Il mirroring dello smartphone su PC con scrcpy è ora possibile anche su Android 12

Il tool da linea di comando scrcpy (screen copy) è un programma open source che serve ad effettuare il mirroring dello schermo dello smartphone su PC (Windows, macOS e Linux) e consente di eseguire diverse azioni, come registrare il tutto o effettuare screenshot.

LEGGI ANCHE: L’app Google continua a interrompersi: come risolvere

Il funzionamento di scrcpy è molto semplice: il software è formato da due componenti, un’app server che viene “installata” su smartphone tramite ADB e un client da utilizzare su PC. Fino ad Android 12, il tutto si basava sulla creazione di un “secure display”, pratica non più supportata dall’ultima versione del sistema operativo e che portava al crash istantaneo di scrcpy.

Fortunatamente il tutto è stato risolto nell’ultimo aggiornamento 1.18 del tool, grazie ad una completa riscrittura del codice dell’app server. Oltre alla correzione di questo problema, arriva anche la possibilità di utilizzare il flusso video proveniente dallo smartphone come una sorgente webcam su Linux o come sorgente su programmi come OBS.

Per scaricare scrcpy, basterà recarsi sulla pagina Github del progetto, che contiene inoltre tutte le istruzioni per l’installazione ed il corretto funzionamento.

Add support for Android 12
Add support for V4L2 (device screen capture as a webcam)
Add an option to lock the initial video orientation
Add an option to power off the device on close
Bind 4th mouse button to APP_SWITCH
Bind 5th mouse button to expand notification panel
Expand settings panel on double-expand notification panel
Push to /sdcard/Download by default
Center the window on resize-to-fit
Increase possible display id range
Log input events in verbose mode
Fix touch events parameters
Fix left click on Samsung Browser
Remove option –render-expired-frames
Pass scrcpy-noconsole arguments through to scrcpy on Windows
Upgrade platform-tools to 31.0.2 (adb) in Windows releases
Various technical fixes

L’articolo Il mirroring dello smartphone su PC con scrcpy è ora possibile anche su Android 12 sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il mirroring dello smartphone su PC con scrcpy è ora possibile anche su Android 12

Union Bio® Philogastro 5 Litri – Protezione Quotidiana Dello Stomaco Del Cavallo

Union Bio® Philogastro 5 Litri – Protezione Quotidiana Dello Stomaco Del Cavallo, Prodotto Naturale Per Benessere E L’omeostasi Gastrica Del Cavallo, Ristabilisce Equilibrio Zona Gastrica Duodenale

Marca: Union Bio

Caratteristiche:

  • 🐴 È Un Mangime Complementare Con Estratti Di Piante Officinali Selezionate, Sottoposte A Ricerca Scientifica
  • 🐴 La Sua Formulazione È Finalizzata A Ristabilire L’equilibrio Acido/base Della Zona Gastrica E Duodenale
  • 🐴 Interviene Con Un’attività Modulata E Collaborativa Già Nelle Prime Fasi Di Esordio Delle Patologie Gastro-intestinali
  • 🐴 Aiuta A Ridurre Gli Effetti Degli Stimoli Stressogeni Sullo Stomaco E Sull’organismo
  • 🐴 Allevia Il Bruciore E Tranquillizza L‘animale

EAN: 8032958822870


Union Bio® Philogastro 5 Litri – Protezione Quotidiana Dello Stomaco Del Cavallo

Union Bio® Philogastro 1 Litro – Protezione Quotidiana Dello Stomaco Del Cavallo

Union Bio® Philogastro 1 Litro – Protezione Quotidiana Dello Stomaco Del Cavallo, Prodotto Naturale Per Benessere E L’omeostasi Gastrica Del Cavallo, Ristabilisce Equilibrio Zona Gastrica Duodenale

Marca: Union Bio

Caratteristiche:

  • 🐴 È Un Mangime Complementare Con Estratti Di Piante Officinali Selezionate, Sottoposte A Ricerca Scientifica
  • 🐴 La Sua Formulazione È Finalizzata A Ristabilire L’equilibrio Acido/base Della Zona Gastrica E Duodenale
  • 🐴 Interviene Con Un’attività Modulata E Collaborativa Già Nelle Prime Fasi Di Esordio Delle Patologie Gastro-intestinali
  • 🐴 Aiuta A Ridurre Gli Effetti Degli Stimoli Stressogeni Sullo Stomaco E Sull’organismo
  • 🐴 Allevia Il Bruciore E Tranquillizza L‘animale

EAN: 8032958823549


Union Bio® Philogastro 1 Litro – Protezione Quotidiana Dello Stomaco Del Cavallo

LG Rollable: nuove immagini rivelano le presunte dimensioni dello schermo dello smartphone arrotolabile (foto)

Nel periodo che abbraccia marzo 2021 LG Electronics dovrebbe presentare il suo primo smartphone arrotolabile, ossia l’LG Rollable, oppure LG Slide. Questo dispositivo è stato registrato lo scorso novembre e rientra tra i modelli dell’Explorer Project, l’idea pensata da LG per sviluppare una linea di smartphone unici nel loro genere.

Ora sono trapelate delle nuove immagini di questo presunto dispositivo, anche se non è chiaro se siano foto ufficiali della stampa oppure dei semplici concettualismi. Tuttavia in esse vien fatta menzione delle dimensioni del display e della risoluzione del display, relative sia per la posizione aperta che piegata. Nella sua forma più compatta, il dispositivo avrebbe una dimensione di 6,8″ e una risoluzione di 1080 × 2428 pixel. Invece quando è completamente aperto, l’utente potrà disporre di uno schermo da 7,4″ con una risoluzione di 1600 × 2428 pixel.

LEGGI ANCHE: Nuovi dettagli sulla nuova serie Huawei P50

Non è possibile al momento dichiarare con certezza se tali dettagli siano veritieri o meno, anche se le dimensioni in oggetto sono plausibili. Per quanto riguarda l’apertura dello schermo, guardando le immagini si intuisce che sarà la parte centrale ad estendersi, mentre i lati sinistro e destro manterranno il medesimo spessore in entrambe le posizioni, fornendo così maggiore presa.

È possibile che l’azienda sudcoreana rivelerà qualche dettaglio di questo dispositivo durante il CES 2021. Infine, se effettivamente tale dispositivo verrà introdotto il prossimo marzo, LG si aggiudicherà effettivamente il titolo di prima azienda a rilasciare uno smartphone di questo rivoluzionario tipo.

Immagini

 

L’articolo LG Rollable: nuove immagini rivelano le presunte dimensioni dello schermo dello smartphone arrotolabile (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


LG Rollable: nuove immagini rivelano le presunte dimensioni dello schermo dello smartphone arrotolabile (foto)

Ecco com’è l’interno dello smartphone più curioso del momento (video)

ZTE è riuscita a prendersi il primato di produttore del primo smartphone con fotocamera anteriore integrata direttamente sotto al display, con il suo Axon 20 5G. Ora è giunto il momento di vedere cosa c’è al suo interno per vedere come funziona tale fotocamera innovativa.

Il solito Zack del canale YouTube JerryRigEverything ha effettuato il teardown completo di ZTE Axon 20 5G. Come potete vedere nella prima parte del video, disponibile attraverso il player presente in fondo all’articolo, non è stato semplicissimo rimuovere la scocca posteriore a causa del notevole quantitativo di colla usato da ZTE. Lo stesso dicasi per la rimozione della batteria.

LEGGI ANCHE: Realme Watch S, la recensione

Procedendo nel teardown il buon Zack ha scovato un motore della vibrazione relativamente datato, una scelta comprensibile da parte di ZTE per contenere i costi di realizzazione del device.

Prima di scoprire la fotocamera integrata sotto al display, Zack ha estratto il sensore per le impronte digitali, anch’esso integrato al di sotto dello schermo. La tecnologia impiegata risulta essere quella standard, ovvero quella che si serve di una fotocamera per realizzare il riconoscimento dell’impronta poggiata sul display.

Arrivando al componente più interessante, Zack ha estratto la fotocamera implementata tra il display e la scocca posteriore: il sensore è collegato direttamente alla scheda madre ed è posto dietro a un particolare vetro che permette di captare la luce solo in un senso e non nell’altro. Il video mostra anche come il sensore integrato sotto il display “veda” il tutto con un leggero alone giallo, probabilmente corretto via software da ZTE.

Per maggiori dettagli sul teardown completo svolto su ZTE Axon 20 5G vi suggeriamo di godervi il video completo che trovate qui in basso.

L’articolo Ecco com’è l’interno dello smartphone più curioso del momento (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Ecco com’è l’interno dello smartphone più curioso del momento (video)

OnePlus 8T, il miraggio dello smartphone che non si scarica mai

AGI – OnePlus 8T è il nuovo flagship di OnePlus. Dopo la serie 8 presentata all’inizio di quest’anno, la casa cinese ha ulteriormente concentrato gli sforzi sulla autonomia dei suoi smartphone associata a display ad alte prestazioni come il Fluid AMOLED a 120Hz.

L’8T non è altro che una versione aggiornata meno di sei mesi dopo l’uscita del modello precedente: da anni una tappa obbligata nella strategia dell’azienda, che serve a mettere a punto tutte quelle migliorie sollecitate dalla community, ma soprattutto a presidiare il mercato con un prodotto nuovo in una stagione in cui le presentazioni di smartphone si susseguono senza soluzione di continuità.

Un display che divora energia e per questo ha bisogno di batterie capienti, ma, soprattutto, di ricariche veloci.. per questo l’8T sfrutta il Warp Charge 65, che offre la carica di un’intera giornata in 15 minuti. Dotato di una tecnologia a doppia batteria per ricaricare rapidamente i 4500 mAh totali, OnePlus 8T impiega 39 minuti per completare una carica in condizioni di utilizzo normale. È dotato di 12 sensori di temperatura che insieme a un chip di sicurezza aggiuntivo nell’adattatore e nel cavo mantiene la temperatura ottimale anche quando ricarica al picco di 65W di potenza.

Il display a 120Hz permette di avere immagini fluide, perfette per i giochi più impegnativi o scrollare nei feed dei social media senza ‘scatti’. Il display flessibile FHD+ 2.5D offre una luminosità massima fino a 1.100 nit, garantendo immagini più nitide anche sotto alla luce diretta del sole con 8.192 livelli di luminosità.

Il chip è un must per i top di gamma: il Qualcomm Snapdragon 865 5G con un sistema Modem-RF Snapdragon X55 5G, per la connessione di quinta generazione.

Il comparto fotografico è composto da quattro fotocamere con quella principale da 48 MP con stabilizzazione ottica dell’immagine, un obiettivo ultra-grandangolare da 16 MP da 123 gradi e obiettivi macro e monochrome dedicati

Il sistema operativo è quello proprietario di OnePlus, OxygenOS 11,con una serie di animazioni e gesti ottimizzati, oltre alle solite personalizzazioni come le 11 nuove opzioni dell’orologio sull’Always On Display, l’ottimizzazione per l’utilizzo con una mano sola e la Modalità Zen 2.0.

OnePlus 8T è disponibile nella versione 8GB+128GB a 599 euro e ella versione 12GB+256GB a 699 euro.

La qualità costruttiva è, come sempre per OnePlus, al massimo livello. Le prestazioni del display sono indiscutibili sia per fluidità che per resa dei colori e la carica Warp da 65W permette di far fronte a qualsiasi ‘emergenza’. Ancora una volta, però, il comparto fotografico, soprattutto per quanto riguarda il sensore adottato, ha qualche punto debole. Il prezzo, per quello che questo smartphone offre, è ottimo e sembra richiamarsi all’idea primordiale della casa fondata da Carl Pei (che proprio di recente ha dato il suo addio all’azienda): il miglior hardware al miglior prezzo. Una filosofia vincente che potrebbe essere pericoloso abbandonare..

Agi

Vodafone regala il 20% di sconto su ASOS o un mese di Gazzetta dello Sport con Happy Friday (foto)

La settimana giunge alla conclusione, siamo di nuovo a venerdì e torna il consueto appuntamento con Happy Friday per i clienti Vodafone iscritti al programma di fidelizzazione Vodafone Happy.

Per l’Happy Friday di oggi, quello del 3 luglio, Vodafone propone ai suoi clienti di scegliere tra due interessanti omaggi:

  • 20% di sconto sullo store e sull’app ASOS, per una spesa minima di 30€. Lo sconto sarà utilizzabile entro il prossimo 5 luglio.
  • Un mese di abbonamento in regalo a G+ di Gazzetta dello Sport. Successivamente l’abbonamento si rinnoverà alla tariffa mensile di 3,99€, salvo disattivazione manuale. Il mese in regalo sarà attivabile entro il prossimo 12 luglio.

LEGGI ANCHE: le migliori offerte Vodafone

Il coupon scelto per lo sconto o per l’abbonamento gratuito potrà essere riscattato entro la mezzanotte di oggi, 3 luglio, mediante la sezione dedicata nell’app per dispositivi mobili MyVodafone.

L’articolo Vodafone regala il 20% di sconto su ASOS o un mese di Gazzetta dello Sport con Happy Friday (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Google Duo ci riprova: segnali di risveglio per la funzione di condivisione dello schermo

Se c’è una certezza quando si parla di Google è che di certezze non ce ne sono. Sulle nostre pagine vi abbiamo riportato innumerevoli esempi dell’andamento ondivago di Big G, che ogni tanto dà, ogni tanto toglie. Ma qualche volta torna anche sui suoi passi, come sembra stia accadendo per una funzionalità di Duo.

Dobbiamo infatti tornare indietro nel tempo di ben due anni, quando Google introduceva in Duo la funzione di condivisione delle schermate del proprio dispositivo, oggi familiare ai più grazie all’ultimo periodo di smart working e didattica a distanza. Peccato però che quella funzione non ha mai funzionato a dovere, tanto da venire rimossa soltanto tre mesi dopo, destinandola all’oblio.

LEGGI ANCHE: Motorola Edge Plus, la recensione

Un oblio non definitivo evidentemente, perché nell’apk dell’ultima versione di Duo sono ricomparse tracce del suo sviluppo, che Google potrebbe aver deciso di riprendere in mano proprio perché in tanti hanno imparato ad apprezzarla in altri servizi di videochiamate, tra cui proprio Google Meet. Al momento è difficile dire se e quando la vedremo tornare davvero su Duo, ma si tratterebbe sicuramente di una funzione apprezzata.

L’articolo Google Duo ci riprova: segnali di risveglio per la funzione di condivisione dello schermo sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Windows 10 e Android sempre più amici: ora potete controllare la musica dello smartphone dal PC (foto)

Microsoft ha appena distribuito un nuovo aggiornamento per l’app Windows Il tuo telefono, quella che permette agli utenti Android e iOS di sincronizzare lo smartphone con Windows 10 e gestirne le notifiche e le chiamate.

L’ultima novità introdotta dall’aggiornamento, il quale è incluso nel May 2020 Update di Windows 10, consiste nella possibilità di gestire i contenuti musicali accessibili dallo smartphone tramite il PC Windows 10: tra i servizi supportati ci sono Spotify, Pandora, Amazon Music, Google Play Music, YouTube Music, Xiaomi Music e Google Podcast. Oltre ai classici controlli multimediali, è possibile gestire l’output del contenuto musicale. La funzionalità è attualmente disponibile esclusivamente su Android.

LEGGI ANCHE: Realme C3, la recensione

Per attivare la nuova funzionalità sarà necessario aprire l’app Windows, accedere alle impostazioni e abilitare l’opzione Show audio currently playing from my phone. Le due immagini presenti in galleria mostrano dove trovare l’opzione per attivare la funzionalità e l’interfaccia di controllo multimediale dal PC.

Il funzionamento della novità è subordinato anche all’aggiornamento dell’app Android Complemento de Il tuo telefono, qui sotto trovate il badge per il download.

L’articolo Windows 10 e Android sempre più amici: ora potete controllare la musica dello smartphone dal PC (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld