Vacanze senza internet? In Sardegna si può col digital detox

Un fine settimana senza internet e a contatto con la natura? In Sardegna si puo’ fare. Parola di Gavino Puggioni, 27 anni, di Ploaghe (Sassari), che l’anno scorso ha messo su l’azienda ‘Logout, live now’ (Disconnettiti, vivi ora), per promuovere il cosiddetto ‘Week-end digital detox’, ossia uno o due giorni senza cellulari e connessioni digitali varie. “I partecipanti, appena arrivano nel luogo della vacanza”, spiega Puggioni all’AGI, “ci consegnano lo smartphone, che conserviamo in una cassetta di sicurezza. A quel punto inizia il soggiorno che prevede, tra le diverse attività, sedute di yoga e passeggiate nei boschi, considerato che l’evento si svolge sempre in parchi o aziende agrituristiche”.

 A luglio gli ultimi week-end ‘alternativi’ si sono tenuti a Lollove, borgo medioevale del comune di Nuoro. I partecipanti sono stati accolti nell’azienda agrituristica ‘Lollovers”. Dopodiché, per due giorni, sono andati alla scoperta di una frazione che oggi si è ridotta ad appena 13 abitanti, dentro un contesto architettonico giunto intatto dai secoli medioevali, con le case in pietra e l’acciottolato sulle vie urbane. “I partecipanti hanno apprezzato l’offerta”, assicura il titolare della ‘Logout, live now’, “attratti, tra le altre cose, dal laboratorio di cucina, per la preparazione dei ‘culurgiones’, il primo piatto di pasta e formaggio, e la visita alla casa museo, che ricorda la storia di quel borgo di pastori”.

E c’è anche il corso di ‘Benessere digitale’

L’azienda sarda delle vacanze alternative, nata nel 2019, è  già leader in Italia per continuità operativa. La particolarità non sta solo nell’idea dell’iniziativa. Non meno peculiare è il principio, che riporta ai giorni in cui Gavino Puggioni, fresco di laurea in Economia del turismo, a Milano Bicocca, decide di concedersi una vacanza in solitario, tra Cuba e il Sudamerica: “Proprio quando ero a Cuba”, racconta, “mi hanno rubato il portafoglio, con le carte di credito. Mi sono ritrovato con appena 50 euro, in un Paese dove l’Wifi nei luoghi pubblici è poco presente. L’inconveniente e la difficoltà dei contatti non mi hanno impedito di continuare la vacanza, che mi ha portato in Colombia. Oltre a mettere in campo una sorta di capacità di sopravvivenza, mi è servito per capire che in qualche momento si può anche staccare da internet e vivere comunque bene”. Nuova condizione che il giovane dottore logudorese insegna nel corso del ‘benessere digitale’, sempre all’interno delle vacanze senza connessioni: “Spiego come utilizzare al meglio i dispositivi digitali, guadagnando tempo, benessere e produttività”.

Tra le persone più interessate alla proposta, coloro che lavorano con gli strumenti digitali: “La ragione è che sono i primi ad aver bisogno di staccare la spina”. L’imprenditore delle ‘vacanze alternative’, affiancato dal fratello Giuliano, ha già in programma nuovi eventi. Sabato e domenica prossimi si ritorna all’eco-parco Neule, 50 ettari, nelle campagne di Dorgali (Nuoro), dove tra le altre cose i partecipanti potranno dedicarsi a discese col kayak e a escursioni tra i boschi, a cavallo o alla guida di un quad. Ferragosto riproporrà la visita al borgo nuorese di Lollove. Nel mezzo, gli eventi di una giornata a Porte Conte, sul litorale di Alghero (Sassari), ancora con yoga, mare e niente internet, per riconciliarsi con la natura e una vita più vicina all’esperienza bucolica. 

Agi

Eolo chiude l’anno fiscale in forte crescita: si punta a diminuire il Digital Divide

Tempo di vacche grasse per Eolo. Il fornitore di servizi ha infatti comunicato i risultati dell’anno fiscale, caratterizzati da una crescita sostanziosa dei ricavi e dei nuovi clienti. Nell’ultimo esercizio in questione, chiuso lo scorso 31 marzo 2020, Eolo ha realizzato ricavi pari a 157 milioni di euro, registrando dunque una crescita del 24% rispetto al precedente periodo, suddivisi tra mercato Consumer (107 milioni) e mercato Business (50 milioni).

Nel corso dell’esercizio l’azienda ha totalizzato ben 98 milioni di euro in investimenti, supportati anche da un accordo di finanziamento risalente lo scorso dicembre per un ammontare complessivo di oltre 155 milioni di euro, cifra fornita da un pool di sei istituti di credito internazionali e domestici. Un ulteriore piano di investimenti da 150 milioni è stato annunciato lo scorso 12 maggio con l’obiettivo di azzerare il cosiddetto Digital Divide nelle aree del territorio italiano non ancora coperte da connessione ultraveloce.

Lo scopo, nello specifico, è quello di estendere la rete a banda ultra-larga FWA ad altri 1.500 comuni in Italia entro la fine del prossimo anno. In questo modo l’azienda andrà ad integrare ancor di più i 6000 comuni già coperti dal servizio, che da sole costituiscono il 78% delle unità abitative collocate nelle cosiddette “zone bianche”.

LEGGI ANCHE: Miglior Router WiFi Portatile – Maggio 2020

Dal punto di vista del settore Business invece, Eolo ha continuato lo sviluppo dei suoi servizi dedicati, arrivando a connettere circa 70 mila unità tra imprese ed enti di pubblica amministrazione.

L’articolo Eolo chiude l’anno fiscale in forte crescita: si punta a diminuire il Digital Divide sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Avete già usato la Modalità Riposo di Digital Wellbeing? Ecco le novità (foto)

Sin dall’ufficializzazione di Android Pie Google ha introdotto Digital Wellbeing per i dispositivi Android, uno strumento di monitoraggio e promozione di abitudini più salutari in tema di salute digitale.

L’app dalle nostre parti si chiama Benessere Digitale e tramite l’ultimo aggiornamento ha ricevuto la Modalità Riposo. In realtà si tratta della modalità Wind Down che è stata rinominata e ha ottenuto qualche funzionalità in più: come vedete dagli screenshot presenti in galleria, ora è possibile programmarne l’attivazione anche quando il dispositivo viene ricaricato in una certa fascia oraria. Rimane disponibile la possibilità di programmarne l’attivazione automatica in una determinata fascia oraria.

LEGGI ANCHE: Galaxy S20 Ultra vs OnePlus 8 Pro, il confronto

L’interfaccia utente di programmazione della Modalità Riposo è stata leggermente modificata, ora integra una descrizione che spiega come la modalità vada a modificare la tonalità del display e attivi automaticamente la modalità Non Disturbare. Queste due opzioni sono gestibili manualmente anche dall’utente. Una volta attivata, è possibile mettere in pausa per 30 minuti la Modalità Riposo direttamente attraverso la notifica di attivazione: optando per questa opzione vedrete l’interfaccia, stranamente in inglese, che vi avverte della possibilità di disattivare definitivamente la modalità o di riattivarla immediatamente.

Inoltre, anche per la Modalità Niente Distrazioni di Benessere Digitale è stata leggermente modificata l’icona di notifica: l’ultima immagine in galleria mostra la nuova icona che prende posto nella notifica di sistema Android.

Le novità appena descritte per Benessere Digitale sono state introdotte con l’ultimo aggiornamento dell’app in versione beta, corrispondente alla versione 1.0.302017577. Questo è l’indirizzo giusto per iscriversi al programma di beta testing ufficiale dell’app.

L’articolo Avete già usato la Modalità Riposo di Digital Wellbeing? Ecco le novità (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld