L’Intelligenza artificiale governerà gli elettrodomestici e ci farà risparmiare sulla bolletta

AGI – Le tecnologie di Intelligenza Artificiale applicate alla casa possono essere la chiave per un approccio più sostenibile e meno dispendioso con i consumi. Sullo sfondo l’aumento del prezzo dell’energia, quasi decuplicato nel 2022 rispetto a gennaio 2021. Che fare? Connettere gli elettrodomestici, creare un ecosistema casalingo (e anche più esteso), che ci permetta di scegliere come e quando utilizzare in modo più ragionato, economico e sostenibile una lavatrice, una lavastoviglie, una pompa di calore. 

Una lavatrice in classe A odierna, rispetto ad una vecchia classe A consente di risparmiare fino a 130 euro all’anno e fino a 200 euro rispetto alle classi D che sono ancora largamente installate in Italia. Questi dati si riferiscono a costi energetici normali ormai superati, considerando i costi attuali il risparmio è quasi duplicato.

Valutando le lavastoviglie il risparmio supera il 75 % mettendo a confronto un’odierna classe A con una classe D, anche in questo caso la più diffusa nel mercato nazionale. Un esempio ancora più concreto? Una famiglia tipo che effettua 6-7 cicli a settimana può arrivare a risparmiare fino a 250 euro all’anno”. 

Ne abbiamo parlato con Gianpiero Morbello, Head of Brand & IOT di Haier Europe, divisione europea della multinazionale cinese degli elettrodomestici: tra i marchi del gruppo Candy, Haier e Hoover (10% di quota di mercato in Europa). La società, che dichiara 5 milioni di elettrodomestici connessi, ha appena stretto accordi con Hive Power e Edison Energia. Obiettivo, “fornire contratti elettrici ottimizzati per i clienti in grado di far risparmiare in bolletta”.

Parliamo di efficientamento dei consumi energetici. In che modo e perché si punta in questa direzione?
“Le analisi evidenziano che il consumo energetico nelle case per circa il 60% è legato agli elettrodomestici. Con le pompe di calore questa percentuale sale ulteriormente. Anche prima della crisi russo-ucraina si adombrava un problema futuro nella gestione dei carichi dell’energia elettrica. Ora quella previsione è diventata realtà. Come azienda siamo molto focalizzati sul consumo energetico e investiamo perché i nostri prodotti consumino di meno attraverso una serie di innovazioni”.

Perché dovrebbe convenire scegliere un sistema di elettrodomestici connessi?
“La possibilità di connettere gli elettrodomestici in IoT, attraverso un’app e una piattaforma cloud, permette di controllarli e decidere quando accenderli e spegnerli, che programmi e che temperature utilizzare. Questi parametri vanno affiancati con quelli di chi fornisce energia, soggetti che sanno quando è più conveniente utilizzare l’energia elettrica. È un valore per il consumatore. Secondo i nostri calcoli, l’utilizzo combinato di questo sistema con i pannelli fotovoltaici fa sì che l’utente in un anno e mezzo rientri del costo di una lavatrice nuova. Con le smart grid la valutazione è più difficile, dato il costo altalenante dell’energia. La stima è comunque intorno al 20% di risparmio”.

Parliamo del ruolo dell’Intelligenza Artificiale in questo ecosistema.
“È fondamentale. Suggerisce da un lato il modo in cui utilizzare un elettrodomestico e dall’altro massimizza l’efficienza dell’intero sistema anche in relazione alle abitudini della persona”.


L’Intelligenza artificiale governerà gli elettrodomestici e ci farà risparmiare sulla bolletta

Cosa fanno gli italiani con gli elettrodomestici connessi

AGI – Per 8 utenti su 10 avere a che fare con elettrodomestici connessi vuol dire soprattutto gestire la lavatrice o l’asciugatrice tramite app. “I cicli più usati? Non solo il rapido, anche l’eco e quelli dedicati all’igienizzazione. In crescita anche i programmi utilizzati per scarpe e piumini”.

È quanto emerge dai dati di Haier Europe, divisione europea della multinazionale cinese degli elettrodomestici. La compagnia ha sviluppato una piattaforma (5 milioni gli utenti dichiarati) in cui l’app hOn, funziona da guida per gli elettrodomestici dei marchi del gruppo (Candy, Haier e Hoover).

Tra le funzioni smart preferite dagli utenti c’è anche quella dedicata “al check up dei propri elettrodomestici, per monitorare e ricevere notifiche in merito alla necessità di piccole attività di manutenzione”.

Secondo i dati di Haier Europe è la Polonia la nazione più smart in fatto di elettrodomestici connessi. Seguono Spagna, Repubblica Ceca, Francia e UK. L’Italia in sesta posizione, anche se con un pubblico di utenti in crescita. Germania, Grecia e Portogallo chiudono la classifica. 

Avere elettrodomestici connessi vuol dire ordinare i programmi di lavaggio per lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie in base a parametri che hanno impatto sulla riduzione dei consumi. Oppure avere una cappa che comunica con il piano cottura regolando la potenza di conseguenza, limitando odori, rumore e, soprattutto, inutili consumi.

Oppure ancora avere l’asciugatrice che si sincronizza con la lavatrice, impostando automaticamente il programma e la durata ottimale sulla base di cosa e quanto si è lavato, riducendo drasticamente i tempi di asciugatura.

In cucina le funzioni smart consigliano ricette che ottimizzano la spesa disponibile rispetto alle date di scadenza, gestiscono la temperatura del frigo secondo le reali esigenze dei prodotti introdotti e del meteo giornaliero, in modo da mantenerne la freschezza più a lungo ed evitare sprechi. Fino ad arrivare alla gestione da remoto dei condizionatori, attivabile anche dagli smart speaker più diffusi. 


Cosa fanno gli italiani con gli elettrodomestici connessi

Il protocollo che fa obbedire gli elettrodomestici anche se parlano ‘lingue’ diverse

AGI – Dopo la presentazione delle specifiche e il lancio del programma di certificazione, giovedì ad Amsterdam la Connectivity Standards Alliance ha reso noti i primi risultati del protocollo Matter, sistema che intende semplificare l’interoperabilità dei dispositivi connessi per la “casa intelligente”, e ha presentato i primi 190 prodotti che lo adotteranno.

Nato nel 2019 dall’esigenza di unificare i diversi dispositivi intelligenti all’interno delle case sotto uno standard comune, il progetto Matter è riuscito in tre anni a riunire le aziende sotto un unico obiettivo, parlare un’unica “lingua” all’interno della casa smart: vuol dire la possibilità di configurare e controllare tutti i prodotti compatibili con un unico controller, che sia Amazon Alexa, Google Home, Samsung o Apple.

Tra i dispositivi compatibili con Matter presentati ad Amsterdam ci sono luci intelligenti, tende e rivestimenti per finestre, sensori di sicurezza e protezione, serrature e televisori. 

Tra le aziende che hanno presentato prodotti compatibili con il protocollo ci sono Philips (lampadine), Nanoleaf (lampadine intelligenti), e Amazon che ha annunciato che ci sono 30.000 prodotti Words with Alexa compatibili con una varietà di protocolli diversi, incluso Matter e quest’anno supporterà Matter tramite Wi-Fi, portando lo standard a 17 dispositivi Echo, nonché alle sue spine, interruttori e lampadine entro la fine dell’anno. Per quanto riguarda gli aggiornamenti, il Connectivity Standards Alliance ha fatto sapere che si adopererà per una cadenza di rilascio a cadenza biennale. 

“Questo è un importante punto di svolta per l’IoT. Man mano che diventiamo più connessi e abbattiamo i muri tra il mondo digitale e quello fisico, dobbiamo lavorare insieme per rendere significative queste connessioni. Matter e i nostri membri stanno affrontando questa sfida a testa alta – ha dichiarato Tobin Richardson, Presidente e CEO di Connectivity Standards Alliance – con collaborazione, inclusività e un profondo senso di responsabilità verso il mercato e i consumatori, Matter ha il potere di creare una Smart Home più connessa, sicura e utile”.

Secondo l’analisi di CCS Insight, l’intenzione di acquisto di dispositivi intelligenti è in aumento, con il 35% delle famiglie nei principali mercati europei che intendono acquistare prodotti per la casa intelligente nei prossimi 12 mesi. Una ricerca di Parks Associates, ha messo in evidenza come l’interoperabilità sia al primo posto con i consumatori, dove il 73% delle famiglie statunitensi che possiedono o intendono acquistare un dispositivo per la casa intelligente afferma che l’interoperabilità tra i prodotti è importante quando si sceglie quale dispositivo smart home acquistare.


Il protocollo che fa obbedire gli elettrodomestici anche se parlano ‘lingue’ diverse

Con ‘Robo’ dallo smartphone si controlla il consumo degli elettrodomestici di casa

AGI – Si inserisce nel quadro elettrico, raccoglie i dati di consumo di energia elettrica di ogni elettrodomestico e, in base a quest’ultimi, fornisce all’utente suggerimenti personalizzati sia sugli elettrodomestici che su come consumare meglio. “Robo” è il prodotto di NeN, startup innovativa di A2A, nel campo delle forniture domestiche: si tratta del primo dispositivo IoT in Italia che permette di monitorare dallo smartphone, in tempo reale, i consumi energetici dei diversi elettrodomestici collegati alla rete elettrica, e di trasformare questi dati in azioni che aiutino l’ambiente e il portafogli.

Basato sulla tecnologia Nilm – una particolare tecnologia non intrusiva che permette di analizzare e monitorare i cambiamenti di tensione – il “Robo” si aggancia al cavo che trasporta l’energia, diventando così un tutt’uno con il quadro elettrico. Dopo un breve periodo di apprendimento, il dispositivo inizia a interpretare i dati, aggregarli e classificarli come provenienti da uno o dall’altro elettrodomestico, riconoscendo i consumi di frigorifero, forno elettrico, lavastoviglie, lavatrice, condizionatore e asciugatrice, oltre a quelli “macro” derivanti da illuminazione e standby.

Ogni elettrodomestico, infatti, consuma elettricità in modo particolare, con picchi di corrente più o meno alti e più o meno costanti, tali da definire, per ciascuno, una “impronta elettrica” univoca. La tecnologia del Robo analizza questi picchi e, di conseguenza, identifica gli elettrodomestici, mostrandone i consumi sulla app di NeN. L’analisi abilita quindi l’azione e, sempre tramite l’app, si passa dal monitoraggio in tempo reale fino alle notifiche con consigli di ottimizzazione e alert per i carichi di energia.

Con il “Robo” – e con l’app ad esso collegata – NeN rende accessibili a chiunque i propri dati di consumo, non solo da un punto di vista operativo e tecnologico, ma anche da un punto di vista di visualizzazione, comprensione e utilizzo dell’informazione. Il Robo, che sarà disponibile in abbonamento per tutti i clienti NeN a partire da oggi, oltre a segnalare i consumi in tempo reale sul “tachimetro della potenza” dell’app, è in grado di avvertire l’utente quando sta per saltare la corrente, o fornire consigli su come ottimizzare i consumi. Ad oggi disponibile solo per la fornitura luce, è allo studio anche nella sua versione “gas”, con l’obiettivo di rendere smart e sostenibile l’intero universo delle forniture domestiche. 


Con ‘Robo’ dallo smartphone si controlla il consumo degli elettrodomestici di casa

Volantino Euronics CDS “+PRENDI -SPENDI” 18 giu – 1 lug: sconti fino a 240€ per TV e elettrodomestici (foto)

Se non vi fossero bastate le tantissime offerte del volantino EuronicsBlack Friday d’Estate” che vi abbiamo proposto ieri in questo articolo, oggi vi segnaliamo altri sconti molto interessanti su televisori ed elettrodomestici grazie alla campagna “+PRENDI -SPENDI“, attiva solo nei punti vendita Euronics CDS fino al 1° luglio 2020.

La formula adottata da questa promo è molto particolare: è possibile richiedere sconti immediati alla cassa a seconda della spesa minima effettuata. Gli sconti partono da 30€ per una spesa di almeno 399€ e arrivano fino a 240€ per una spesa di almeno 1.499€. Come detto, gli sconti si applicano solo sull’acquisto di televisori e grandi elettrodomestici, come frigoriferi, lavatrici e asciugatrici.

Da non perdere i nuovissimi Xiaomi Mi TV, tutti proposti a prezzi concorrenziali e ancora più invitanti con gli sconti immediati alla cassa. Ci sono anche vari modelli a marchio Samsung, LG, Philips e Sony, dunque avrete l’imbarazzo della scelta con tanti Smart TV 4K HDR di ogni dimensione.

LEGGI ANCHE: Volantino Euronics “Black Friday d’Estate”

Per dare un’occhiata al volantino Euronics completo basta aprire la galleria qui in basso. Vi ricordiamo che queste offerte valgono solo nei punti vendita Euronics CDS diffusi nelle regioni Lazio, Toscana, Umbria, Marche, Liguria ed Emilia-Romagna.

ALTRE OFFERTE SU AMAZON

Volantino Euronics CDS “+PRENDI -SPENDI”

Offerte Tecnologia

L’articolo Volantino Euronics CDS “+PRENDI -SPENDI” 18 giu – 1 lug: sconti fino a 240€ per TV e elettrodomestici (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld