Ecco Mi 10 Ultra, lo smartphone per il 10° anniversario di Xiaomi che punta a essere memorabile (foto)

A pensarci oggi sembra assurdo che un nome di rilievo come Xiaomi esista da solo dieci anni, eppure è così. Il 6 aprile del 2010 Lei Jun, Lin Bin e altre sei persone fondarono un’azienda che nel giro di pochissimo tempo ha saputo imporsi come un vero e proprio colosso, con attività che spaziano in tutti i campi anche al di fuori dell’hi-tech.

Rimanendo nel reame degli smartphone – probabilmente il settore in cui almeno in Occidente è più conosciuta – Xiaomi ha voluto celebrare il primo decennio di attività con il lancio di un dispositivo memorabile: Xiaomi Mi 10 Ultra. Questa speciale “commemorative edition” – come era nota in un primo momentopunta al top, al non plus ultra, e si presenta quindi con un equipaggiamento di altissimo livello.

  • Schermo: AMOLED curvo da 6,67″ Full HD+ (2.400 x 1.080 pixel) in 20:9, 394 PPI, 120 Hz (touch a 240 Hz), HDR10+
  • CPU e GPU: octa-core Qualcomm Snapdragon 865 da 2,84 GHz con GPU Qualcomm Adreno 650
  • RAM e archiviazione: 8/12/16 GB di RAM LPDDR5 e 128/256/512 GB di memoria UFS 3.1 (non espandibile)
  • Fotocamera posteriore: sensore principale da 48 MP f/1.8 + teleobiettivo 2x da 48 MP f/4.1 + teleobiettivo 5x da 12 MP f/2.0 + grandangolare a 128° da 20 MP f/2.2; autofocus PDAF/Dual Pixel, OIS
  • Fotocamera frontale: 20 MP
  • Connettività: dual SIM 5G/4G, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.1, NFC, Dual-frequency GPS/A-GPS/GLONASS/BeiDou/Galileo, USB-C e sensore IR
  • Batteria: 4.500 mAh con ricarica rapida 120 W, ricarica wireless a 55 W ed inversa a 10 W
  • OS: Android 10 con MIUI 12
  • Dimensioni e peso: 162,38 x 75,04 x 9,45 mm e 221,8 g
  • Altro: lettore d’impronte integrato nel display, riconoscimento facciale, speaker dual-stereo, raffreddamento a liquido LiquidCool 2.0

LEGGI ANCHE: La nostra prova degli smartphone Android più potenti del momento

Mi 10 Ultra è il primo smartphone Xiaomi con refresh rate superiore a 90 Hz e il primo a supportare livelli di potenza elettrica per la ricarica impressionanti: 120 W con cavo che scendono a 55 W in wireless. Permettendo così di passare da 0% a 100% in soli 23 minuti (40 in wireless) e di caricare altri dispositivi tramite la ricarica inversa a 10 W.

Per quanto riguarda il comparto fotografico il telefono ha già fatto in tempo a impressionare i recensori di DxOMark che lo hanno incoronato il miglior smartphone per scattare fotografie e registrare video (qui potete leggere il nostro articolo). Anche a livello di potenza di calcolo Xiaomi Mi 10 Ultra non lascia niente al caso e grazie all’adozione di copiose quantità di RAM LPDDR5 e memorie UFS 3.1 è riuscito a raggiungere su AnTuTu il punteggio di 680.000.

Trattandosi di un modello speciale il telefono è disponibile in particolari colorazioni “di lusso”: Obsidian Black, Mercury Silver o Transparent Edition. I prezzi variano in base al taglio di memoria, per cui abbiamo (al cambio attuale con lo yuan): circa 650€ per 8/128 GB, circa 685€ per 8/256 GB, circa 735€ per 12/256 GB e infine circa 855€ per 16/512 GB.

“Guardando ai dieci anni passati, cosa ci ha reso orgogliosi? Abbiamo reso gli smartphone accessibili a tutti e accelerato lo sviluppo dell’Internet mobile, abbiamo collaborato con gli imprenditori che la pensano come noi e insieme abbiamo cambiato molti settori industriali, infine abbiamo aiutato molte persone a migliorare la qualità della propria vita, ad acquisire competenze, a ricevere una formazione sul lavoro, ad ampliare i propri punti di vista e le proprie possibilità, e a donare loro speranza.” ha dichiarato il CEO Lei Jun.

Chiudiamo con una nota curiosa: a quanto pare la mamma di un noto blogger orientale ha pubblicato per errore in anteprima il video hands-on del telefono, bucando l’embargo che di solito viene imposto dalle aziende in questi casi. La storia è diventata virale, al di là del contenuto stesso, e ora il blogger potrebbe trovarsi a dover rispondere pagando una penale che in questo caso arriva fino a un milione di dollari.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Ecco Mi 10 Ultra, lo smartphone per il 10° anniversario di Xiaomi che punta a essere memorabile (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Xiaomi Mi 10 Ultra è dietro l’angolo? Primi rumor caldeggiano una RAM da 16 GB (foto)

Xiaomi potrebbe lanciare un nuovo dispositivo nell’ambito della serie Mi 10, una variante ancor più ricca in termini hardware rispetto a quelle attualmente commercializzate.

I primi rumor su quello che potrebbe arrivare sul mercato come Xiaomi Mi 10 Ultra sono appena trapelati online dalla Cina: la prima immagine in galleria mostra il design frontale del dispositivo insieme a quello della fotocamera posteriore, la quale presenterebbe quattro sensori. La seconda immagine mostra invece il riepilogo dei benchmark effettuati sulla piattaforma Geekbench di un nuovo device Xiaomi con processore Qualcomm e ben 16 GB di RAM.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi 10, la recensione

Il design che riusciamo a scorgere dell’ipotetico Mi 10 Ultra non si discosta particolarmente dagli altri dispositivi della serie Mi 10. Rimangono diversi dubbi sull’affidabilità del collegamento tra i rumor appena trapelati e la variante Ultra di Xiaomi Mi 10. Vi terremo aggiornati sui prossimi eventuali sviluppi.

L’articolo Xiaomi Mi 10 Ultra è dietro l’angolo? Primi rumor caldeggiano una RAM da 16 GB (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Recensione Motorola Moto G 5G Plus (foto e video)

Vi abbiamo già “spoilerato” molto su Motorola Moto G 5G Plus nel nostro confronto fra smartphone medio gamma che abbiamo pubblicato giusto ieri. Moto G 5G Plus è il nuovo smartphone di fascia media di Motorola che vuole competere con una agguerrita concorrenza, con delle armi molto interessanti.

LEGGI ANCHE: Recensioni Motorola

8.0

Confezione

La tutto sommato compatta confezione di questo Moto G 5G Plus contiene al suo interno un alimentatore TurboPower da 20W, un cavo USB/USB-C, un paio di discrete cuffie stereo con jack audio e anche una gradita cover in silicone semi-trasparente.

7.5

Costruzione ed Ergonomia

Motorola Moto G 5G Plus è uno smartphone importante come dimensioni e anche abbastanza pesante. Parliamo di 204 grammi e di 9 millimetri di spessore. È uno smartphone sicuramente importante che però vi ripagherà con un ampio display e una corposa batteria. Lo smartphone è poi realizzato interamente in plastica, ma al tocco sia il pannello posteriore lucido che il profilo opaco potrebbero trarvi in inganno nel credere che siano materiali differenti. Non ci sono certificazioni “IP”, ma lo smartphone è comunque dichiarato come splashproof. Bene a sapersi, ma meglio non metterlo alla prova.

8.0

Hardware

Motorola ha incluso all’interno di questo smartphone un hardware abbastanza “tipico” per questa categoria. Abbiamo il recentissimo Snapdragon 765G octa core da 2,3 GHz con GPU Adreno 620, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibili. È un vero peccato che l’azienda non abbia scelto di lanciare in Italia il modello con più RAM e più memoria interna. Purtroppo, al contrario di altri Motorola, si dovrà scegliere se utilizzare una seconda nanoSIM o una microSD. Buona la connettività: abbiamo il supporto alle reti 5G, come anche al Wi-Fi ac dual band, al Bluetooth 5.1 e all’NFC. Da premiare la presenza di jack audio e di radio FM. Lo speaker è invece solo mono (inferiore): ha un buon volume, ma la qualità è nella media.

SCHEDA: Motorola Moto G 5G Plus

7.5

Fotocamera

Anche questo Moto G 5G Plus, come buona parte degli smartphone sul mercato, è dotato di ben quattro fotocamere. La principale è una 48 megapixel ƒ/1.7, supportata da una 8 megapixel ƒ/2.2 grandangolare, una 5 megapixel ƒ/2.2 per scattare foto macro e una 2 megapixel ƒ/2.2 per aiutare con i suoi dati per quanto riguarda gli scatti in modalità ritratto. I risultati degli scatti sono molto buoni per quanto riguarda il sensore principali e sufficienti per la fotocamera grandangolare. Le foto sono infatti più che buone per resa del colore, nitidezza e resa delle luci. Al calare della luce naturale però si iniziano a vedere rapidamente le differenza rispetto agli altri concorrenti di quest’anno. Non che lo smartphone Motorola si comporti affatto male, ma altri nella concorrenza hanno alzato l’asticella. Con poca luce la modalità notturna si rende necessaria, ma la differenza non è comunque così netta. Discreta la fotocamera frontale da 16 megapixel che è supportata anche da una 8 megapixel grandangolare: una bella aggiunta che apprezziamo per uno smartphone di questa fascia. I video si possono registrare in 4K dalla fotocamera principale e sono nella media, esattamente come per quanto riguarda il comparto foto.

 

8.0

Display

L’azienda ha scelto per questo Moto G 5G Plus un display in tecnologia IPS. Lo schermo ha una risoluzione di 1080 x 2520 pixel (Full HD+) ed ha una diagonale importante: 6,7 pollici. La luminosità è buona e ci sono tre modalità di taratura dello schermo. Supporta anche l’HDR10 e il Moto Display che mostra le notifiche (solo all’arrivo e al sollevamento dello smartphone) anche a schermo bloccato. Il grande display è interrotto da due fori in alto a sinistra, con un leggerissimo alone scuro dovuto alla tecnologia IPS utilizzata. Uno schermo AMOLED sarebbe risultato sicuramente più adatto, ma per la fascia di prezzo possiamo assolutamente accettarla come una soluzione adeguata. In più questo schermo supporta la velocità di aggiornamento a 90Hz, anche automatica, che si occupa quindi di scegliere in autonomia se usare i 90 Hz o i 60 Hz in base all’utilizzo che stiamo facendo dello smartphone.

8.5

Software

Motorola come sempre utilizza per i suoi smartphone una versione del software molto semplice e vicina alla versione stock di Android. Qui abbiamo Android 10 aggiornato con le patch di maggio 2020 al momento della recensione. Il software è pulito e fluido in ogni occasione, anche grazie all’aumento di “scorrevolezza” dato dal display a 90 Hz. Abbiamo come sempre le Moto Actions per abilitare alcune funzioni con delle gesture e movimento sul telefono, le navigazione tramite scorrimento, il Gametime per minimizzare le distrazioni durante il gioco, i temi leggermente personalizzabili e la possibilità di accedere ad un menù di scorciatoie con un doppio tap sul lettore di impronte digitali sul fianco.

9.0

Autonomia

La batteria è una corposa 5.000 mAh ed è anche per questo che lo smartphone ha delle dimensioni così importanti ed un peso così rilevante. Abbiamo provato vari smartphone con batterie di questo calibro, ma questo Moto G 5G Plus è quello che si è dimostrato più performante di tutti. In modalità automatica si riesce ad arrivare ai due giorni lavorativi quasi senza impegno, cosa comunque possibile anche a 90 Hz fissi seppur con un po’ di accortezza. Ad oggi è lo smartphone più impressionante in termini di batteria che abbiamo provato nel 2020. Una sequenza di eccellenti risultati per Motorola su questo fronte.

7.0

Prezzo

Motorola Moto G 5G Plus viene venduto in Italia a 399€, un prezzo corretto anche se non stracciato. Se per questa versione fosse stata disponibile la variante 6/128 sarebbe stato sicuramente meglio. Considerate comunque l’acquisto di questo smartphone, soprattutto se doveste riuscire a trovare qualche offerta a prezzo scontato. Lo smartphone al momento è disponibile sullo store ufficiale Motorola.

Foto

L’articolo Recensione Motorola Moto G 5G Plus (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Minix presenta 3 hub USB-C (anche con SSD) ed un caricabatterie universale a 4 porte da 100W (foto)

Minix è un’azienda cinese che produce accessori (e non solo) di comprovata qualità, ed oggi ha annunciato 4 nuovi dispositivi adatti principalmente all’uso con notebook, ma non solo. E sono già tutti disponibili anche in Italia, la maggior parte direttamente da Amazon. Costano un po’ di più della media, ma nel corso degli anni abbiamo anche imparato ad apprezzare l’affidabilità dei prodotti Minix, ben lontani dalle classiche “cinesate”, se ci passate il termine. Avrete quindi la consapevolezza di acquistare prodotti fatti a norma, per durare, e con un’ampia compatibilità, il che non si può dire di tutti gli accessori aftermarket.

Minix Neo C-G

Adattatore multi-porta USB-C con Gigabit Ethernet, HDMI (4K@60Hz), 2x USB 3.0, USB-C con power delivery, microSD/SD card reader.

Ideale come compagno di viaggio, per avere a portata di mano tutte le porte di cui avete bisogno, o anche da tenere sempre sulla scrivania, visto che con il power delivery vi basterà collegare un cavo al vostro notebook per averlo subito alimentato e con uscita video e porta di rete sempre pronte.

Al momento si trova solo su Aliexpress a circa 50€.

Minix Neo Storage Plus

Un hub USB-C con incluso un SSD da 48-C0GB (Neo SG4) o da 960GB (Neo SG9), dalla velocità indicativa di 400 MB/s in lettura e scrittura. Abbiamo poi Gigabit Ethernet, HDMI (4K@60Hz), 2x USB 3.0, USB-C (solo power delivery). Supporta macOS, iPadOS, e Windows 10, ma non vediamo perché non dovrebbe funzionare anche su Linux e non solo.

Disponibile su Amazon Italia, a circa 150 euro, in due colorazioni diverse.

Minix Neo Storage Pro

Affine allo Storage Plus, il Pro è dedicato più agli utenti MacBook, sia Ari che Pro.

Abbiamo infatti lo stesso tipo di SSD, da 480 e 960 GB, e la stessa HDMI 4K@60Hz. In più c’è anche una Thunderbolt 3, che supporta anche display 5K@60Hz (supportato l’output su due display contemporaneamente). Infine c’è anche una USB-A 3.0. Attenzione però perché occuperà due USB-C sul MacBook.

Disponibile su Amazon Italia in due colorazioni, a circa 130€.

Minix Neo P2

Caricabatterie da 100W a 4 porte: 2x USB-C con power delivery 3.0 (massimo 100W), 2x USB-A con Quick Charge (massimo 18W), ideale per ricaricare gli smartphone ed i tablet.

Conforme a vari standard di sicurezza, include nella confezione adattatori per prese UK ed EU, oltre a quella Cina/USA, in modo da essere praticamente universale.

Disponibile su Amazon Italia, nel solo colore nero, per 60 euro.

L’articolo Minix presenta 3 hub USB-C (anche con SSD) ed un caricabatterie universale a 4 porte da 100W (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Serious Sam 4 è stato rinviato: uscirà a settembre su Steam e Stadia (video e foto)

Sam “Serious” Stone è pronto a ritornare e a darne l’annuncio sono Croteam e Devolver Digital. Quest’estate, Steam e Stadia accoglieranno nei loro cataloghi Serious Sam 4, il gagliardo nuovo capitolo dello sparatutto in prima persona in cui il nostro Sam è al comando dell’ultimo baluardo della resistenza umana e deve fare i conti con le orde di nemici alieni che hanno invaso la Terra.

In questo nuovo titolo la parola “più” regna sovrana dal momento che ci saranno più nemici, troveremo vecchie conoscenze (come Headless Kamikaze) e nuove appena sfornate, e più armi con cui sparare all’impazzata e sconfiggere i fetidi alieni. Tutto ciò è dovuto, inoltre, al nuovo “Legion System” capace di ricreare nei vari ambienti un numero esagerato di nemici da fronteggiare.

LEGGI ANCHE: LEGO Super Mario, la nostra prova

Ma le novità non si fermano qui, perché i giocatori potranno avviare anche la modalità cooperativa online. Pensata per accogliere un numero massimo di 4 membri, i giocatori potranno condividere l’adrenalina dell’azione con i propri amici e affrontare missioni primarie o secondarie in difficoltà modificate per una sfida aggiuntiva.

Aggiornamento06-08-2020

Serious Sam 4 non sarà disponibile a partire da agosto 2020, bensì a settembre, sia su Steam che su Google Stadia. Nel dettaglio, arriverà nei negozi digitali il 24 settembre al prezzo di 39,99€ per l’edizione base e di 49,99€ per la Deluxe Edition. Attualmente è possibile procedere con il pre-acquisto su Steam.

Trailer

Gameplay

Immagini

L’articolo Serious Sam 4 è stato rinviato: uscirà a settembre su Steam e Stadia (video e foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Android 10 arriva finalmente anche su LG G7! (foto) (aggiornato con dettagli)

Possono finalmente esultare i proprietari di LG G7 ThinQ: il telefono sta ricevendo in queste ore il tanto atteso aggiornamento ad Android 10. Il nuovo firmware è in distribuzione in Italia in queste ore e porta con sé le patch di sicurezza per il mese di luglio.

LEGGI ANCHE: Microsoft sta per acquisire parte di TikTok

Il pacchetto, dal peso di circa 1,6 GB, è arrivato con un po’ in ritardo rispetto all’aggiornamento dello scorso anno, ma rappresenta il secondo upgrade dell’OS per uno smartphone lanciato da LG all’inizio dell’estate del 2018. Vi ricordiamo che potete segnalarci novità di questo tipo attraverso l’apposito modulo nel nostro sito oppure iscrivendovi al nostro gruppo Facebook.

Ringraziamo Giorgio per la segnalazione.

Aggiornamento5 agosto 2020, ore 19:30

Aggiorniamo l’articolo dopo che LG ha ufficialmente comunicato il rilascio dell’aggiornamento attualmente disponibile per le varianti no brand e Vodafone (per gli altri operatori sarà disponibile nelle prossime settimane). Di seguito le principali novità della nuova interfaccia UX 9.0:

  • Nuove gesture per tornare alla Home, alla schermata precedente e alla lista delle app usate di recente.
  • Modalità notte attiva e ottimizzazione dei contenuti quando c’è poca luce.
  • Modalità desktop per collegare lo smartphone a un monitor o a una TV tramite adattatore HDMI e accedere alle app attraverso il mouse e la tastiera Bluetooth.
  • Nuova funzione Benessere Digitale per avere il controllo del tempo da dedicare allo smartphone, limitandolo se necessario, e favorendo un uso maggiormente consapevole del dispositivo.
  • Interfaccia della fotocamera rinnovata: più semplice e intuitiva e consente di usare le gesture per passare da una funzione all’altra.
  • Nuovo Pop-up Window: permette di ridurre in finestra le app per gestire meglio il multitasking.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Android 10 arriva finalmente anche su LG G7! (foto) (aggiornato con dettagli) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Volantino Euronics Nova “Svuota Negozio” 4-19 agosto: tasso zero e tanti sconti (foto)

C’è aria di novità tra i volantini Euronics. Quello che vi stiamo per proporre è il nuovo arrivato del gruppo Euronics Nova, che punta in alto con l’altisonante nome “Svuota Negozio“, con otto pagine non avare di promozioni speciali sulla tecnologia e non solo.

Il volantino in questione sarà valido dal 4 agosto e durerà fino al 19 dello stesso mese, e consente di risparmiare su una buona gamma di prodotti, con possibilità di acquisto in 20 rate mensili a tasso zero per tutti i prodotti da almeno 299€.

LEGGI ANCHE: Migliori offerte eBay

In prima linea salta all’occhio Galaxy A30s a 189€, seguito poi da uno Smart TV LG 4K HDR da 49″ a soli 299€. Ci sono degli affari sull’informatica: per dire, la stampante HP DeskJet 3750 viene a costare solo 39€, mentre il notebook ASUS F509MA con display da 15,6″ e SSD da 256 GB subisce un calo di 100€, scendendo a 349€.

Come da prassi, facendo clic sulla prima immagine della galleria in basso, potete sfogliare il volantino completo, valido appunto solo nei punti vendita Euronics Nova fino al 19 agosto 2020.

ALTRE OFFERTE SU AMAZON

Volantini Euronics Nova “Svuota Negozio”

Offerte Tecnologia

L’articolo Volantino Euronics Nova “Svuota Negozio” 4-19 agosto: tasso zero e tanti sconti (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Moto E7 Plus appare su Geekbench e mostra le sue prime specifiche (foto)

Il prossimo smartphone Motorola della serie Moto E sta scaldando i motori a quanto pare e presto dovremmo vederlo ufficializzato. Moto E7 Plus per ora si è mostrato solo in un piccolo leak che ha permesso di capire quale sarà il suo aspetto oltre ad altri dettagli, oggi invece è apparso su Geekbench, la nota piattaforma per i benchmark.

Il telefono ha fatto registrare un punteggio di 1.152 in modalità single-core e di 4.373 nel test multi-core. Dalle specifiche riportate possiamo vedere che è equipaggiato con 4 GB di RAM, Android 10 e un misterioso processore a 8 core e 1,8 GHz identificato col nome “guamp”. Questo stesso SoC era apparso qualche tempo fa in un benchmark di Moto G9 Play e all’epoca era stato ipotizzato che poteva essere uno Snapdragon 662.

LEGGI ANCHE: Microsoft sta per acquisire una parte di TikTok

Report trapelati in precedenza in realtà parlavano di uno Snapdragon 632, quindi rimane da vedere quale voce sia quella corretta. Entrambi i dispositivi dovrebbero comunque montare lo stesso chip. Tornando alle immagini trapelate Moto E7 Plus sembra dotato di notch a goccia, doppia fotocamera posteriore con lettore di impronte fisico e, sul lato inferiore, porta USB-C e il jack da 3,5 mm in via d’estinzione.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Moto E7 Plus appare su Geekbench e mostra le sue prime specifiche (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

L’ultimo aggiornamento fa somigliare Google Maps sempre più a un social network (foto)

Con un post sul suo blog ufficiale Google annuncia l’arrivo di una piccola ma significativa rivoluzione in Maps: presto si potranno seguire le attività di chi aggiunge contenuti. Il rilascio globale è partito dopo una sperimentazione durata più di sei mesi. La novità in poche parole introdurrà alcune funzioni tipiche dei social, come la gestione del proprio profilo (in parte in realtà già presente per chi contribuisce alle mappe), la possibilità di rendere pubblica la propria attività e ricevere notifiche a ogni upload significativo.

Già da qualche tempo infatti era possibile seguire le guide locali, da domani chi condivide foto, recensioni o liste pubblicamente potrà essere seguito da chi vuole ricevere gli ultimi aggiornamenti. Sarà poi possibile filtrare i profili pubblici per argomento (es. pizza, branch, campeggi, parchi, ecc.).

LEGGI ANCHE: I 15 migliori prodotti tecnologici del 2020 finora (secondo noi)

Google ci tiene però a rassicurare quegli utenti più attenti alla propria privacy, dichiarando che allo stesso tempo sarà implementato un sistema di gestione della condivisione delle informazioni. In particolare si potrà scegliere se mostrare a tutti o meno le proprie recensioni, le foto e gli altri post che compongono il profilo pubblico su Maps. Per poter essere seguiti da altri bisognerà seguire una procedura precisa – disponibile per alcuni utenti, immaginiamo in base ai contributi effettuati – ma poi sarà possibile porre delle limitazioni. Per esempio con un profilo “restricted” si potrà approvare chi fa richiesta di diventare follower.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo L’ultimo aggiornamento fa somigliare Google Maps sempre più a un social network (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Aggiornamento della EMUI 10.1 per Huawei P40 Lite: arrivano le patch di luglio (foto)

Huawei ha appena rilasciato un nuovo aggiornamento software per il suo P40 Lite, il quale è sempre basato sulla EMUI 10.1 ed è centrato tutto sull’aspetto della sicurezza.

L’aggiornamento in fase di rollout per Huawei P40 Lite fa riferimento alla build 10.1.0.226 e ha un peso di circa 720 MB: il changelog sembra includere esclusivamente le patch di sicurezza Android aggiornate a luglio 2020.

LEGGI ANCHE: Huawei P40 Lite, la recensione

L’update appena descritto è in fase di distribuzione via OTA in diverse regioni europee. Fateci sapere se l’avete ricevuto anche voi e installato.

L’articolo Aggiornamento della EMUI 10.1 per Huawei P40 Lite: arrivano le patch di luglio (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

L’acquisto di uno smartphone viene sempre più spesso rimandato per il Covid, ma per molti invece non fa differenza (foto)

Stando ai dati pubblicati da Kantar riguardo la situazione delle vendite di smartphone globali la situazione non è esattamente rosea. Le conseguenze della pandemia di Covid-19 infatti stanno pesando fortemente in un settore che già stava vivendo una difficile fase di stagnazione e in cui il ban contro Huawei sta smuovendo le acque e ridistribuendo gli equilibri di forza nei vari mercati.

Il declino di vendite è evidente anche per il secondo trimestre del 2020 (aprile-giugno), il primo interamente colpito dalle restrizioni della quarantena. Una delle conseguenze però è anche lo spostamento degli acquisti verso il canale online, aumentati dell’11% in Europa, USA e Giappone e arrivati a rappresentare quasi i due terzi di tutte le vendite.

Curiosamente però, come si può vedere dal grafico più in basso, mentre diversi consumatori dichiarano di aver rinunciato o rimandato l’acquisto di un nuovo smartphone, ce ne sono sempre molti che invece si dicono ugualmente interessati. La percentuale cambia da Paese a Paese, ma gli utenti orientati a una spesa inferiore ai piani iniziali comunque sono decisamente di più di quelli che al contrario sono disposti a sborsare anche più del previsto.

È interessante anche notare come le vendite di iPhone non siano poi così toccate dall’andamento negativo generale, grazie al lancio quanto mai provvidenziale da parte di Apple del nuovo iPhone SE 2020 che ha intercettato i desideri di spesa di molte persone. Il suo successo è evidente anche in Cina, dove occupa il trono di dispositivo più venduto nonostante lo strapotere Huawei (che occupa più della metà del mercato nazionale).

LEGGI ANCHE: I migliori 15 prodotti tecnologici del 2020 finora (secondo noi)

A proposito di Huawei, incominciano a diventare sempre più marcate le conseguenze del ban USA sulle vendite. Dopo che anche il governo statunitense ha esteso il divieto anche alla realizzazione di processori e il Regno Unito ha escluso l’azienda cinese dalla realizzazione della sua Rete 5G, nuovi segnali negativi hanno raggiunto gli utenti. In Occidente ne stanno approfittando gli altri marchi rivali come Xiaomi, Oppo, OnePlus e Realme. Il fenomeno è particolarmente evidente nella fascia media, storicamente il segmento in cui Huawei spadroneggiava. In Paesi come Spagna (40% delle vendite) e Italia (24%, un punto sotto Samsung!) è Xiaomi a spuntarla.

Samsung rimane in molte nazioni l’azienda da battere, anche grazie alle forti vendite della rinnovata serie Galaxy A. I risultati della fascia media però allo stesso tempo stanno alzando l’asticella delle aspettative nei confronti dei top di gamma Galaxy S e Galaxy Note e cannibalizzando i loro possibili acquirenti.

L’importanza del fattore prezzo risalta dall’analisi che evidenzia anche la rinnovata centralità della fascia media, vero terreno di scontro per tutti i produttori che si trovano a dover affrontare tempi sempre più lunghi tra un acquisto e l’altro da parte dei consumatori. Se gli utenti sono sempre stati abbastanza fedeli a un marchio, ora l’occasione per conquistarne di nuovi (o riconquistare quelli che si sono allontanati) si verifica una volta ogni 24+ mesi, un lasso di tempo in cui molte cose possono succedere.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo L’acquisto di uno smartphone viene sempre più spesso rimandato per il Covid, ma per molti invece non fa differenza (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Trapelano i prezzi delle novità di Samsung: Note 20 sotto i 1.000€, Buds Live a 189€, gli altri non ci sorprendono (foto)

Dopo tanti rumor relativi alle probabili caratteristiche tecniche e al design dei nuovi top di gamma Samsung, finalmente trapelano importanti indicazioni sui prezzi di lancio dei Galaxy Note 20 e delle Buds Live.

Secondo Ishan Agarwal, i prezzi ufficiali per i mercati europei della serie Galaxy Note 20 saranno:

  • Galaxy Note 20 LTE a 999€.
  • Galaxy Note 20 5G a 1.099€.
  • Galaxy Note 20 Ultra 256 GB a 1.349€.
  • Galaxy Note 20 Ultra 512 GB a 1.449€.
  • Galaxy Buds Live a 189€.

LEGGI ANCHE: OnePlus Nord, la recensione

Entrambe le varianti di Galaxy Note 20 (LTE e 5G) potrebbero arrivare con un frame realizzato in plastica, anche se Agarwal non è sicuro dell’affidabilità di questa informazione.

Il noto leaker ha anche precisato che i prezzi di commercializzazione potrebbero leggermente variare da paese a paese a causa delle diverse imposte. I nuovi dispositivi Samsung dovrebbero debuttare nel mercato indiano intorno al 28 agosto, la data di debutto in Europa non dovrebbe differire poi così tanto.

L’articolo Trapelano i prezzi delle novità di Samsung: Note 20 sotto i 1.000€, Buds Live a 189€, gli altri non ci sorprendono (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Ghiotto aggiornamento per Telegram: arrivano i video profilo, novità grafiche e funzionali per chat, gruppi e Persone Vicine (foto)

Telegram ha appena rilasciato un nuovo e consistente aggiornamento per le sue app Android e iOS di messaggistica, il quale include tantissime novità, come di consueto del resto. Andiamo a vederle insieme nel dettaglio.

La prima novità riguarda i profili utente: dopo l’aggiornamento sarà possibile impostare un video profilo, invece che la classica immagine, e scegliere un fotogramma di esso come immagine statica da proporre nelle chat. Al video è possibile applicare anche degli sticker animati.

L’aggiornamento ha anche introdotto un nuovo strumento di editing fotografico e video: si tratta della possibilità di incrementare la morbidezza della pelle sui video registrati e sulle foto scattate con la fotocamera frontale.

Sono stati apportati dei miglioramenti alla funzionalità Persone Vicine di Telegram: quando ci si scriverà usando questa feature si troverà l’informazione relativa alla distanza tra i due utenti. La novità è accessibile a patto che tra le impostazioni Contatti > Persone vicine sia selezionata l’opzione “Rendimi visibile“.

Nella lista chat sono state implementate le mini miniature riferite ai file multimediali inviati: questa sarà utile per avere un’anteprima del contenuto ricevuto senza dover accedere alla chat specifica.

L’aggiornamento di Telegram ha apportato anche un nuovo strumento per filtrare le chat relative a utenti non presenti tra i contatti, utile nel caso in cui si ricevano tanti messaggi da persone sconosciute. La novità è disponibile nella sezione Privacy e Sicurezza delle impostazioni dell’app . Le chat filtrate verranno raccolte nell’Archivio.

Per i gruppi con più di 500 membri arrivano delle interessanti e dettagliate statistiche: queste riguarderanno le interazioni, la crescita degli iscritti e non solo. L’animazione presente qui sotto vi darà un’idea.

Inoltre per Android sono arrivate ulteriori novità: parliamo di nuovi strumenti per il player musicale, che ha ricevuto icone semplificate e la lista brani espandibile, della barra di scrittura che si adatterà automaticamente durante la scrittura di messaggi lunghi e degli strumenti per editare velocemente i video.

Per Telegram Desktop arriva la possibilità di usare account multipli sullo stesso dispositivo, esattamente come è già possibile per le app Android e iOS. Inoltre, per Telegram arrivano nuove emoji animate, mentre il limite per l’invio dei file è stato esteso a 2 GB.

L’aggiornamento appena descritto è in fase di distribuzione sul Play Store e App Store, oltre che per la piattaforma desktop. Qui sotto trovate i rispettivi badge di download.

L’articolo Ghiotto aggiornamento per Telegram: arrivano i video profilo, novità grafiche e funzionali per chat, gruppi e Persone Vicine (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Cosa ci aspetta con Galaxy Watch 3? Gesture per rispondere alle chiamate e SOS dopo le cadute (foto)

Il prossimo 5 agosto Samsung svelerà, oltre agli attesissimi Galaxy Note 20, le sue nuove Galaxy Buds Live e Galaxy Watch 3. Dopo le novità viste per le Buds Live, nelle ultime ore sono trapelati interessanti dettagli anche sul nuovo smartwatch di Samsung.

Le informazioni sul conto di Galaxy Watch 3 sono emerse dopo la pubblicazione della companion app dello smartwatch per dispositivi mobili. Le novità più interessanti riguardano la possibilità di gestire le chiamate vocali in entrata direttamente dallo smartwatch tramite gesture: le animazioni di SamMobile mostrano come rispondere alle chiamate ruotando il polso o come rifiutarle agitando la mano. Galaxy Watch 3 sarà in grado di gestire in autonomia le chiamate vocali perché sarà dotato anche di uno speaker audio.

LEGGI ANCHE: OnePlus Buds, la recensione

Inoltre, il nuovo Galaxy Watch 3 offrirà il rilevamento automatico delle cadute accidentali: al momento del rilevamento della caduta, il dispositivo invierà una notifica all’utente e se quest’ultimo non risponderà entro 60 secondi verrà inviata una chiamata ai contatti d’emergenza con la posizione geografica del dispositivo. In questo contesto sarà anche possibile impostare la chiamata automatica ai servizi d’emergenza.

Infine, sarà più semplice anche acquisire gli screenshot con il nuovo smartwatch di Samsung: basterà tenere premuti i due pulsanti fisici laterali. Ci sono ancora diverse incognite sul nuovo Galaxy Watch 3, prime fra tutte la disponibilità e il prezzo di lancio. Scopriremo tutto sul suo conto a valle dell’evento del 5 agosto.

L’articolo Cosa ci aspetta con Galaxy Watch 3? Gesture per rispondere alle chiamate e SOS dopo le cadute (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

I Galaxy Buds Live avranno la cancellazione attiva del rumore: ecco la conferma (foto)

Non solo Galaxy Note 20: i prossimi top di gamma che Samsung svelerà il prossimo 5 agosto al Samsung Unpacked saranno accompagnati da diversi altri prodotti, tra i quali ci saranno i Galaxy Buds Live, i nuovi earbud wireless del produttore sudcoreano.

Non sarà un cambio di pagina solo in termini di design per Samsung, i Buds Live infatti arriveranno con un’inedita forma a fagiolo, ma le novità saranno anche di tipo funzionale: la più rilevante, e probabilmente più attesa, consisterà nella cancellazione attiva del rumore. La presenza di questa funzionalità, mai vista sulle precedenti generazioni di Galaxy Buds, è stata confermata da alcuni screenshot relativi all’app di gestione dei Buds Live che Samsung rilascerà per Android e iOS.

LEGGI ANCHE: OnePlus Buds, la recensione

Gli screenshot dell’app, che trovate tutti nella galleria a fine articolo, mostrano come usare le gesture sul padiglione delle cuffie per attivare la cancellazione del rumore e gestire i contenuti multimediali e le chiamate vocali.

Al momento rimane ancora un’incognita relativa al prezzo di lancio, i nuovi Buds Live potrebbero arrivare sul mercato a un prezzo leggermente superiore a quello dei Buds+ da 150$ .

L’articolo I Galaxy Buds Live avranno la cancellazione attiva del rumore: ecco la conferma (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld