Huawei Band 6 è ufficiale: display AMOLED, rilevazione SpO2 continua e due settimane di autonomia (foto)

Dopo settimane di rumor e dettagli trapelati a singhiozzo, Huawei è finalmente uscita allo scoperto relativamente alla sua nuova Huawei Band 6, la nuova generazione di smartband. Andiamo a vedere insieme le specifiche tecniche.

Huawei Band 6: Caratteristiche Tecniche

  • Display: 1,47″ AMOLED 194 x 368 pixel
  • Bluetooth: Bluetooth: 2.4 GHz, BT5.0, BLE
  • Dimensioni: 43 mm (H) x 25.4 mm (W) x 10.99 mm (D)
  • Peso: 18 grammi
  • Pulsanti: pulsante fisico laterale
  • Sensori: 6-axis IMU sensor (Accelerometer sensor, Gyroscope sensor), sensore ottico per la frequenza cardiaca
  • Certificazione: resistenza all’acqua fino a 5 atm
  • Compatibilità: Android 6.0 o successivi | iOS 9.0 o successivi
  • Porta di ricarica: connettore di ricarica magnetico
  • Funzionalità: fino a 96 attività fisiche rilevate, rilevazione continua della frequenza cardiaca e della SpO2, rilevazione del sonno con TruSleep
  • Batteria: fino a 2 settimane di autonomia

Uscita e Prezzo

La nuova Huawei Band 6 è stata lanciata ufficialmente per il mercato malese e non sappiamo se e quando arriverà in Europa. Le colorazioni corrispondono a Graphite Black, Amber Sunrise e Forest Green, ad un prezzo equivalente a circa 45€.

Huawei Band 6 – Immagini

L’articolo Huawei Band 6 è ufficiale: display AMOLED, rilevazione SpO2 continua e due settimane di autonomia (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Huawei Band 6 è ufficiale: display AMOLED, rilevazione SpO2 continua e due settimane di autonomia (foto)

Il display di OnePlus 8T piace un sacco a DxOMark: superato iPhone 12 Pro Max in classifica

L’ultimo top di gamma di OnePlus è passato dalle mani di DxOMark, celebre sito che si occupa di recensioni accurate di alcuni aspetti degli smartphone, per un controllo qualità sul display.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S21 Ultra vs iPhone 12 Pro Max

Le caratteristiche dello schermo di OnePlus 8T sono, già sulla carta, molto buone. Ve le riportiamo di seguito:

  • Schermo AMOLED con vetro Gorilla Glass 5
  • Dimensione di 6,55 pollici (~87% rapporto dimensioni-schermo)
  • Risoluzione 1080 x 2400 pixel
  • Aspect ratio 20:9, ~402 ppi
  • Refresh rate a 120 Hz

Nei vari test condotti dal sito francese, che ricordiamo utilizza strumentazione professionale e cerca di riportare i dati nella maniera più oggettiva possibile, lo schermo di 8T non si comporta per niente male e riesce a totalizzare un punteggio di 89, superiore a quello di iPhone 12 Pro Max, e si colloca, per il momento, dietro solo a Note 20 Ultra.

Quanto emerge è che il display si comporta molto bene in condizioni di scarsa luminosità, riuscendo a mostrare i dettagli delle immagini con chiarezza anche a diversi livelli di luminosità. I colori sono molto accurati e ovviamente il refresh rate a 120Hz aggiunge un plus non da poco. Di contro, le aree scure delle immagini potrebbero apparire non al meglio e il filtro luce blu della OxygenOS ha un impatto troppo negativo sulla qualità, anche se impostato ad un livello molto basso.

L’articolo Il display di OnePlus 8T piace un sacco a DxOMark: superato iPhone 12 Pro Max in classifica sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il display di OnePlus 8T piace un sacco a DxOMark: superato iPhone 12 Pro Max in classifica

ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato)

Sapevamo che ZTE puntava a entrare nella storia lanciando il primo smartphone commerciale con fotocamera integrata interamente sotto il display e oggi ne abbiamo avuto la certezza. ZTE Axon 20 5G è stato appena ufficializzato in Cina e ha mantenuto tutte le promesse trapelate nelle scorse settimane. Andiamo a vedere la scheda tecnica completa insieme.

ZTE Axon 20 5G: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,92″ FullHD+ (1.080 × 2.460 pixel) Full HD+ OLED 20.5:9 display, 90Hz refresh rate, 100% DCI-P3 color gamut
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 765G octa core 2,4 GHz
  • GPU: Adreno 620
  • RAM: 6 / 8 GB LPPDDR4x
  • Memoria interna: 128 / 256 GB UFS 2.1, espandibile con microSD fino a 2TB
  • Fotocamere posteriori:
    • Principale: 64 megapixel ƒ/1.8, flash LED
    • Wide: 8 megapixel ƒ/2.2, FOV 119°
    • Macro: 2 megapixel ƒ/2.4
    • Profondità: 2 megapixel ƒ/2.4
  • Fotocamere frontali: 32 megapixel, ƒ/2.0
  • Connettività: 5G SA/ NSA, Dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2.4GHz + 5GHz), Bluetooth 5, GPS/GLONASS/Beidou, USB Type-C, NFC
  • Batteria: 4.220 mAh, ricarica rapida a 30W Quick Charge 4+
  • Dimensioni: 172,1 × 77,9 × 7,98 mm
  • Peso: 198 grammi
  • Altro: Sensore d’impronte nel display

La caratteristiche più interessante del nuovo smartphone di ZTE è sicuramente la fotocamera frontale integrate direttamente sotto il display. In questo modo il produttore cinese ha realizzato il primo display senza alcuna tipologia di bordi e notch, evitando l’adozione di meccanismi motorizzati per la fotocamera. Chiaramente anche i sensori di luce ambientale e di prossimità sono stati integrati sotto lo schermo.

ZTE ha impiegato la tecnologia Five Core per realizzare uno schermo adatto a integrare fotocamera e sensori: grazie all’azione di matrici organiche e inorganiche, poste sul display come se fossero delle pellicole, la fotocamera riesce a ricevere l’adeguata luminosità per scattare, come se operasse in condizioni normali, e lo stesso accade per i sensori. Per gestire i colori e i contenuti del display è stato implementato un driver di controllo dedicato, il quale ha una componente hardware e una software che si interfaccia con il sistema Android.

Uscita e Prezzo

Il nuovo ZTE Axon 20 5G è stato annunciato per il mercato cinese nelle colorazioni Black, Orange, Blue e Purple. In Cina il dispositivo è atteso dal prossimo 10 settembre a un prezzo equivalente a circa 270€ per la variante 6 / 128 GB e al prezzo equivalente a circa 345€ per la variante 8 / 256 GB. Il produttore cinese non si è ancora espresso in merito a un lancio dello smartphone anche in Europa.

Aggiornamento03/12/2020

ZTE Axon 20 5G sarà disponibile in Europa (e nel resto del mondo) dal 21 dicembre 2020. A quanto pare non sarà una vendita illimitata, ma le scorte finiranno molto probabilmente subito. Potete intanto registrare il vostro interesse in questa pagina per cercare di avere un posto in prima fila.

Aggiornamento21/12/2020 ore 10:00

Come promesso ZTE ha lanciato ufficialmente sul mercato il primo smartphone fotocamera integrata sotto il display. Il prezzo è molto interessante: si parla di 449€ per acquistarlo da oggi, 21 dicembre, anche in Italia. Il nuovo ZTE Axon 20 5G è disponibile sullo store ufficiale dell’azienda. Chi lo acquisterà riceverà in regalo le true wireless ZTE LiveBuds.

Aggiornamento14/01/2021 ore 00:00

Aggiorniamo l’articolo perché il nuovo ZTE Axon 20 5G è attualmente disponibile anche nel mercato italiano nelle due colorazioni Giallo alba e Nero mezzanotte, al prezzo di 449€.

Anche le nuove true wireless LiveBuds dell’azienda cinese sono disponibili in Italia al prezzo di 39,90€.

ZTE Axon 20 5G – Immagini

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “02/09 – Immuni continuerà a servire, le vendite di iPhone 11 e il primo smartphone con fotocamera sotto il display” su Spreaker.

L’articolo ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato)

Lo smarphone di Zte con la fotocamera sotto il display è disponibile anche per l’Italia

Lo ZTE Axon 20 5G, il primo smartphone 5G con fotocamera sotto il display, è disponibile per l’acquisto anche in Italia, ma solo sul sito web ZTE. Al momento non sono pèrevisti accordi con gli operatori, né con catene di negozi fisici.

A differenza di tutti gli altri smartphone in commercio (a esclusione di quelli con pop-up camera),  Axon 20 non ha alcun notch o foro sul display OLED FHD+ da 6,92 pollici a 90Hz. Per riuscirci sono stati usati materiali più trasparenti, chip a doppio controllo, circuiti driver unici, matrice speciale di pixel e il un algoritmo per il selfie usato dalla telecamera frontale alloggiata in modo invisibile sotto lo schermo, dove sono alloggiati anche il sensore di luminosità, l’altoparlante e il sensore per le impronte digitali 

L’esperienza 5G 

Axon 20 5G è dotato di una tecnologia d’antenna potenziata per garantire un’esperienza 5G ultraveloce. La Super Antenna 2.0 della ZTE è un’antenna PDS all’avanguardia con un design integrato a 360 gradi surround e una tecnologia intelligente di sintonizzazione ad anello chiuso, che può migliorare la stabilità della connessione di rete e la velocità di download. 

Sul fronte dle comparto fotografico è dotato di una telecamera principale super HD da 64MP che supporta video ad alta risoluzione 4K a 60 fps, scene super notturne e video HDR in tempo reale in condizioni di illuminazione multipla. Inoltre, gli obiettivi principali e il grandangolo supportano la stabilizzazione dell’immagine,

Le prestazioni

Alimentato dalla piattaforma Qualcomm Snapdragon 765G, Axon 20 5G è dotato di un motore di ottimizzazione del sistema a scenario completo di nuova generazione. La batteria da 4.220 mAh può supportare la ricarica rapida da 30W e ha una modalità di risparmio energetico da 5G che migliora la durata della batteria del 35%. Le capacità di dissipazione del calore sono migliorate grazie a un sistema a triplo livello, che include la circolazione del raffreddamento a liquido, il cuscinetto termico in nanofibra di carbonio e il materiale in grafite. 

È disponibile in due colori: nero mezzanotte e giallo alba e pesa 198 grammi.

Gli auricolari

ZTE ha presentato anche gli auricolari TWS – gli ZTE Livebuds. Grazie ai due microfoni ad alta definizione all’interno, utilizzano la riduzione del rumore ambientale ENC con l’inclusione di un chip intelligente di riduzione del rumore che sopprime il 90% del rumore ambientale.

Axon 20 5G costa 449 euro  e le LiveBuds ha un prezzo 39,90.

 


Lo smarphone di Zte con la fotocamera sotto il display è disponibile anche per l’Italia

Motorola Capri Plus è pronto al lancio: Snapdragon 662, display a 90 Hz e quad-camera

Sembra proprio che Motorola ha in mente di rinnovare per bene la sua gamma media, preparandosi a lanciare anche una variante Plus di Motorola Capri, il device per il quale sono emersi diversi rumor nelle scorse settimane.

Il Motorola Capri Plus è stato testato sulla piattaforma Geekbench, dove ha lasciato traccia di alcune delle sue specifiche tecniche chiave. Il dispositivo avrebbe un processore Snapdragon 662, un display a risoluzione HD+ e refresh rate a 90 Hz, con una RAM in due varianti da 4GB e 6GB. Lo storage interno dovrebbe ammontare a 64GB e 128GB.

LEGGI ANCHE: Realme 7i, la recensione

Lo stesso dispositivo è stato testato anche presso il TÜV Rheinland, dove è emerso che la batteria avrebbe una capacità da ben 5.000 mAh con supporto alla ricarica rapida con output da 20W. Posteriormente dovremmo trovare una quad-camera con sensore principale da 64 megapixel, un grandangolo da 13 megapixel, un sensore di profondità e un sensore macro da 2 megapixel ciascuno.

Al momento rimane ancora ignota la data di presentazione ufficiale del dispositivo. Torneremo ad aggiornarvi appena sapremo qualcosa di più sul periodo di lancio.

L’articolo Motorola Capri Plus è pronto al lancio: Snapdragon 662, display a 90 Hz e quad-camera sembra essere il primo su AndroidWorld.


Motorola Capri Plus è pronto al lancio: Snapdragon 662, display a 90 Hz e quad-camera

Applausi per Vivo X51: il suo display può competere con quello dei grandi secondo DxOMark (foto)

DxOMark ha appena testato il display di Vivo X51, uno dei più interessanti dispositivi con i quali l’azienda cinese si è presentata ufficialmente nel mercato italiano. Il risultato finale è di tutto rispetto per Vivo X51, il quale ha ottenuto un punteggio di 87 punti, al pari di Galaxy Note 20 Ultra e attestandosi al quarto posto della classifica generale di DxOMark.

Tra gli aspetti positivi emersi durante i test del team francese troviamo il buon rendering dei colori, l’ottima gestione del motion-blur, l’efficacio del filtro per la luce blu e le ottime performance nella gestione della luminosità, le quali rendono il display leggibile in qualsiasi condizione d’illuminazione. Tra quelli negativi sono stati menzionati le basse performance in riproduzione video, in particolare con lo standard HDR10, un’accuratezza del touch non impeccabile e una sensibilità dello stesso touchscreen non adeguata nelle sessioni di gaming.

LEGGI ANCHE: Vivo X51, la recensione

Per maggiori dettagli sui test effettuati sul display di Vivo X51 vi suggeriamo di leggere il post completo pubblicato da DxOMark, dove troverete diversi esempi e confronti con altri smartphone. Nella galleria qui sotto trovate invece un riepilogo grafico dei test effettuati.

L’articolo Applausi per Vivo X51: il suo display può competere con quello dei grandi secondo DxOMark (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Applausi per Vivo X51: il suo display può competere con quello dei grandi secondo DxOMark (foto)

L’Always On display di OnePlus arriva su Play Store (foto)

Dopo molta attesa, OnePlus, lo scorso settembre, ha finalmente portato sui suoi smartphone l’Always On Display, funzione già presente su altri dispositivi che consente di vedere alcune informazioni in qualsiasi momento, anche a telefono bloccato. Questa possibilità è arrivata con l’aggiornamento alla versione 11 della OxygenOS, ma da oggi, sul Play Store, è disponibile l’Always On Display di OnePlus, sotto forma di app.

LEGGI ANCHE: OxygenOS 11: la nostra prova

In questo modo, l’azienda cinese potrà inviare aggiornamenti tramite lo store e non tramite update OTA dell’intero sistema operativo, rendendo di fatto molto più veloce, per gli utenti, ricevere le ultime novità. Questa funzione è molto apprezzata per via di alcune possibilità di personalizzazione avanzate come Canvas, che consente di creare automaticamente, a partire da una foto, la forma del soggetto e impostarlo come “sfondo” della modalità Always On.

Ovviamente, l’applicazione è compatibile solo con dispositivi OnePlus aggiornati alla OxygenOS 11 che hanno già di fabbrica integrato l’Always On Display con Canvas. È possibile scaricare l’APK da questo link o installarla da Play Store, raggiungibile dal badge in basso.

L’articolo L’Always On display di OnePlus arriva su Play Store (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


L’Always On display di OnePlus arriva su Play Store (foto)

OnePlus 8T riceve già il suo primo aggiornamento: ecco la nuova modalità per l’Ambient Display (foto)

OnePlus ha già rilasciato il primo aggiornamento software per il suo OnePlus 8T, il nuovo top di gamma presentato ufficialmente la scorsa settimana. L’aggiornamento introduce la versione 11.0.1.2 della OxygenOS, andiamo a vedere insieme il changelog.

Ambient Display

  • Introduzione della modalità Canvas, questa consiste in un profilo abbozzato su sfondo scuro basato sullo sfondo dello smartphone. Avete un esempio nella galleria in basso.

Fotocamera

  • Miglioramenti per la registrazione video in modalità Nightscape.
  • Miglioramenti per l’accuratezza nel bilanciamento del bianco.
  • Miglioramenti per la stabilità dell’app.

Sistema

  • Ottimizzazione dei consumi.

LEGGI ANCHE: OnePlus 8T, la recensione

L’aggiornamento per OnePlus 8T è attualmente in fase di distribuzione automatica via OTA a livello globale.

L’articolo OnePlus 8T riceve già il suo primo aggiornamento: ecco la nuova modalità per l’Ambient Display (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Finalmente Nokia 7.3 5G si fa vedere: display forato ma senza sensore d’impronte integrato (foto)

Dopo i diversi rumor emersi sul suo conto finalmente abbiamo modo di intravedere quello che sarà il design del Nokia 7.3 5G, il dispositivo medio-gamma che l’azienda controllata da HMD Global dovrebbe presentare a breve.

Le immagini presenti nella galleria in basso mostrano le cover protettive per il nuovo Nokia 7.3 5G e, più o meno volontariamente, ci mostra anche il design dello smartphone: le immagini mostrano un dispositivo con display forato in alto a sinistra, per ospitare la fotocamera anteriore, mentre sul retro presenta un modulo fotografico centrale con doppio sensore e flash LED, sotto il quale troviamo il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali.

LEGGI ANCHE: Realme 7 Pro, la recensione

Al momento ancora latita la presunta da di presentazione ufficiale di Nokia 7,3 5G, il quale dovrebbe arrivare insieme a Nokia 9.3 PureView e Nokia 6.3. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

L’articolo Finalmente Nokia 7.3 5G si fa vedere: display forato ma senza sensore d’impronte integrato (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

ZTE ha messo in vendita il primo smartphone con fotocamera sotto il display

AGI – Agli albori degli smartphone, ZTE tentò un timido approccio al mercato italiano. Non andò bene e la casa cinese decise di alimentare altrove il proprio mercato device e di concentrarsi, per l’Italia, su quello delle infrastrutture. In uno scenario da Risiko degli smartphone, Huawei era destinata a prendersi la fetta più grossa del mercato Android nel nostro Paese e Zte, risolta la dolorosa querelle con gli Stati Uniti sulla vendita di tecnologia alla Corea del Nord, si sarebbe divisa con il colosso di Shenzhen quello della tecnologia 5G. Poi è arrivato Trump e per Huawei sappiamo tutti come sta andando a finire, sia sul fronte dei device che del 5G. Intanto Zte ha continuato a lavorare, fornendo tecnologia agli operatori italiani interessati a sviluppare sia le reti di quinta generazione che le altre.

Oggi che la guerra tra gli Usa e Huawei sembra aver raggiuto lo zenit e che secondo alcuni analisti il colosso cinese è destinato a soccombere sotto la lenta manovra di soffocamento attuata da Washington attraverso il mercato dei semiconduttori, Zte potrebbe trovarsi con un territorio immenso da conquistare.

Nessuno li ha esplicitamente menzionati tra i fornitori da tenere alla larga dalle reti europee – il monitoraggio delle loro azioni da parte del dipartimento del Commercio Usa è strettissimo, in base all’accordo siglato a chiusura dell’affaire nordcoreano – e se davvero la quota di Huawei sarà ridimensionata (e parecchio) sul fronte degli smartphone c’è un vasto mercato da spartirsi con Samsung e i marchi che fanno capo alla conglomerata Bkk (Oppo, OnePlue e realme).

Per imporsi all’attenzione, però, ci vuole un colpo da maestro e Zte sembra averlo messo a segno con una delle poche innovazioni davvero attese e sensate nel mondo degli smartphone: la fotocamera sotto lo schermo. Già mostrata da Oppo durante il Mobile World Congress del 2019 ma non ancora messa in produzione, potrebbe essere l’asso nella manica di Zte per sbarcare alla grande sul mercato italiano. Ma non subito.

Axon 20 5G, il primo vero full display del settore, “segna l’inizio della nuova strategia di prodotto di ZTE”, ha dichiarato Ni Fei, Presidente di ZTE Mobile Devices  “Gli smartphone saranno la nostra principale area di innovazione di prodotto. Nel frattempo, ci impegneremo anche a sviluppare prodotti mobili a banda larga per uso personale e domestico, dispositivi portabili intelligenti e ulteriori nuovi prodotti che permettano una vita smart perfettamente connessa agli scenari 5G”.

Ad alimentare quella che viene presentata come la ‘Five Core Technologies’ ci sono materiali speciali, chip a doppio controllo, circuiti driver unici, la speciale matrice di pixel e l’algoritmo di autodiagnosi interno.

L’algoritmo di selfie della fotocamera frontale di ZTE, ad esempio, ha ottimizzato le prestazioni della fotocamera in diverse condizioni di luminosità e ha supportato la regolazione automatica della gamma dinamica, con un grande miglioramento della nitidezza della foto e del contrasto dell’immagine.

Sono state sfruttate le tecnologie aggiuntive sotto il display, compresi i sensori di luce ambientale, di suono e di impronte digitali, per ottenere un vero e proprio schermo intero senza fori.  

Il display è un OLED da 6,92 pollici e supporta una profondità di colore a 10 bit e una copertura del 100% della gamma di colori DCI-P3, facendo sì che le prestazioni del display raggiungano gli standard del cinema digitale a colori. Lo spessore è di 7,98 mm e la connessione 5G è garantita da un’antenna PDS all’avanguardia con un design integrato a 360 gradi surround e una tecnologia intelligente di sintonizzazione a circuito chiuso, che può migliorare la stabilità della connessione di rete e la velocità di download.

Inoltre, dodici diverse antenne sono state integrate nella superficie esterna del telaio centrale,  più distanti dalla scheda madre e dai componenti interni, permettendo così una ricezione del segnale più sensibile e una più rapida ricerca di rete.

Alimentato dalla piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 765G, ZTE Axon 20 5G è dotato di un motore di ottimizzazione del sistema che aumenta la velocità di avvio delle applicazioni più utilizzate fino al 40%.  La batteria da 4.220 mAh può supportare 30W Quick Charge e una modalità di risparmio energetico da 5G che migliora la durata del 35%. ZTE Axon 20 5G è disponibile in Cina dal 1 settembre a partire da 2.198 yuan, poco più di 270 euro. Non è ancora prevista una eventuale data di arrivo sul mercato italiano.

Agi