Samsung è al lavoro su Galaxy Tab S6 Lite: specifiche di fascia medio-bassa, ma con S-Pen? (foto)

Sebbene il mondo dei tablet Android stia proseguendo nel suo lento e inesorabile declino, Samsung intende continuare a cannibalizzare i pochi altri produttori che si stanno cimentando nel segmento. Dopo il recente lancio di Galaxy Tab S6, dispositivo top di gamma a tutti gli effetti, nel prossimo futuro potrebbe essere il turno della sua versione Lite.

Attualmente conosciuto con il nome in codice SM-P615, questo dispositivo dovrebbe atterrare sul mercato con il nome di Galaxy Tab S6 Lite, strizzando l’occhio al fratello maggiore, ma proponendo specifiche di fascia medio-bassa. Secondo le indiscrezioni, il SoC che lo animerà sarebbe l’Exynos 9611, già visto sullo smartphone Galaxy A50s, coadiuvato da 4 GB di RAM e 64/128 GB di memoria interna. Caratteristiche tutto sommato interessanti, per un segmento tablet che offre ben poche alternative valide.

RECENSIONI: Samsung Galaxy S20 Ultra | Samsung Galaxy Z Flip

Il pezzo forte del dispositivo però, oltre alla One UI 2.0 basata su Android 10, potrebbe essere la presenza della S-Pen. Con grande probabilità, si tratterà di una versione datata – o comunque molto ridotta nelle funzionalità rispetto a quelle incluse nella serie di smartphone Galaxy Note o su Galaxy Tab S6 – ma che risulterebbe in ogni caso un vero asso nella manica di Tab S6 Lite. Molto però dipenderà anche dal prezzo, che se sarà particolarmente aggressivo, potrebbe richiamare nuova attenzione sui tanti bistrattati tablet Android economici.

L’articolo Samsung è al lavoro su Galaxy Tab S6 Lite: specifiche di fascia medio-bassa, ma con S-Pen? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Elisabetta Fabri, Presidente e A.D. Starhotels, insignita dell’onorificenza di Cavaliere del Lavoro.

L’imprenditrice si è distinta per merito avendo portato avanti l’internazionalizzazione del Gruppo, oltre che per i valori morali e sociali associati ad un forte senso di responsabilità.

Elisabetta Fabri ha commentato così la nomina “Come imprenditrice sono onorata di ricevere questo prestigioso riconoscimento: ci tengo a ringraziare prima di tutto i miei collaboratori che con il loro impegno ogni giorno contribuiscono al successo di Starhotels.
Questa nomina è un merito all’Italia che crede nel lavoro onesto, fatto con passione e senso di responsabilità per il bene comune. Essere imprenditori significa vivere con la convinzione di dover fare costantemente la differenza, ricercando l’eccellenza ogni giorno con tenacia e coraggio.
Un ringraziamento va anche a coloro che mi hanno segnalato come imprenditore di spicco riconoscendo il mio ruolo nella promozione del nostro immenso patrimonio culturale, il contributo allo sviluppo turistico in Italia e all’esportazione dello stile di vita italiano.”

 

Fiorentina di nascita e madre di due gemelli, Elisabetta Fabri ha vissuto e lavorato all’estero prima di tornare a Firenze, dove risiede oggi. Grazie alla passione per l’ospitalità italiana e ad alla lungimirante visione imprenditoriale, sotto la sua guida Starhotels assiste ad una sostanziale riqualificazione dell’offerta attraverso importanti investimenti in ristrutturazioni e nuove proprietà alberghiere di grande valore.
Il 1992 segna il primo atto da imprenditrice con la fondazione della Starhotels International e l’acquisto del The Michelangelo a New York, hotel di cui si è occupata per anni in prima persona.
A partire dal 2000, anno in cui assume la carica di AD e Vice Presidente di Starhotels SpA, Elisabetta Fabri dà un forte impulso al riposizionamento ed all’espansione all’estero del Gruppo, di cui diventerà Presidente 11 anni più tardi.
Il 2005 è l’anno del Castille di Parigi, mentre il 2014 vede l’arrivo dei primi due hotel di Londra.
Il 2016 segna l’affermazione definitiva nel campo del lusso, con le acquisizioni di 4 nuove proprietà in Italia – l’Hotel d’Inghilterra di Roma, l’Helvetia & Bristol di Firenze, il Grand Hotel Continental di Siena, l’Hotel Villa Michelangelo di Vicenza – e del Franklin di Londra.

 

Se l’impostazione di management si è evoluta negli ultimi anni con l’obiettivo di una maggiore efficienza e un’impronta sempre più internazionale, lo stile di conduzione ha conservato la sua autenticità.
Con 29 alberghi nel cuore delle più belle destinazioni d’Italia e del mondo, Starhotels è l’unico gruppo alberghiero italiano a vantare hotel di proprietà all’estero: una crescita aziendale costante ed etica, quella generata dalla famiglia Fabri da quasi quarant’anni, che ha portato il Gruppo ad essere oggi la prima compagnia alberghiera italiana per fatturato.
 

Master Viaggi News – Hotel e catene alberghiere (Ultime 10 News Inserite)