questo ha rappresentato oggi la posa della prima pietra della Casa della Montagna di Amatrice, un progetto che sta prendendo vita grazie al Club alpino italiano e ad Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze), che lo hanno finanziato grazie a specifiche sottoscrizioni aperte dopo il sisma 2016. Si tratta del primo edificio frutto della generosità del volontariato nel paese di Amatrice dopo il terremoto.

 

"Con questa prima pietra ricomincia la ricostruzione del centro di Amatrice, grazie alla generosità dei nostri Soci, di quelli di Anpas e di tutte le persone che hanno donato un proprio contributo", ha affermato il Presidente generale Vincenzo Torti. "Il CAI non è solo escursionismo, alpinismo e arrampicata: siamo presenti dove c’è amore per la montagna, per la sua cultura e per la voglia di stare insieme. E’ bello che dopo il dramma ci sia la fede che insieme si possa fare molto".

 

Sulla stessa lunghezza d’onda il Presidente di Anpas Fabrizio Pregliasco, che ha sottolineato il significato di vicinanza espressa "grazie a un volontariato attivo anche una volta superata l’emergenza, per contribuire alla ricostruzione".

La cerimonia ha visto l’inserimento nella calce di un biglietto augurale alla Casa della Montagna, firmata da tutti gli intervenuti: oltre ai due presidenti, il Sindaco di Amatrice Filippo Palombini, il Vescovo di Rieti Domenico Pompili, il Presidente di ITASolidale Guido Bettali, il Presidente CAI Lazio Fabio Desideri e il Presidente della Sezione amatriciana Franco Tanzi.

 

Desideri e Tanzi hanno sottolineato il fatto che il CAI "altro non poteva fare che progettare un centro di aggregazione, ovviamente votato alla montagna. Qui prima c’era una scuola elementare, oggi tra i sassi abbiamo addirittura trovato un Gesù Bambino del presepe. E la Casa della Montagna vorrà dare dunque dare continuità a questo luogo nel riunire, insegnare e far socializzare i giovani".

La Casa della Montagna sarà un luogo ricreativo, sociale e culturale, con al suo interno una palestra per l’arrampicata, zone di informazione, e soprattutto di divulgazione della cultura della montagna e delle attività ad essa legate.

Master Viaggi News – Da visitare, vacanze e tour (Ultime 10 News Inserite)

ciavatta hotel Saturnia

Falkensteiner Hotels & Residences per sciare in Carinzia e Stiria.

Per i patiti della neve l’imbarazzo della scelta nelle strutture di montagna al Top in Austria.

Gli alberghi di montagna del gruppo Falkensteiner Hotels & Residences. Specializzati per gli sport invernali, offrono servizi di prim’ordine agli sciatori, con programmi e guide attive per famiglie, coppie e visitatori che vogliono esplorare le cime alpine, un ampio ventaglio di opportunità per vivere la neve in libertà.

 

Sciare tra le piste di Nassfeld

 

Ci sono 30 moderni impianti di risalita e 110 km di piste su cui sciare e praticare snowboard, 80 km di tracciati da fondo e 50 km di sentieri invernali a Nassfeld, nel Passo Pramollo. A completare la varietà di sport sulla neve che si possono praticare a partire dal Falkensteiner Hotel e Spa Carinzia, i laghi Weissensee e Presseggerdiscese ghiacciati, le sciate notturne sulla pista più illuminata delle Alpi e il noleggio di action cam per gli sciatori più esperti. Dall’hotel, da cui ammirare le Alpi Carniche e le Alpi della Valle del Gail, si accede direttamente alle piste. Le vette innevate sono uno spettacolo anche dalla piscina esterna riscaldata e dalle architetture moderne che incorniciano le 160 camere e suite. Con l’offerta “Sapore di neve” valida dal 7 dicembre 2018 al 21 aprile 2019, è incluso lo skipass: per 2 giorni soggiornando 3 o 4 notti, di 4 giorni con 5 pernottamenti. Inclusa la mezza pensione di gourmet carinziano, accesso all’area wellness e tutti i servizi dell’hotel. Prezzi da 232 a camera a notte.

 

Sul Katschberg, tra 70 km di piste e 16 impianti di risalita

 

Nel comprensorio del Monte Katschberg, che svetta sulle Alpi centro-orientali, tra 70 km di piste e 16 impianti di risalita, c’è il Falkensteiner Hotel Cristallo, struttura dallo charme alpino e l’ambiente familiare, a 1.600 metri di altitudine. Un luogo amato dai bambini, che trovano una pista da pattinaggio davanti all’hotel, pattini da ghiaccio e un funpark con mini-jet, oltre a corsi di sci e snowboard per grandi e piccoli. Tanti gli spazi per i bambini, come il miniclub Falky Land e la SPA per i piccoli, la Falky Kinder SPA, mentre per i grandi non manca il centro benessere di 2mila mq con piscine. Prenotando una vacanza d’inverno entro il 30 novembre 2018 c’è il 20% di sconto sul soggiorno con pensione completa, uso di tutti i servizi wellness, del Falky Land e programmi di attività. Prezzi da 149 euro a notte a persona.

 

Sulle cime della Carinzia

 

All’interno del comprensorio del Monte Katschberg, a 1.600 metri di altitudine, dove non ci sono allergie, c’è il Falkensteiner Funimation Katschberg, da cui partire direttamente sulle piste con tutta la famiglia. È stato ristrutturato da poco e adesso si presenta ancora più accogliente, con le calde camere e suite e il ristorante più moderno. All’interno della struttura si possono noleggiare le attrezzature per lo sci e prenotare la scuola sci. L’hotel dispone anche di un grande centro benessere Acquapura SPA di 2mila mq con piscine interna ed esterna riscaldate, sauna finlandese, bagni turchi aromatici, sauna lounge e tanti spazi wellness. Il Falky Land di 1000 mq è un mondo in cui i bambini trovano tantissimi giochi e animazioni per divertirsi. Con l’offerta “Bonus inverno prenota prima”, prenotando una vacanza entro il 30 novembre 2018 da vivere fino al 30 marzo 2019, c’è il 20% di sconto, inclusa la pensione completa e tutti i servizi della struttura.

 

Tra le vette del sud-est dell’Austria, in Stiria

 

Meta per sciatori e sportivi di ogni parte del mondo, lo Schladming-Dachstein è un comprensorio sciistico nel sud est dell’Austria, in Stiria, in cui divertirsi tra 125 km di piste. Fa parte dello Ski Amadé, il più grande comprensorio di tutta l’Austria. Qui il Falkensteiner Hotel Schladming accoglie gli amanti della neve tra 130 camere e suite con terrazzo. Nelle vicinanze si trova anche la mecca dello sci di fondo di Ramsau, dove ogni anno si allenano le star internazionali del panorama sportivo. E tra gli impianti sportivi del Planai, i bambini trovano Hopsi’s, il paese invernale per i piccoli, raggiungibile tramite funicolare. Non manca il centro benessere Acquapura SPA di 1500 mq, con piscine interna ed esterna, lettini massaggianti e vasca idromassaggio esterna nell’area saune. L’acqua proviene dalle montagne dei Tauri della regione del Dachstein. Con la proposta Sixty Plus Package, valida per 7 notti dal 30 novembre 2018 al 6 aprile 2019, sono inclusi 6 giorni di skipass gratis per la seconda persona, una giornata di prova sci e una giornata con guida sci, lo sci safari inclusi guida e trasferimento. Il prezzo è da 261 euro a camera a notte.

Master Viaggi News – Hotel e catene alberghiere (Ultime 10 News Inserite)

ciavatta Saturnia Hotel

Assisi veste il Natale di luci e colori e si riconferma città dei Presepi.

Fino al 6 Gennaio, tante manifestazioni in programma: il trenino di Natale, la casa di Babbo Natale, Assisi in luce e tanti altri eventi dedicati alle famiglie.

La città di San Francesco (a cui si deve il primo presepe nella storia) privilegia le famiglie e si riconferma meta preferenziale del turismo nazionale ed internazionale nel lungo periodo delle festività natalizie, per il 2018 l’offerta prevede attività ludiche, laboratori ed esperienze creative nei luoghi della cultura di Assisi.

Per le vie del centro, con tappa nei principali luoghi di attrazione della città, bambini e famiglie potranno salire gratuitamente a bordo del Trenino di Natale che dalle 9 alle 20 fa il giro della città.

 

“Il Natale 2018 ad Assisi sarà la Festa delle famiglie e per le famiglie – dichiara Stefania Proietti, Sindaco di Assisi – con la città dedicata ai bambini e ai loro desideri. Un progetto “family”, dai colori caldi e dai forti sentimenti, abbiamo pensato quest’anno una città illuminata più che mai con istallazioni in tutto il territorio comunale grazie ad un importante investimento economico reso possibile con i proventi dell’imposta di soggiorno”.

 

Assisi, nota per essere la “Città dei Presepi”, in questi giorni è il palcoscenico naturale di una moltitudine di presepi esposti nei luoghi più suggestivi della città medievale.
Le Sale dei palazzi storici, dalla piazza e per le vie del centro, ospitano la “Mostra dei Presepi della Terra Santa”, il “Presepe Artistico Napoletano del ‘700” con il contributo di Antonietta Mancinelli Angeletti, la “Mostra dei Presepi artistici” a cura dell’associazione “L’Isola che non c’è” con Franco Paccamiccio e la “Mostra d’arte presepiale” a cura del Club UNESCO Assisi ricca di tanti esemplari provenienti da più parti d’Italia.
Ma e Assisi stessa una "Città Presepe", perché ogni angolo e via del centro storico sono impreziositi da tanti piccoli e grandi presepi, realizzati da cittadini, dagli alunni delle scuole, dalle associazioni e dalle parrocchie e ogni singola opera contribuisce a restituire ai turisti il vero significato del presepe.

 

Una menzione particolare la meritano i Presepi viventi nelle frazioni di Armenzano (tra le rievocazioni natalizie più longeve di Assisi e del Subasio; all’interno del piccolo borgo di origine medievale, la popolazione locale ricorda i momenti legati alla nascita di Gesù) Petrignano e San Gregorio (all’interno delle mura del castello medioevale).

E’ aperta, inoltre, la Casa di Babbo Natale, al Monte Frumentario (accesso in via Fontebella) dove Babbo e gli Elfi accoglieranno grandi e piccini per vivere la magia delle feste.

 

In questi giorni la piazza del Comune si illumina con il progetto in collaborazione con Confcommercio “Albero di Alberi” : oltre ottanta piante illuminate che a fine del Natale saranno messe a dimora nell’ambito del progetto “Un albero per ogni nuovo nato”, per un progetto di forestazione urbana, con la posa di piante autoctone.
E naturalmente non manca la musica, grandi presenze nazionali ed internazionali ad Assisi per il Natale 2018 come il Concerto di Natale Gospel del gruppo “New Direction Gospel Choir of Tennessee State” che può considerarsi uno dei primi cori nel suo genere riconosciuto a livello internazionale, composto da giovani musicisti laureati presso la Tennessee State University e solisti di alto livello, che si terrà all’ Abbazia di San Pietro, in collaborazione con la Fondazione Umbria Jazz.
La musica antica, di repertorio medievale e rinascimentale, con “Voci: storie di donne, madri, mistiche, visionarie” entrerà nella Sala degli Sposi di Palazzo Vallemani, tra i dipinti della Pinacoteca e gli affreschi del Palazzo, attraverso le voci e i suoni di Patrizia Bovi e Katerina Ghannudi.
E ancora il Grand Concerto di Capodanno al Lyrick con la partecipazione straordinaria del soprano Desirée Rancatore e del tenore David Sotgiu, il Coro e Orchestra “Città di Assisi” Cantori di Assisi – Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco – Commedia Harmonica con la direzione del M° Padre Giuseppe Magrino.

 

Tante quindi le opportunità offerte per rendere il soggiorno in questa splendida cittadina medioevale veramente indimenticabile.

Master Viaggi News – Da visitare, vacanze e tour (Ultime 10 News Inserite)

ciavatta hotel Saturnia