Apple spiega come è migliorata la funzione di riconoscimento delle persone in iOS 15

In un post sul blog del machine learning di Apple, l’azienda spiega come è migliorata la funzione di riconoscimento delle persone in iOS 15.

Link all’articolo originale: Apple spiega come è migliorata la funzione di riconoscimento delle persone in iOS 15


Apple spiega come è migliorata la funzione di riconoscimento delle persone in iOS 15

L’impatto dei cinghiali sul clima pesa più di quello delle automobili

AGI – I cinghiali possono rilasciare circa 4,9 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno a livello globale, l’equivalente di inquinante prodotto da 1,1 milioni di automobili. A calcolarlo sono stati gli scienziati dell’Università del Queensland e dell’Università di Canterbury, che hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla rivista Global Change Biology.

Il team, guidato da Christopher O’Bryan dell’Università di Canterbury, ha utilizzato modelli predittivi della popolazione e tecniche di mappatura avanzate per valutare i danni climatici associati alla presenza dei cinghiali. Il gruppo di ricerca ha elaborato 10mila mappe della potenziale densità globale di suini selvatici, valutando i relativi danni provocati dalla specie e le conseguenti emissioni di carbonio. 

“La continua espansione della popolazione di questi animali – afferma l’autore – potrebbe rappresentare una minaccia per il clima. I maiali selvatici possono essere paragonati a trattori che arano i campi, rivoltando il terreno alla ricerca di cibo”. Il suolo, spiegano gli esperti, contiene circa il triplo del carbonio presente in atmosfera, per cui anche una piccola frazione può accelerare il cambiamento climatico.

“I nostri modelli – riporta il ricercatore – mostrano che i maiali selvatici stanno sradicando un’enorme quantità di terra, minacciando anche la biodiversità e la sicurezza alimentare, due elementi cruciali per lo sviluppo sostenibile”.

“Speriamo che questo lavoro possa contribuire a far sì che vengano adottate misure mirate per mitigare il cambiamento climatico – sostiene Nicholas Patton, dottorando presso l’Università di Canterbury – le specie invasive sono un problema causato dall’uomo, dobbiamo riconoscere e assumerci le responsabilità delle conseguenze ambientali ed ecologiche”.

Il controllo dei suini selvatici, sottolineano gli esperti, richiederà cooperazione e collaborazione. “Abbiamo molto lavoro da fare – concludono gli scienziati – ma nel frattempo dobbiamo continuare a proteggere e monitorare gli ecosistemi suscettibili alla presenza di specie invasive”. 


L’impatto dei cinghiali sul clima pesa più di quello delle automobili

WhatsApp Beta si aggiorna e migliora l’aspetto delle sue bubbles chat (foto)

La versione beta di WhatsApp per Android riceve un nuovo aggiornamento che la porta alla versione 2.21.13.2.

Questo nuovo update apporta all’applicazione di messaggistica una modifica per quanto riguarda il suo design, e nel dettaglio interessa le bubbles chat. Infatti, dando un’occhiata allo screenshot messo a disposizione dai colleghi di WABetainfo, che trovate nella galleria in basso, le vignette di conversazione nelle chat risultano essere migliorate e arrotondate.

LEGGI ANCHE: Recensione Realme GT

Questo nuovo aspetto è disponibile per tutti i beta tester a partire da oggi, e inoltre ricordiamo che per ricevere gli aggiornamenti in beta su Android è possibile iscriversi al programma di testing ufficiale visitando la seguente pagina.

Immagini

L’articolo WhatsApp Beta si aggiorna e migliora l’aspetto delle sue bubbles chat (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


WhatsApp Beta si aggiorna e migliora l’aspetto delle sue bubbles chat (foto)

Instagram ha delle novità sui like, ma lascia gli utenti liberi di decidere

Ci sono delle novità in vista per il conteggio dei like di Instagram. Il noto social network offrirà infatti ai suoi utenti la possibilità di scegliere se non vedere i conteggi dei like sui post di nessuno, disattivarli per i propri post o mantenere l’esperienza classica. L’azienda stessa ha annunciato un “piccolo test globale” che presenterà agli utenti le tre alternative, e sembra che anche Facebook stia “lavorando su un’esperienza simile”.

LEGGI ANCHE: Telegram invita a bypassare il Play Store

Un primo test di Instagram riguardante questa delicata funzione ed effettuato qualche anno fa, nascondeva il conteggio dei like pubblici ad alcuni utenti scelti a caso nel mondo, senza dargli possibilità di scelta. All’epoca l’obiettivo era quello di far concentrare le persone “sulle foto e i video condivisi, e non sul numero di like ottenuti”. Gli influencer inizialmente temevano che questo potesse avere un impatto negativo sugli accordi con i brand che sponsorizzavano, ma il problema non sussisteva, in quanto erano comunque in grado di visualizzare i loro conteggi privatamente condividendoli poi con i partner. Questo nuovo modo di offrire la funzione potrebbe essere invece utile a molte persone che vogliono andare oltre alla superficialità.

Anche Facebook ha effettuato dei test nascondendo il conteggio dei like pubblici, reazioni e visualizzazioni video nel 2019. Non è ancora chiaro se questo nuovo test sarà invece applicato a tutte quelle funzioni oppure solo al conteggio dei like sui post.

L’articolo Instagram ha delle novità sui like, ma lascia gli utenti liberi di decidere sembra essere il primo su AndroidWorld.


Instagram ha delle novità sui like, ma lascia gli utenti liberi di decidere

Google Traduttore è nell’olimpo delle app più scaricate su Android

Le app e i servizi offerti da Google per i dispositivi mobili sono sicuramente tra i più usati, grazie alla frequenza di aggiornamento e alla loro affidabilità. Tra questi troviamo sicuramente il suo Traduttore.

L’app Android di Google Traduttore ha appena tagliato un traguardo storico: l’app ha raggiunto il miliardo di download sul Play Store. Un numero che comunque tiene anche conto del fatto che l’app arriva preinstallata su alcuni device. Google ha investito parecchio nell’implementazione di feature software nel suo Traduttore, e questo sta dando i suoi frutti: si stima che l’app processi circa 100 miliardi di parole al giorno.

LEGGI ANCHE: POCO X3 Pro, la recensione

Poco importa se il periodo attuale è dei meno felici per le app di traduzione, viste le forti limitazioni sui viaggi che più o meno tutti stiamo sperimentando intorno al mondo. Fateci sapere se Google Traduttore è anche il vostro riferimento oppure se vi avvalete di alternative.

L’articolo Google Traduttore è nell’olimpo delle app più scaricate su Android sembra essere il primo su AndroidWorld.


Google Traduttore è nell’olimpo delle app più scaricate su Android

Wave Onda Castello delle Fiabe


Fornitore: AMTRA
Tipo: Decorazioni
Prezzo: 6.78

  • Ornamenti per acquari
  • Castello delle fiabe
  • Soggetti misti
  • Resina atossica
  • Diverse misure

Bellissimi ornamenti per acquario in resina colorata e atossici. Perfetto per ricreare ambienti protetti e aree ideali per la riproduzione dei pesci. Disponibile in varie forme e dimensioni per adattarsi a tutti i tipi di acquari, sia d’acqua dolce che marina. Vari stili disponibili: Giappone, Zen, Maya, Egitto, Roma antica e Grecia, Pirati e teschi.


Wave Onda Castello delle Fiabe

La Google Camera si aggiorna con una delle novità che stavate cercando (foto)

Google ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento per la sua Google Fotocamera, l’ormai famosa app che si occupa della gestione di scatti e video sui dispositivi Android compatibili, notoriamente i Pixel.

L’update per l’app di Google introduce un’interessante novità per le modalità di registrazione dei video. Si tratta della funzionalità per registrare i video rapidamente, tenendo premuto il pulsante di scatto: l’immagine in galleria mostra come sarà possibile effettuare lo zoom, tramite il trascinamento verso l’alto del pulsante di scatto, o passare alla modalità a mano libera. Quest’ultima permetterà di continuare la registrazione video anche dopo aver lasciato il pulsante di scatto.

LEGGI ANCHE: Google Pixel 5, la recensione

La novità è inclusa nell’ultimo aggiornamento rilasciato per l’app Google Fotocamera, corrispondente alla build 8.2.204. Questo è attualmente in fase di distribuzione automatica attraverso il Play Store per gli smartphone compatibili, qui sotto trovate il badge di download.

L’articolo La Google Camera si aggiorna con una delle novità che stavate cercando (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


La Google Camera si aggiorna con una delle novità che stavate cercando (foto)

AMTRA ALGENKUR X – controllo naturale delle alghe in acquario, trattamento dell’acqua, Formato 20 fiale x 5 ml


Fornitore: AMTRA
Tipo:
Prezzo: 24.50

AMTRA ALGENKUR X – controllo naturale delle alghe in acquario, trattamento dell’acqua, Formato 20 fiale x 5 ml

  • AZIONE: batteri ed enzimi che tramite una rapida azione sinergica entrano naturalmente in competizione alimentare con alghe e batteri patogeni, depurando l’acqua e sottraendo loro preziosi nutrienti
  • BENEFICI: i nutrienti disponibili in acqua vengono rapidamente assimilati riducendo la proliferazione delle alghe. Chiarifica l’acqua aumentando la luce. Contrasta lo sviluppo di batteri patogeni
  • COMPOSIZIONE: miscela bilanciata di batteri ed enzimi utile a contrastare in modo naturale l’insorgenza di alghe in acquario e nei laghetti ornamentali
  • DOSAGGIO: acqua dolce e marina 1ml ogni 50lt a settimana per le prime 12 settimane dall’allestimento. Dosaggio massimo di 1ml ogni 20lt. Conservare a basse temperature una volta aperta la fialetta.
  • FORMATO: 20 Fiale da 5 ml cad = 100 ml

 

Descrizione

AMTRA ALGENKUR X è una soluzione bilanciata di batteri ed enzimi che tramite una rapida azione sinergica competono naturalmente con alghe e batteri patogeni, sottraendo loro preziosi nutrienti. Chiarifica l’acqua aumentando così la luce a favore delle piante. Innocuo per invertebrati, Zooxantelle ed alghe superiori.

La riduzione degli inquinanti contrasta naturalmente la proliferazione di alghe e batteri patogeni. AMTRA ALGENKUR X è una miscela bilanciata di batteri ed enzimi utile a contrastare in modo naturale l’insorgenza di alghe in acquario e nei laghetti ornamentali: i nutrienti disponibili in acqua vengono rapidamente assimilati da AMTRA ALGENKUR X riducendo di fatto la sgradevole proliferazione delle alghe.

La migliorata qualità dell’acqua e l’azione sinergica di questi batteri ed enzimi contrastano inoltre lo sviluppo di batteri patogeni. La bellezza dell’acquario sarà favorita grazie al perfetto equilibrio che AMTRA ALGENKUR X è in grado di garantire. Il prodotto è assolutamente innocuo per flora e fauna, invertebrati, Macroalghe e Zooxantelle e può essere utilizzato anche in presenza di Zeoliti, resine o carboni nei filtri. DOSAGGIO: acqua dolce e marina 1ml ogni 50lt a settimana per le prime 12 settimane dall’allestimento di un nuovo acquario per contrastare l’insorgenza di sgradevoli alghe nella fase di maturazione biologica della vasca. Il dosaggio può essere aumentato in caso di necessità fino a 1ml ogni 20lt.

In acquari già avviati in cui si hanno problemi di alghe: acqua dolce e marina 1ml ogni 10l a settimana per le prime 4 settimane e successivamente 1ml ogni 20l fino al raggiungimento del risultato. Evitare il sovradosaggio. Agitare bene prima dell’uso. Si consiglia di conservare a basse temperature (frigorifero) una volta aperta la fialetta. Fiala da 5ml.

Contenuto della confezione

ALGENKUR X 20 FIALE


AMTRA ALGENKUR X – controllo naturale delle alghe in acquario, trattamento dell’acqua, Formato 20 fiale x 5 ml

Il traffico dati mobile ha toccato un nuovo record in Italia: il merito è anche delle tariffe degli operatori (foto)

A partire ormai dallo scorso anno tante abitudini sono cambiate, a partire da quelle lavorative, a causa della pandemia di COVID-19. Tra i tanti aspetti che hanno subito dei cambiamenti troviamo sicuramente il traffico dati generato dagli utenti italiani.

Stando ai numeri raccolti ed elaborati dal AGCOM, il Garante italiano per le Telecomunicazioni, il mese di gennaio 2021 è stato quello in cui è stato generato più traffico dati da rete mobile di sempre in Italia. Si parla di un incremento di addirittura del 60% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Come vedete dal grafico presente in galleria, in cui viene rappresentato l’andamento del traffico dati da rete mobile e il traffico vocale, l’andamento ha visto dei picchi in corrispondenza dei periodi di maggiori restrizioni imposte in Italia.

LEGGI ANCHE: CarDongle, la recensione

Mentre il grafico mostra qualcosa di assolutamente prevedibile, non ci si aspettava che ad incrementare maggiormente fosse il traffico dati da rete mobile, visto che gli utenti si sono spostati meno nel periodo in esame rispetto allo scorso anno. Tale incremento potrebbe essersi verificato in risposta alla saturazione delle reti casalinghe, soprattutto nelle zone geografiche poco servite dalle infrastrutture di rete.

Altro fattore che potrebbe aver contribuito a tale record consiste nella concorrenza sempre agguerrite nel mercato degli operatori mobili, la quale permette l’accesso a ricchi bundle di traffico dati, ormai anche in 5G, a prezzi molto spesso inferiori ai 10€ al mese.

L’articolo Il traffico dati mobile ha toccato un nuovo record in Italia: il merito è anche delle tariffe degli operatori (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il traffico dati mobile ha toccato un nuovo record in Italia: il merito è anche delle tariffe degli operatori (foto)

Lo sviluppatore di gReader parla delle recenti lamentele riguardo l’ultimo aggiornamento dell’app

Vi abbiamo già parlato del tanto atteso aggiornamento di gReder, popolare aggregatore di feed RSS che ha ricevuto il primo update dopo ben quattro anni di inattività. Purtroppo però, dopo l’euforia iniziale, gli utenti hanno iniziato a storcere il naso a riguardo di alcune scelte fatte dallo sviluppatore dell’app, che ha parlato ad Android Police proprio di questo.

LEGGI ANCHE: LG presenta le nuove true wireless con cancellazione del rumore attiva

È stato spiegato il motivo dell’assenza temporanea da Play Store dell’app, intorno al 2018: gReader infatti non era stata aggiornata per rispettare le norme e le regole del GDPR, per cui lo sviluppatore si era visto costretto a rimuovere il software. La versione gratuita è in seguito ritornata, ma quella Pro no.

Per quanto riguarda questo, è bene ricordare che gReader era prima disponibile in due varianti ben distinte: una gratuita, supportata da pubblicità, e una a pagamento che, al costo di 5$ , non presentava alcun annuncio. Adesso invece, lo sviluppatore ha deciso di rimuovere la versione Pro, in favore di un modello ad abbonamento mensile (di 1$ ) o annuale (di 8,50$ ).

I clienti della versione Pro saranno però ancora in grado di scaricare da Github l’apk dell’app e lo sviluppatore ha assicurato che gli utenti potranno contattarlo e verrà offerto loro l’abbonamento per un anno. Si è parlato ovviamente dei motivi di questa scelta: si tratta, a detta dello sviluppatore, dell’unico modo per generare una fonte di guadagno da gReader tale da poter lavorare all’app a tempo pieno.

L’articolo Lo sviluppatore di gReader parla delle recenti lamentele riguardo l’ultimo aggiornamento dell’app sembra essere il primo su AndroidWorld.


Lo sviluppatore di gReader parla delle recenti lamentele riguardo l’ultimo aggiornamento dell’app