Ora potete guardare video insieme ai vostri amici su Messenger e Instagram con Watch Together (foto)

Dallo scorso settembre c’è un’aria frizzante dalle parti di Menlo Park: da quando le chat di Messenger e Instagram sono state integrate stanno arrivando continuamente nuove funzioni e piccoli aggiustamenti. Oggi Facebook comunica di aver implementato la funzione per guardare video insieme ad altri utenti sulle due app di messaggistica.

Dai tempi del lockdown, negli ultimi mesi diverse applicazioni hanno implementato funzionalità simili per permettere alle persone di fare qualcosa insieme ai propri amici e familiari mantenendo il distanziamento sociale. Con l’ultimo rilascio vi basterà iniziare una videochiamata o aprire una Room e quando tutti saranno connessi apparirà l’opzione Watch Together nel tab TV & Movies di Instagram.

LEGGI ANCHE: Tutto sul Black Friday 2020

La seconda notizia interesserà invece i fan del gruppo coreano BTS visto che è stato pubblicato un tema basato sugli avatar animati dei sette membri della boy band. Infine una notizia che riguarda un argomento di cui si è parlato recentemente: i messaggi effimeri. Su Messenger e Instagram saranno disponibili solo nelle chat tra utenti che sono follower reciproci o che sono comunque collegati su Facebook. Inoltre se qualcuno dovesse catturare una schermata, tutti i partecipanti della conversazione saranno informati.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Ora potete guardare video insieme ai vostri amici su Messenger e Instagram con Watch Together (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Instagram punta su Reels e lo sposta in primo piano nella sua app (foto)

Dopo averlo lanciato qualche giorno fa, Instagram dimostra di puntare parecchio su Reels, la sua sezione di social network che sfida apertamente il dominio di TikTok.

Infatti nelle ultime ore diversi utenti del noto social network fotografico hanno segnalato una novità nell’interfaccia dell’app: il collegamento diretto a Reels è stato portato in primo piano, proprio nella barra inferiore di navigazione dell’app, come potete vedere dallo screenshot presente nella galleria in basso. Il collegamento a Reels ha preso il posto del collegamento alla sezione di Ricerca, spostato nella barra superiore.

LEGGI ANCHE: come si usa Instagram Reels

La novità al momento sembra essere limitata esclusivamente agli utenti indiani di Instagram. Staremo a vedere se nelle prossime settimane verrà estesa anche agli utenti europei e a noi in Italia.

L’articolo Instagram punta su Reels e lo sposta in primo piano nella sua app (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Stufi di perdere le dirette di Instagram dopo 24 ore? Con l’ultimo aggiornamento potete “allungargli la vita”

Chiunque faccia una diretta su Instagram è soggetto alla stessa regola: il video finisce nelle Story e sparisce dopo 24 ore. Questa è stata la regola finora, ma da oggi non è più (solo) così. Con un tweet dal suo account ufficiale è lo stesso Instagram a diramare la notizia.

Chi vorrà d’ora in poi potrà allungare la vita dei propri filmati salvandoli in IGTV, la piattaforma dove normalmente sono ospitati i video più lunghi. La novità permette quindi a una serie di persone, immaginiamo soprattutto artisti che usano Instagram per rimanere in contatto con i propri fan, di poter creare una sorta di archivio.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone compatti del 2020

Rimane comunque attiva l’opzione per scaricare un video stream e caricarlo in posti come YouTube. Siamo sicuri che molti utenti accoglieranno a braccia aperta questa novità visto che ora potranno vedere o rivedere le dirette anche a più di un giorno di distanza.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Stufi di perdere le dirette di Instagram dopo 24 ore? Con l’ultimo aggiornamento potete “allungargli la vita” sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Instagram aggiorna IGTV, dando più attenzione ai creatori

Molti di voi neanche lo sapranno, ma IGTV ha un’applicazione a sé stante. L’aggiornamento di oggi riguarda proprio questa. Giusto per darvi un metro di paragone, le recensioni di Instagram superano 10 milioni, quelle di IGTV arrivano a malapena a 25mila.

Ciononostante, si tratta di un progetto relativamente giovane, e la società sta facendo di tutto per farlo fiorire, cercando di creare un ecosistema che incentivi la produzione dei contenuti da parte dei creatori, a cui già dispensa consigli tramite un apposito account.

LEGGI ANCHE: Problemi di surriscaldamento, autonomia ed autofocus con S20

Le novità di oggi vedono un redesign completo della homepage e della sezione Discover, che guadagna ora molti più video pubblicati da persone al di fuori della nostra cerchia di utenti seguiti. Un’altra piccola ma importante funzionalità è l’integrazione con le Storie.

Se prima la condivisione tramite Storie si basava su un semplice fermo immagine, ora partirà una piccola video anteprima di 15 secondi che dovrebbe aumentare le probabilità che l’utente clicchi per vederlo. Ciò che emerge è chiaro: IGTV ha bisogno di autori.

L’articolo Instagram aggiorna IGTV, dando più attenzione ai creatori sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Instagram si ispira ancora a Snapchat: messaggi che scompaiono in fase di test (video)

Dopo aver costruito parte del proprio successo con una funzionalità presa in prestito da Snapchat, ovvero le Storie, Instagram vuole farsi ancora ispirare dall’applicazione del fantasmino giallo.

Sta volta non si tratta di video/foto ma di messaggi tra gli utenti: la società starebbe infatti testando la possibilità di affiancare al Direct classico una seconda modalità, contraddistinta da uno sfondo nero, dove i messaggi rimangono in vita fintanto che non si chiude la finestra da cui si scrive.

LEGGI ANCHE: In test il cross-posting delle storie tra FB e IG

Per capire come funziona, date un’occhiata al video qui sotto, in cui Jane Wong, fonte dello scoop, mostra il tutto in anteprima mondiale. La stessa Instagram ha poi confermato: “Siamo alle prime fasi di sviluppo, ma al momento non sono in corso test esterni“.

Facebook aveva già provato a creare una sua app di messaggistica “fantasma” chiamata Slingshot nel 2014, dopo un tentativo fallito di acquisizione di Snapchat, salvo poi essere ritirata dal mercato un anno dopo. Funzionerà stavolta?

L’articolo Instagram si ispira ancora a Snapchat: messaggi che scompaiono in fase di test (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Instagram vi farà scegliere da chi essere taggati (foto)

Instagram è continuamente a lavoro su nuove soluzioni per le sue app dedicate alle piattaforme Android e iOS. Non è quindi una novità venire a conoscere delle funzionalità in fase di sviluppo prima che vengano lanciate ufficialmente.

Una delle più recenti feature in fase di lavorazione trapelate in rete riguarda l’aspetto della privacy. Come vedete dal tweet riportato a fine articolo, Instagram sta lavorando alla possibilità di offrire agli utenti la scelta di approvare i tag neicontenuti degli altri utenti. L’opzione sarebbe integrata direttamente nelle Impostazioni dell’app.

LEGGI ANCHE: 7 giorni con la S Pen di Samsung

Come sempre diciamo in questi casi, non sappiamo quando e in quali modalità verrà distribuita la novità per Instagram. Vi terremo aggiornati sui prossimi ulteriori sviluppi.

L’articolo Instagram vi farà scegliere da chi essere taggati (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Installare WhatsApp, Instagram e Facebook sugli smartphone Huawei senza Google

Si chiama TrovApp ed è stata interamente sviluppata da un team italiano per aiutare chi ha comprato un telefono Honor o Huawei senza Google Play (come il Mate 30 o il Vera 30 e presto il pieghevole Xs) a scaricare le app che altrimenti non troverebbero su AppGallery, lo store del colosso cinese. La nuova applicazione è stata ideata per facilitare l’utilizzo dei dispositivi Huawei dotati di HMS (Huawei Mobile Service): è un vero e proprio motore di ricerca che suggerisce all’utente dove poter scaricare le app che si desiderano, sia che si trovino su AppGallery sia che siano presenti su store alternativi, offrendo inoltre alcuni suggerimenti per il corretto utilizzo delle app o del servizio.

Lo scopo è proprio quello di agevolare i consumatori dei nuovi dispositivi dell’azienda cinese grazie a circa 600 tra le applicazioni più diffuse e popolari in Italia e nel mondo. L’obiettivo è quello di incrementare questo numero nel minor tempo possibile e di raggiungere, nelle prossime settimane, 1.500 app, in modo da avere un portfolio ancora più ampio e soddisfare le esigenze di tutti gli utenti.

Utilizzare TrovApp è semplicissimo. È sufficiente scaricarla dall’AppGallery, lo store ufficiale di Huawei preinstallato su tutti i loro dispositivi, ed è pronta per essere usata. Si presenta come un classico motore di ricerca, ed è possibile vedere tutte le applicazioni disponibili ordinandole per popolarità o per nome. Inoltre, per facilitare la ricerca di nuove app, è possibile filtrarle per categoria. Se invece si vuole trovare più velocemente un’app di cui si conosce già il nome, è possibile ricercarla nella barra dedicata “Cerca App”. Una volta selezionata l’applicazione che si desidera scaricare, si apre una pagina in cui vengono suggeriti i metodi migliori per ottenerla: direttamente da AppGallery, dalla versione Web ufficiale oppure da uno store alternativo, come Amazon Store o APKPure.

Qualora l’applicazione ricercata non dovesse essere disponibile al download su questi store, Trovapp propone una soluzione alternativa. Per i video, ad esempio, suggerirà l’utilizzo di YouTube nella Web version, oppure il download di app terze come Video for YouTube o YouTube BackGround Player. Per favorire un’esperienza d’uso più completa possibile, una volta individuata l’app da scaricare, TrovApp suggerisce anche applicazioni terze per utilizzare al meglio tutte le funzionalità dell’app selezionata. Ad esempio, in caso di download dell’applicativo Whatsapp dal sito ufficiale, TrovApp suggerirà anche il download di app come Here we Go o Maps.me, per la condivisione della propria posizione.

Una volta scaricate le applicazioni desiderate sul proprio device è possibile anche effettuare gli aggiornamenti. In particolare, se si tratta di app trovate su AppGallery l’update è automatico, mentre per quelle installate da store alternativi, è necessario avere sul proprio dispositivo l’applicazione dello store di riferimento da cui sono state scaricate, Amazon Store o ApkPure. In questo caso gli utenti ricevono una notifica push dall’app dello store e, cliccando, accedono direttamente all’aggiornamento.

Tutte le applicazioni presenti su TrovApp sono state testate e verificate sui dispositivi Huawei dotati di HMS, sia per il download che per il funzionamento.

Agi