Il casting in auto e le altre novità dell’ecosistema Android

Sul palco del Google I/O 2022 non poteva mancare la parola ecosistema. Del resto un’azienda come Google, che produce software, hardware e servizi, è l’esempio perfetto per parlarne: “le cose sono più semplici se i vostri dispositivi comunicano e lavorano tutti assieme“.

Con Android che è il cuore pulsante di smartphone, smartwatch, tablet, TV e anche automobili, per non citare cuffie, speaker, laptop e altro, Google punta ad introdurre ulteriori novità che ci semplifichino la giornata, letteralmente.

Ecco quindi che “il casting” di contenuti sarà sempre più universale, ed i dispositivi Chromecast built-in, con i quali guardare video e ascoltare musica, aumenteranno ancora, con nuovi partner e prodotti, come ad esempio i Chromebook, ma anche le auto (probabilmente con Android Automotive, non sappiamo se anche Android Auto). 

Inoltre sarà possibile passare automaticamente l’audio dalle cuffie, mentre state guardando un film, al telefono, qualora arrivasse una chiamata.

Ed a proposito di cuffie ed altri dispositivi, Fast Pair supporterà nuovi dispositivi, grazie anche al supporto per lo standard Matter incluso in Android.

Infine, sarà presto possibile copiare un’immagine o un URL dal proprio telefono e incollarle sul proprio tablet al volo. E questi sono solo alcuni esempi di come Google voglia rendere noi, e i nostri dispositivi, sempre più inter-connessi.

 

L’articolo Il casting in auto e le altre novità dell’ecosistema Android sembra essere il primo su Androidworld.


Il casting in auto e le altre novità dell’ecosistema Android

Per molte famiglie è la bicicletta elettrica l’alternativa alla seconda auto

AGI – Con la crisi energetica in corso e i prezzi della benzina schizzati alle stelle, la necessità di muoverci in maniera ecologica, in bici e in e-bike, è sempre più impellente. Tant’è che basta guardarsi intorno e osservare come la vendita di e-bike abbia registra aumenti a doppia cifra, superando la vendita di quelle tradizionali.

I numeri e loro progressione parlano chiaro: secondo i dati dell’Ancma, l’Associazione sindacale di categoria che riunisce le aziende italiane costruttrici di veicoli a 2 e 3 ruote (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) nel 2020 sono state vendute in Italia oltre 2 milioni di biciclette, di cui 280mila e-bike (pari al 14% del totale, erano appena il 3,5% nel 2015), ovvero il 17% in più rispetto al 2019 (+14% le bici tradizionali, +44% le bici elettriche). E nei primi sei mesi del 2021, di e-bike ne sono state già vendute 157.000 (+12% rispetto allo stesso periodo del 2020). Un trend che, è facilmente prevedibile, continuerà a salire anche quest’anno, proprio per l’acutizzarsi dei rincari dei carburanti.

Un mercato quello delle biciclette che è quindi in forte espansione, tanto che il 18° Rapporto Audimob sulla mobilità mette in luce come l’attitudine alla mobilità delle persone sia cambiata, specie dopo la pandemia da Covid-19, fenomeno che interessa gli ultimi due anni. Tant’è che si può tranquillamente dire che per molti le e-bike in città sono diventate competitive, se non con la prima auto quantomeno con la seconda, anche se questa può sempre essere di dimensioni ridotte, genere Smart o “macchinetta”.

Il mercato della bici era invece tornato a crescere già dal 2018, tant’è che la produzione italiana ha fatto segnare un +20%, trainata dal fenomeno della bicicletta elettrica, in una filiera che conta circa 2.900 imprese, 17mila addetti e produce ricavi per 9 miliardi di euro annui, come ha rivelato lo scorso settembre l’ultimo Rapporto Market Watch di Banca Ifis. E nel 2021 il trend sembra continuare: sono infatti 295mila le biciclette a pedalata assistita vendute nel 2021, +5% sull’anno precedente, mentre le biciclette tradizionali, con 1.680.000 pezzi venduti, segnano una leggera flessione (-3%), sempre secondo le stime annuali diffuse da Confindustria Ancma.

Insomma, la bici sembrerebbe averne fatta di strada e quella elettrica in particolare se è arrivata a intaccare l’egemonia dell’auto (magari della seconda auto) diventandone una possibile quanto valida alternativa. Le e-bike si sono dimostrate a tutti gli effetti un fenomeno davvero rivoluzionario perché, quantomeno, hanno già permesso di allargare la fascia di utenza a persone che altrimenti non avrebbero mai preso in considerazione l’uso di una bici. Un vero e proprio cambiamento culturale che ha iniziato a erodere il concetto secondo cui gli spostamenti si possono fare solo con l’automobile.

Secondo la rivista online “Qm Quotidiano Motori” sono addirittura 10 i motivi validi per acquistare un e-bike nel corso del 2022: per prima cosa à che “si rimane in una buona forma fisica e facilita l’allenamento”, il vento che soffia contrario e che scoraggia non costituirà più un problema, le salite diventano meno impegnative e più facilmente superabili, si riducono le emissioni di carbonio, le e-bike sono più economiche delle automobili, si attraversano le vie del centro in minor tempo, si può fare del magnifico cicloturismo, pedalare diventa più divertente e facile, infine: “esiste una e-bike adatta per ogni esigenza” e anche evenienza. 


Per molte famiglie è la bicicletta elettrica l’alternativa alla seconda auto

Trasportino per Cani da Auto – ATLAS CAR MINI 72 x 41 x h 51 cm | Ferplast


Fornitore: FERPLAST
Tipo: TRASPORTINI CANI
Prezzo: 72.78

Ferplast Trasportino per Cani da Auto ATLAS CAR MINI 72 x 41 x h 51 cm con Griglie per l’Aerazione, Tappeto Drenante Incluso

Marca: Ferplast

Caratteristiche:

  • Trasportino per cani, progettato per essere inserito nel bagagliaio della maggior parte delle auto; realizzato in resistente resina termoplastica
  • Porta in acciaio plastificato, scorrevole e bidirezionale, si apre sia a destra che a sinistra
  • Molto maneggevole grazie alle maniglie laterali, ampie griglie di ventilazione per un ambiente ben aerato
  • Tappeto drenante incluso per un ambiente ottimale sempre asciutto
  • Modello consigliato per cuccioli o cani di taglia piccola; dimensioni complessive: 72 x 41 x h 51 cm; portata massima 10 kg

Dettagli: Descrizione Se dovete viaggiare con il vostro cane in macchina, ecco un ottimo prodotto resistente che renderà i vostri viaggi tranquilli e confortevoli. I trasportini Atlas Car di Ferplast sono specificamente disegnati per per essere posizionati nel bagagliaio delle principali automobili, sono realizzati in plastica robusta ma leggera e sono completi di manici sulla parte superiore per facilitarne gli spostamenti. Il box è molto sicuro grazie agganci laterali che fissano saldamente la parte superiore con quella inferiore. La porta si apre scorrendo sia a destra che a sinistra. Per un ambiente sempre asciutto, il box è dotato di pratico tappeto drenante; apposite fessure di ventilazione assicurano l’areazione all’interno del trasportino. Scegliete il modello in base alla taglia del vostro animale domestico. Portata massima: 10 kg. Contenuto della confezione 1 x trasportino, 1 x tappeto igienico

EAN: 8010690086804


Trasportino per Cani da Auto – ATLAS CAR MINI 72 x 41 x h 51 cm | Ferplast

Trasportino per Cani da Auto – ATLAS CAR 100, 100 x 60 x h 66 cm | Ferplast


Fornitore: FERPLAST
Tipo: TRASPORTINI CANI
Prezzo: 132.40

Ferplast Trasportino per Cani da Auto ATLAS CAR 100, 100 x 60 x h 66 cm Griglie per l’Aerazione, Vani Porta Oggetti, Tappeto Drenante

Marca: Ferplast

Colore: Grigio

Caratteristiche:

  • Trasportino per cani, progettato per essere inserito nel bagagliaio della maggior parte delle auto; realizzato in resistente resina termoplastica
  • Porta in acciaio plastificato, scorrevole e bidirezionale, si apre sia a destra che a sinistra, con chiusura di sicurezza
  • Molto maneggevole grazie alle maniglie laterali, ampie griglie di ventilazione per un ambiente ben aerato
  • Pratici vani porta oggetti per riporre accessori utili, tappeto drenante incluso
  • Modello consigliato per un cane di taglia grande oppure due cani di taglia medio – piccola; dimensioni complessive: 100 x 60 x h 66 cm; portata massima: 40 kg

Dettagli: Descrizione Se dovete viaggiare con il vostro cane in macchina, ecco un ottimo prodotto resistente che renderà i vostri viaggi tranquilli e confortevoli. I trasportini Atlas Car di Ferplast sono specificamente disegnati per per essere posizionati nel bagagliaio delle principali automobili, sono realizzati in plastica robusta ma leggera e sono completi di manici sulla parte superiore per facilitarne gli spostamenti. Il box è molto sicuro grazie agganci laterali che fissano saldamente la parte superiore con quella inferiore. La porta si apre scorrendo sia a destra che a sinistra, è dotata di chiusura di sicurezza. Per un ambiente sempre asciutto, il box è dotato di pratico tappeto drenante; apposite fessure di ventilazione assicurano l’areazione all’interno del trasportino. Infine, per riporre gli accessori ci sono due grandi vani porta oggetti sulla parte superiore. Scegliete il modello in base alla taglia del vostro animale domestico. Portata massima: 40 kg. Contenuto della confezione 1 x trasportino, 1 x tappeto igienico

EAN: 8010690063638


Trasportino per Cani da Auto – ATLAS CAR 100, 100 x 60 x h 66 cm | Ferplast

Motorola lancia l’accessorio per avere Android Auto wireless a 90 euro

Android Auto è il sistema di infotainment che Google offre per sfruttare tutte le potenzialità di Android in modo sicuro e ottimizzato alla guida. Al momento la maggior parte delle auto che lo supporta necessità del collegamento con cavo.

Lo scorso anno abbiamo visto arrivare uno dei primi dongle per rendere Android Auto wireless più funzionanti su larga scala. L’accessorio ha avuto un grande successo si Indiegogo, così Motorola sembra aver colto la palla al balzo. L’azienda ha infatti appena lanciato il suo Android Auto MA1. Si tratta di un dongle per rendere wireless Android Auto estremamente simile a quello lanciato su Indiegogo per concezione.

Come vedete dalle immagini nella galleria in basso, il dispositivo è molto contenuto in termini di dimensioni e ha l’uscita USB per il collegamento con il box Android Auto delle vetture che lo supportano. L’MA1 si servirà del Bluetooth per accoppiarsi allo smartphone e poi al Wi-Fi a 5 GHz per la trasmissione dei dati.

Il nuovo accessorio Android Auto di Motorola arriva sul mercato a 89,95 euro. Al momento è possibile preordinarlo soltanto con consegna negli Stati Uniti, con spedizione previste a partire dal 30 gennaio. Motorola non sa se lo lancerà anche in Europa, potete iscrivervi alla newsletter del prodotto per essere tra i primi ad essere aggiornati sulle prossime novità che lo riguardano.

Chiaramente per usarlo sarà necessario possedere un dispositivo compatibile con Android Auto nella propria vettura.

L’articolo Motorola lancia l’accessorio per avere Android Auto wireless a 90 euro sembra essere il primo su Androidworld.


Motorola lancia l’accessorio per avere Android Auto wireless a 90 euro

Android Auto e Maps non vanno d’accordo: un nuovo bug rende impossibile usare l’app

Un nuovo bug sta tormentando alcuni utenti Android Auto che vogliono utilizzare Google Maps per la navigazione: l’app infatti continua ad andare in crash e dunque a riavviarsi continuamente, senza permettere di guardare la mappa.

Il problema in questione è stato portato alla luce recentemente da utenti che possiedono smartphone di brand cinesi (i più colpiti sono Vivo e Huawei), ma anche alcuni possessori di Google Pixel 3 hanno lamentato il medesimo bug. Google, al momento in cui stiamo scrivendo, non ha dichiarato nulla in merito.

Non c’è una soluzione a questo problema: il bug sembra affliggere sia quando collegati via wireless che via cavo. Non resta quindi che attendere un fix da Google.

L’articolo Android Auto e Maps non vanno d’accordo: un nuovo bug rende impossibile usare l’app sembra essere il primo su Androidworld.


Android Auto e Maps non vanno d’accordo: un nuovo bug rende impossibile usare l’app

L’accordo tra Stellantis e Lg per dare una svolta alla produzione di auto elettriche

AGI – Stellantis e LG Energy Solution creeranno una joint venture per la produzione di batterie agli ioni di litio in Nord America: il nuovo impianto avrà una capacità di produzione annuale di 40 gigawattora e l’avvio è previsto per il primo trimestre del 2024.

A renderlo noto un comunicato del gruppo automobilistico, che sottolinea come “questa joint venture avrà come risultato la creazione di un nuovo impianto per la produzione di batterie, che contribuirà a raggiungere l’obiettivo di Stellantis di portare le vendite di veicoli elettrificati a oltre il 40% del totale negli Stati Uniti entro il 2030″.

Le batterie prodotte nel nuovo impianto saranno fornite agli stabilimenti di assemblaggio Stellantis negli Stati Uniti, in Canada e in Messico per l’installazione sui veicoli elettrici di prossima generazione, che vanno dagli ibridi plug-in ai veicoli full electric a batteria, venduti nell’ambito del portfolio dei marchi Stellantis.

La gigafactory aiuterà il gruppo a “raggiungere, come minimo, un totale di 260 gigawattora di capacità entro il 2030”. A sottolinearlo, commentando l’annuncio, l’ad della casa automobilistica, Carlos Tavares, secondo cui la nuova mossa “è un’ulteriore dimostrazione del fatto che stiamo mettendo in atto la nostra inarrestabile tabella di marcia verso l’elettrificazione e stiamo dando seguito agli impegni presi in occasione dell’evento EV Day di luglio”.

Stellantis prevede di investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 nell’elettrificazione e nello sviluppo software e punta a mantenere il 30% di efficienza in più rispetto alla media del settore nel rapporto tra la spesa totale di ricerca e sviluppo e in conto capitale rispetto ai ricavi.

“Creare una joint venture con Stellantis sarà un capitolo storico della nostra partnership di lunga data”, ha dichiarato Jong-hyun Kim, presidente e ad di LG Energy Solution. “Utilizzando le nostre competenze tecniche collettive e individuali e la capacità di produzione di massa, ci posizioneremo come fornitore di soluzioni per batterie per i potenziali clienti della regione“.

La partnership tra le due aziende nell’ambito dei veicoli elettrificati risale al 2014, quando LG Energy Solution (allora LG Chem) venne selezionata da Stellantis (allora Fiat Chrysler Automobiles) per fornire il sistema di batterie agli ioni di litio e i controlli per la Chrysler Pacifica Hybrid, il primo minivan elettrificato del settore.


L’accordo tra Stellantis e Lg per dare una svolta alla produzione di auto elettriche