Samsung vuole fare la storia: Galaxy Z Fold 3 avrà la fotocamera sotto il display (foto)

Arrivano novità davvero importanti sul fronte del settore smartphone e che riguardano da vicino Samsung. Il produttore sudcoreano sta preparando il suo primo pieghevole con fotocamera integrata sotto il display.

Parliamo chiaramente di Galaxy Z Fold 3, il prossimo pieghevole di punta che Samsung lancerà entro la prossima estate. Come vedete dalle immagini presenti in galleria, tratte molto probabilmente da materiale che Samsung userà per marketing del suo nuovo dispositivo, Galaxy Z Fold 3 sarà il primo smartphone pieghevole nella storia ad avere una fotocamera integrata sotto il display. Pertanto il display non necessiterà di tagli o fori.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy A52 5G, la recensione

La seconda immagine mostra la seconda importante novità: Galaxy Z Fold 3 godrà del supporto della S Pen, la quale, secondo gli ultimi rumor trapelati in rete, sarà definita Hybrid S Pen. La terza immagine in galleria mostra invece la probabile configurazione a tre sensori della fotocamera principale del pieghevole, della quale abbiamo già sentito parlare.

Al momento rimane incerto il resto della scheda tecnica di Galaxy Z Fold 3. È certo che dopo queste rivelazioni quasi ufficiali, il nuovo pieghevole di Samsung genererà attese ancora rilevanti in tutto il mondo tech.

L’articolo Samsung vuole fare la storia: Galaxy Z Fold 3 avrà la fotocamera sotto il display (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Samsung vuole fare la storia: Galaxy Z Fold 3 avrà la fotocamera sotto il display (foto)

Se aspettavate Galaxy A82 per la sua fotocamera rotante, potreste rimanere delusi (foto)

Circa un mese fa vi rivelavamo che lo smartphone di Chuck Norris, quello con la “fotocamera rotante“, ovvero il Galaxy A82, potesse fare capolino sul mercato mondiale assieme a una sua versione con modulo 5G. Da alcuni aggiornamenti emersi tramite Google Play Console, pare che il dispositivo non sarà come, ad oggi, lo abbiamo immaginato.

Continuano ad essere sconosciute molte specifiche, tra le quali la diagonale dello schermo e la memoria di archiviazione, mentre risultano confermati lo Snapdragon 855+ e i 6 GB di memoria RAM. Ma le ultime notizie, con tanto di immagine a supporto che ritrae il dispositivo dal lato frontale, rivelano un punch hole centrale sulla parte alta del display.

Quello descritto è il dispositivo pensato per il mercato coreano, chiamato Samsung Galaxy A82 5G Quantum 2, ma se non si discostasse molto dalla versione global, significherebbe una cosa sola: pur mantenendo probabilmente le dimensioni generose che aveva il suo predecessore, il Galaxy A80, questo nuovo A82 non avrà moduli rotanti, ma sarà più simile a A32, A52 e A72, almeno stando alle indiscrezioni trapelate fino ad oggi.

L’articolo Se aspettavate Galaxy A82 per la sua fotocamera rotante, potreste rimanere delusi (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Se aspettavate Galaxy A82 per la sua fotocamera rotante, potreste rimanere delusi (foto)

Il design di Huawei P50 Pro: la fotocamera sarà protagonista, ma non l’unica (video e foto)

In questa prima parte del 2021 abbiamo visto arrivare i top di gamma di Samsung, OnePlus, OPPO e Xiaomi, arrivati rispettivamente con la serie Galaxy S21, OnePlus 9, Find X3 e Mi 11. Tra i grandi manca all’appello Huawei, la quale sta lavorando ai nuovi Huawei P50.

Nelle scorse settimane abbiamo visto come Huawei P50 Pro si presenterà sul mercato con un modulo fotografico a dir poco appariscente, pronto per sfidare quello di Xiaomi Mi 11 Ultra che è stato presentato pochi giorni fa. Nelle ultime ore, LetsGoDigital ha condiviso degli interessanti render relativi a Huawei P50 Pro, basati sui rumor emersi nelle settimane precedenti.

LEGGI ANCHE: OnePlus 9, la recensione

Le immagini che vediamo nella galleria in basso mostrano il modulo fotografico a forma di ellisse, che include un sotto-modulo circolare e almeno altri due sensori fotografici. Anteriormente vediamo un display forato al centro e con i bordi relativamente curvi ai lati.

Dal punto di vista tecnico, Huawei P50 Pro potrebbe sfoggiare un sensore fotografico mai visto prima su dispositivi mobili: si tratterebbe del Sony IMX800, di dimensione pari a 1″ e che dovrebbe dare il meglio di sé soprattutto in condizioni di bassa luminosità ambientale. Per il display ci si aspetta una risoluzione pari a 2.640 × 1.200 pixel con refresh rate pari a 120 Hz. Il processore sarà un HiSilicon Kirin 9000, con modem 5G integrato.

Proprio il processore e gli altri componenti hardware potrebbero risiedere alla base dell’ipotetico ritardo nel lancio che sta accumulando la nuova serie Huawei P50: il colosso cinese starebbe infatti riscontrando dei problemi con le forniture hardware e per questo non avrebbe ancora pianificato il lancio ufficiale dei suoi nuovi top di gamma. Vi ricordiamo che la serie Huawei P40 venne lanciata il 26 marzo 2020. Presumiamo che in questo influisca anche le difficoltà riscontrate da Huawei in seguito al ban inflitto dal governo statunitense.

L’articolo Il design di Huawei P50 Pro: la fotocamera sarà protagonista, ma non l’unica (video e foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Il design di Huawei P50 Pro: la fotocamera sarà protagonista, ma non l’unica (video e foto)

Realme presenta 8 Pro: fotocamera da 108 MP a meno di 300 euro

Realme è sbarcata in Europa da un paio d’anni e con i suoi prodotti di fascia media si è già conquistata una fetta importante del mercato. Con lo smartphone 8 Pro punta a offrire una fotocamera con un sensore principale da 108 MP e un set di funzionalità fotografiche avanzate a meno di 300 euro.

Il sensore Samsung HM2 108MP da 1/1,52 pollici ha una risoluzione massima di 12000×9000 e supporta la tecnologia Pixel Binning 9-in-1, che consente di migliorare la qualità dell’immagine in condizioni di scarsa illuminazione.

La tecnologia In-sensor Zoom permette al sensore di utilizzare i 12 megapixel mappati con la sezione ingrandita per generare un’immagine. Il processo di elaborazione è più veloce grazie alle dimensioni più piccole della foto da 12 MP, consentendo a realme 8 Pro di scattare otto foto da 12 MP di seguito e quindi aumentare ulteriormente la nitidezza dell’immagine grazie all’algoritmo che migliora la definizione.

Grazie a in algoritmo per video time-lapse basato su foto del cielo stellato la fotocamera può impiegare 480 secondi per scattare 30 foto e quindi generare un video time-lapse di 1 secondo: la modalità time-lapse può mostrare i cieli stellati in continuo movimento a una velocità 480 volte più veloce.

Realme 8 Pro è equipaggiato con la ricarica SuperDart da 50W, che permette di caricare la batteria da 4500mAh da 0 a 100% in 47 minuti. Con la modalità di super risparmio energetico abilitata, il 5% della batteria può durare 32 ore in standby o 98 minuti in chiamata.

Il display è un super AMOLED Full HD da 6,4 pollici, con una frequenza di campionamento del tocco a 180Hz. Il processore è il Qualcomm Snapdragon 720G octa-core e la memoria è espandibile fino a 256 GB.

È disponibile nei colori Infinite Blue, Infinite Black e Punk Black e in due configurazioni: 6 GB + 128 GB e 8 GB + 128 GB. Il porezzo di lancio per la prima settimana (dal 24 al 30 marzo) è a partire da 259,00 per la versione con 6 GB di Ram e 128 di storage. Dal 31 marzo sarà in vendita a 279 euro.

 


Realme presenta 8 Pro: fotocamera da 108 MP a meno di 300 euro

Xiaomi presenta Mi11 e punta tutto sulla fotocamera. Vi ricorda qualcuno?

AGI – “Mi 11 è stato creato per essere al centro del palco”. Con queste parole Shou Zi Chew, president of International & CFO di Xiaomi ha presentato il nuovo smartphone della compagnia di Pechino, il Mi11 5G. Chipset Qualcomm Snapdragon 888 per combinare Intelligenza Artificiale e connettività 5G, tripla fotocamera da 108 MP, schermo Amoled Samsung di 6,81 pollici a risoluzione 2K e 120Hz di refresh, batteria da 4.600 mAh con ricarica rapida a 55W le caratteristiche di punta.

Il nuovo smartphone di Xiaomi è stato presentato in Europa nel corso di un evento (in diretta dallo Xiaomi Technology Park) intitolato non a caso “Le luci della ribalta”. L’obiettivo della compagnia di Pechino (terzo produttore di smartphone al mondo) è portare strumenti di ripresa evoluti nelle mani di gli appassionati di foto e video alle prime armi. Mi11 5G sarà disponibile in Italia a partire da inizio marzo, al prezzo di 799,90 euro per la configurazione da 8GB+128GB e a 899,90 euro per la variante da 8GB+256GB. Inizialmente debutterà nelle colorazioni Horizon Blue e Midnight Grey, successivamente la gamma colori sarà ampliata con la versione Cloud White e la Lei Jun limited edition.

Il laboratorio più silenzioso del mondo

Shou Zi Chew, president of International & CFO di Xiaomi, nel corso della presentazione, ha messo anche in evidenza come Xiaomi sia al terzo posto come produttore di smartphone e il fatto che è la compagnia cresciuta di più tra i primi 5 marchi di smartphone. Non solo. Chew si è soffermato anche sui laboratori dei Xiaomi dedicati ai test per le telecamere, precisando che i migliaia di test che prima richiedevano tre giorni per essere eseguiti vengono ora portati a termine in un solo giorno, definendo poi il laboratorio audio “il posto più silenzioso del mondo”. A proposito di 5G ha sottolineato il lavoro per migliorare le antenne.

La fotocamera

Equipaggiato con un sensore da 108 MP, con la più alta risoluzione al mondo per la fotocamera principale, Mi 11 5G monta anche una fotocamera ultra-grandangolare da 13MP e un obiettivo tele macro da 5MP. Sulla parte anteriore, una fotocamera da 20MP riduce al minimo le cornici sulla schermata home, garantendo agli utenti di apparire al meglio quando scattano un selfie o fanno una video chat con gli amici.

I video

Fra le funzionalità di Mi11 5G nel campo della fotografia e dei video c’è la modalità notturna, in grado di ridurre il rumore per riprese più luminose. Nel menu, a disposizione sei funzionalità speciali. Tra cui Parallel World, che duplica e inverte la scena per dare l’impressione di un mondo specchiato, Freeze Frame Video, freeza e clona i fotogrammi video per creare l’illusione che parti del video siano sospese nel tempo.

La modalità Magic Zoom, capace di creare la sensazione della videocamera che ingrandisce e rimpicciolisce simultaneamente la scena. Time-lapse Pro poi permette di regolare la velocità dell’otturatore, ISO, apertura e EV per gestire anche le situazioni di illuminazione più difficili. Il controllo professionale si estende anche all’editing con funzioni AI avanzate, tra cui AI Erase 2.0 che consente agli utenti di rimuovere oggetti o linee indesiderate dalle immagini.


Xiaomi presenta Mi11 e punta tutto sulla fotocamera. Vi ricorda qualcuno?

ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato)

Sapevamo che ZTE puntava a entrare nella storia lanciando il primo smartphone commerciale con fotocamera integrata interamente sotto il display e oggi ne abbiamo avuto la certezza. ZTE Axon 20 5G è stato appena ufficializzato in Cina e ha mantenuto tutte le promesse trapelate nelle scorse settimane. Andiamo a vedere la scheda tecnica completa insieme.

ZTE Axon 20 5G: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,92″ FullHD+ (1.080 × 2.460 pixel) Full HD+ OLED 20.5:9 display, 90Hz refresh rate, 100% DCI-P3 color gamut
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 765G octa core 2,4 GHz
  • GPU: Adreno 620
  • RAM: 6 / 8 GB LPPDDR4x
  • Memoria interna: 128 / 256 GB UFS 2.1, espandibile con microSD fino a 2TB
  • Fotocamere posteriori:
    • Principale: 64 megapixel ƒ/1.8, flash LED
    • Wide: 8 megapixel ƒ/2.2, FOV 119°
    • Macro: 2 megapixel ƒ/2.4
    • Profondità: 2 megapixel ƒ/2.4
  • Fotocamere frontali: 32 megapixel, ƒ/2.0
  • Connettività: 5G SA/ NSA, Dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2.4GHz + 5GHz), Bluetooth 5, GPS/GLONASS/Beidou, USB Type-C, NFC
  • Batteria: 4.220 mAh, ricarica rapida a 30W Quick Charge 4+
  • Dimensioni: 172,1 × 77,9 × 7,98 mm
  • Peso: 198 grammi
  • Altro: Sensore d’impronte nel display

La caratteristiche più interessante del nuovo smartphone di ZTE è sicuramente la fotocamera frontale integrate direttamente sotto il display. In questo modo il produttore cinese ha realizzato il primo display senza alcuna tipologia di bordi e notch, evitando l’adozione di meccanismi motorizzati per la fotocamera. Chiaramente anche i sensori di luce ambientale e di prossimità sono stati integrati sotto lo schermo.

ZTE ha impiegato la tecnologia Five Core per realizzare uno schermo adatto a integrare fotocamera e sensori: grazie all’azione di matrici organiche e inorganiche, poste sul display come se fossero delle pellicole, la fotocamera riesce a ricevere l’adeguata luminosità per scattare, come se operasse in condizioni normali, e lo stesso accade per i sensori. Per gestire i colori e i contenuti del display è stato implementato un driver di controllo dedicato, il quale ha una componente hardware e una software che si interfaccia con il sistema Android.

Uscita e Prezzo

Il nuovo ZTE Axon 20 5G è stato annunciato per il mercato cinese nelle colorazioni Black, Orange, Blue e Purple. In Cina il dispositivo è atteso dal prossimo 10 settembre a un prezzo equivalente a circa 270€ per la variante 6 / 128 GB e al prezzo equivalente a circa 345€ per la variante 8 / 256 GB. Il produttore cinese non si è ancora espresso in merito a un lancio dello smartphone anche in Europa.

Aggiornamento03/12/2020

ZTE Axon 20 5G sarà disponibile in Europa (e nel resto del mondo) dal 21 dicembre 2020. A quanto pare non sarà una vendita illimitata, ma le scorte finiranno molto probabilmente subito. Potete intanto registrare il vostro interesse in questa pagina per cercare di avere un posto in prima fila.

Aggiornamento21/12/2020 ore 10:00

Come promesso ZTE ha lanciato ufficialmente sul mercato il primo smartphone fotocamera integrata sotto il display. Il prezzo è molto interessante: si parla di 449€ per acquistarlo da oggi, 21 dicembre, anche in Italia. Il nuovo ZTE Axon 20 5G è disponibile sullo store ufficiale dell’azienda. Chi lo acquisterà riceverà in regalo le true wireless ZTE LiveBuds.

Aggiornamento14/01/2021 ore 00:00

Aggiorniamo l’articolo perché il nuovo ZTE Axon 20 5G è attualmente disponibile anche nel mercato italiano nelle due colorazioni Giallo alba e Nero mezzanotte, al prezzo di 449€.

Anche le nuove true wireless LiveBuds dell’azienda cinese sono disponibili in Italia al prezzo di 39,90€.

ZTE Axon 20 5G – Immagini

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “02/09 – Immuni continuerà a servire, le vendite di iPhone 11 e il primo smartphone con fotocamera sotto il display” su Spreaker.

L’articolo ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.


ZTE entra nella storia con il primo smartphone con fotocamera sotto il display: ZTE Axon 20 5G arriva a 449€ (aggiornato)

Lo smarphone di Zte con la fotocamera sotto il display è disponibile anche per l’Italia

Lo ZTE Axon 20 5G, il primo smartphone 5G con fotocamera sotto il display, è disponibile per l’acquisto anche in Italia, ma solo sul sito web ZTE. Al momento non sono pèrevisti accordi con gli operatori, né con catene di negozi fisici.

A differenza di tutti gli altri smartphone in commercio (a esclusione di quelli con pop-up camera),  Axon 20 non ha alcun notch o foro sul display OLED FHD+ da 6,92 pollici a 90Hz. Per riuscirci sono stati usati materiali più trasparenti, chip a doppio controllo, circuiti driver unici, matrice speciale di pixel e il un algoritmo per il selfie usato dalla telecamera frontale alloggiata in modo invisibile sotto lo schermo, dove sono alloggiati anche il sensore di luminosità, l’altoparlante e il sensore per le impronte digitali 

L’esperienza 5G 

Axon 20 5G è dotato di una tecnologia d’antenna potenziata per garantire un’esperienza 5G ultraveloce. La Super Antenna 2.0 della ZTE è un’antenna PDS all’avanguardia con un design integrato a 360 gradi surround e una tecnologia intelligente di sintonizzazione ad anello chiuso, che può migliorare la stabilità della connessione di rete e la velocità di download. 

Sul fronte dle comparto fotografico è dotato di una telecamera principale super HD da 64MP che supporta video ad alta risoluzione 4K a 60 fps, scene super notturne e video HDR in tempo reale in condizioni di illuminazione multipla. Inoltre, gli obiettivi principali e il grandangolo supportano la stabilizzazione dell’immagine,

Le prestazioni

Alimentato dalla piattaforma Qualcomm Snapdragon 765G, Axon 20 5G è dotato di un motore di ottimizzazione del sistema a scenario completo di nuova generazione. La batteria da 4.220 mAh può supportare la ricarica rapida da 30W e ha una modalità di risparmio energetico da 5G che migliora la durata della batteria del 35%. Le capacità di dissipazione del calore sono migliorate grazie a un sistema a triplo livello, che include la circolazione del raffreddamento a liquido, il cuscinetto termico in nanofibra di carbonio e il materiale in grafite. 

È disponibile in due colori: nero mezzanotte e giallo alba e pesa 198 grammi.

Gli auricolari

ZTE ha presentato anche gli auricolari TWS – gli ZTE Livebuds. Grazie ai due microfoni ad alta definizione all’interno, utilizzano la riduzione del rumore ambientale ENC con l’inclusione di un chip intelligente di riduzione del rumore che sopprime il 90% del rumore ambientale.

Axon 20 5G costa 449 euro  e le LiveBuds ha un prezzo 39,90.

 


Lo smarphone di Zte con la fotocamera sotto il display è disponibile anche per l’Italia

Vota la tua fotocamera top di gamma preferita (senza sapere chi stai votando)

Solo poche settimane fa vi abbiamo proposto un confronto molto simile a questo fra Samsung, Google, Apple, Vivo e Sony. Visto che per forza di cose alcuni marchi erano rimasti fuori e nel frattempo altri smartphone top di gamma sono arrivati sul mercato abbiamo deciso di ripetere il confronto, questa volta includendo Huawei Mate 40 Pro, Xiaomi Mi 10 Pro, LG Wing, OnePlus 8 Pro e ASUS Zenfone 7 Pro.

A seguire trovate 14 foto scattate da questi 5 smartphone private dei dati exif.

Ogni foto è collegata ad una lettera (A,B,C,D,E) e per ognuno delle 14 foto scattate vi chiederemo di votare la vostra foto preferita nel form che trovate a fine pagina (è più comodo se aprite ogni galleria in un nuovo tab da desktop).

Foto 1 – Notte

Foto 2 – Assenza di luce

Foto 3 – Poca luce

Foto 4

Foto 5

Foto 6 – Grandangolo

Foto 7 – Selfie

Foto 8 – Controluce

Foto 9 – Zoom 2X

Foto 10 – Zoom 5X

Foto 11

Foto 12 – Poca luce

Foto 13

Foto 14 – Bokeh

Purtroppo uno scatto conteneva il watermark (l’abbiamo notato solo dopo) e abbiamo dovuto rimuoverlo.

 

Caricamento…

L’articolo Vota la tua fotocamera top di gamma preferita (senza sapere chi stai votando) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

ZTE ha messo in vendita il primo smartphone con fotocamera sotto il display

AGI – Agli albori degli smartphone, ZTE tentò un timido approccio al mercato italiano. Non andò bene e la casa cinese decise di alimentare altrove il proprio mercato device e di concentrarsi, per l’Italia, su quello delle infrastrutture. In uno scenario da Risiko degli smartphone, Huawei era destinata a prendersi la fetta più grossa del mercato Android nel nostro Paese e Zte, risolta la dolorosa querelle con gli Stati Uniti sulla vendita di tecnologia alla Corea del Nord, si sarebbe divisa con il colosso di Shenzhen quello della tecnologia 5G. Poi è arrivato Trump e per Huawei sappiamo tutti come sta andando a finire, sia sul fronte dei device che del 5G. Intanto Zte ha continuato a lavorare, fornendo tecnologia agli operatori italiani interessati a sviluppare sia le reti di quinta generazione che le altre.

Oggi che la guerra tra gli Usa e Huawei sembra aver raggiuto lo zenit e che secondo alcuni analisti il colosso cinese è destinato a soccombere sotto la lenta manovra di soffocamento attuata da Washington attraverso il mercato dei semiconduttori, Zte potrebbe trovarsi con un territorio immenso da conquistare.

Nessuno li ha esplicitamente menzionati tra i fornitori da tenere alla larga dalle reti europee – il monitoraggio delle loro azioni da parte del dipartimento del Commercio Usa è strettissimo, in base all’accordo siglato a chiusura dell’affaire nordcoreano – e se davvero la quota di Huawei sarà ridimensionata (e parecchio) sul fronte degli smartphone c’è un vasto mercato da spartirsi con Samsung e i marchi che fanno capo alla conglomerata Bkk (Oppo, OnePlue e realme).

Per imporsi all’attenzione, però, ci vuole un colpo da maestro e Zte sembra averlo messo a segno con una delle poche innovazioni davvero attese e sensate nel mondo degli smartphone: la fotocamera sotto lo schermo. Già mostrata da Oppo durante il Mobile World Congress del 2019 ma non ancora messa in produzione, potrebbe essere l’asso nella manica di Zte per sbarcare alla grande sul mercato italiano. Ma non subito.

Axon 20 5G, il primo vero full display del settore, “segna l’inizio della nuova strategia di prodotto di ZTE”, ha dichiarato Ni Fei, Presidente di ZTE Mobile Devices  “Gli smartphone saranno la nostra principale area di innovazione di prodotto. Nel frattempo, ci impegneremo anche a sviluppare prodotti mobili a banda larga per uso personale e domestico, dispositivi portabili intelligenti e ulteriori nuovi prodotti che permettano una vita smart perfettamente connessa agli scenari 5G”.

Ad alimentare quella che viene presentata come la ‘Five Core Technologies’ ci sono materiali speciali, chip a doppio controllo, circuiti driver unici, la speciale matrice di pixel e l’algoritmo di autodiagnosi interno.

L’algoritmo di selfie della fotocamera frontale di ZTE, ad esempio, ha ottimizzato le prestazioni della fotocamera in diverse condizioni di luminosità e ha supportato la regolazione automatica della gamma dinamica, con un grande miglioramento della nitidezza della foto e del contrasto dell’immagine.

Sono state sfruttate le tecnologie aggiuntive sotto il display, compresi i sensori di luce ambientale, di suono e di impronte digitali, per ottenere un vero e proprio schermo intero senza fori.  

Il display è un OLED da 6,92 pollici e supporta una profondità di colore a 10 bit e una copertura del 100% della gamma di colori DCI-P3, facendo sì che le prestazioni del display raggiungano gli standard del cinema digitale a colori. Lo spessore è di 7,98 mm e la connessione 5G è garantita da un’antenna PDS all’avanguardia con un design integrato a 360 gradi surround e una tecnologia intelligente di sintonizzazione a circuito chiuso, che può migliorare la stabilità della connessione di rete e la velocità di download.

Inoltre, dodici diverse antenne sono state integrate nella superficie esterna del telaio centrale,  più distanti dalla scheda madre e dai componenti interni, permettendo così una ricezione del segnale più sensibile e una più rapida ricerca di rete.

Alimentato dalla piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 765G, ZTE Axon 20 5G è dotato di un motore di ottimizzazione del sistema che aumenta la velocità di avvio delle applicazioni più utilizzate fino al 40%.  La batteria da 4.220 mAh può supportare 30W Quick Charge e una modalità di risparmio energetico da 5G che migliora la durata del 35%. ZTE Axon 20 5G è disponibile in Cina dal 1 settembre a partire da 2.198 yuan, poco più di 270 euro. Non è ancora prevista una eventuale data di arrivo sul mercato italiano.

Agi

Un nuovo video hands-on mostra (quasi) tutto quello che c’è da sapere sulla fotocamera di Galaxy Note 20 Ultra (video)

Tra un paio di settimane finalmente Samsung svelerà in tutto e per tutto i suoi nuovi Galaxy Note 20 e Galaxy Note 20 Ultra. Con l’avvicinarsi della data si stanno intensificando le rivelazioni provenienti da leak che forniscono un quadro ancora incompleto, ma sempre più ricco su cosa aspettarsi dai due modelli. Molti dei contributi più solidi in questo senso stanno arrivando dal canale YouTube “Jimmy Is Promo” che evidentemente è riuscito a mettere le mani sugli smartphone e li sta sviscerando pezzetto dopo pezzetto.

Stavolta scopriamo quasi tutto quello che c’è da sapere sulla fotocamera di Galaxy Note 20 Ultra. In particolare sembra che diversi punti deboli di Galaxy S20 Ultra siano stati rivisti e sistemati a partire dallo zoom che sul prossimo top di gamma Samsung sarà limitato a 50x, con ingrandimenti ottici fino a 5x e poi scatti in digitale a 10x e 20x. Gli amanti della fotografia poi possono osservare alcune funzioni della modalità Pro compreso l’istogramma dei toni.

LEGGI ANCHE: Ecco gli sfondi di Vivo X50

Il filmato mostra anche le varie risoluzioni in cui sarà possibile registrare video compresa la risoluzione 8K in formato ultra-wide 21:9 e il sistema di controllo dei microfoni. A quanto si vede infatti si potrà scegliere da quale fonte catturare l’audio: microfono frontale, posteriore, entrambi o uno esterno connesso via USB o Bluetooth.

Bixby Vision è stato potenziato con la funzione di descrizione vocale della scena, utile per chi ha difficoltà con la vista. Infine tra i dettagli di sistema si scorge la presenza di ONE UI 2.5 e di Nearby Share (anche noto come AirDrop di Google).

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Un nuovo video hands-on mostra (quasi) tutto quello che c’è da sapere sulla fotocamera di Galaxy Note 20 Ultra (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

La fotocamera “magica” di OnePlus 8 Pro è ancora accessibile, vi serve solo ADB (foto)

Poco dopo il lancio di OnePlus 8 Pro si è scoperto che il sensore color filter incluso nel top di gamma dell’azienda è in grado di vedere attraverso alcune parti di plastica (come quelle che coprono i sensori ad infrarossi dei telecomandi. Tale funzione è stata poi rimossa (in parte), introducendo un algoritmo che confronta anche i dati in arrivo dal sensore principale.

Ovviamente, però, il sensore è ancora lì, quindi teoricamente dovrebbe essere possibile accedervi comunque, giusto? La risposta è “Sì”, ed è anche più semplice di quanto pensiate: come scoperto da un utente di XDA, vi basta un comando ADB.

In pratica la situazione è questa: il sensore è accessibile tramite l’app Factory Mode, ma questa va lanciata tramite un comando ADB (che trovate appena più sotto). Dopo aver attivato l’app tramite ADB, potete “bloccare” l’applicazione in modo che rimanga in memoria, e quindi senza dover per forza richiamare il comando ogni volta. Il comando di ADB è:

adb shell am start -n com.oneplus.factorymode/.camera.manualtest.CameraManualTest

Dopo aver avviato il comando, partirà l’applicazione citata. Tramite il pulsante in basso potete accedere a tutte le fotocamere. Quella relativa al color filter è la numero 4.

LEGGI ANCHE: Google lavora per uniformare il design di Assistant su tutti gli smartphone Android

La cosa interessante è che tutto questo è possibile senza dover sbloccare il bootloader o richiedere i permessi di root, ampliando enormemente il bacino di utenti che ne possono usufruire.

L’articolo La fotocamera “magica” di OnePlus 8 Pro è ancora accessibile, vi serve solo ADB (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Vivo si conferma pioniera nel mondo smartphone: ecco i nuovi Vivo X50 con fotocamera Gimbal (foto) (aggiornato: in Europa)

Vivo è uno dei produttori cinesi che cerca spesso di distinguersi proponendo particolari soluzioni hardware sui suoi prodotti: l’azienda fu tra le prime a proporre il sensore d’impronte integrato nel display e nelle ultime ore ha lanciato dei nuovi smartphone che propongono una novità inedita per il comparto fotografico. Andiamo a vedere insieme le schede tecniche dei nuovi Vivo X50.

Vivo X50 | X50 Pro | X50 Pro+: Caratteristiche Tecniche

SpecificheVivo X50Vivo X50 ProVivo X50 Pro+
Dimensioni e peso
  • 159,54mm x 75,39mm x 7,49mm
  • 170g
  • 158,46mm x 72,8mm x 8,04mm
  • 181,5g
  • 158,46mm x 72,8mm x 8,04mm
  • 181,5g
Display
  • 6,56″ FHD+ AMOLED
  • 90Hz refresh rate
  • Flat display
  • Foro per la fotocamera
  • HDR 10+
  • 6,56″ FHD+ AMOLED
  • 90Hz refresh rate
  • Display curvo
  • Foro per la fotocamera
  • HDR 10+
  • 6,56″ FHD+ AMOLED
  • 120Hz refresh rate
  • Display curvo
  • Foro per la fotocamera
  • HDR 10+
ProcessoreQualcomm Snapdragon 765GQualcomm Snapdragon 765GQualcomm Snapdragon 865
RAM e storage
  • 8GB LPDDR4X + 128GB UFS 2.0
  • 8GB + 256GB
  • 8GB LPDDR4X + 128GB UFS 2.1
  • 8GB + 256GB
  • 8GB LPDDR4X + 128GB UFS 2.1
  • 8GB + 256GB
  • 12GB + 256GB
Batteria
  • 4200 mAh
  • 33W fast charging
  • 4315 mAh
  • 33W fast charging
  • 4315 mAh
  • 44W fast charging
Fotocamera posteriore
  • Principale: 48MP Sony IMX598, f/1.6, four-axis OIS
  • Secondario: 13MP portrait, f/2.48
  • Grandangolo: 8MP, 120° FoV, f/2.2
  • Macro: 5MP, f/2.48, 1,5cm super macro
  • Principale: 48MP Sony IMX598, f/1.6, gimbal OIS
  • Secondario: 13MP, f/2.46
  • Terzo: 8MP periscope, f/3.4
  • Grandangolo: 8MP, 120° FoV, f/2.2, 2,5cm macro
  • Principale: 50MP Samsung ISOCELL GN1, f/1.6
  • Secondario: 13MP portrait, f/2.46
  • Terzo: 8MP periscope, f/3.4
  • Grandangolo: 8MP, 120° FoV, f/2.2, 2,5cm macro
Fotocamera frontale32MP, f/2.4832MP, f/2.4532MP, f/2.45
Connettività
  • NFC
  • WiFi 6
  • Bluetooth 5.1
  • SA & NSA Dual-mode 5G
  • Sensore d’impronte integrato nel display
  • NFC
  • WiFi 6
  • Bluetooth 5.1
  • SA & NSA Dual-mode 5G
  • Sensore d’impronte integrato nel display
  • AK4377A Hi-Fi Sound chip
  • NFC
  • WiFi 6
  • Bluetooth 5.1
  • SA & NSA Dual-mode 5G
  • Sensore d’impronte integrato nel display
  • CS43131 Hi-Fi Sound chip
Versione AndroidFuntouch OS 10.5 basato su Android 10Funtouch OS 10.5 basato su Android 10Funtouch OS 10.5 basato su Android 10

Ovviamente la caratteristiche che più attrae dei nuovi Vivo X50 è il particolare meccanismo Gimbal implementato nel comparto fotografico posteriore della versione Pro e Pro+. Come vedete dalle immagini presenti nella galleria in basso, si tratta di un modulo hardware che assicura una stabilizzazione senza precedenti dei sensori fotografici: il principio sul quale si fonde è lo stesso dei classici gimbal in commercio, per il quale i sensori fotografici verranno automaticamente spostati nella direzione opposta alla sollecitazione rilevata. In tal modo la sollecitazione verrà automaticamente compensata. Il tutto è integrato con funzionalità software, come la Night Mode e la Astro Mode, che sfruttano e completano la stabilizzazione dell’immagine.

Uscita e Prezzi

La nuova serie X50 di Vivo è attualmente disponibile esclusivamente nel mercato cinese. Questi i prezzi di lancio:

  • Vivo X50:
    • 8 GB + 128 GB all’equivalente di circa 470€.
    • 8 GB + 256 GB all’equivalente di circa 500€.
  • Vivo X50 Pro:
    • 8 GB + 128 GB all’equivalente di circa 580€.
    • 8 GB + 256 GB all’equivalente di circa 640€.
  • Vivo X50 Pro:
    • 8 GB + 128 GB all’equivalente di circa 680€.
    • 8 GB + 256 GB all’equivalente di circa 750€.
    • 12 GB + 256 GB all’equivalente di circa 815€.

Al momento Vivo non ha comunicato i suoi eventuali piani di commercializzazione per i mercati europei. Vi terremo aggiornati su questo aspetto.

Aggiornamento16/07/2020 ore 23:35

Aggiorniamo l’articolo perché Vivo ha scoperto completamente le sue carte, annunciando che la serie Vivo X50 arriverà anche nei mercati europei. Al momento non sono stati indicati i dettagli su disponibilità e prezzi e nemmeno se i dispositivi arriveranno in Italia.

Inoltre, Vivo ha anche annunciato le sue nuove cuffie true wireless, le TWS Neo Earphones. Le nuove cuffie integrano dei driver audio da 14,2 mm con cancellazione del rumore supportata dall’intelligenza artificiale. Il modulo Bluetooth corrisponde alla versione 5.2, con una raggio di connettività pari a 10 metri. La porta integrata nel case per la ricarica è di tipo C. Trovate tutti i dettagli nella nuova immagine in galleria.

Le nuove cuffie di Vivo sono state annunciate per il mercato indiano al prezzo equivalente a circa 70€, le colorazioni previste corrispondono a Moonlight White e Starry Blue. Non sappiamo se Vivo le commercializzerà anche in Europa.

Vivo TWS Neo Earphones – Immagini

Vivo X50 – Immagini

Vivo X50 Pro – Immagini

Vivo X50 Pro+ – Immagini

L’articolo Vivo si conferma pioniera nel mondo smartphone: ecco i nuovi Vivo X50 con fotocamera Gimbal (foto) (aggiornato: in Europa) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Un leak fa parlare di un nuovo smartphone Huawei di fascia media con fotocamera circolare

Dopo le continue voci sulla serie Huawei Mate 40 e le prime avvisaglie circa il prossimo dispositivo pieghevole (forse chiamato Huawei Mate V), un leaker di Weibo, Digital Jun, torna a far parlare dei progetti futuri dell’azienda in fatto di smartphone grazie a un’immagine che ha postato sul social network cinese.

Osservando l’immagine dell’ignoto telefono quello che salta immediatamente all’occhio è il comparto fotografico, caratterizzato da una tripla fotocamera dal design circolare che richiama alla mente il Mate 30 Pro. Si ritiene che il dispositivo sarà abilitato al 5G e che monterà un chipset 7 nm Kirin 820 5G.

Per quanto riguarda il display si parla di un full-screen con fotocamera selfie pop-up e scanner laterale per le impronte digitali. Guardando più attentamente la forma e in generale il design dello smartphone non pare che si possa trattare di un modello premium, facendo quindi pensare che possa essere un nuovo modello di media fascia.

LEGGI ANCHE: Il 21 luglio sarà svelato il OnePlus Nord

Per ora questi non rimangono altro che rumor, perciò è necessario attendere delle possibile dichiarazioni da parte della società cinese. Ma nel contempo, ricordiamo che la nuova serie Huawei Mate 40 sarà svelata tra la fine di settembre e gli inizi di ottobre.

L’articolo Un leak fa parlare di un nuovo smartphone Huawei di fascia media con fotocamera circolare sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld