Non potete spendere 700 dollari meglio di così! (foto e video)

Hasbro, assieme a Robosen Robotics, ha creato il Transformer che tutti avremmo voluto da piccoli: un Optimus Prime (Commander, per i fan italiani) che si trasforma da solo, programmabile, e controllabile via smartphone (Android ed iOS). Non esattamente possibile 30 anni fa, ma adesso realtà per coloro che abbiano 699,99$ da investire nella collector’s edition disponibile sul sito Hasbro. Ed a quanto pare sono stati in tanti a farlo, perché l’avveniristico giocattolo è già esaurito, almeno per adesso.

Optimus Prime Auto-Converting Programmable Advanced Robot, questo il lungo nome completo, è anche in grado di camminare sulle sue gambe quando in forma di robot, e di correre in modalità camion, è programmabile e può essere controllato anche tramite comandi vocali

E questo è appena l’inizio: visto il successo di questo primo modello, non possiamo affatto escludere che non arrivino anche altri Autobot/Decepticon (Autorobot/Distructor, sempre per i fan della vecchia serie italiana). Intanto gustatevi il rinato Optimus Prime in azione.

L’articolo Non potete spendere 700 dollari meglio di così! (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Non potete spendere 700 dollari meglio di così! (foto e video)

Le chiamate e videochiamate su WhatsApp Desktop sono disponibili per tutti (foto)

Arrivano interessanti novità per gli utenti WhatsApp che si affidano anche alla sua versione desktop. Finalmente sono state distribuite ufficialmente le funzionalità per effettuare chiamate e videochiamate.

Qualche settimana fa abbiamo visto arrivare su WhatsApp Desktop e Web le chiamate vocali e videochiamate in versione beta. Nelle ultime ore il rollout sembra essersi allargato a tutti: gli screenshot in galleria mostrano l’annuncio che WhatsApp sta dando attraverso il suo Stato. La novità sembra essere dunque in fase di distribuzione anche per coloro che non hanno aderito alla beta su Android e iOS.

LEGGI ANCHE: Sonos Roam, la recensione

Le chiamate e videochiamate su WhatsApp Desktop funzionano esattamente come vi aspettereste, e come funzionano sulle app Android e iOS. Non siamo sicuri che la stessa novità stia arrivando per tutti anche su WhatsApp Web. Fateci sapere se avete ricevuto la novità e se le avete già provate.

L’articolo Le chiamate e videochiamate su WhatsApp Desktop sono disponibili per tutti (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Le chiamate e videochiamate su WhatsApp Desktop sono disponibili per tutti (foto)

Anche Amazon Music mostra un’interfaccia semplificata alla guida (foto)

Amazon Music ha da poco introdotto una nuova funzionalità che farà sicuramente felici gli utenti del servizio di streaming musicale che non possiedono un sistema Android Auto o Apple CarPlay.

LEGGI ANCHE: Torna OnePlus Day per vincere buoni sconto e non solo

Già presente sul competitor Spotify, anche Amazon Music ha adesso una schermata personalizzata per l’utilizzo in auto. Quando l’app rileva la connessione all’impianto Bluetooth di un’automobile, mostra automaticamente la nuova interfaccia, che potete vedere nello screenshot in basso. Essenzialmente, le informazioni mostrate a schermo risultato più grandi, così come i pulsanti per cambiare traccia o mettere in pausa la musica.

È ovviamente presente il pulsante per richiamare Alexa in basso a destra, mentre in alto a sinistra è presente quello per uscire dalla schermata manualmente. L’interfaccia auto per Amazon Music è già disponibile sia su Android che iOS.

L’articolo Anche Amazon Music mostra un’interfaccia semplificata alla guida (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Anche Amazon Music mostra un’interfaccia semplificata alla guida (foto)

I pagamenti stanno arrivando su Clubhouse, presto potrete fare donazioni ai vostri autori preferiti (foto)

Clubhouse continua a essere un’esclusiva a inviti per iOS, ma mentre gli utenti attendono impazientemente la versione per Android e i rivali si appropriano delle peculiarità del nuovo social, l’app introduce un paio di novità per provare a tenersi stretti i suoi autori/creator. La prima è la più rilevante: da ieri è in corso di sperimentazione la funzione di invio di denaro.

Si tratta della prima forma di monetizzazione in Clubhouse e per il momento sarà disponibile in test solo per un numero limitato di utenti. Successivamente – anche se non è specificato quando – sarà estesa a tutti gli altri. La particolarità del sistema è che non prevede commissioni: se si inviano x€ a un utente Clubhouse non tratterà nulla. C’è però da dire che una piccola quota viene comunque presa da Stripe, il partner che si occupa di gestire lo scambio economico.

LEGGI ANCHE: I sottotitoli automatici arrivano ufficialmente su TikTok

Completare l’operazione appare molto semplice: visitando la pagina dell’utente si potrà fare un tap sul pulsante “invia denaro” (nostra libera traduzione da “send money”). La prima volta l’app vi chiederà di inserire i dati della vostra carta per tenerli poi in memoria per tutte le volte successive.

Anche la seconda notizia riguarda un cambiamento mirato a trattenere sulla piattaforma gli utenti più creativi, per evitare un esodo verso i tanti concorrenti che hanno introdotto funzioni simili a Clubhouse. È un acceleratore, una specie di incubatore chiamato Creator First, che coinvolgerà una ventina di autori o aspiranti tali, per aiutarli a ingrandire il proprio pubblico e monetizzare i propri eventi.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo I pagamenti stanno arrivando su Clubhouse, presto potrete fare donazioni ai vostri autori preferiti (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


I pagamenti stanno arrivando su Clubhouse, presto potrete fare donazioni ai vostri autori preferiti (foto)

Gli sfondi ufficiali di Xiaomi Mi 11 Ultra e Mi MIX Fold: come provarli subito (foto)

I due gioielli più preziosi presentati tra i nuovi top di gamma Xiaomi sono sicuramente Mi 11 Ultra e Mi MIX Fold. In attesa della loro disponibilità effettiva sul mercato potete averne già un assaggio provando i loro sfondi.

Le immagini presenti in galleria mostrano un’anteprima degli sfondi ufficiali di Xiaomi Mi 11 Ultra e Mi MIX Fold. Quelli per Mi 11 Ultra hanno una risoluzione 1.440 x 3.200 pixel con un rapporto 20:9 e sono divisi in diverse categorie: Natural Texture (7), Geometry (4), Dynamic Nebula (3), Minimalist Scenery (7), Black and White (4) e Mars (4).

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi 11 Lite, la recensione

Anche gli sfondi per Mi MIX Fold sono divisi in categorie: PC Mode (5 immagini statiche), Natural Texture (7 immagini statiche), Musubi (4 immagini statiche), Dynamic Nebula (3 sfondi animati), Minimalist Scenery (7 immagini statiche), and Mars (7 immagini statiche). Alcuni hanno una risoluzione di 2.480 × 1.860 pixel (3:4 ratio), mentre altri di 2.520 × 2520 pixel (1:1).

Attraverso i link presenti qui in basso potete scaricare gli sfondi descritti a risoluzione originale.

Sfondi ufficiali di Xiaomi Mi 11 Ultra | Download

Sfondi ufficiali di Xiaomi Mi MIX Fold | Download

L’articolo Gli sfondi ufficiali di Xiaomi Mi 11 Ultra e Mi MIX Fold: come provarli subito (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Gli sfondi ufficiali di Xiaomi Mi 11 Ultra e Mi MIX Fold: come provarli subito (foto)

Huawei Band 6 è ufficiale: display AMOLED, rilevazione SpO2 continua e due settimane di autonomia (foto)

Dopo settimane di rumor e dettagli trapelati a singhiozzo, Huawei è finalmente uscita allo scoperto relativamente alla sua nuova Huawei Band 6, la nuova generazione di smartband. Andiamo a vedere insieme le specifiche tecniche.

Huawei Band 6: Caratteristiche Tecniche

  • Display: 1,47″ AMOLED 194 x 368 pixel
  • Bluetooth: Bluetooth: 2.4 GHz, BT5.0, BLE
  • Dimensioni: 43 mm (H) x 25.4 mm (W) x 10.99 mm (D)
  • Peso: 18 grammi
  • Pulsanti: pulsante fisico laterale
  • Sensori: 6-axis IMU sensor (Accelerometer sensor, Gyroscope sensor), sensore ottico per la frequenza cardiaca
  • Certificazione: resistenza all’acqua fino a 5 atm
  • Compatibilità: Android 6.0 o successivi | iOS 9.0 o successivi
  • Porta di ricarica: connettore di ricarica magnetico
  • Funzionalità: fino a 96 attività fisiche rilevate, rilevazione continua della frequenza cardiaca e della SpO2, rilevazione del sonno con TruSleep
  • Batteria: fino a 2 settimane di autonomia

Uscita e Prezzo

La nuova Huawei Band 6 è stata lanciata ufficialmente per il mercato malese e non sappiamo se e quando arriverà in Europa. Le colorazioni corrispondono a Graphite Black, Amber Sunrise e Forest Green, ad un prezzo equivalente a circa 45€.

Huawei Band 6 – Immagini

L’articolo Huawei Band 6 è ufficiale: display AMOLED, rilevazione SpO2 continua e due settimane di autonomia (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Huawei Band 6 è ufficiale: display AMOLED, rilevazione SpO2 continua e due settimane di autonomia (foto)

Se aspettavate Galaxy A82 per la sua fotocamera rotante, potreste rimanere delusi (foto)

Circa un mese fa vi rivelavamo che lo smartphone di Chuck Norris, quello con la “fotocamera rotante“, ovvero il Galaxy A82, potesse fare capolino sul mercato mondiale assieme a una sua versione con modulo 5G. Da alcuni aggiornamenti emersi tramite Google Play Console, pare che il dispositivo non sarà come, ad oggi, lo abbiamo immaginato.

Continuano ad essere sconosciute molte specifiche, tra le quali la diagonale dello schermo e la memoria di archiviazione, mentre risultano confermati lo Snapdragon 855+ e i 6 GB di memoria RAM. Ma le ultime notizie, con tanto di immagine a supporto che ritrae il dispositivo dal lato frontale, rivelano un punch hole centrale sulla parte alta del display.

Quello descritto è il dispositivo pensato per il mercato coreano, chiamato Samsung Galaxy A82 5G Quantum 2, ma se non si discostasse molto dalla versione global, significherebbe una cosa sola: pur mantenendo probabilmente le dimensioni generose che aveva il suo predecessore, il Galaxy A80, questo nuovo A82 non avrà moduli rotanti, ma sarà più simile a A32, A52 e A72, almeno stando alle indiscrezioni trapelate fino ad oggi.

L’articolo Se aspettavate Galaxy A82 per la sua fotocamera rotante, potreste rimanere delusi (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Se aspettavate Galaxy A82 per la sua fotocamera rotante, potreste rimanere delusi (foto)

Il design di Huawei P50 Pro: la fotocamera sarà protagonista, ma non l’unica (video e foto)

In questa prima parte del 2021 abbiamo visto arrivare i top di gamma di Samsung, OnePlus, OPPO e Xiaomi, arrivati rispettivamente con la serie Galaxy S21, OnePlus 9, Find X3 e Mi 11. Tra i grandi manca all’appello Huawei, la quale sta lavorando ai nuovi Huawei P50.

Nelle scorse settimane abbiamo visto come Huawei P50 Pro si presenterà sul mercato con un modulo fotografico a dir poco appariscente, pronto per sfidare quello di Xiaomi Mi 11 Ultra che è stato presentato pochi giorni fa. Nelle ultime ore, LetsGoDigital ha condiviso degli interessanti render relativi a Huawei P50 Pro, basati sui rumor emersi nelle settimane precedenti.

LEGGI ANCHE: OnePlus 9, la recensione

Le immagini che vediamo nella galleria in basso mostrano il modulo fotografico a forma di ellisse, che include un sotto-modulo circolare e almeno altri due sensori fotografici. Anteriormente vediamo un display forato al centro e con i bordi relativamente curvi ai lati.

Dal punto di vista tecnico, Huawei P50 Pro potrebbe sfoggiare un sensore fotografico mai visto prima su dispositivi mobili: si tratterebbe del Sony IMX800, di dimensione pari a 1″ e che dovrebbe dare il meglio di sé soprattutto in condizioni di bassa luminosità ambientale. Per il display ci si aspetta una risoluzione pari a 2.640 × 1.200 pixel con refresh rate pari a 120 Hz. Il processore sarà un HiSilicon Kirin 9000, con modem 5G integrato.

Proprio il processore e gli altri componenti hardware potrebbero risiedere alla base dell’ipotetico ritardo nel lancio che sta accumulando la nuova serie Huawei P50: il colosso cinese starebbe infatti riscontrando dei problemi con le forniture hardware e per questo non avrebbe ancora pianificato il lancio ufficiale dei suoi nuovi top di gamma. Vi ricordiamo che la serie Huawei P40 venne lanciata il 26 marzo 2020. Presumiamo che in questo influisca anche le difficoltà riscontrate da Huawei in seguito al ban inflitto dal governo statunitense.

L’articolo Il design di Huawei P50 Pro: la fotocamera sarà protagonista, ma non l’unica (video e foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il design di Huawei P50 Pro: la fotocamera sarà protagonista, ma non l’unica (video e foto)

Google Assistant su Fiat 500: basta un “Hey Google” per comunicare con l’auto (foto)

Google e Fiat hanno appena ufficializzato un’interessante novità per il settore automobilistico che concretizza il connubio tra una delle auto più iconiche della storia italiano e Google Assistant, l’assistente virtuale intelligente di BigG.

È stata presentata l’edizione speciale della Fiat 500 Family con Hey Google. La novità consiste in un’integrazione più profonda dell’assistente vocale con l’auto, che va oltre l’esperienza offerta da Google su smartphone Android e con Android Auto. Sulle nuove Fiat 500500X e 500L Hey Google sarà possibile interagire, anche a distanza, con l’auto per conoscere il livello di carburante o accendere le luci.

LEGGI ANCHE: OPPO Find X3 Neo, la recensione

Il tutto è stato reso possibile grazie all’integrazione di Assistant con servizio Mopar Connect di Fiat e all’Action My Fiat creata appositamente per Google Assistant. Per accedervi sarà necessario completare la procedura di configurazione iniziale indicata alla consegna dell’auto.

Come vedete dalle immagini in galleria, le nuove Fiat 500, 500X e 500L Hey Google presentano anche degli inserti sulle portiere e sui sediolini che richiamano i colori Google. La Fiat 500 Family Hey Google sarà presto disponibile nei tre modelli 500, 500X e 500L in 10 paesi europei, tra i quali l’Italia.

L’articolo Google Assistant su Fiat 500: basta un “Hey Google” per comunicare con l’auto (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Google Assistant su Fiat 500: basta un “Hey Google” per comunicare con l’auto (foto)

Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto)

Samsung non è solo smartphone e non è attiva solo nel settore dei top di gamma. Il produttore sudcoreano sta preparando anche una versione alleggerita dei nuovi tablet, un dispositivo che arriverà sul mercato come Galaxy Tab A7 Lite.

Nelle ultime ore sono trapelate interessanti novità sul tablet: le immagini che vedete nella galleria in basso ne mostrano il design, abbastanza ordinario, con un display da 8,4″, bordi abbastanza pronunciati e una singola fotocamera posteriore. Il dispositivo dovrebbe avere un scheda tecnica coerente con l’aggettivo Lite:

  • Processore: MediaTek Helio P22T
  • RAM: 3 GB
  • Fotocamera posteriore senza flash
  • Batteria da 5.100 mAh

LEGGI ANCHE: OnePlus 9 Pro, la recensione

Stando a quanto riferito dal leaker WalkingCat, questo nuovo tablet di Samsung dovrebbe arrivare sul mercato a partire da giugno 2021, insieme a Galaxy Tab S7 Lite. Torneremo ad aggiornarvi non appena avremo maggiori dettagli su prezzo e data di lancio.

L’articolo Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Facciamo la conoscenza con Galaxy Tab A7 Lite: design e specifiche tecniche (foto)

Sono stati venduti 500.000 wearable nello scorso anno (foto)

La curva di vendita dei dispositivi indossabili ha cominciato un’impennata che non sembra intenzionata a fermarsi. Ve ne abbiamo parlato in quest’articolo, ma quello che ancora non era stato comunicato era il numero esatto di unità vendute: per la prima volta dalla loro nascita, sono stati venduti ben 500.000 wearable nel corso del 2020.

La crescita è stata trainata da Apple e Xiaomi e i dispositivi da polso, smart band e watch, assieme alle cuffie auricolari TWS Bluetooth hanno conseguito il 98% delle vendite totali e sono in continuo aumento. Seguendo questo andamento, si prevede che prima della fine dell’attuale decade siano venduti ben 2 miliardi di dispositivi, superando numericamente gli smartphone.

LEGGI ANCHE: Le innovazioni dei wearable di TCL presentate al CES 2121

D’altra parte i wearable possono essere indossati su qualsiasi parte del corpo: pensiamo agli occhiali smart per la realtà aumentata, agli anelli dotati di biosensori, o alle scarpe che diventano controller o che siano capaci di rilevare il livello d’inquinamento e chissà quanto altro vedremo nel prossimo futuro.

L’articolo Sono stati venduti 500.000 wearable nello scorso anno (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Sono stati venduti 500.000 wearable nello scorso anno (foto)

La famiglia Vivo X60 detiene un primato assoluto in tema fotografico, ecco quale (foto)

Vivo è una delle azienda cinese produttrici di smartphone che più è attiva nell’ultimo periodo, e sta preparando il lancio della sua nuova serie di top di gamma, la famiglia Vivo X60.

Alla fine dello scorso anno Vivo si è lanciata ufficialmente nel mercato italiano, pertanto i dispositivi che sta preparando ci interessano da vicino. Nelle ultime ore sono trapelati interessanti novità sulla serie Vivo X60, che includerà un modello standard, Vivo X60 Pro e X60 Pro+, che già conosciamo dopo il lancio avvenuto per il mercato cinese. Tra pochi giorni tali dispositivi debutteranno a livello globale e arriveranno con una novità assoluta per il settore smartphone, che riguarda il comparto fotografico.

LEGGI ANCHE: Vivo X51, la recensione

La novità consisterà nell’implementazione della tecnica chiamata pixel shift per il comparto fotografico. Questo algoritmo è già usato in macchine fotografiche DSLR ma finora non è mai stato implementato su smartphone. Le immagini che vedete in galleria mostrano brevemente in cosa consiste e perché sarebbe migliore delle attuali tecniche impiegate dagli altri smartphone: finora infatti le fotocamere degli smartphone si sono basate sul pattern Bayer, per il quale ogni pixel include una matrice di sotto pixel in grado di essere sensibili a un solo colore, non equamente ripartiti tra verde, blu e rosso (perché l’occhio umano è più sensibile al verde), una procedura che implica delle imperfezioni perché per colmare i gap che vedete tra sotto pixel è necessaria un’interpolazione software.

Pertanto, quanto scattato dalle attuali fotocamere degli smartphone è frutto anche di interpolazione, non per forza sempre corrispondente all’immagine reale. La serie Vivo X60 invece potrà contare sul pixel shift: questo implica appunto uno shift, sia in senso verticale che in senso orizzontale, della matrice di sotto pixel in modo da non dover ricorrere all’interpolazione per realizzare digitalmente l’immagine che “vede” il sensore. Per farlo è necessario che lo smartphone scatti più foto della stessa scena, rapidamente in modo che l’utente non avverta tale procedura.

Vivo ancora non ha condiviso i dettagli sulla nuova tecnica che ha implementato sui suoi X60, ma i risultati dovrebbero corrispondere a degli scatti con maggiori dettagli e tonalità maggiormente fedeli. Qui sotto trovate un esempio della resa del pixel shift sulla Alpha 7R IV di Sony.

L’articolo La famiglia Vivo X60 detiene un primato assoluto in tema fotografico, ecco quale (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


La famiglia Vivo X60 detiene un primato assoluto in tema fotografico, ecco quale (foto)

Il look di OnePlus Watch è servito (foto)

Sappiamo ormai con relativa certezza che OnePlus è ormai prossima a lanciare il suo primo smartwatch, e sappiamo che dovrebbe farlo il prossimo 23 marzo in occasione del lancio dei nuovi OnePlus 9.

L’immagine che vedete nella galleria in basso mostra il look di OnePlus Watch dell’azienda cinese, con un quadrante circolare e un cinturino con chiusura simile a quella proposta da Samsung con i suoi Watch Active. Rumor precedenti ci hanno già fatto capire che OnePlus Watch non arriverà sul mercato con Wear OS.

LEGGI ANCHE: Amazfit GTS 2 Mini, la recensione

Stando a quanto suggerito da Unbox Therapy, OnePlus potrebbe presentare anche altre novità rispetto al nuovo Watch e i OnePlus 9. Staremo a vedere se altre sorprese sono dietro l’angolo.

L’articolo Il look di OnePlus Watch è servito (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il look di OnePlus Watch è servito (foto)

Volantino Esselunga “Speciale Multimediale” 18 mar – 3 apr: Apple AirPods Pro, Galaxy A51 e tanti Smart TV in Offerta (foto)

Ripartono le offerte della serie “Speciale Multimediale ed Elettrodomestici” grazie al nuovo volantino Esselunga che include al suo interno tantissimi prodotti tecnologici ed elettrodomestici, tutti a prezzo scontato. Per la precisione, gli sconti sulla tecnologia saranno validi solo nei punti vendita fisici a marchio Esselunga dal 18 marzo al 3 aprile 2021.

Molto ricco il catalogo degli smartphone in sconto, a cominciare dagli entry-level come Samsung Galaxy A20e a 128€, Galaxy A51 a 248€, Redmi 9 a 148€ e Realme 7 a 178€. Ci sono anche diversi prodotti a marchio Apple, tra i quali spiccano iPhone 11 a 698€, iPhone SE 2020 a 478€ e soprattutto gli auricolari wireless Apple AirPods Pro a 198€.

Per le altre categorie di prodotto segnaliamo anche gli smartwatch Samsung Galaxy Fit 2 a 39€ e Amazfit Neo a 29€, lo Smart TV Samsung UE43TU7170 4K da 43″ a 378€, il notebook Samsung Chromebook 4+ a 399€ e la stampante HP Envy 6220 a 79€.

LEGGI ANCHE: Iscriviti al nostro canale Telegram delle offerte!

Nella galleria in basso abbiamo inserito il volantino Esselunga completo con tutte le offerte relative a tecnologia, elettrodomestici e informatica. Vi ricordiamo che le offerte Esselunga sono disponibili solo nei punti vendita fisici, dunque cercate quello più vicino a voi.

ALTRE OFFERTE SU AMAZON

Volantino Esselunga “Speciale Multimediale”

Offerte Tecnologia

L’articolo Volantino Esselunga “Speciale Multimediale” 18 mar – 3 apr: Apple AirPods Pro, Galaxy A51 e tanti Smart TV in Offerta (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Volantino Esselunga “Speciale Multimediale” 18 mar – 3 apr: Apple AirPods Pro, Galaxy A51 e tanti Smart TV in Offerta (foto)

Curiosi di vedere i miglioramenti fotografici di OnePlus 9 Pro? Ecco i suoi primi scatti (foto)

Sappiamo ormai tutto quello che riguarda la nuova famiglia OnePlus 9 che verrà presentata tra qualche giorno, e le specifiche che maggiormente hanno incuriosito gli utenti sono quelle legate al nuovo comparto fotografico sviluppato in collaborazione con il brand svedese Hasselblad.

LEGGI ANCHE: Sarebbe meglio se la nuova app di Google Pay non arrivasse in Italia

Finora potevamo solo immaginarci i miglioramenti ottenuti in termini di qualità fotografica, ma adesso grazie al profilo Twitter @techdroider possiamo ammirarli con i nostri occhi. Sono infatti emerse oltre 20 foto campione scattate proprio dalle fotocamere del OnePlus 9 Pro, che abbiamo raccolto nella galleria sottostante. Pensate che il tanto atteso miglioramento delle prestazioni fotografiche sia avvenuto? Fatecelo sapere nei commenti.

L’articolo Curiosi di vedere i miglioramenti fotografici di OnePlus 9 Pro? Ecco i suoi primi scatti (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Curiosi di vedere i miglioramenti fotografici di OnePlus 9 Pro? Ecco i suoi primi scatti (foto)