Il nuovo pieghevole di Samsung (e l’S20)

Samsung insiste con i pieghevoli e a Londra ha presentato il successore (o, meglio, il fiancheggiatore) dell’ormai iconico Fold

A differenza del suo predecessore, il Galaxy Z Flip è stato studiato per essere utilizzato con una mano ed è grande più o meno come uno specchietto da borsetta (le donne lo adoreranno). Nel design si è fatto battere sul tempo dal Motrorola Razr e nelle dimensioni del display lo supera di mezzo pollice: dai 6,2 del pieghevole della casa americana ai 6,7 di quella sudcoreana. 

“In Samsung siamo stati incoraggiati dall’entusiasmo mostrato per Galaxy Fold. Galaxy Z Flip è un importante passo avanti per l’evoluzione della categoria dei dispositivi pieghevoli, grazie all’introduzione di un nuovo form factor, un nuovo display e, soprattutto, un nuovo tipo di esperienza mobile”, ha dichiarato TM Roh, Presidente e responsabile della divisione Mobile Communications di Samsung. “Attraverso l’esclusivo design pieghevole e l’esperienza utente di Galaxy Z Flip, stiamo ridefinendo ciò che un dispositivo mobile può essere e cosa consente di fare alle persone”.

Galaxy Z Flip è dotato di un Infinity Flex Display con vetro flessibile Ultra Thin Glass (UTG) sviluppato da Samsung, che lo rende più sottile e l’Infinity-O display con foro centrale elimina la presenza del notch per alloggiare la fotocamera e offre una ratio di 21.9:9.

Come lo schermo di un laptop può rimanere aperto in diverse angolazioni. La cerniera nascosta integra anche una struttura in fibre di nylon che previene l’ingresso di sporcizia e polvere nel dispositivo.

Dalla collaborazione con Google è nato One UI che permette, quando il dispositivo è aperto ad angolo retto, di dividere automaticamente il display in due schermi da 4 pollici, in modo da poter visualizzare immagini, contenuti o video nella metà superiore del display e controllarli nella metà inferiore. E’ possibile guardare e navigare  su YouTube, riproducendo contenuti in streaming nella parte superiore mentre si cercano altri video, leggono le descrizioni o scrivono commenti in quella inferiore.

Quando è chiuso, è possibile controllare a colpo d’occhio data, ora e stato della batteria sul display esterno, ma anche di ricevere notifiche in tempo reale e rispondere  a una chiamata senza aprire il dispositivo

Flip integra un sistema ottimizzato a doppia batteria, ricaricabile sia collegato che wireless, che offre più energia occupando meno spazio. Il costo è in linea con la diretta concorrenza: 1.520 euro.

Samsung ha anche presentato i Galaxy S20 – S20, S20+ e S20 Ultra 5G – la serie con cui punta a scalzare il primato nell’ambito della fotografia saldamente in mano a Huawei, ma soprattutto si lancia definitivamente nel 5G. “Il 5G cambierà completamente il modo in cui comunichiamo e viviamo il mondo che ci circonda”, ha detto Roh.

I tre S20, tutti e tre dotati di connettività 5G, sono stati pensati in base all’assunto che la fotocamera è la caratteristica più importante per i consumatori che acquistano un nuovo smartphone. Per questo quella di Galaxy S20 offre una risoluzione fino a 108 MP (per S20 Ultra 5G), la tecnologia Space Zoom che ingrandisce fino a 30x per Galaxy S20 e Galaxy S20+, e fino a 100x per Ultra. 

Galaxy S20, Galaxy S20+ e Galaxy S20 Ultra 5G saranno disponibili nei negozi fisici e online a partire dal 13 marzo 2020. Galaxy S20 sarà in vendita nella versione 4G LTE a un prezzo consigliato di 929 euro e nella versione 5G ad un prezzo consigliato di 1.029 euro.

Galaxy S20+ sarà disponibile nella versione 4G LTE ad un prezzo consigliato di 1.029 euro, nella versione 5G con 128GB di memoria interna ad un prezzo consigliato di €1.129, e in esclusiva solo sullo Samsung Shop online nella versione 5G con 512GB di memoria interna ad un prezzo consigliato da €1.279. Galaxy S20 Ultra 5G sarà disponibile ad un prezzo consigliato di 1.379 euro.

Agi