Samsung Galaxy F52 5G sta arrivando: Snapdragon 750G e quad-camera da 64 MP (foto) (aggiornato)

Samsung si dimostra molto attiva nel settore di mercato degli smartphone e sta per lanciare un nuovo dispositivo, che al momento sembra riservato al mercato cinese. Andiamo a vedere insieme le probabili caratteristiche tecniche di Galaxy F52 5G, trapelate dopo la sua certificazione avvenuta presso la TEENA.

Samsung Galaxy F52 5G: Caratteristiche Tecniche (probabili)

  • Display: 6,5″ FHD+ (1080×2400 pixels) Super AMOLED Infinity-O
  • Processore: Octa Core (2.2GHz Dual + 1.8GHz Hexa Kryo 570 CPUs) Snapdragon 750G 8nm
  • GPU: Adreno 619
  • RAM: 8GB
  • Storage interno: 128GB espandibile fino a 2TB tramite microSD
  • Sistema operativo: Android 11 con Samsung One UI 3.1
  • SIM: Dual SIM
  • Fotocamera posteriore: 64 megapixel, ultra-wide, depth sensor e macro camera
  • Fotocamera anteriore: 16 megapixel
  • Sicurezza: sensore d’impronte integrato nel display
  • Dimensioni: 164,63 × 76,3 × 8,7mm
  • Peso: 199g
  • Connettività: 5G SA / NSA, Dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2.4GHz + 5GHz), Bluetooth 5.1, GPS + GLONASS, USB Type-C, NFC
  • Batteria: 4500mAh con ricarica rapida a 25W

L’immagine presente nella galleria qui sotto mostra il presunto look di Galaxy F52 5G, il quale dovrebbe essere lanciato esclusivamente per il mercato cinese. Staremo a vedere se Samsung sceglierà di lanciarlo anche nei mercati con un altro nome.

Aggiornamento28/04/2021 ore 22:55

Nelle ultime ore sono emerse nuove conferme sulla scheda tecnica di Galaxy F52 5G, quella che abbiamo visto qualche giorno fa. Il dispositivo è stato certificato presso Google Play Console, confermando parte delle specifiche tecniche trapelate qualche giorno fa.

L’articolo Samsung Galaxy F52 5G sta arrivando: Snapdragon 750G e quad-camera da 64 MP (foto) (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Samsung Galaxy F52 5G sta arrivando: Snapdragon 750G e quad-camera da 64 MP (foto) (aggiornato)

Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto) (aggiornato)

Samsung non è solo smartphone e non è attiva solo nel settore dei top di gamma. Il produttore sudcoreano sta preparando anche una versione alleggerita dei nuovi tablet, un dispositivo che arriverà sul mercato come Galaxy Tab A7 Lite.

Nelle ultime ore sono trapelate interessanti novità sul tablet: le immagini che vedete nella galleria in basso ne mostrano il design, abbastanza ordinario, con un display da 8,4″, bordi abbastanza pronunciati e una singola fotocamera posteriore. Il dispositivo dovrebbe avere un scheda tecnica coerente con l’aggettivo Lite:

  • Processore: MediaTek Helio P22T
  • RAM: 3 GB
  • Fotocamera posteriore senza flash
  • Batteria da 5.100 mAh

LEGGI ANCHE: OnePlus 9 Pro, la recensione

Stando a quanto riferito dal leaker WalkingCat, questo nuovo tablet di Samsung dovrebbe arrivare sul mercato a partire da giugno 2021, insieme a Galaxy Tab S7 Lite. Torneremo ad aggiornarvi non appena avremo maggiori dettagli su prezzo e data di lancio.

Aggiornamento19/04/2021 ore 00:15

Dopo aver visto le sue probabili specifiche tecniche, abbiamo modo di vedere un’immagine più dettagliata di Galaxy Tab A7 Lite. Il dispositivo appare in colorazione grigia, con un modulo fotografico posteriore meno sporgente rispetto alle prime impressioni avute dall’immagine trapelata in precedenza, mentre i tasti volume e spegnimento sono sul consueto profilo laterale. Ancora non sappiamo quando Samsung lancerà ufficialmente questo nuovo tablet di gamma media.

L’articolo Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto) (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto) (aggiornato)

OnePlus 7/7 Pro e 7T/ 7T Pro si aggiornano ad Android 11 stabile (aggiornato: hotfix)

OnePlus è in vena di aggiornamenti in questi giorni: dopo la beta di ieri, l’intera famiglia OnePlus 7 riceve infatti la versione stabile di Android 11, anche se il rollout inizia da lontano.

L’aggiornamento, oltre alla nuova versione di Android, porta modifiche per il tema scuro, che può essere auto-impostato ad intervalli di tempo precisi, inoltre è ora possibile registrare video col codec HEVC, mentre Game Space introduce i quick reply ed una funzione per prevenire i tocchi accidentali.

Il changelog completo comunque è a fine articolo per chi abbia voglia di spulciarlo. Nota negativa: le patch di sicurezza sono ferme a febbraio 2021.

Il rollout della OxygenOS 11 è appena iniziato, e non ci aspettiamo che lo abbiate già ricevuto in molti. Abbiamo però i due link per il download per OnePlus 7T e 7T Pro, ma i primi utenti segnalano problemi con la fotocamera, quindi probabilmente è meglio attendere che l’aggiornamento vi arrivi tramite i canali ufficiali anziché installarlo manualmente.

Aggiornamento18/04/2021

Poco dopo il rilascio della OxygenOS 11, OnePlus aveva messo in pausa il rollout in seguito alla segnalazione da parte degli utenti di alcuni bug. È quindi arrivata ora la OxygenOS 11.0.0.2, che va a correggere detti bug, senza introdurre ulteriori novità (a parte le patch di marzo 2021).

L’aggiornamento pesa infatti 2,4 GB per chi provenga da Android 10, e solo 205MB per gli utenti già con Android 11. Il rollout è appena iniziato, e proseguirà nel corso dei prossimi giorni.

  • System
    • Update to OxygenOS 11 version
    • Fresh new UI visual design brings you a more comfortable experience with various optimizations of details
    • Optimize the stability of some third-party applications and improve the experience
    • Updated Android security patch to 2021.02
    • Updated GMS package to 2021.01
    • Since this is the upgrade of Android 11 version with many new features, the upgrade time may be longer. Please wait for the completion of the upgrade
  • Camera
    • Updated the camera UI and optimized some of the function paths to offer more convenient operation
    • Newly added the HEVC codec to reduce video storage size seamlessly, capture and shoot more without compromizing on quality
  • Dark mode
    • Added the shortcut key for Dark Mode, pull down the quick setting to enable
    • Supporting automatically turn on feature & customize time range (path: Settings – Display – Dark Mode – Turn on automatically – Automatically enable from sunset to sunrise/Custom time range)
  • Game Space
    • Newly added gaming tools box for convenient switches of Fnatic mode. You can now choose three ways of notifications: text-only, heads-up and block, just for your immersive gaming experience
    • Newly added quick reply feature in a small window for Instagram, Whatsapp and Telegram (Enable it by swiping down from upper right/left corners of the screen in gaming mode.
    • Newly added mis-touch prevention feature. Enable it, swipe down from the top of the screen, click and the notification bar will pop out.
  • Shelf
    • Newly shelf interface design, the interface is clearer
    • Added weather widget, animation effect smarter
  • Gallery
    • Supporting Story function, automatically form weekly videos with photos and video in storage.
    • Optimize the loading scren of the gallery, and the image preview is faster

L’articolo OnePlus 7/7 Pro e 7T/ 7T Pro si aggiornano ad Android 11 stabile (aggiornato: hotfix) sembra essere il primo su AndroidWorld.


OnePlus 7/7 Pro e 7T/ 7T Pro si aggiornano ad Android 11 stabile (aggiornato: hotfix)

Samsung presenta lo smartphone quasi impossibile da hackerare: ecco Galaxy Quantum 2 (foto) (aggiornato)

Torniamo a parlare di Galaxy Quantum 2, il dispositivo che Samsung ha appena lanciato ufficialmente nel mercato sudcoreano. Lo stesso dispositivo che potrebbe arrivare in un secondo momento in Europa con il nome di Galaxy A82 5G.

Samsung Galaxy Quantum 2: Caratteristiche Tecniche

  • Display: 6,7″ (3.200 x 1.440 pixel) Quad HD+ Infinity-O Dynamic AMOLED 2X, 120Hz refresh rate (FHD+ only), up to 1300 nits brightness
  • Processore: Octa-Core Snapdragon 855 Plus (1 x Kryo 485 at 2.96GHz + 3 x Kryo 485 at 2.42GHz + 4 x Kryo 385 at 1.8GHz) 7nm
  • GPU: 675MHz Adreno 640
  • RAM: 6GB LPDDR4x
  • Storage interno: 128GB (UFS 3.0), espandibile fino a 1TB con microSD
  • Sistema operativo: Android 11 con One UI 3.1
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 64MP con LED Flash, OIS, f/1.8 aperture
    • Grandangolo: 12MP 120°, f/2.2 aperture
    • Profondità: 5MP, f/2.4 aperture
  • Fotocamera anteriore: 10MP, f/2.2 aperture
  • Sicurezza: sensore d’impronte integrato nel display
  • Dimensioni: 161,9 x 73,8 x 8,1mm
  • Peso: 176g
  • Connettività: 5G SA / NSA, 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11ax (2.4/5GHz), VHT80, Bluetooth 5, GPS with GLONASS, NFC
  • Batteria: 4500mAh con ricarica rapida a 25W

Una delle peculiarità dello smartphone di Samsung consiste nel fatto che è quasi impossibile da hackerare. Questo perché offre il supporto alla crittografia quantistica. Tale tecnica è considerata particolarmente sicura nel campo della sicurezza informatica: il tutto si basa su un componente hardware che genera codici estremamente casuali, in base al segnale di rumore rilevato da un LED e da un sensore d’immagine CMOS. Tale componente è estremamente piccolo, di superficie pari a 2,5 cm quadrati.

La solidità in termini di sicurezza deriva dal fatto che tali codici generati casualmente sono estremamente imprevedibili. Dunque crittografando le informazioni contenute nello smartphone con tali codici rende il dispositivo molto difficile da hackerare.

Il risvolto pratico di questo chip crittografico quantistico, che tecnicamente si chiama QRNG, è abbastanza limitato: Samsung però ha già stretto alcune partnership con banche a livello locale in Corea del Sud, per le quali le potenzialità di Galaxy Quantum 2 potrebbero fare la differenza.

Uscita e Prezzo

Il nuovo Samsung Galaxy Quantum 2 è stato annunciato esclusivamente per il mercato sudcoreano nelle colorazioni White, Gray e Light Violet, ad un prezzo equivalente a circa 570€. Rimane da capire cosa intende fare Samsung sul fronte europeo. Non sappiamo se Galaxy A82 5G avrà le stesse caratteristiche tecniche di Quantum 2 anche in termini di sicurezza informatica. Torneremo ad aggiornarvi una volta che ne sapremo di più.

Aggiornamento13/04/2021 ore 16:15

Abbiamo aggiornato l’articolo dopo l’ufficialità di Galaxy Quantum 2 in Corea del Sud.

Samsung Galaxy Quantum 2 – Immagini

L’articolo Samsung presenta lo smartphone quasi impossibile da hackerare: ecco Galaxy Quantum 2 (foto) (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Samsung presenta lo smartphone quasi impossibile da hackerare: ecco Galaxy Quantum 2 (foto) (aggiornato)

Trapelano nuovi dettagli sulla data di lancio della serie OnePlus 9 (aggiornato)

Dopo aver parlato in diverse occasioni delle probabili caratteristiche dei nuovi top di gamma OnePlus, i OnePlus 9 che per il 2021 arriveranno in tre modelli sul mercato, è ora di parlare della presunta data di lancio.

Stando a quanto riferito da un leaker indiano su Twitter, l’azienda cinese potrebbe svelare i suoi nuovi flagship il prossimo 23 marzo. Questa data è in contrasto con i rumor emersi in precedenza, che indicavano l’8 marzo come data prescelta per il lancio della famiglia OnePlus 9.

LEGGI ANCHE: OnePlus 8 Pro, la recensione

Dunque al momento rimane da capire se i nuovi flagship OnePlus arriveranno a inizio o a fine marzo. Di certo sappiamo che, oltre al modello standard e a quello Pro, arriverà anche OnePlus 9R.

Aggiornamento02/03/2021 ore 00:15

Nelle ultime ore anche il noto leaker Max J. è intervenuto sulla questione relativa alla possibile data di lancio dei nuovi OnePlus 9. Il teaser che vedete nella galleria qui in basso suggerisce che OnePlus ha in programma un importante evento per il prossimo 8 marzo. Non è chiaro se si tratterà dell’occasione in cui verranno svelati i nuovi flagship di casa OnePlus.

L’articolo Trapelano nuovi dettagli sulla data di lancio della serie OnePlus 9 (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Trapelano nuovi dettagli sulla data di lancio della serie OnePlus 9 (aggiornato)

Il secondo aggiornamento firmware per le Galaxy Buds Pro migliora la funzione ANC (aggiornato)

Le Galaxy Buds Pro, ovvero le nuove cuffie true wireless di Samsung, sono state immesse sul mercato solo poche settimane fa, ottenendo recensioni positive da parte degli addetti ai lavori, grazie principalmente all’ANC e alla qualità audio migliorata. Nonostante la giovane età questi auricolari hanno già ricevuto un primo aggiornamento firmware, e ora è in fase di rilascio il secondo, che porta con sé miglioramenti nelle prestazioni.

LEGGI ANCHE: Spotify notifica l’aumento del prezzo di Premium Family a partire da oggi

La nuova versione del firmware per queste Galaxy Buds Pro è identificata dal codice R190XXU0AUA5. L’aggiornamento ha un peso di 2.2MB ed è attualmente in fase di distribuzione negli Stati Uniti. Il changelog ufficiale segnala un miglioramento delle prestazioni di cancellazione attiva del rumore (ANC), della funzione Ambient Sound e della velocità di commutazione della modalità Voice Detect.

Le Galaxy Buds Pro sono indubbiamente le migliori cuffie che Samsung abbia mai realizzato, nonché uno dei migliori modelli sul mercato per qualità sonora. I suoi punti di forza sono rappresentati sicuramente dall’ANC, dalla modalità trasparenza, dagli impeccabili microfoni e dalla buona companion app.

Aggiornamento15/02/2021 ore 20:25

L’aggiornamento del firmware per le Galaxy Buds Pro alla versione R190XXU0AUB3 si sta espandendo anche al mercato globale. Il changelog è lo stesso della versione rilasciata negli Stati Uniti, con l’aggiunta di una sola voce riguardante delle modifiche di funzionamento nel caso di utilizzo di un solo auricolare.

L’articolo Il secondo aggiornamento firmware per le Galaxy Buds Pro migliora la funzione ANC (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il secondo aggiornamento firmware per le Galaxy Buds Pro migliora la funzione ANC (aggiornato)

Xiaomi finisce sulla lista nera del governo Trump (aggiornato con ricorso)

Reuters e Financial Times confermano entrambi una mossa dell’ultima ora dell’amministrazione Trump, che ha aggiunto 9 aziende cinesi, tra le quali Xiaomi, ad una blacklist di compagnie con presunte connessioni con l’esercito cinese.

Non si tratta della stessa entity list in cui sono coinvolte Huawei e DJI, tra le altre, ma l’inserimento di Xiaomi in questa lista nera significa che gli investitori statunitensi non potranno acquistare i titoli Xiaomi e dovranno eventualmente cedere quelli già in loro possesso, entro l’11 novembre 2021. Al momento però non sembra essere a rischio la produzione di dispositivi Xiaomi, così come invece è stato per Huawei.

Come conseguenza di ciò, il titolo di Xiaomi ha perso 14 punti negli USA in seguito alla notizia che l’azienda era stata aggiunta alla lista del Pentagono delle società con presunti legami con l’esercito cinese. Se dovessero esserci degli sviluppi, ve lo faremo sapere.

Aggiornamento15/01/2021 ore 09:00

Xiaomi ha risposto (via CNBC) negando le accuse di collusione con l’esercito cinese, ribadendo che i suoi prodotti sono fatti da civili per civili.

The Company reiterates that it provides products and services for civilian and commercial use. The Company confirms that it is not owned, controlled or affiliated with the Chinese military, and is not a ‘Communist Chinese Military Company’ defined under the NDAA.

Aggiornamento15/01/2021 ore 10:30

Riceviamo e pubblichiamo la risposta in italiano fornita da Xiaomi, che non è altro che un’estensione di quella già citata qui sopra:

Xiaomi ha sempre rispettato la legge e agito in conformità con le disposizioni e i regolamenti delle giurisdizioni dei Paesi in cui svolge la propria attività. 

La Società ribadisce che fornisce prodotti e servizi per uso civile e commerciale. Conferma inoltre di non essere posseduta, controllata o affiliata all’esercito cinese e di non essere una “Società militare comunista cinese” come definita dal NDAA. 

Xiaomi intraprenderà azioni appropriate per proteggere gli interessi della Società e dei suoi azionisti e sta esaminando anche le potenziali conseguenze di questo atto per avere un quadro più completo del suo impatto sul Gruppo.

Ci saranno ulteriori annunci, se e quando Xiaomi lo riterrà opportuno.

Aggiornamento31/01/2021

Xiaomi ci fa sapere tramite un messaggio ufficiale di aver depositato un ricorso in cui si chiede ai tribunali di dichiarare illegale la decisione e di revocarla. Questo è stato fatto per proteggere gli interessi degli utenti, dei partner, dei dipendendi e degli azionisti globali della società. Xiaomi ritiene che la decisione di considerare la società con una “società militare cinese comunista” ai sensi del NDDA sia di fatto errata e abbia privato la società di un giusto processo.

L’articolo Xiaomi finisce sulla lista nera del governo Trump (aggiornato con ricorso) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Xiaomi finisce sulla lista nera del governo Trump (aggiornato con ricorso)

Sul meritato successo di una delle app più geniali di Google (aggiornato: nuova icona all’orizzonte?) (foto)

Tra le tante app di Google sono in molte ad aver sfondato quota 500 milioni di installazioni. La maggior parte di queste però si avvantaggia di “numeri gonfiati” visto che viene preinstallata praticamente su tutti gli smartphone Android. Tra queste non c’è Google Lens, una delle applicazioni più originali e interessanti lanciate da BigG.

Nata come app a se stante da quasi tre anni, Lens esisteva già da qualche tempo all’interno dell’applicazione Google, ma in realtà è la degna evoluzione di Google Goggles, un’app defunta da anni che per prima ha proposto il riconoscimento delle immagini.

500 milioni non sarà un miliardo, ma è pur sempre una cifra rispettabilissima e ambita, soprattutto per un’applicazione tutto sommato abbastanza di nicchia. Peccato anzi che Lens non conosca maggior fama, visti i suoi innegabili pregi.

LEGGI ANCHE: SHIELD TV aggiunge il supporto ai controller di PS5 e Xbox Series X/S

Solo nell’ultimo anno l’app ha introdotto il supporto alla soluzione di calcoli matematici, la lettura del testo rilevato, la possibilità di inviare il testo copiato a un computer collegato, oltre all’identificazione dei piatti nel menu. Se non l’avete ancora provata vi invitiamo a darle una chance e magari contribuire al raggiungimento del prossimo traguardo.

Aggiornamento22 gennaio 2021, ore 20:00

A quanto pare Google sta testando una nuova icona per Lens. Quella in uso attualmente è stata introdotta solo a maggio 2019, poco dopo l’I/O di quell’anno, ed è ancora perfettamente in linea con i nuovi canoni colorati che piano piano si stanno diffondendo. Eppure alcune persone hanno notato sulla barra di ricerca un simbolo diverso, più simile a una fotocamera stilizzata – come potete vedere nell’immagine qui sotto – probabilmente un test per capire se risulti più identificabile da parte degli utenti.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Sul meritato successo di una delle app più geniali di Google (aggiornato: nuova icona all’orizzonte?) (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Sul meritato successo di una delle app più geniali di Google (aggiornato: nuova icona all’orizzonte?) (foto)

WhatsApp e la condivisione dei dati con Facebook: obbligatoria, ma non in Europa (aggiornato: rinvio)

Volete sapere come WhatsApp condivide i vostri dati con tutta la grande famiglia di Facebook? Ve lo spiega direttamente l’app di messaggistica verde, che nell’ultimo aggiornamento della sua politica sulla privacy ha incluso un’apposita sezione nella quale spiega in che modo condivide i dati con i suoi fratelli Facebook e Instagram. Facendo parte di un ecosistema più ampio, è infatti importante sapere che i vostri dati non rimangono all’interno del servizio, ma vengono messi a disposizione anche delle altre due società del gruppo.

LEGGI ANCHE: WhatsApp Beta: il supporto multi-dispositivo sarà testato prima su WhatsApp Web Beta?

Nulla di scioccante o inaspettato, poiché stando alle parole usate da WhatsApp, i principali motivi per cui questo avviene sono legati a comodità e sicurezza. La condivisione permette di migliorare la vostra esperienza di integrazione con altri servizi Facebook, suggerendovi amici e contenuti, personalizzando le funzioni e aiutandovi a fare acquisti anche attraverso il vostro account Facebook Pay. Lo stesso vale per Instagram. Gli altri vantaggi di cui WhatsApp parla sono legati alla vostra “sicurezza, protezione e integrità”. Infatti, i dati vengono utilizzati per gestire meglio gli abusi e lo spam.

Non si tratta sicuramente di rivelazioni particolarmente scottanti, ma di informazioni che è sempre meglio conoscere quando si decide di usufruire di tale servizio.

Il 7 gennaio WhatsApp ha diramato anche in Italia la notifica di aggiornamento dei propri termini di utilizzo e dell’informativa sulla privacy, facendo cenno anche alla condivisione dei dati con Facebook e altri servizi legati alla società Facebook Inc..

Ogni utente che usa WhatsApp deve obbligatoriamente accettare i nuovi termini, che entreranno in vigore ufficialmente dall’8 febbraio 2021. Dopo tale data, se non si accettano i termini proposti, non si potrà continuare ad utilizzare WhatsApp. Seguendo questo link è possibile consultare i nuovi termini di servizio, seguendo quest’altro link invece si può leggere la nuova Informativa sulla privacy di WhatsApp. Proprio in quest’ultimo documento ci sono alcuni passaggi relativi alla condivisione dei dati all’interno dell’ecosistema Facebook:

In quanto parte delle aziende di Facebook, WhatsApp riceve informazioni da, e condivide informazioni con, le altre aziende di Facebook per assicurare protezione, sicurezza e integrità nei prodotti delle aziende di Facebook, ad es. contrastando spam, minacce, abusi o violazioni.

WhatsApp collabora e condivide inoltre informazioni con le altre aziende di Facebook che agiscono per nostro conto per rendere disponibili, fornire, migliorare, capire, personalizzare, supportare, e commercializzare i nostri Servizi. Ciò include la fornitura di infrastrutture, tecnologia e sistemi, ad es. per fornire messaggistica rapida e affidabile e chiamate in tutto il mondo, migliorare l’infrastruttura e i sistemi di consegna, comprendere come vengono usati i nostri Servizi, aiutarci a fornire all’utente un modo per connettersi con le attività commerciali, e proteggere i sistemi. Quando riceviamo servizi dalle aziende di Facebook, le informazioni che condividiamo con loro vengono utilizzate per conto di WhatsApp e in conformità alle nostre istruzioni. Qualsiasi informazione che WhatsApp condivide su questa base non può essere usata dalle aziende di Facebook per finalità loro proprie.

C’è un ulteriore link da consultare nel caso vogliate approfondire il tema. Tra i dati ad esempio analizzati da Facebook ci sono i seguenti, come specificato nella pagina che abbiamo appena linkato:

… per fornire a WhatsApp servizi di raccolta di dati statistici, Facebook elabora il numero di telefono che hai verificato al momento dell’iscrizione a WhatsApp, alcune informazioni sul tuo dispositivo (gli identificativi del dispositivo associati allo stesso dispositivo o account, la versione del sistema operativo, la versione dell’applicazione, informazioni sulla piattaforma, il prefisso internazionale del tuo numero di cellulare e il codice di rete e flag che permettono il tracciamento dei consensi e scelte e controlli adottati) e alcune informazioni di utilizzo (l’ultima volta in cui hai utilizzato WhatsApp, la data di registrazione dell’account, il tipo di funzioni che usi e con quale frequenza) per conto di WhatsApp e in conformità con le nostre istruzioni.

Aggiornamento08/01/2021 ore 20:30

Dopo le numerose polemiche in merito, l’azienda stessa è intervenuta sulla spinosa vicenda. Niamh Sweeny, Director of Policy di Whatsapp per l’area Emea ha specificato i termini dell’aggiornamento, chiarendo una volta per tutte che non avverrà “nessuna condivisione di dati con Facebook” per i mercati protetti dal Gdpr.

Aggiornamento11/01/2021 ore 18:30

Un nuovo capitolo si aggiunge alla saga. Secondo quanto riferito a The Verge direttamente da un portavoce di Facebook, sembra che i cambiamenti che entreranno in vigore siano stati progettati per affrontare il tema della condivisione dei dati tra Facebook e WhatsApp ma solo per quanto riguarda i clienti business. Nulla sta effettivamente cambiando per le chat degli utenti “comuni”. 

Aggiornamento12/01/2020

La saga continua, con WhatsApp che pubblica un tweet per rispondere ad alcuni dei dubbi più diffusi in merito alla condivisione di dati con Facebook.

  • WhatsApp non può leggere i messaggi, né ascoltare le chiamate, e nemmeno Facebook può farlo
  • WhatsApp non tiene registri su chi chiami/messaggi chi
  • WhatsApp non può vedere le posizioni condivise tra utenti, e nemmeno Facebook
  • WhatsApp non condivide i vostri contatti
  • I gruppi WhatsApp restano privati
  • Potete sempre impostare i messaggi effimeri
  • Potete scaricare i vostri dati

A questo unite quanto già chiarito a proposito del Gdpr, e per gli utenti europei sembra che non ci siano particolari ragioni di apprensione.

Aggiornamento15/01/2021

WhatsApp ha rinviato l’entrata in vigore dei suoi nuovi termini di servizio fino al 15 maggio 2021, rassicurando sul fatto che l’8 febbraio non ci saranno account sospesi né cancellati. In questo modo ci sarà più tempo per informare meglio gli utenti, anche si parla di eventuali modifiche rispetto a quanto annunciato in precedenza. Ne abbiamo anche parlato in un video di opinione, che trovate qui sotto.

L’articolo WhatsApp e la condivisione dei dati con Facebook: obbligatoria, ma non in Europa (aggiornato: rinvio) sembra essere il primo su AndroidWorld.


WhatsApp e la condivisione dei dati con Facebook: obbligatoria, ma non in Europa (aggiornato: rinvio)

ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato)

Sapevamo che ZTE puntava a entrare nella storia lanciando il primo smartphone commerciale con fotocamera integrata interamente sotto il display e oggi ne abbiamo avuto la certezza. ZTE Axon 20 5G è stato appena ufficializzato in Cina e ha mantenuto tutte le promesse trapelate nelle scorse settimane. Andiamo a vedere la scheda tecnica completa insieme.

ZTE Axon 20 5G: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,92″ FullHD+ (1.080 × 2.460 pixel) Full HD+ OLED 20.5:9 display, 90Hz refresh rate, 100% DCI-P3 color gamut
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 765G octa core 2,4 GHz
  • GPU: Adreno 620
  • RAM: 6 / 8 GB LPPDDR4x
  • Memoria interna: 128 / 256 GB UFS 2.1, espandibile con microSD fino a 2TB
  • Fotocamere posteriori:
    • Principale: 64 megapixel ƒ/1.8, flash LED
    • Wide: 8 megapixel ƒ/2.2, FOV 119°
    • Macro: 2 megapixel ƒ/2.4
    • Profondità: 2 megapixel ƒ/2.4
  • Fotocamere frontali: 32 megapixel, ƒ/2.0
  • Connettività: 5G SA/ NSA, Dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2.4GHz + 5GHz), Bluetooth 5, GPS/GLONASS/Beidou, USB Type-C, NFC
  • Batteria: 4.220 mAh, ricarica rapida a 30W Quick Charge 4+
  • Dimensioni: 172,1 × 77,9 × 7,98 mm
  • Peso: 198 grammi
  • Altro: Sensore d’impronte nel display

La caratteristiche più interessante del nuovo smartphone di ZTE è sicuramente la fotocamera frontale integrate direttamente sotto il display. In questo modo il produttore cinese ha realizzato il primo display senza alcuna tipologia di bordi e notch, evitando l’adozione di meccanismi motorizzati per la fotocamera. Chiaramente anche i sensori di luce ambientale e di prossimità sono stati integrati sotto lo schermo.

ZTE ha impiegato la tecnologia Five Core per realizzare uno schermo adatto a integrare fotocamera e sensori: grazie all’azione di matrici organiche e inorganiche, poste sul display come se fossero delle pellicole, la fotocamera riesce a ricevere l’adeguata luminosità per scattare, come se operasse in condizioni normali, e lo stesso accade per i sensori. Per gestire i colori e i contenuti del display è stato implementato un driver di controllo dedicato, il quale ha una componente hardware e una software che si interfaccia con il sistema Android.

Uscita e Prezzo

Il nuovo ZTE Axon 20 5G è stato annunciato per il mercato cinese nelle colorazioni Black, Orange, Blue e Purple. In Cina il dispositivo è atteso dal prossimo 10 settembre a un prezzo equivalente a circa 270€ per la variante 6 / 128 GB e al prezzo equivalente a circa 345€ per la variante 8 / 256 GB. Il produttore cinese non si è ancora espresso in merito a un lancio dello smartphone anche in Europa.

Aggiornamento03/12/2020

ZTE Axon 20 5G sarà disponibile in Europa (e nel resto del mondo) dal 21 dicembre 2020. A quanto pare non sarà una vendita illimitata, ma le scorte finiranno molto probabilmente subito. Potete intanto registrare il vostro interesse in questa pagina per cercare di avere un posto in prima fila.

Aggiornamento21/12/2020 ore 10:00

Come promesso ZTE ha lanciato ufficialmente sul mercato il primo smartphone fotocamera integrata sotto il display. Il prezzo è molto interessante: si parla di 449€ per acquistarlo da oggi, 21 dicembre, anche in Italia. Il nuovo ZTE Axon 20 5G è disponibile sullo store ufficiale dell’azienda. Chi lo acquisterà riceverà in regalo le true wireless ZTE LiveBuds.

Aggiornamento14/01/2021 ore 00:00

Aggiorniamo l’articolo perché il nuovo ZTE Axon 20 5G è attualmente disponibile anche nel mercato italiano nelle due colorazioni Giallo alba e Nero mezzanotte, al prezzo di 449€.

Anche le nuove true wireless LiveBuds dell’azienda cinese sono disponibili in Italia al prezzo di 39,90€.

ZTE Axon 20 5G – Immagini

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “02/09 – Immuni continuerà a servire, le vendite di iPhone 11 e il primo smartphone con fotocamera sotto il display” su Spreaker.

L’articolo ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato)

Ho. Mobile stronca le gambe al SIM swapping: nuovo seriale per tutti i clienti coinvolti (aggiornato: FAQ)

Con una mossa a sorpresa, ho. Mobile mette al riparo in un colpo solo tutti i clienti coinvolti nella fuga di dati dal rischio di SIM swapping. L’operatore ha infatti rigenerato il seriale (ICCID) di tutte le SIM interessate, e provvederà a breve a notificare agli utenti via SMS l’avvenuto cambio.

Come si legge sul comunicato ufficiale infatti, “abbiamo rigenerato il codice seriale della SIM a tutti i clienti coinvolti, che verranno informati via SMS nella giornata di oggi e potranno ricevere in qualsiasi momento il nuovo codice seriale da utilizzare  in caso di cambio operatore. Questo nuovo codice sostituisce quello stampato sulla SIM, oggetto dell’attività illecita, che dunque non avrà più alcun valore“.

Questo significa in pratica che se anche qualcuno mettesse le mani sul codice ICCID oggetto della fuga di dati di qualche giorno fa, non lo potrà più utilizzare, perché quel codice non è più valido. Il che significa anche che non c’è più bisogno di correre a cambiare la SIM, dato che anche restando con la vecchia scheda avrete un seriale nuovo.

Si tratta di un’operazione completamente trasparente per l’utente, che non dovrà fare nulla per completare il cambio di ICCID. Riceverete soltanto un SMS da parte di ho. Mobile a modifica avvenuta, il che dovrebbe succedere nel corso della giornata odierna. Chiariamo inoltre che il codice ICCID sarà modificato solo ai clienti coinvolti nella fuga di dati, e non a tutti gli utenti ho. Mobile in generale, e sarà effettivo solo una volta ricevuto l’SMS di notifica.

Nel caso in cui, in futuro, voleste cambiare operatore, avrete però bisogno di questo nuovo codice seriale, perché quello stampato sulla SIM non sarà più valido. Per richiedere il nuovo codice basterà inviare un SMS con scritto “seriale” al numero 3424072211, ma è una cosa che appunto dovrete fare solo nel caso voleste cambiare la vostra SIM/operatore.

Si tratta senz’altro di un’ottima mossa da parte di ho. Mobile, che in questo modo stronca del tutto le gambe ad uno dei rischi più temuti riguardo il furto di dati, ovvero il fatto che qualcuno potesse impossessarsi di un numero di telefono altrui; e per di più, avviene tutto senza bisogno di alcun intervento dei clienti.

Aggiornamento11/01/2020

ho. Mobile ha ampliato le FAQ presenti sul sito ufficiale, per rispondere ad alcuni dubbi sollevati dagli utenti in questi giorni, in particolare in tema di portabilità e tempistiche dell’intervento. Vi lasciamo qui sotto le nuova domande; potete leggere anche tutte le altre sul sito ho. Mobile.

  • Sono un cliente coinvolto e ho richiesto il passaggio a un altro operatore in questi giorni. Avete cambiato anche a me il codice seriale della SIM?

    Abbiamo escluso dalla rigenerazione del seriale i clienti che hanno richiesto un cambio di operatore nei giorni precedenti, quindi non ci saranno rallentamenti nella portabilità dovuti a questa modifica.

  • Perché non l’avete fatto prima?

    Si tratta di una soluzione innovativa e tecnicamente complessa che ha impatto soltanto sui clienti coinvolti. Abbiamo lavorato giorno e notte per renderla disponibile nel più breve tempo possibile..

  • Perché non avete aspettato questa soluzione prima di informare i clienti coinvolti?

    Abbiamo ritenuto opportuno informarli e in parallelo abbiamo accelerato lo sviluppo di questa soluzione.

  • Per rigenerare il nuovo seriale devo mandare subito l’SMS?

    No, il tuo nuovo codice seriale è già stato rigenerato. L’SMS da inviare serve solo per conoscerne il numero, ma non c’è fretta, potrai farlo quando ne hai bisogno.

L’articolo Ho. Mobile stronca le gambe al SIM swapping: nuovo seriale per tutti i clienti coinvolti (aggiornato: FAQ) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Ho. Mobile stronca le gambe al SIM swapping: nuovo seriale per tutti i clienti coinvolti (aggiornato: FAQ)

Meizu domani annuncerà qualcosa, che abbia imparato dai propri errori? (aggiornato)

Meizu, il produttore di smartphone cinese famoso soprattutto tra i confini nazionali ma con un discreto seguito anche nel vecchio continente, non deve sicuramente la sua fama alla tempestività con cui rilascia gli aggiornamenti per i suoi dispositivi. È infatti risaputo che i tempi di attesa siano solitamente abbastanza lunghi, ma forse questa volta stupirà tutti.

LEGGI ANCHE: Nostalgia della Flyme OS? Ecco i nuovi sfondi animati 3D dell’ultima versione

Infatti, da quanto si apprende da un post dell’account ufficiale Weibo di Flyme (nome dell’interfaccia personalizzata da Meizu), l’azienda potrebbe svelare qualcosa riguardante Android 11 per i suoi smartphone proprio domani 22 dicembre 2020 alle 11:11, ora locale. O almeno questo è quello che l’immagine fa pensare. L’opzione più probabile è il lancio di Android 11 in versione beta per i suoi smartphone di punta, ovvero Meizu 17 e Meizu 17 Pro, ma nulla vieta che anche altri modelli possano essere inclusi.

Se così dovesse essere, questo rappresenterebbe un notevole passo in avanti rispetto agli 8 mesi che sono trascorsi tra il lancio ufficiale di Android 10 da parte di Google (settembre 2019) e l’aggiornamento dei dispositivi Meizu ad Android 10 (Flyme 8.1).

Aggiornamento22/12/2020 ore 18:05

Le speranze sono durate poco. L’annuncio di questa mattina riguardava la sola iscrizione al programma di beta testing di Android 11 per i dispositivi Meizu 17 e Meizu 17 Pro. Della versione beta non si hanno ancora notizie in merito alla data di rilascio, mentre per la versione stabile è stato detto che verrà lanciata ufficialmente per questi due dispositivi solo nella primavera 2021. Gli altri smartphone Meizu per cui è previsto l’aggiornamento seguiranno a ruota.

L’articolo Meizu domani annuncerà qualcosa, che abbia imparato dai propri errori? (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Meizu domani annuncerà qualcosa, che abbia imparato dai propri errori? (aggiornato)

WhatsApp riceverà una novità per la condivisione video che vi piacerà parecchio (foto) (aggiornato: novità su iOS)

WhatsApp ha rilasciato un nuovo aggiornamento per la versione beta della sua app Android, il quale non introduce particolari novità ma include alcuni suggerimenti su un’interessante funzionalità in fase di sviluppo.

L’aggiornamento per l’app WhatsApp consiste nella versione 2.20.207.2 e ha svelato, grazie al teardown svolto da WABetaInfo, lo sviluppo di un’utile funzionalità che riguarda la condivisione dei video: questa consisterà in un’opzione per mutare automaticamente i video condivisi in chat WhatsApp. Come vedete dall’esempio presente in galleria, la rimozione dell’audio dal video in condivisione sarà possibile attraverso la solita interfaccia di editing integrata in WhatsApp prima della condivisione.

LEGGI ANCHE: vota la tua fotocamera top di gamma preferita

Al momento non sappiamo quando esattamente verrà distribuita a livello pubblico la novità, immaginiamo che arriverà prima per gli utenti aderenti alla versione beta dell’app, questo è l’indirizzo per iscriversi.

Aggiornamento18/11/2020 ore 21:40

WhatsApp ha recentemente aggiornato anche la sua versione beta dell’app iOS, introducendo una piccola novità per la sezione delle impostazioni: l’opzione che in precedenza era nota come FAQ ora è stata rinominata in Help Center.

La novità dovrebbe essere disponibile a partire dalla versione 2.20.207.3 di WhatsApp Beta per iOS.

L’articolo WhatsApp riceverà una novità per la condivisione video che vi piacerà parecchio (foto) (aggiornato: novità su iOS) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

LG rinnova la sua gamma media con attenzione alla fotografia: ecco a voi LG K52 e LG K42 (foto) (aggiornato con video)

LG ha appena rinnovato la sua gamma media di smartphone presentando due nuovi membri della serie K. I nuovi LG K52 e LG K42 si collocano nella fascia di prezzo inferiore ai 250€, ma non rinunciano a un comparto fotografico costituito da diverse tipologie di sensori. Andiamo a vedere insieme entrambe le schede tecniche.

LG K52: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: FullVision Eye da 6,6″ 20:9 HD+
  • CPU: octa-core da 2.3 GHz
  • RAM: 4 GB
  • Memoria interna: 64 GB espandibile (con microSD fino a 2 TB)
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 48 megapixel Quad-binning
    • Grandangolo: 5 megapixel, FOV 115°
    • Macro: 2 megapixel
    • Profondità: 2 megapixel
  • Fotocamera frontale: 13 megapixel
  • Connettività: Wi-Fi / Bluetooth 5.0 / NFC / USB Type-C (compatibile con USB 3.1 Gen 1)
  • Altro: Tasto Google Assistant / Google Lens / AI CAM / Adesivi AR / LG 3D Sound Engine / Sensore delle impronte laterale / 8 Test Militari superati MIL-STD 810G
  • Dimensioni: 165,0 x 76,7 x 8,4 mm
  • Peso: 186 grammi
  • Batteria: 4.000 mAh
  • OS: Android 10
  • Colorazioni: Blue, White

LG K42: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: FullVision Eye da 6,6″ 20:9 HD+
  • CPU: octa-core da 2.3 GHz
  • RAM: 3 GB
  • Memoria interna: 64 GB espandibile (con microSD fino a 2 TB)
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 13 megapixel
    • Grandangolo: 5 megapixel, FOV 115°
    • Macro: 2 megapixel
    • Profondità: 2 megapixel
  • Fotocamera frontale: 13 megapixel
  • Connettività: Wi-Fi / Bluetooth 5.0 / NFC / USB Type-C (compatibile con USB 3.1 Gen 1)
  • Altro: Tasto Google Assistant / Google Lens / AI CAM / Adesivi AR / LG 3D Sound Engine / Sensore delle impronte laterale / 8 Test Militari superati MIL-STD 810G
  • Dimensioni: 165,0 x 76,7 x 8,4 mm
  • Peso: 182 grammi
  • Batteria: 4.000 mAh
  • OS: Android 10
  • Colorazioni: Green, Gray, Sky Blue

Uscita e Prezzo

Il nuovo LG K52 arriva nel mercato italiano al prezzo di 229,90€, mentre LG K42 è stato annunciato al prezzo di 179,90€. I dispositivi saranno disponibili per l’acquisto a partire da ottobre.

Aggiornamento16/11/2020 ore 20:35

LG ha rilasciato un video per presentare ufficialmente i nuovi LG K42 e LG K52 al mercato italiano. Il video potete godervelo qui in basso, e mostra i nuovi dispositivi del produttore sudcoreano più da vicino.

LG K52 – Immagini

LG K42 – Immagini

L’articolo LG rinnova la sua gamma media con attenzione alla fotografia: ecco a voi LG K52 e LG K42 (foto) (aggiornato con video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld