ROG Phone 3 è pronto per Android 12: ASUS rilascia la prima beta

Sembra che ASUS ci tenga davvero molto al supporto dei propri smartphone: l’azienda taiwanese ha infatti rilasciato quasi a sorpresa l’aggiornamento beta di Android 12 per il suo ROG Phone 3, dispositivo rilasciato ormai da due anni. In realtà, ASUS aveva comunque promesso l’update a Android 12 per lo smartphone durante il secondo trimestre del 2022.

Android 12 porta davvero tante novità su ASUS ROG Phone 3: oltre a tutte le feature incluse con la nuova versione del sistema operativo, non mancano miglioramenti, anche grafici, alla ZenUI e a tantissime app come File Manager, Calcolatrice, Orologio e tante altre. L’update in questione è caratterizzato dal numero build 31.0210.0210.160.

Per eseguire l’aggiornamento, è necessario scaricare il file OTA da qui, rinominarlo in UL-ASUS_I003_1-ASUS-31.0210.0210.160-1.1.5-user.zip e posizionarlo nella root della memoria interna: a questo punto, dopo aver riavviato il dispositivo, sarà possibile aggiornare direttamente dalle impostazioni. È necessario aver installata già la versione 18.0410.2203.201 del firmware prima di procedere.

Ricordiamo infine che si tratta pur sempre di una prima beta e dunque potrebbero esserci bug più o meno gravi: consigliamo dunque di attendere il rilascio della versione stabile, che dovrebbe avvenire nei prossimi mesi.

 

L’articolo ROG Phone 3 è pronto per Android 12: ASUS rilascia la prima beta sembra essere il primo su Androidworld.


ROG Phone 3 è pronto per Android 12: ASUS rilascia la prima beta

Apple rilascia iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5 RC: ecco l’ultima beta prima del rilascio finale

Siamo alle rifiniture finali per iOS 15.5 che vedremo, presumibilmente, la prossima settimana.

Link all’articolo originale: Apple rilascia iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5 RC: ecco l’ultima beta prima del rilascio finale


Apple rilascia iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5 RC: ecco l’ultima beta prima del rilascio finale

Apple rilascia il firmware 15.5 beta per Studio Display

Anche il nuovissimo Studio Display, il display professionale lanciato da Apple insieme a Mac Studio, riceve il suo primo firmware in fase di beta testing. L’azienda di Cupertino ha infatti rilasciato il firmware 15.5 in versione beta. Nelle scorse settimane l’azienda di Cupertino aveva promesso una fix per il suo Studio Display con l’intenzione di migliorare […]

Link all’articolo originale: Apple rilascia il firmware 15.5 beta per Studio Display


Apple rilascia il firmware 15.5 beta per Studio Display

Apple rilascia la beta 2 di iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5 [ANCHE PUBBLICA]

Gli sviluppatori possono scaricare la seconda beta di iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5.

Link all’articolo originale: Apple rilascia la beta 2 di iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5 [ANCHE PUBBLICA]


Apple rilascia la beta 2 di iOS 15.5, iPadOS 15.5, watchOS 8.6 e tvOS 15.5 [ANCHE PUBBLICA]

Niagara Launcher beta rende il minimalismo più elegante

Niagara Launcher, uno dei launcher più interessanti disponibili per Android, ha annunciato un corposo aggiornamento in arrivo. Tra le novità più interessanti, il launcher adesso potrà nascondere in una schermata secondaria le app non utilizzate spesso dall’utente così come mostrerà, in una finestra specifica, le app installate di recente.

Utilizzando la funzione di “Benessere digitale” di Android, il launcher informerà l’utente sulle app che stanno inviando più notifiche e scegliere, così, quali possono essere disattivate. In questo senso, gli sviluppatori hanno già affermato che presto verranno integrate ulteriori funzioni.

L’update, infine, apporta una serie di modifiche minori e correzioni di bug, come ad esempio il miglioramento del ridimensionamento dei caratteri, un’inedita schermata iniziale del launcher stesso ed una modalità scura per i dispositivi dotati della MIUI. Maggiori informazioni sono consultabili sul blog ufficiale di Niagara Launcher.

L’articolo Niagara Launcher beta rende il minimalismo più elegante sembra essere il primo su Androidworld.


Niagara Launcher beta rende il minimalismo più elegante

Come uscire dal programma beta di Android (senza perdere i propri dati)

L’introduzione della beta QPR da parte di Google ha creato un po’ di confusione nel mondo Android: in precedenza, dopo il rilascio della versione stabile del sistema operativo, il dispositivo era rimosso automaticamente dal programma beta, mentre adesso viene mostrata la notifica per installare la QPR Beta 1.

Ovviamente è sempre possibile uscire dal programma beta di Android, ma la procedura richiederà la formattazione completa del dispositivo, che ovviamente porterà alla completa eliminazione di tutti i dati. Fortunatamente l’utente Reddit ceskyvaclav ha trovato un modo per tornare ad una release stabile senza perdere i dati del proprio smartphone.

Per prima cosa, bisogna assicurarsi di non aver installato la QPR Beta 1 ma di essere rimasti ad una versione di Android 12.1: solo in questo caso, si potrà scaricare e installare il pacchetto OTA stabile di Android 12.1 (seguendo le instruzioni presenti sul sito Google). L’installazione andrà a buon fine poiché la versione installata sul proprio smartphone e quella del pacchetto OTA è la stessa, ma quest’ultimo ha una data di rilascio più recente (e dunque andrà a sostituire completamente la versione beta).

A questo punto la procedura è conclusa: basterà recarsi sul sito dedicato al programma beta di Android ed eliminare il proprio smartphone. Da tenere presente che per Pixel 6 e 6 Pro non è ancora disponibile il file OTA di Android 12.1, dunque al momento non è possibile eseguire la procedura (basta fare attenzione a non installare la QPR Beta 1 e attendere il rilascio dell’OTA di Android 12.1 per poter eseguire quanto descritto).

 

L’articolo Come uscire dal programma beta di Android (senza perdere i propri dati) sembra essere il primo su Androidworld.


Come uscire dal programma beta di Android (senza perdere i propri dati)

C’è un nuovo tipo di beta per Android, stavolta solo per i Pixel

Google offre già un programma di beta per alcuni smartphone Android che permette di provare le versioni per sviluppatori del sistema operativo, ma ora l’azienda ha deciso di iniziare ad effettuare test pubblici anche per i Pixel Feature Drop, ovvero aggiornamenti (questa volta solo per i propri dispositivi Pixel) che portano diverse novità.

In particolare, BigG “abbandona” le beta di Android 12L, rilasciato da poco, e passa ai Quarterly Platform Releases (QPR): dunque, gli smartphone Pixel che avevano aderito alla beta di Android 12L passeranno direttamente a QPR Beta 1 (e quindi non passeranno direttamente al canale di release stabili come accaduto fino ad oggi). Più nello specifico, questa Beta 1 offre test per il Feature Drop di giugno.

“La Beta 1, caratterizzata dalla sigla S3B1.220218.004, include miglioramenti alla funzionalità e all’esperienza utente, nonché le ultime correzioni di bug, ottimizzazioni e patch di sicurezza di marzo 2022”, ha dichiarato Google su Reddit. A questo punto, Google mantiene ben tre canali separati per le sue versioni di prova: quello stabile (ovvero Android 12L/12.1), quello delle beta QPR (con test dei Feature Drop) e infine quello delle Developer Preview (con Android 13).

La QPR Beta 1 è ora disponibile per Pixel 4, 4a, 5, 5a, 6 e 6 Pro ed è sempre possibile iscriversi al programma beta da questa pagina.

L’articolo C’è un nuovo tipo di beta per Android, stavolta solo per i Pixel sembra essere il primo su Androidworld.


C’è un nuovo tipo di beta per Android, stavolta solo per i Pixel

WhatsApp beta per Android: ancora al lavoro sulle Reazioni

I lavori per implementare le Reazioni in WhatsApp procedono spediti: gli sviluppatori dell’app hanno rilasciato un nuovo aggiornamento in beta, la versione 2.22.6.10, che nasconde indizi circa questa funzionalità, ormai in dirittura d’arrivo.

WABetaInfo ha infatti scoperto un menù non ancora accessibile che mostra come sarà possibile attivare le notifiche per le reazioni ricevute ai propri messaggi: tramite un interruttore posizionato nella schermata relativa alla gestione delle notifiche dell’app, si potrà dunque abilitare o meno questa opzione.

In ogni caso, le Reazioni non sono ancora disponibili per gli utenti, neppure nella versione beta. È lecito comunque aspettarsi un rilascio nelle prossime settimane, visto che recentemente sono stati scoperti diversi dettagli su questa attesa funzionalità.

L’articolo WhatsApp beta per Android: ancora al lavoro sulle Reazioni sembra essere il primo su Mobileworld.


WhatsApp beta per Android: ancora al lavoro sulle Reazioni

WhatsApp Desktop si aggiorna in beta: indizi sulle Reazioni ai messaggi anche su PC

WhatsApp lavora senza sosta per inserire le Reazioni ai messaggi nella sua app: dopo aver tanto parlato di questa funzione per quanto riguarda le app per Android e iOS, ecco che spuntanto nuovi dettagli per il client desktop di WhatsApp.

Gli sviluppatori hanno infatti rilasciato una nuova versione beta di WhatsApp Desktop, più precisamente la 2.2207.0: questa, come spesso accade per le versioni beta dell’app, non porta novità tangibili per gli utenti, ma è stato scovato uno screenshot che mostra come funzioneranno le Reazioni su desktop.

In poche parole, accanto al messaggio sarà presente un piccolo pulsante con l’icona di una emoji: cliccandolo, si aprirà la finestra con le varie Reazioni da scegliere. Il pulsante in questione non sarà sempre visibile, ma si paleserà solo quando il cursore del mouse sarà vicino ad un messaggio.

Come detto, questa funzione è in sviluppo e non è al momento presente neppure nella versione beta dell’app.

L’articolo WhatsApp Desktop si aggiorna in beta: indizi sulle Reazioni ai messaggi anche su PC sembra essere il primo su Mobileworld.


WhatsApp Desktop si aggiorna in beta: indizi sulle Reazioni ai messaggi anche su PC

WhatsApp beta: presto si potrà scegliere più facilmente chi può vedere gli Stati

Gli sviluppatori di WhatsApp hanno da poco rilasciato una nuova versione beta della propria app: la 2.22.6.2 non porta in realtà nessuna novità per gli utenti, ma ci offre un indizio riguarda una feature in sviluppo.

Presto infatti gli utenti potranno facilmente scegliere chi può vedere uno Stato: adesso, per poter cambiare queste opzioni, è necessario recarsi nelle impostazioni dell’app, mentre in futuro arriverà la possibilità di farlo semplicemente dalla scheda Stato, accessibile dalla barra in basso. In questa schermata, sarà presente un pulsante che permetterà di aprire la finestra riportata nello screenshot in basso, da dove si potrà scegliere chi può vedere lo Stato.

Come detto, questa funzione è ancora in sviluppo e non è disponibile neppure nella versione beta: con tutta probabilità, arriverà sulla versione stabile tra qualche settimana.

L’articolo WhatsApp beta: presto si potrà scegliere più facilmente chi può vedere gli Stati sembra essere il primo su Mobileworld.


WhatsApp beta: presto si potrà scegliere più facilmente chi può vedere gli Stati