Niente più pensieri, le chiavi della vostra auto saranno ancora più al sicuro su Android 12

Tra le molte novità che Android 12 porterà con se questo autunno, ha destato particolare interesse anche il futuro supporto alle chiavi digitali delle automobili compatibili con questo servizio. Molti però si sono posti il problema di cosa accadrà quanto lo smartphone su cui la chiave è salvata, verrà smarrito oppure rubato. Google ha ovviamente pensato anche a questa evenienza, e nella sua app Trova il mio dispositivo inserirà anche la possibilità di eliminare o sospendere le chiavi dell’auto in caso di smarrimento del telefono.

LEGGI ANCHE: Samsung triplica la produzione di foldable

A scoprirlo è stato 9to5Google, che decompilando il file .apk della relativa applicazione in versione 2.4.042, ha scoperto le seguenti righe di codice:

Le chiavi della tua auto saranno cancellate.

Le vostre chiavi dell’auto saranno sospese.

Questi avvisi molto probabilmente appariranno come promemoria prima di mettere in sicurezza (sospendere) o cancellare (eliminare) un dispositivo. L’ultima azione è abbastanza semplice, mentre non è chiaro se la prima faccia qualcosa di più che richiedere uno sblocco del dispositivo prima che le chiavi dell’auto vengano ripristinate. I dettagli di implementazione non sono infatti completamente chiari al momento.

Il vantaggio di caricare le proprie chiavi su Android 12 sarà anche legato alla possibilità di condividerle anche con amici e parenti. Le chiavi digitali dell’auto su Android 12 saranno disponibili nei prossimi mesi per dispositivi “selezionati” (presumibilmente dotati di Ultra Wideband (UWB)) come gli smartphone Pixel e Samsung Galaxy.

L’articolo Niente più pensieri, le chiavi della vostra auto saranno ancora più al sicuro su Android 12 sembra essere il primo su AndroidWorld.


Niente più pensieri, le chiavi della vostra auto saranno ancora più al sicuro su Android 12

Google sta cercando di semplificare la vita agli sviluppatori di app per Android Auto e Android Automotive

Google sta cercando di rendere più facile il compito per gli sviluppatori che vogliono costruire applicazioni compatibili con Android Auto e Android Automotive. L’azienda ha pubblicato una libreria di app “Android for Cars” nella suite di strumenti Jetpack, aiutando così gli sviluppatori a portare applicazioni di navigazione, parcheggio e veicoli elettrici su Android Auto. La stessa libreria supporterà anche Android Automotive.

LEGGI ANCHE: I backup di WhatsApp saranno ancora più sicuri

Quest’ultima caratteristica in particolare permetterà agli sviluppatori di creare applicazioni che sono compatibili con entrambe le piattaforme, senza dover dedicare ulteriori sforzi a farle funzionare singolarmente. Diversi partner di Google, tra cui Chargepoint, Parkwhiz e Plugshare, stanno così portando le loro applicazioni appartenenti alle categorie precedentemente riportate su Android Automotive.

Google prevede di ampliare la sua libreria di app includendo anche altre categorie nei prossimi mesi. Inizialmente, l’azienda permetteva agli sviluppatori di terze parti di creare solamente applicazioni multimediali e di messaggistica per “Android for Cars”.

L’articolo Google sta cercando di semplificare la vita agli sviluppatori di app per Android Auto e Android Automotive sembra essere il primo su AndroidWorld.


Google sta cercando di semplificare la vita agli sviluppatori di app per Android Auto e Android Automotive

Android Auto: ecco il toggle per la modalità notte (finalmente!)

Sin dal suo debutto, Android Auto è in grado di controllare lo stato di accensione dei fari del veicolo in modo tale da impostare la modalità giorno o notte per le app di navigazione a seconda se i fari sono spenti o accesi. Di fatto, uno dei requisiti per la certificazione di un’automobile al protocollo di connessione di Android Auto è il controllo di alcuni parametri della vettura, e tra questi vi è proprio lo stato dell’illuminazione esterna del veicolo.

Una funzione molto basilare e abbastanza scontata per la maggior parte degli utenti ma che, purtroppo, nel corso del tempo ha creato alcuni grattacapi. Il primo problema di questa funzionalità è sorto in concomitanza con l’uscita di Android 10: a partire da questa versione del sistema operativo è infatti stata integrata la modalità scura di sistema, ma tale modalità non è andata d’amore e d’accordo con Android Auto, o meglio, ci è andata troppo d’amore e d’accordo poiché la modalità chiara o scura di Android Auto era perfettamente concorde con la modalità chiara o scura di Android.

Questo comportamento faceva sì, ad esempio, che un uso di Android Auto in pieno giorno facesse disattivare la modalità scura sullo schermo del telefono. O ancora, provare a cambiare il tema da chiaro a scuro dalle impostazioni del telefono aveva una ripercussione anche su Android Auto. Certo, non rappresentava un vero e proprio problema (visto che il telefono, teoricamente, dovrebbe non essere usato) ma era un fastidio per chi è abituato ad avere lo smartphone in modalità chiara o scura e lo ritrovava in maniera diversa dal “normale” durante l’uso di Android Auto.

Tuttavia questa accordanza tra tema sul telefono e tema su Android Auto era una vera e propria manna dal cielo per gli utenti di autoradio aftermarket. Spesso nel montaggio di quest’ultime capita di non effettuare un cablaggio perfetto lasciando il sensore dello stato delle luci scollegato e un veloce trucco per avere le mappe in modalità giorno o notte era quello di programmare la modalità scura di sistema in base all’orario, o semplicemente attivarla manualmente e il gioco era fatto. Ma Google dal suo canto ha ritenuto opportuno rendere il tema di Android Auto indipendente dal tema impostato sul telefono e lo stratagemma che prima funzionava senza problemi, a partire da Dicembre 2020, non ha più effetto, costringendo di fatto all’uso della modalità giorno per l’intera durata della sessione.

Ci sono due ironie in tutto questo racconto: la prima è che, a partire da Android 10, Android Auto è diventata un’app di sistema; la seconda è che ci sarebbe un’opzione nelle opzioni sviluppatore dell’app, ma da quando le due modalità sono indipendenti tra loro, nella pratica non funziona più. O meglio: è possibile solo forzare una modalità tra giorno o notte, perennemente.

La buona notizia è che a partire da Android Auto 6.3, è stata finalmente creata un’impostazione ad hoc per il cambio della modalità delle mappe. C’è voluto del tempo, decisamente troppo, ma grazie a questa funzione sarà finalmente possibile controllare quando Android Auto deve andare in modalità chiara o scura direttamente dallo schermo dell’automobile e senza il bisogno di riavvio dell’app. Questa funzione non si ottiene semplicemente aggiornando l’app ma è un’attivazione che avverrà via server e noi l’abbiamo attivata in modalità manuale e portata in anteprima esclsuiva a voi. Non ci è dato sapere quando (e se) arriverà in maniera globale ma siamo senz’altro contenti di vederla in azione (screenshot in galleria).

E voi rientrate tra le persone che hanno avuto problemi con la modalità giorno/notte di Android Auto? Aspettavate questa funzione? Fatecelo sapere nei commenti e nel nostro gruppo Facebook Android Auto Italia.

L’articolo Android Auto: ecco il toggle per la modalità notte (finalmente!) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Android Auto: ecco il toggle per la modalità notte (finalmente!)

Il navigatore ABRP per le auto elettriche in beta su Android Auto

In un articolo di qualche settimana fa, vi abbiamo parlato della apparente volontà di Iternio, una piccola startup Svedese specializzata in pianificazione di itinerari stradali per veicoli elettrici, di portare su Android Auto la propria app A Better Route Planner.

Per chi non avesse mai sentito parlare di ABRP, altro non è che un navigatore che si pone il compito di facilitare la vita dei guidatori di veicoli elettrici calcolando le soste per la ricarica della batteria in base alle caratteristiche del veicolo, alla capacità della batteria, alla modalità di guida e alle caratteristiche dell’itinerario, come ad esempio le differenze di altimetria, o banalmente anche la lunghezza totale.

Grazie alla libreria di sviluppo di app per automobili che Google ha messo a disposizione nello scorso Ottobre, ora anche ABRP ha implementato, all’interno della sua app, la compatibilità ad Android Auto. Visto che la libreria di Google è ancora in stato di beta e visto che sul Google Play Store formalmente non è ancora stata aperta una categoria di app di navigazione compatibii con Android Auto, anche A Better Route Planner si deve affidare al rilascio della funzione esclusivamente sul canale beta.

Per chi volesse provare l’app su Android Auto, si rende quindi necessario entrare a far parte del programma beta: per fare questa operazione si può andare direttamente sulla pagina dell’app sul Google Play Store e scorrere in basso fino alla sezione “Diventa un beta tester” e, in caso non lo si è già, scegliere di entrare a far parte del programma di beta testing. L’operazione dura qualche minuto e si può constatare l’avvenuta entrata quando nella pagina dell’app sul Google Play Store, alla fine del titolo vi è la dicitura “(beta)”.

Anche per A Better Route Planner vale una considerazione fatta per tutte le altre app di navigazione che hanno sviluppato la compatibilità con Android Auto: non sono possibili interazioni via touch con la mappa quali zoom, trascinamento e rotazione. Su Reddit, il team di ABRP ci tiene a far sapere che questa limitazione è imposta da Google attraverso delle linee guida fornite, e per ora non c’è modo di superarla (senza avere un rifiuto dell’app sul Google Play Store, N.d.R.). Inoltre, al contrario di come avviene sull’interfaccia dell’app Android, al momento non è possibile usare le mappe fornite da Google Maps all’interno di Android Auto, pertanto ABRP si sta avvalendo delle mappe open source di OSMDroid, ma il team sta lavorando per portare la compatibilità alle mappe di Vector, reputate migliori in termini prestazionali.

La funzionalità su Android Auto non richiede un abbonamento ed è automaticamente attivata. Durante l’uso dell’app l’interfaccia presenta un angolo interamente dedicato al monitoraggio della batteria del veicolo, con l’indicazione della percentuale di batteria rimanente e la percentuale di batteria stimata alla fine del percorso e vi è anche la possibilità di visionare il limite di velocità vigente sulla strada percorsa. L’app ri-calcola automaticamente il percorso (incluse le soste per la ricarica) quando viene abbandonato un percorso e l’integrazione con Google Assistant funziona come dovrebbe.

Per ora non vi è modo di avere la mappa in 3D e mancano diverse funzioni come un’impostazione per evitare i pedaggi o le autostrade, la ricerca di itinerari alternativi in fase di calcolo del percorso e la ricerca di punti di interesse. ABRP fa sapere sul proprio forum che è al lavoro per implementare queste funzionalità e, tra le altre, ha anche chiesto a Google di mettere a disposizione un modo per poter visualizzare un burn down chart all’interno dell’interfaccia, per fornire ai guidatori delle ulteriori preziosi informazioni riguardo la batteria del proprio veicolo.

Tuttavia dobbiamo segnalare che ABRP, per ora, è l’unica app di navigazione che è possibile utilizzare anche sullo schermo del telefono mentre Android Auto è in esecuzione, con tanto di bottone predisposto per inviare un itinerario ad Android Auto. Di contro, in base ai nostri test, non vi è il supporto alla modalità split screen di Android Auto e lo spazio secondario rimane completamente nero.

Insomma una compatibilità che per ora è ad uno stato abbastanza primordiale, ma ABRP vuole seriamente impegnarsi per portare un’esperienza a tutto tondo della sua app sul sistema di Google. Voi avete mai provato ABRP? La trovate comoda per pianificare le vostre soste di ricarica elettrica? Avete provato il supporto ad Android Auto? Fatecelo sapere nei commenti e nel nostro gurppo Facebook Android Auto Italia.

 

L’articolo Il navigatore ABRP per le auto elettriche in beta su Android Auto sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il navigatore ABRP per le auto elettriche in beta su Android Auto

Croci Divisorio Auto Sedili Anteriori


Fornitore: Amici e Natura iTALIA
Tipo: Accessori
Prezzo: 52.93

Marca: Croci

Caratteristiche:

  • Impedisce ai cani di accedere alla parte anteriore del veicolo
  • Si installa tra i due poggiatesta in modo facile e veloce
  • Misura 80,5-100×30,5-42 cm

Dettagli: Descrizione Linea di divisori auto made in Italy Il DIVISORIO AUTO PER SEDILI ANTERIORI impedisce ai cani di accedere alla parte anteriore del veicolo. Si installa tra i due poggiatesta in modo facile e veloce. Si adatta ad ogni veicolo dotato di poggiatesta anteriori.Misura 56×74,5 cm. Il DIVISORIO AUTO TELESCOPICO PER BAGAGLIAIO si adatta ad ogni veicolo dotato di poggiatesta posteriori. Telescopico, facile da montare e regolare. Misura 80,5-100×30,5-42 cm. I due modelli sono combinabili. Contenuto della confezione Divisorio Auto Sedili Anteriori

EAN: 8023222152755


Croci Divisorio Auto Sedili Anteriori

Croci Safety Belt Gancio per Auto per Cane 20 mm


Fornitore: CROCI
Tipo: Accessori
Prezzo: 3.60

  • Gancio per cintura di sicurezza
  • Da fissare alla cintura di sicurezza della vettura
  • Accessorio indispensabile per trasportare il vostro animale senza arrecare danno al conducente.
  • Può essere appeso all’ imbracatura o al collare (non inclusi
  • Non compatibile con vetture Volvo e Ford

Gancio con parte terminale a fissare alla cintura di sicurezza dell’ auto. Accessorio indispensabile per trasportare il vostro animale senza danno al conduttore. Può essere fissato all’ imbracatura o al collare (non inclusi). Non compatibile con vetture Volvo e Ford


Croci Safety Belt Gancio per Auto per Cane 20 mm

Ferplast Trasportino per Cani da Auto ATLAS CAR MINI 72 x 41 x h 51 cm con Griglie per l’Aerazione, Tappeto Drenante Incluso

Marca: Ferplast

Caratteristiche:

  • Trasportino per cani, progettato per essere inserito nel bagagliaio della maggior parte delle auto; realizzato in resistente resina termoplastica
  • Porta in acciaio plastificato, scorrevole e bidirezionale, si apre sia a destra che a sinistra
  • Molto maneggevole grazie alle maniglie laterali, ampie griglie di ventilazione per un ambiente ben aerato
  • Tappeto drenante incluso per un ambiente ottimale sempre asciutto
  • Modello consigliato per cuccioli o cani di taglia piccola; dimensioni complessive: 72 x 41 x h 51 cm; portata massima 10 kg

Dettagli: Descrizione Se dovete viaggiare con il vostro cane in macchina, ecco un ottimo prodotto resistente che renderà i vostri viaggi tranquilli e confortevoli. I trasportini Atlas Car di Ferplast sono specificamente disegnati per per essere posizionati nel bagagliaio delle principali automobili, sono realizzati in plastica robusta ma leggera e sono completi di manici sulla parte superiore per facilitarne gli spostamenti. Il box è molto sicuro grazie agganci laterali che fissano saldamente la parte superiore con quella inferiore. La porta si apre scorrendo sia a destra che a sinistra. Per un ambiente sempre asciutto, il box è dotato di pratico tappeto drenante; apposite fessure di ventilazione assicurano l’areazione all’interno del trasportino. Scegliete il modello in base alla taglia del vostro animale domestico. Portata massima: 10 kg. Contenuto della confezione 1 x trasportino, 1 x tappeto igienico

EAN: 8010690086804


Ferplast Trasportino per Cani da Auto ATLAS CAR MINI 72 x 41 x h 51 cm con Griglie per l’Aerazione, Tappeto Drenante Incluso