Il traffico internet cresce, ma ridurre la qualità “non è necessario”

I dati scambiati sulla rete fissa sono raddoppiati e (soprattutto) i momenti di picco si sono innalzati del 40%. Ecco i numeri aggiornati trasmessi da Fastweb all’AGCOM. Un’ulteriore conferma dello stress cui infrastrutture e operatori sono sottoposti in questi giorni. Durante la clausura, gli italiani telefonano, navigano e (soprattutto) guardano e giocano molto di più.

Traffico e momenti di picco

Per quanto riguarda la rete fissa, il volume di dati complessivo giornaliero si attesta di solito intorno a 10-12 PetaByte. In questi giorni ha raggiunto invece i 18-20 PetaByte. Il test di tenuta più importante però non è il traffico totale ma l’intensità del picco. Se si regge quando arriva l’onda anomala, si riesce a gestire anche tutte le altre. Ed è quindi questo il dato che più racconta la singolarità del momento: i picchi, che di solito si fermano a 2,8 terabit al secondo, si sono arrampicati a 3,9 terabit al secondo. L’aumento sfiora quindi il 40% e, come ha spiegato il cto di Fastweb Andrea Lasagna, somiglia molto a quello che si registra di solito in un anno intero. Solo che, stavolta, è successo nel giro di qualche giorno.

L’aumento di video e giochi

Assieme all’incremento del volume, è cambiata la composizione del traffico. Pesano sempre di più streaming e videogiochi, mentre la semplice navigazione e lo smart working hanno un peso più gestibile. In termini di volume di dati giornalieri, il traffico video è cresciuto del 30% e rappresenta la metà del totale. Ancora più imponente è stata l’espansione dei videogiochi: il traffico è quadruplicato, fino a costituire il 15% del totale.

Riduzione della qualità “non necessaria”

Sono questi i dati che hanno convinto la Commissione europea a chiedere (e ottenere) da alcune piattaforme di streaming la riduzione delle qualità video: Netflix ha risposto riducendo il bitrate (cioè la velocità e quindi la qualità di riproduzione) in modo da tagliare un quarto del proprio peso sulle reti europee per 30 giorni. E anche Youtube ha adottato misure simili. La Commissione si è rivolta però anche agli utenti (per convincerli a usare meno dati mobili e, quando possibile, qualità di riproduzione più bassa) e agli operatori. Ad oggi, sottolinea Fastweb, misure che consentano di intervenire su particolari tipologie di traffico, quali il video o il gaming, “non si sono rese necessarie”. Per il momento, gli interventi sulla rete sono stati sufficienti: i principali snodi di rete sono stati potenziati per supportare picchi fino a 4,4 terabit al secondo. Ci sarebbe quindi margine. E la scelta di Netflix dovrebbe facilitare le cose. Per cui, afferma Fastweb, un intervento per gestire streaming e videogiochi “saranno adottate solo in caso di situazioni particolarmente critiche”.

Lo smart working “non è una criticità”. Ecco perché

I dati aggiornati confermano che lo smart working non rappresenta un fattore significativo. O almeno non abbastanza da premere sulla tenuta delle reti. Lo dimostrano diverse cifre. La quota del traffico assorbita dalla navigazione Internet è “sostanzialmente stabile”, attorno al 18%. Una cifra tutto sommato contenuta se si considera che sono molti di più gli utenti che usano il web rispetto agli abbonati delle piattaforme di streaming. È aumentato il traffico voce (cioè si telefona di più) e, anche nel caso di video-conferenze fatte per lavoro, le applicazioni più utilizzate sono molto più leggere di un film. Ci sono poi altri due prove. Primo: il picco arriva dopo le 18, cioè negli orari più utilizzati per lo svago e meno per il lavoro. Secondo: il traffico in upload, che in parte può essere ricondotto proprio al lavoro da remoto, sta crescendo a un ritmo superiore rispetto al traffico complessivo (+50%), ma resta il 10% del totale. Il resto è costituito dai download. “È un segno – afferma Fastweb – che l’aumento dello smart working è pienamente compatibile con gli attuali dimensionamenti di rete e non rappresenta una fonte di criticità”.

Agi