Nasce Millennials XLab, incubatore per le startup dal big data alla mobilità intelligente

Roma si afferma sempre più nel panorama nazionale come un polo di attrazione per l’innovazione e le startup, e si arricchisce con la nascita di Millennials XLab, il corporate incubator del Gruppo Millennials, che lancia la Call 4 Open Innovation “From Draft to Craft”.

Dal 18 Novembre sarà possibile candidarsi alla Call 4 startup “From Draft to Craft”, in collaborazione con Dock3, Startup Geeks, Blue Ocean Finance ed in scouting partnership con LVenture Group.

Il programma di incubazione è rivolto a startup già costituite che operano in alcuni settori specifici: analytics, big data, events & travel, smart community, education, fintech, develop tools, health, IOT e smart mobility.

Alla chiusura della call si terrà il Selection Day in cui le 8 finaliste, valutate prendendo in esame team, idea progettuale, mercato di riferimento e modello di business, esporranno i propri Pitch davanti ad una giuria composta dal board di Millennials XLab, dai partner e da qualificati addetti ai lavori.

Le 4 startup selezionate accederanno al percorso di mentorship della durata di 13 settimane, percorso costruito con la finalità di validare i progetti d’impresa e dare loro  un boost allo sviluppo, facilitandone l’ingresso sul mercato. Complessivamente verranno erogati ad ogni startup 15 mila euro sotto forma di grant e servizi con la possibilità di fruire degli spazi aziendali.

Alla fine del programma tutte le startup parteciperanno all’Investor Day aperto ad una platea di investitori e specialisti del mondo dell’innovazione. Il Gruppo Millennials stesso si riserva la possibilità di entrare nell’equity.

“Vogliamo focalizzare la nostra attenzione su startup in possesso di un prototipo per mettere a loro disposizione le competenze del Gruppo Millennials e quelle dei partner. Il nostro percorso di incubazione ha l’obiettivo di fornire un’accelerazione alle giovani realtà imprenditoriali che entrano a far parte dell’ecosistema aziendale” dice Roberto Ruggerone, Chief Growth Officer di Millennials XLab.

 

Agi

Hearthstone: gli Dei Antichi vi aspettano nella nuova espansione “Follia alla Fiera di Lunacupa”, ora disponibile (foto)

Hearthstone, il fortunato gioco di carte free-to-play di Blizzard, ha appena dato inizio alla sua nuovissima espansione Follia alla Fiera di Lunacupa, in cui tra meravigliose attrazioni si nasconde l’antica malvagità degli Dei Antichi, pronti a indurre in tentazione i giocatori con 135 nuove carte imbevute di corruzione.

La prima volta che i fan del titolo sono incappati in questi esseri mistici è stato il 2016 con l’espansione Sussurri degli Dei Antichi, e ora ritornano in scena come nuovi servitori Leggendari che rievocano le loro vecchie abilità in grado di ribaltare le sorti delle partite. Oltre ai temutissimi C’thun, N’zoth, Y’shaarj e Yogg-Saron sotto forma di servitori, i giocatori potranno anche imbrigliare il potere dei Manufatti degli Dei Antichi, nuove e potenti Magie che richiamano le abilità di questi antichi esseri.

LEGGI ANCHE: Ecco il trailer di lancio di Shadowlands

L’espansione introduce anche una nuova modalità competitiva gratuita: Duelli di Hearthstone, che combina l’Arena PvP all’imprevedibilità della composizione del mazzo tipica delle Spedizioni per giocatore singolo. I giocatori dovranno comporre un mazzo iniziale partendo dalla propria collezione, per poi migliorarlo dopo ogni combattimento con carte aggiuntive e Tesori in grado di cambiare le sorti delle partite. In ogni stagione dei Duelli ci saranno nuovi gruppi di carte aggiornati dal vastissimo catalogo di Hearthstone, oltre a eroi, Poteri Eroe e Tesori Distintivi. Il tema scelto per la prima stagione è Duelli di Magia, e vede protagonista un cast di eroi presi direttamente tra gli studiosi e i luminari dell’espansione L’Accademia di Scholomance. Per ottenere ricompense aggiuntive è possibile provare la versione Eroica dei Duelli pagando 150 oro o acquistando un Biglietto Locanda per 1,99€.

Infine, è stato aggiunto anche un nuovo Percorso Ricompense, che permette ai giocatori di ricevere oro, carte, oggetti cosmetici e molto altro e include uno gratuito e uno a pagamento sbloccabile con l’acquisto del Pass Locanda a 19,99€.

Tutte le baracche e burattini della Fiera di Lunacupa sono stati allestiti su Hearthstone, perciò non vi resta che armarvi delle vostre carte e prepararvi ad avere a che fare con i terribili Dei Antichi.

Immagini

L’articolo Hearthstone: gli Dei Antichi vi aspettano nella nuova espansione “Follia alla Fiera di Lunacupa”, ora disponibile (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

LG rinnova la sua gamma media con attenzione alla fotografia: ecco a voi LG K52 e LG K42 (foto) (aggiornato con video)

LG ha appena rinnovato la sua gamma media di smartphone presentando due nuovi membri della serie K. I nuovi LG K52 e LG K42 si collocano nella fascia di prezzo inferiore ai 250€, ma non rinunciano a un comparto fotografico costituito da diverse tipologie di sensori. Andiamo a vedere insieme entrambe le schede tecniche.

LG K52: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: FullVision Eye da 6,6″ 20:9 HD+
  • CPU: octa-core da 2.3 GHz
  • RAM: 4 GB
  • Memoria interna: 64 GB espandibile (con microSD fino a 2 TB)
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 48 megapixel Quad-binning
    • Grandangolo: 5 megapixel, FOV 115°
    • Macro: 2 megapixel
    • Profondità: 2 megapixel
  • Fotocamera frontale: 13 megapixel
  • Connettività: Wi-Fi / Bluetooth 5.0 / NFC / USB Type-C (compatibile con USB 3.1 Gen 1)
  • Altro: Tasto Google Assistant / Google Lens / AI CAM / Adesivi AR / LG 3D Sound Engine / Sensore delle impronte laterale / 8 Test Militari superati MIL-STD 810G
  • Dimensioni: 165,0 x 76,7 x 8,4 mm
  • Peso: 186 grammi
  • Batteria: 4.000 mAh
  • OS: Android 10
  • Colorazioni: Blue, White

LG K42: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: FullVision Eye da 6,6″ 20:9 HD+
  • CPU: octa-core da 2.3 GHz
  • RAM: 3 GB
  • Memoria interna: 64 GB espandibile (con microSD fino a 2 TB)
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 13 megapixel
    • Grandangolo: 5 megapixel, FOV 115°
    • Macro: 2 megapixel
    • Profondità: 2 megapixel
  • Fotocamera frontale: 13 megapixel
  • Connettività: Wi-Fi / Bluetooth 5.0 / NFC / USB Type-C (compatibile con USB 3.1 Gen 1)
  • Altro: Tasto Google Assistant / Google Lens / AI CAM / Adesivi AR / LG 3D Sound Engine / Sensore delle impronte laterale / 8 Test Militari superati MIL-STD 810G
  • Dimensioni: 165,0 x 76,7 x 8,4 mm
  • Peso: 182 grammi
  • Batteria: 4.000 mAh
  • OS: Android 10
  • Colorazioni: Green, Gray, Sky Blue

Uscita e Prezzo

Il nuovo LG K52 arriva nel mercato italiano al prezzo di 229,90€, mentre LG K42 è stato annunciato al prezzo di 179,90€. I dispositivi saranno disponibili per l’acquisto a partire da ottobre.

Aggiornamento16/11/2020 ore 20:35

LG ha rilasciato un video per presentare ufficialmente i nuovi LG K42 e LG K52 al mercato italiano. Il video potete godervelo qui in basso, e mostra i nuovi dispositivi del produttore sudcoreano più da vicino.

LG K52 – Immagini

LG K42 – Immagini

L’articolo LG rinnova la sua gamma media con attenzione alla fotografia: ecco a voi LG K52 e LG K42 (foto) (aggiornato con video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Oppo punta alla fascia medio-alta con Reno4 Pro. Pensato per i video

AGI – La battaglia d’autunno degli smartphone è cominciata da un po’: si è visto cosa hanno sfornato OnePlus e realme e come si è presentata per la prima volta sul mercato europeo la nuova scommessa di questa stagione: vivo. Ma una delle mosse più attese era quella di un’altra cinese, Oppo, anche lei parte della galassia Bkk che ha generato OnePlue e realme e che in primavera aveva sparigliato le carte con un flagship sorprendente come il Find X2. Questo autunno ha rilanciato la scommessa con una nuova edizione della serie Reno: Reno4 Pro, Reno4 e Reno4 Z.

Nel terzo trimestre del 2020 il mercato degli smartphone ha dato segnali importanti, che fanno sperare in una ripresa del mercato anche se lo spettro dei nuovi lockdown potrebbe abbbattersi su una fetta importante come la fascia medio-alta. La stessa fascia in cui si inserisce questa serie 4 che si presenta sul mercato con un prezzo ‘importante’: quasi 800 euro.

Un’impegno giustificato dal fatto che Oppo è ormai saldo in quinta posizione tra i principali venditori sia in Europa che in Italia con un porzione del 6% del mercato, ma con ina crescita che sfuioira il 1000%

Se con il Find X2 l’obiettivo era quello di piazzare una bandierina nella fascia premium appannaggio di Samsung e Huawei, è chiaro che questo Reno4 Pro è pensato per quella medio-alta che pure è la più vulnerabile di fronte alle oscillazioni di mercato. Lasciato allo spin-off realme il compito di presidiare l’area economica (e lo fa benissimo con la serie 7), Oppo sembra lanciarsi in quel complicato segmento in cui si danno battaglia Xiaomi, Samsung e OnePlus.

Oppo ha sempre rivendicato il video come  principale punto di forza tecnico. Come marchio di telefonia 5G specializzato nelle riprese video, ha completamente aggiornato le funzionalità video di Reno4 e Reno4 Pro, con diverse tipologie di scene.  In particolare, per risolvere le problematiche legate alla sfocatura delle immagini e migliorare la nitidezza degli scatti notturni, il Reno4 Pro ha implementato la funzione “Ultra Night Video”.

Per quanto riguarda l’hardware, l’OPPO Reno4 Pro è dotato di un obiettivo video grandangolare ultra-night IMX708 di Sony, che offre un campo visivo di  ampiezza pari a 120 gradi, un sensore da 1/2,43” con una dimensione di un singolo pixel fino a 1,4μm. Infine, è in grado di supportare anche quattro pixel in uno, operando a una maggiore esposizione con una più elevata sensibilità alle condizioni di scarsa luminosità.

Un algoritmo sviluppato dalla casa e chiamato “Moonlight Video” aumenta la luminosità dello schermo durante le riprese notturne e la nitidezza dell’immagine  rispettivamente del 74,4% e del 33,7%.

Sul fronte delle vubrazioni, è equipaggiato con l’ultimo Ultra Steady Video 3.0. Quando si combina un obiettivo video ultra-grandangolare, la stabilizzazione dell’immagine super steady e l’algoritmo sviluppato da OPPO, la capacità anti-shake del video rear-facing viene migliorata, con il risultato di un effetto più stabilizzato.

Per quanto riguarda, invece, l’attività di montaggio video, l’applicazione di editing video intelligente Soloop, presenta 10 tra i più popolari filtri per film, e un generatore video intelligente è in grado di identificare i momenti principali all’interno di tutte le riprese e di modificarli automaticamente in un filmato unico.

La fotocamera posteriore dell’OPPO Reno4 Pro è una combinazione “3+1” composta da una fotocamera principale ad alta definizione da 48MP, un obiettivo ultra-grandangolare da 12MP, un teleobiettivo da 13MP e un obiettivo con autofocus a rilevamento laser. Tra questi, la telecamera principale è un sensore Sony IMX586, che supporta una funzione OIS ottica anti-shake.

Ma il vero punto di forza è la velocità di ricarica: sia  Reno4 che Reno4 Pro sono dotati di del sistema di ricarica rapida SuperVOOC 2.0 da 65W che detiene il record di capacità di ricarica commerciale più veloce del settore: ci vogliono solo circa 36 minuti per caricare completamente la batteria da 4000 mAh.

Inoltre, OPPO Reno4 Pro ottimizza il risparmio energetico attraverso la sua funzionalità Smart Power Saver. In aggiunta, con l’algoritmo OFusion, il consumo energetico è ottimizzato del 40% durante le riprese video. Infine, analizzando la routine di sonno di un utente, Reno4 Pro ottimizza il consumo energetico durante la notte fino al 10% entrando in modalità standby.

Una tecnologia infgomrante che però non influisce nè suylle dimensioni – il Pro è spesso 7,6mm – né sul peso: 172 grammi. Lo schermo è il solito Amoled curvo 3D da 6,5” che supporta una frequenza d’aggiornamento di 90Hz e una frequenza di campionamento di 180Hz..

Sia OPPO Reno4 che Reno4 Pro sono configurati con un chip Qualcomm Snapdragon 765G integrato 5G e supportano la rete dual-mode SA/NSA. Grazie all’antenna surround 2.0 a 360°, la velocità di upload e download 5G è aumentata del 20% in un ambiente con segnale debole e del 30% in un ambiente con Wi-Fi. L’accelerazione a doppio canale 5G+Wi-Fi fornisce un’esperienza più veloce.

Il prezzo, si è detto, è da fascia medio-alta: il Reno4 Pro con 12GB di RAM e 256GB di ROM, è disponibile a 799 euro.

Agi

Un’altra funzione Samsung è prossima alla chiusura: S Translator smetterà di funzionare presto

All’inizio del mese scorso Bixby Vision di Samsung ha dovuto rinunciare ad alcune sue funzionalità di realtà aumentata ed ora torniamo a parlare di saluti perché l’azienda sudcoreana ha predisposto l’interruzione del suo servizio S Translator, il traduttore istantaneo multilingua preinstallato sui dispositivi, entro la fine del mese. In maniera analoga a quanto fatto con Bixby Vision, l’azienda sta inviando ai suoi utenti sudcoreani la comunicazione circa la fine del supporto.

L’avviso in questione afferma che il servizio S Translator verrà chiuso il 1° dicembre e Samsung cancellerà prontamente tutte le informazioni personali raccolte dal servizio. Il fatto che questo servizio stia per avvicinarsi al suo tramonto non significa che gli utenti non possano più disporre di un metodo per effettuare traduzioni, che non implichi scaricare un’app terza ovviamente. Infatti potranno contare sull’assistente vocale Bixby, il quale traduce il testo da una lingua all’altra, supporta un numero maggiore di lingue e offre un’esperienza utente notevolmente migliore rispetto al servizio in uscita. Inoltre, effettua traduzioni istantanee dei testi per mezzo della fotocamera.

LEGGI ANCHE: Google Pixel si aggiornano ufficialmente con le patch di novembre

Cosa ne pensate di questo nuovo addio? Eravate soliti utilizzare il servizio di traduzione fornito da Samsung?

L’articolo Un’altra funzione Samsung è prossima alla chiusura: S Translator smetterà di funzionare presto sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Prime Day 2020: i 5 prodotti più venduti alla partenza (1 già terminato)

Saranno due giorni molto caldi e ricchi di offerte quelli del Prime Day 2020. Se volete rimanere aggiornati in tempo reale potete seguirci su Telegram, mentre a questo link abbiamo creato un indice di tutte le migliori offerte selezionate dal nostro team.

Ma cosa sta andando a ruba su Amazon in questi primi momenti iniziali? Ecco quali sono i cinque prodotti che gli acquirenti, almeno nel mondo della tecnologia, hanno puntato con più interesse in questi primi minuti. Le offerte saranno attive per tutti e due i giorni delle offerte, ma le scorte potrebbero anche terminare prima.

In questa selezione troviamo un TV OLED da 55 pollici, un TV Samsung da 43 pollici, un robot aspirapolvere a meno di 120€ (che non abbiamo provato e di cui non sappiamo dirvi molto), lo smartphone economico Xiaomi Mi 10T Lite e 16 GB RAM Crucial Ballistix.

Purtroppo le RAM erano in offerta lampo e sono già terminate. Tenete d’occhio il nostro canale Telegram per non perdervi le prossime offerte lampo.

Offerte Tecnologia

L’articolo Prime Day 2020: i 5 prodotti più venduti alla partenza (1 già terminato) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Mazzata alla pirateria online, sequestrati 58 siti web e 18 canali Telegram 

AGI – La Guardia di Finanza di Gorizia ha posto sotto sequestro preventivo 58 siti web illegali e 18 canali Telegram che, attraverso 80 milioni di accessi annuali, è stato calcolato rappresentino circa il 90% della pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia. Con l’operazione ‘Evil web’, che ha portato a quattro denunce, gli inquirenti hanno focalizzato l’attenzione sia sul mondo della pirateria, sia sul sistema illegale delle cosiddette Iptv.

Le indagini partite in Friuli Venezia Giulia nei confronti di una persona che si nascondeva col nickname Diabolik, si sono estese prima in Puglia ed Emilia Romagna e poi all’estero (Germania, Olanda e Stati Uniti).  

I quattro denunciati – oltre a Diabolik, altri tre che si facevano chiamare Doc, Spongebob e Webflix – secondo le Fiamme gialle sono divenuti nel tempo “veri e propri oracoli della rete” dediti alla diffusione,  anche con servizi di messaggistica istantanea e broadcasting , di film di prima visione, prodotti audiovisivi appannaggio delle pay tv, eventi sportivi di ogni genere, cartoni, pornografia, software, giornali, riviste e manuali.     

Nell’ambito dell’indagine sulle Iptv illegali, sono in corso accertamenti per identificare circa un migliaio di abbonati al cosiddetto ‘pezzotto’ che verranno segnalati alla magistratura per la violazione della legge sul diritto d’autore, con pene previste fino a 3 anni di reclusione e oltre 25 mila euro di multa. I clienti rischiano l’accusa di ricettazione.  

Il Colonnello Antonino Magro, comandante della Gdf di Gorizia, ha ricordato come secondo recenti studi l’impatto negativo in termini di Pil della pirateria audiovisiva è pari a circa 500 milioni di euro ed il rischio in termini di posti di lavoro è di circa 6000 unità, con un danno per l’economia italiana che sfiora  il miliardo e cento milioni di euro. 

Agi

Waze pensa alla vostra sicurezza: avete già notato l’avviso di passaggio a livello? (foto)

Waze, uno dei servizi più popolari di navigazione stradale, ha appena introdotto un’interessante novità che riguarda la sicurezza dei suoi utenti durante l’utilizzo delle mappe e dei servizi di navigazione.

La novità consiste nella segnalazione della presenza di un passaggio a livello ferroviario sul percorso scelto dall’utente in tempo reale. La funzionalità arriva dopo le raccomandazioni delle istituzioni ferroviarie statunitensi, alle quali hanno fatto seguito quelle provenienti da organi omologhi in Francia e Messico. Il nuovo avviso verrà mostrato all’utente durante la navigazione attraverso un banner (avete un esempio nella galleria a fine articolo) che inviterà l’utente ad approcciarsi al passaggio a livello ferroviario con prudenza.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Buds Live, la recensione

La novità è stata implementata dai Map Editor locali in diversi paesi europei, tra i quali figura l’Italia. Il nuovo avviso dovrebbe essere dunque già pronto ad attivarsi sul vostro Waze per Android e iOS, fateci sapere se l’avete già notato.

L’articolo Waze pensa alla vostra sicurezza: avete già notato l’avviso di passaggio a livello? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Galaxy Note 20 senza veli: pochi compromessi ma più alla portata di tutti, trapela la scheda tecnica (foto)

Manca sempre meno al Samsung Unpacked che si terrà il prossimo 5 agosto, evento durante il quale il produttore sudcoreano ufficializzerà la nuova serie top di gamma Galaxy Note 20 e non solo. Nelle ultime ore sono trapelate importanti informazioni sulla variante più piccola dei nuovi top di gamma Samsung.

La variante classica di Galaxy Note 20 sarà caratterizzata da un prezzo più abbordabile rispetto alle altre, pur non dovendo rinunciare alle principali feature che vedremo sulle varianti più grandi e più costose. Per cominciare, il display sarà un Super AMOLED da 6,7″ con refresh rate a 60 Hz e risoluzione 2.400 x 1.080 pixel. Sotto il cofano troveremo un Exynos 990, accoppiato a 8 GB di RAM e 256 GB di storage interno.

LEGGI ANCHE: OnePlus Buds, la recensione

Il comparto fotografico posteriore presenterà un sensore principale da 12 megapixel con pixel di superficie ampia, pari a 1,8 µm, e autofocus automatico Dual Pixel. A questo verrà affiancato un grandangolare da 12 megapixel, f/2,2, con pixel ampi 1,4 µm, un sensore da 64 megapixel per lo zoom ottico 3x, f/2.0 e pixel ampi 1,0 µm. I tre sensori offriranno anche lo zoom digitale 30x e la registrazione video 8K. La fotocamera frontale avrà un sensore da 10 megapixel, f/2.2 con autofocus Dual Pixel.

Il Galaxy Note 20 avrà il supporto 5G opzionale, modulo Bluetooth 5, supporto al Wi-Fi 6, NFC, USB Type-C 3.2. Anche per la variante classica troveremo la S Pen a bassa latenza e le ottimizzazioni per Xbox e Project xCloud.

Per avere il quadro completo andiamo a vedere le caratteristiche trapelate finora su Note 20 a confronto con quelle emerse sul conto della variante Ultra:

Galaxy Note 20 Ultra 5GGalaxy Note 20 (5G)
Sistema operativoAndroid 10 con Samsung One UI
ProcessoreCPU octa-core di Exynos 990 a 2,7 GHz
DisplayDisplay AMOLED Infinity dinamico da 6,9″, 120 Hz, 19.3:9, Gorilla Glass 7Super AMOLED da 6,7″, 60 Hz
RisoluzioneWQHD / 3.200 x 1.440 pixel, 508 ppiFHD / 2.400 x 1.080 pixel, 393 ppi
Memoria12 GB di RAM, 256/512 GB (ulteriori varianti di storage possibili), microSD8 GB di RAM, 256 GB
Fotocamera posterioreTripla fotocamera, 108 MP f/1.8, 12 MP ultra wide angle f/2.2, 12 MP 5x zoom ottico f/3.0, laser autofocus, 50x zoomTripla fotocamera, 12 MP f/1.8, 12 MP ultra wide angle f/2.2, 64 MP Tele 3x zoom ottico f/2.0, zoom 30x
Fotocamera anteriore10 MP (f/2.2, messa a fuoco automatica)
Risoluzione videoRegistrazione fino a 8K (fotocamera principale)
Reti2G, 3G, 4G/LTE, 5G-Ready
ConnettivitàDoppia SIM – eSIM, Bluetooth 5.0, USB Type-C (Gen 3.2), NFC, WiFi 6, Wireless DeX
SicurezzaRiconoscimento facciale, Lettore di impronte digitali nel display, Samsung Pay, Samsung Knox, IP68
S-PenLatenza 9 msLatenza 26 ms
Batteria4.500 mAh, carica rapida, carica a induzione4.300 mAh, carica rapida, carica a induzione
ColorazioniMystic Black, Mystic BronzeMystic Black, Mystic Bronze, Mystic Green
Dimensioni164,8 x 77,2 x 8,1 mm161,6 x 75,2 x 8,3 mm

L’articolo Galaxy Note 20 senza veli: pochi compromessi ma più alla portata di tutti, trapela la scheda tecnica (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld