SmartWorld News Podcast – 12 giugno 2020

È online la nuova puntata di SmartWorld News, il nostro podcast che ogni giorno vi racconta le notizie più importanti della giornata, quelle che non potete perdervi. Qui in basso trovate il player per ascoltare l’ultimo episodio, ma non dimenticate che potete ascoltarlo anche con la Skill Alexa e su Apple Podcast, Google Podcast, Spreaker e Spotify.

Ascolta “12/06 – PlayStation 5, Huawei P40 Pro+ e report contro le fake news” su Spreaker.

Oggi parliamo di:

L’articolo SmartWorld News Podcast – 12 giugno 2020 sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Il Play Store su Amazon Fire HD 8 (2020)? Ecco la guida dettagliata (video)

Amazon ha da poco lanciato ufficialmente nel mercato italiano il suo nuovo tablet Fire HD 8 (2020), caratterizzato da un prezzo davvero aggressivo. Una delle sue potenziali limitazioni potrebbe risiedere nell’assenza del Play Store e dei servizi Google.

A questo però potrebbe esserci un rimedio, il quale non richiede nemmeno l’acquisizione dei permessi di root. Questi sono i passaggi per installare il Play Store su Amazon Fire HD 8 (2020):

  1. Recarsi nelle impostazioni del dispositivo e accedere alla sezione Privacy e Sicurezza.
  2. Abilitare l’opzione per consentire l’installazione di contenuti da sorgenti sconosciute.
  3. Scaricare e installare Google Account Manager (selezionare la versione più recente).
  4. Scaricare e installare Google Services Framework 9 (non usare la versione 10 o successiva).
  5. Scaricare e installare Google Play Services (usare la versione più recente compatibile con ARM64 e Android 9).
  6. Scaricare e installare Google Play Store.
  7. Riavviare il tablet.
  8. Aprire il Play Store ed effettuare il login tramite il proprio account Google.

LEGGI ANCHE: Amazon Fire HD 8 (2020), la recensione

È importante notare che seguendo la procedura sopra indicata non tutte le app del Play Store potrebbero funzionare correttamente, soprattutto quelle ufficiali di Google come Pay. Qui sotto vi lasciamo un video dimostrativo della procedura.

L’articolo Il Play Store su Amazon Fire HD 8 (2020)? Ecco la guida dettagliata (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

F1 2020 si mostra in un nuovo trailer dedicato alle vetture di Michael Schumacher (video)

F1 2020 sta decisamente scalpitando per arrivare finalmente nel mercato. A poco meno di un mese dalla data di rilascio ufficiale, Codemasters ha rilasciato un trailer che mostra le vetture del leggendario pilota Michael Schumacher, ottenibili acquistando l’omonima Deluxe Edition. Questa edizione speciale verrà lanciata con un accesso anticipato di tre giorni ed includerà livree esclusive a tema per l’auto, articoli per la personalizzazione del pilota e una celebrazione sul podio unica.

I giocatori che acquisteranno la Seventy o la Deluxe Schumacher Edition di F1 2020 otterranno la Ferrari F2004, oltre che garantirsi l’accesso a 4 delle sue auto più iconiche:

  • 1991 Jordan 191 – L’auto che ha lanciato la carriera di Michael. L’auto verde smeraldo è stata guidata per la prima volta al Gran Premio del Belgio del 1991
  • 1994 Benetton B194 – La stagione in cui Michael ha vinto il suo primo Campionato del Mondo, vincendo sei delle prime sette gare
  • 1995 Benetton B195 – In una classe a sé stante, ha portato Michael alla sua seconda vittoria e alla prima e unica di Benetton del Campionato del Mondo
  • 2000 Ferrari F1-2000 – L’auto conquistò 10 pole position, 10 vittorie in gara e assicurò alla Ferrari il suo primo Campionato mondiale piloti dal 1979

LEGGI ANCHE: Gustatevi il trailer gameplay di F1 2020, in arrivo quest’estate anche su Stadia! (video)

La Deluxe Schumacher Edition di F1 2020 sarà disponibile il 7 luglio 2020 (3 giorni prima rispetto alla data pubblica) per PlayStation 4, Xbox One, inclusa Xbox One X, PC (DVD e Steam), e Google Stadia. Con il pre-order, presso alcuni rivenditori selezionati, ci sarà la possibilità di ricevere la confezione Steelbook.

L’articolo F1 2020 si mostra in un nuovo trailer dedicato alle vetture di Michael Schumacher (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Tablet: il primo trimestre del 2020 segna il sorpasso di Samsung nei confronti di Apple (foto)

IDC ha appena rilasciato il proprio report per il mercato dei tablet nella regione EMEA (Europa, Medio oriente e Africa) durante il primo trimestre dell’anno, che come prevedibile ha chiuso in negativo rispetto allo stesso periodo del 2019.

Nello specifico, sono state spedite 8,8 milioni di unità in meno, per una defezione nell’ordine del 9,6%. La nostra zona (Europa occidentale) ha fatto registrare un calo del 5,7%, mentre l’area peggiore è stata quella dell’Europa orientale con il -24,5%.

LEGGI ANCHE: Le notizie di SmartWorld sono anche una skill di Alexa

Passando ai produttori, possiamo vedere come ci sia stato un cambio alla guida della classifica, con Samsung che ha sorpassato Apple grazie ad un decremento più limitato nelle spedizioni (-2,3% vs -9,3%).

Gli unici due brand a migliorare le proprie statistiche rispetto al primo trimestre del 2019 sono Lenovo e Microsoft, con quest’ultimo capace di passare da 294 a 351mila unità spedite (+19%). Un dato che si ripercuote anche sulla spartizione dei sistemi operativi, che vede Windows in forte crescita rispetto ad Android ed iOS, sebbene le distanze siano ancora siderali (tabella qui sotto).

L’articolo Tablet: il primo trimestre del 2020 segna il sorpasso di Samsung nei confronti di Apple (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Sony Xperia XA2, XA2 Plus e XA2 Ultra ricevono le patch di sicurezza di aprile 2020

Dopo aver dato precedenza ai modelli top di gamma, Sony inizia a distribuire le più recenti patch di sicurezza anche alla famiglia di smartphone Xperia XA2.

Il nuovo firmware – numero di versione 50.2.A.3.55 – ha infatti iniziato ad approdare su Xperia XA2, Xperia XA2 Plus e Xperia XA2 Ultra, facendo fare un vero e proprio balzo alle patch di sicurezza, che passano dalla versione di novembre 2019 a quelle di aprile 2020.

LEGGI ANCHE: Google rilascia la DP3 di Android 11

Nuovo aggiornamento anche per Xperia L3, grazie al firmware 54.0.A.6.46 che sta arrivando ai tanti possessori sparsi per il mondo. In questo caso, non è chiaro se la versione delle patch di sicurezza sia la più recente o meno, ma partendo già dalle patch di gennaio 2020, gli utenti possono comunque dormire sonni tranquilli.

L’articolo Sony Xperia XA2, XA2 Plus e XA2 Ultra ricevono le patch di sicurezza di aprile 2020 sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Xiaomi punta a mantenere anche nel 2020 il record per il camera-phone con più MP

La rincorsa all’aumento dei Mega Pixel nelle fotocamere degli smartphone non accenna a rallentare. Giusto un paio di giorni fa parlavamo del progetto di un nuovo fantasmagorico sensore fotografico da 600 MP, in via di sviluppo da parte di Samsung. Tuttavia questa tecnologia – in grado di vedere meglio dell’occhio umano – non sarebbe pensata per l’utilizzo sui telefoni (non in prima battuta almeno), quanto per usi in ambito medico o automotive.

“Verso l’infinito e oltre!” (cit.) Il record di MP su smartphone per il 2019 è detenuto da Xiaomi, che ha commercializzato per prima su Mi Note 10 (anche noto come Mi CC9 Pro) il sensore ISOCELL Bright HMX da 108 MP realizzato proprio da Samsung. Entro quest’anno, comunque, l’azienda coreana avrebbe in programma di lanciare un nuovo dispositivo dotato di un sensore ancora più capiente, da 150 MP.

LEGGI ANCHE: Confronto Samsung Galaxy S20 Ultra vs. OnePlus 8 Pro

Ancora non ci sono ipotesi su quale modello potrebbe essere equipaggiato con questa tecnologia, ma le voci che circolano parlano di un lancio entro la fine dell’anno. Anche stavolta però Samsung potrebbe essere battuta, proprio da Xiaomi. Stando a quanto pubblicato su Weibo dal solitamente affidabile leaker Ice Universe, la società cinese sarebbe pronta a inserire il nuovo sensore sull’erede di Xiaomi Mi Note 10, previsto per gli ultimi mesi del 2020.

La corsa è comunque affollata, partecipano infatti anche Oppo e Vivo, che però non sarebbero pronti ad abbracciare la nuova tecnologia prima del 2021. Dopo la moltiplicazione del numero dei sensori, ora la moda sembra essere focalizzata sulla quantità di MP, per cui non vi stupite se vi salutiamo riportando le ultime voci in materia: Samsung potrebbe essere già al lavoro per un sensore per smartphone da 250 MP.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Xiaomi punta a mantenere anche nel 2020 il record per il camera-phone con più MP sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

iPhone SE 2020, l’operazione nostalgia che sa di vecchio, ma che venderà alla grande

Se fosse successo due settimane fa, ci sarebbe stato da pensare a un pesce d’aprile. E invece no: Apple l’ha fatto davvero. Ha lanciato sul mercato un iPhone che ricalca nel design i modelli di sette anni fa. Sette anni. Anche solo per dare un’idea basti pensare che ha un tasto fisico. Si chiama SE 2020 e ha l’aria di uno di quegli apparati autarchici messi insieme per superare una calamità e forse per questo appare veramente adatto a questi mesi così stralunati.

Se l’iPhone SE è vecchio fuori (ma a Cupertino preferiscono parlare di ‘design amatissimo’), l’hardware per fortuna non lo è altrettanto. Il chip è l’A13 Bionic, ma la fotocamera è una, mentre altre case – persino nelle fasce di prezzo più basse – ne hanno almeno due. Magari conta poco, se hai un software che funziona a modo, ma fa comunque uno strano effetto. 

Il display è Retina HD da 4,7 pollici: così piccolo da essere praticamente uno schiaffo allo streaming video. La sicurezza è garantita dallo sblocco con l’impronta digitale, nemmeno questa una gran novità. È resistente all’acqua (per mezz’ora a non più di un metro di profondità) e alla polvere, quindi può cadere nell’acquaio mentre si lavano i piatti, ma meglio evitare di buttarlo a mare per metterlo alla prova.

Ma, come sottolinea Apple, la potenza è dove non si vede e cioè nel processore A13 Bionic, lo stesso, per intenderci, introdotto con iPhone 11 e iPhone 11 Pro. Perfetto per i videogiochi e la fotografia, ammesso che abbiate uno schermo su cui proiettarli.

Costerà poco, viene da pensare. Finalmente un iPhone di fascia bassa. Nemmeno a pensarci: il modello base sarà venduto a 500 euro e con una memoria di 64 giga non espandibile. Per dare un’idea, il più scarso dei telefoni di fascia media – cioè tra i 250 e i 500 euro – porta in dote almeno il doppio di memoria. Ma che l’obiettivo di Apple sia potenziare i servizi è noto da tempo, così quando le app avranno usato tutta la memoria disponibile, per foto, video e documenti ci sarà il cloud. Ovviamente a pagamento. 

“Il primo iPhone SE fu un grande successo fra i clienti, che apprezzavano la sua combinazione di design compatto, prestazioni di alto livello e prezzo conveniente” ha detto Phil Schiller, Senior Vice President of Worldwide Marketing di Apple. Ed è la stessa cosa che devono aver pensato i tecnici e il marketing di Fiat e Volkswagen quando decisero di rispolverare le forme della 500 e del Maggiolino. Operazione nostalgia, la chiamò qualcuno. Ma un conto è fare un’operazione nostalgia a 40 anni di distanza e un’altra dopo sette. O è una genialata assoluta del marketing o è una drammatica carenza di idee. 

L’SE 2020 vanta atout che altrove sono ormai dati per scontati, come la modalità ritratto e le foto con Smart HDR o l’audio stereo. Tutte cose, però, che per chi sta ancora usando un iPhone 5S (e non sono pochi) suonano come novità venute dallo spazio.

La promessa, finora mantenuta a fatica con altri modelli, è di avere una batteria che dura e il chip A13 Bionic dovrebbe servire anche a questo insieme con (finalmente!) la ricarica veloce (50% in mezz’ora) e quella wireless. E, novità delle novità, la dual SIM – anche se una è una eSIM – per avere due numeri di telefono su un solo dispositivo, per esempio quando si viaggia all’estero o si ha bisogno di un numero dedicato per il lavoro.

Apple dice di aver messo sul SE il miglior sistema a singola fotocamera mai visto su un iPhone. E considerato che l’ultimo è stato l’XR  nel 2018, non deve essere stato difficile.
La fotocamera posteriore registra video 4K fino a 60 fps e si possono utilizzare i video QuickTake su entrambe le fotocamere, per registrare filmati senza uscire dalla modalità Foto. 

Parliamoci chiaro: non c’è alcun motivo razionale per cui questo telefono, venduto con 64 giga di memoria a 500 euro (360 se si permuta al vecchio iPhone)  e con 256 giga a 680 euro debba diventare un campione di incassi. Ma è quello che succederà. Perché se c’è una cosa che alla Apple sanno fare meglio dei telefoni è studiare il pubblico e quello cui si rivolge questo telefono non vuole in tasca uno smarphone troppo grande perché non gliene importa nulla di Netflix o dei videogame. 

È un gruppo (vasto) di persone che da anni usa un iPhone 5s con la batteria che dura il tempo di un vocale whatsapp, ma non ha mai usato altro, non gli è mai interessato usare altro e non aspettava che questo telefono per fare un upgrade così poco invasivo da non sentirsi quasi. Persone che si sentono al sicuro nella comoda usabilità di iOs come Linus con la sua coperta.

Persone, insomma, che vogliono continuare a usare un iPhone e per farlo sono disposte a spendere su un telefono che sa di vecchio la stessa cifra con cui si potrebbero portare a casa qualcosa di meglio. Ed è quello che succederà, garantito.

Agi

Cosa vedere su Prime Video: serie TV, film, documentari, anime aggiornato a marzo 2020

Prime Video è il servizio di streaming on demand incluso nella sottoscrizione ad Amazon Prime. Ciò significa che se siete tra i tanti italiani che pagano i 36€ l’anno richiesti per il servizio in abbonamento di Amazon, avete accesso anche ad un’ampia libreria di contenuti quali serie TV, film, documentari ed anime che vi potete godere liberamente su PC, dispositivi mobili, smart TV, console e altri dispositivi smart. Tra questi ci sono anche contenuti originali di qualità, ovvero prime visioni che trovate esclusivamente sul servizio di casa Amazon.

Difficile dire quanti siano effettivamente i contenuti disponibili in Italia. Negli Stati Uniti, pensate un po’, supera di gran lunga anche l’offerta di Netflix. In ogni caso anche nel nostro paese arrivano su base settimanale o mensile svariate novità, tra cui tutte quelle prodotte direttamente da Amazon. Mese per mese cercheremo di suggerirvi le migliori novità in arrivo sul catalogo italiano di Prime Video. In ogni caso, se pensate che ci siano contenuti non segnalati secondo voi meritevoli di menzione, segnalateceli nella sezione commenti al termine dell’articolo!

Cosa Vedere su Prime Video?

Rispondiamo quindi alla domanda dividendo il tutto in 4 sezioni fondamentali. Premendo sui link sottostanti sarete riportati alle sezioni specifiche. Anche queste ultime aumenteranno nel corso delle prossime settimane.

Serie TV Originali

Per il momento eccovi una selezione di alcune delle migliori serie originali che potete trovare solo ed esclusivamente su Prime Video. In realtà ce ne sono molte di più, espanderemo l’elenco nel corso delle prossime settimane. In ogni caso se qualche altra serie merita secondo voi menzione segnalatecela nella sezione commenti!

  • American Gods – Ispirata al celebre romanzo di Neil Gaiman, American Gods è una serie che potremmo definire fantasy alquanto particolare. Non tanto nella storia (che comunque vede l’intervento delle divinità della mitologia) quanto più nella direzione artistica.
  • Carnival Row – Una serie fantasy vittoriana con Orlando Bloom e Cara Delavigne, quest’ultima nei panni di una fata. Ci mette un po’ a carburare ma tutto sommato non è affatto male.
  • Hunters – Una serie nuovissima che prende ispirazione dall’Operazione Paperclip. Alla fine degli anni ’70 i nazisti si nascondono in america e pianificano un quarto reich. Un gruppo di ebrei, tra cui alcuni sopravvissuti ai campi di prigionia, gli darà però la caccia. Il plot twist finale… è davvero inaspettato!

  • La fantastica signora Maisel – 1958, Midge Maisel è il ritratto della moglie perfetta, almeno fin quando scopre che il marito la tradisce. Midge ha però un talento innato: sarebbe una bravissima attrice di cabaret. Essere donna però negli anni ’60 non è così banale. Una serie deliziosa.
  • Picard – Il mitico Sir Patrick Stewart torna nei panni del Capitano (anzi, Ammiraglio) Picard per una nuova avventura che, come al solito, scuoterà le fondamenta della galassia stessa. Fantastica, e ci sono un sacco di citazioni ai film e alle serie del passato. Imperdibile per gli appassionati.
  • Tales from the Loop – 3 aprile – Segnatevi la data sul calendario. Una serie di fantascienza ispirata ai dipinti di Simon Stålenhag che ci proietta nella cittadina di Loop dove, grazie ad un macchinario, accadono cose mai successo nell’universo conosciuto
  • The Boys – Mentre tutti sono concentrati a fare serie e film sui supereroi, nella serie originale Prime Video i supereroi sono i veri cattivi della situazione. Hanno pestato i piedi alle persone sbagliate però. Non dovrebbe mancare molto alla seconda stagione!
  • The Expanse – Una serie di fantascienza molto apprezzata che ha rischiato la cancellazione. Amazon non solo ne ha acquisito i diritti, ma ha anche prodotto nuove stagioni!
  • The Looming Tower – Una serie antologica che affronta un tema molto delicato. La rivalità tra FBI e CIA potrebbe inavvertitamente aver gettato le basi per l’attentato terroristico dell’11 settembre.
  • The Man in the High Castle – Ispirata al romanzo di Philip K. Dick, questa serie distopica esplora un mondo in cui gli Alleati hanno perso la Seconda Guerra Mondiale, portando la Germania nazista e l’impero nipponico a controllare gli Stati Uniti.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Film

La divisione italiana di Prime Video si sta muovendo bene ultimamente. In catalogo si trovano sempre più film di recente realizzazione, alcuni che si trovano solo a pagamento o che proprio non si trovano su altre piattaforme di streaming. Ecco una selezione che si amplierà nel corso delle prossime settimane.

  • Bumblebee – Spin-off dei film sui Transformers di Micheal Bay, si trova in streaming quasi esclusivamente su Prime. Leggero e divertente.
  • Edison – Un’altra esclusiva che si è accaparrata Prime di recente. Benedict Cumberbatch nei panni di Edison, ci racconta del celebre inventore statunitense e della sua contrapposizione alle teorie di Tesla.
  • Hotel Artemis – Arrivato a marzo in catalogo, un action-movie che trovate solo su Prime Video con Jodie Foster e Jeff Goldblum. L’Hotel Artemis non è una struttura qualsiasi: una sorta di ospedale privato per soli criminali con regole alquanto speciali!

  • John Wick 3 – Se Keanu Reeves è tornato alla ribalta è anche grazie ai film della serie John Wick. Su Prime trovate il terzo e ultimo capitolo. Sulla piattaforma della concorrenza (Netflix, ma noi non vi abbiamo detto nulla) trovate il secondo film della saga.
  • L’ora più buia – Gary Oldman interpreta Winston Churchill, eletto Primo Ministro nel bel mezzo della Seconda Guerra Mondiale. Un film storico drammatico da non lasciarsi sfuggire.
  • La profezia dell’armadillo – Un film italiano ispirato alle storie del fumettista meglio conosciuto con il nome di Zerocalcare e, più in particolare, alla trama del primo libro a fumetti del celebre autore.

  • Pacific Rim 1 & 2 – Un po’ di fantascienza di quella cafona! La trama dei due Pacific Rim non sarà da premio Oscar, ma vedere comunque enormi robottoni che combattono kaiju distruggendo tutto quello che trovano sul loro percorso è comunque soddisfacente!
  • Pet Sematary – Basato sul romanzo di Stephen King, si tratta di una riedizione del 2019 (il primo è della fine degli anni ’80) della storia che ruota intorno ad un antico cimitero con poteri sinistri.
  • Rocketman – Prime Video si è accaparrata i diritti di questa recente biografia musicale di Elton John. La storia insomma di come un ragazzo di provincia è diventato una controversa superstar amata in tutto il mondo.

  • Skyscraper – Fare un film d’azione senza Dwayne “The Rock” Johnson è un po’ come fare un feat senza Pitbull. In questo film, The Rock è un ex-agente FBI e veterano di guerra che si occupa di sicurezza dei grattacieli. Indovinate un po’? Qualcosa va storto!
  • Suspiria – Un altro film che trovate in streaming solo su Prime Video, è il remake del celebre horror di Dario Argento diretto stavolta da Luca Guadagnino.
  • The Aeronauts – Il premio Oscar Eddie Redmayne e Felicity Jones in una pellicola che trovate in streaming solo su prime Video incentrato su un pioneristico meteorologo e una pilota di mongolfiere che uniscono le forze per far progredire entrambi i campi.
  • The Report – Thriller basato su una storia vera con Adam Driver e Annette Bening. Un membro del senato statunitense conduce un’inchiesta nel Programma Detenzione e Interrogatori della CIA post 11 settembre scoprendo un terribile segreto nascosto ai cittadini della nazione.

↑ TORNA IN CIMA ↑

Documentari e Reality

Su Prime Video si trovano tantissimi documentari (date una sbirciata qui) e anche tanti reality tra cui il celebre The Grand Tour e anche esperimenti tutti italiani come Celebrity Hunted. Ecco una selezione in continuo aggiornamento.

  • Apollo 11 – Un documentario sulla più famosa missione della NASA realizzato con una serie di riprese 70 mm scoperte di recente e oltre 11.000 ore di registrazioni audio non catalogate.
  • Beyond the Brick: A Lego Brickumentary – La storia dei mattoncini danesi, dall’origine fino al successo planetario di oggi.
  • Celebrity Hunted – Otto celebrità italiane scappano da una squadra composta da ex-agenti segreti, ispettori e altri professionisti. Un reality con un taglio cinematografico che ci sentiamo di consigliarvi.

  • Chiara Ferragni Unposted – È considerata la prima fashion influencer del mondo. Ma come ha fatto Chiara Ferragni a diventare una imprenditrice digitale di tale successo? Lo scopriamo grazie ad un documentario esclusivo di Prime Video.
  • Galleria degli Uffizi – Il Gran Tour del XXI Secolo – In questo periodo di quarantena non è detto che non si possa esplorare le bellezze del mondo in modi alternativi. Un tour guidato degli Uffizi, il museo di Firenze, che si concentra su 40 delle più belle opere.
  • GRAND PRIX Driver – Uno spaccato senza precedenti sul mondo della Formula Uno. Il documentario di Amazon segue la scuderia McLaren e, più in particolare, il pilota esordiente Stoffel Vandoorne.

  • Katy Perry: Part of Me – Una delle pop-star più irruenti degli ultimi anni. Sotto sotto però è una normale ragazza californiana che ha portato avanti un sogno.
  • La Terra degli Orsi – Su Prime Video c’è spazio anche per documentari sulla natura. Questo, narrato da Flavio Insinnia, si spinge al confine del mondo per raccontarci la storia di un orso madre e dei suoi due piccoli.
  • Long Strange Trip – Conoscete la band Grateful Dead? Per oltre 30 anni hanno avuto un successo… improbabile. I loro concerti registravano i maggiori incassi in America, ma a quanto pare ci sono riusciti non rispettando del tutto le regole.

  • The Beatles: Parting Ways – A distanza di 40 anni dallo scioglimento della band pop più celebre di sempre, i loro album sono ancora in vetta alle classifiche mondiali. Un docufilm ci racconta la vita dei quattro ragazzi di Liverpool che hanno cambiato per sempre la storia della musica.
  • The Grand Tour – Ma di cosa stiamo parlando, avete Prime Video e ancora non avete visto The Grand Tour? Correte a recuperarlo!
  • Top Gear – Prima di The Grand Tour c’era Top Gear. Purtroppo si parte dalla stagione 14, ma di stagioni e di puntate da guardare ne avete un bel po’!

↑ TORNA IN CIMA ↑

Anime

Concludiamo con gli anime. Prime Video si è accaparrata una selezione di grandi classici e anche di qualche produzione più recente.

  • AKIRA – Un OAV del 1987 che potreste conoscere, è oltre modo celebre e ancora fonte di ispirazione per disegnatori e scrittori.
  • CODE GEASS – Lelouch of the Rebellion “Un giorno, durante un attacco dei ribelli Eleven, Lelouch incontra una ragazza di nome C.C. che gli trasmette il GEASS, un potere che gli permette di obbligare chiunque ad eseguire i suoi ordini. Guidando i ribelli alla vittoria, Lelouch cambia identità in Zero!”: il riassunto della trama si scorda la cosa fondamentale, combattimenti tra mech!
  • Full Metal Panic! – Un altro classico ambientato in un universo alternativo in cui la Guerra Fredda non è mai finita. Sì, anche qui ci sono mech ❤️️

  • I cieli di Escaflowne – Hitomi Kanzaki è una classica liceale giapponese il cui destino verrà sconvolto dalla visione di un mondo alieno nel cui cielo si stagliano la Luna e la Terra. Hitomi si troverà proiettata nel mondo di Gaia, sconvolto dalla guerra tra diversi paesi dotati di tecnologie ben diverse dalla nostra.
  • Inuyasha – Chi non ha visto almeno un episodio di Inuyasha in televisione? Prime Video vi offre l’opportunità di recuperare tutti gli episodi e 4 OAV a lui dedicati.
  • L’Attacco dei Giganti – Diventato famosissimo negli ultimi anni, è una produzione particolarmente cruda e violenta. La storia però è davvero affascinante.

  • Mobile Suite Gundam – Qui si va davvero sul classico. La serie animata originale degli anni ’80 dedicata al fenomeno dei Gundam.
  • One-Punch Man – Altro fenomeno sulla bocca di tutti. Saitama è l’eroe più improbabile del mondo, colui che batte tutti con un solo pugno. Prende in giro anime e manga stessi ma riesce comunque ad appassionare come pochi altri.
  • Star Blazers 2199 – Remake della celebre serie animata degli anni settanta. Tornare a bordo della Yamato fa ancora un certo effetto.
  • Sword Art Online – Una serie anime leggera, adatta anche a un pubblico teen, i cui protagonisti (almeno nella prima serie) rimangono intrappolati in un mondo virtuale fantasy.
  • Tokyo Ghoul – Un altro pezzo da ’90. In una Tokyo alternativa si verificano una serie di strani omicidi. Nelle ombre si muovono i ghoul, mostri che si nutrono di carne umana. Il protagonista, dopo un incidente, diventa dopo un’operazione chirurgica, un mezzo-ghoul. Si unirà ad un gruppo di ghoul che hanno deciso di vivere con gli umani.

↑ TORNA IN CIMA ↑

L’articolo Cosa vedere su Prime Video: serie TV, film, documentari, anime aggiornato a marzo 2020 sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld