I dettagli e le nuove funzionalità della MIUI 13 continuano a trapelare

Stando alle più recenti notizie trapelate, Xiaomi toglierà ufficialmente il velo dalla sua MIUI 13 il prossimo 16 dicembre. Il produttore di smartphone cinese dovrebbe presentare questo nuovo sistema operativo insieme alla serie Xiaomi 12. Alcuni dettagli stanno però trapelando in rete, svelando diverse nuove caratteristiche della MIUI 13.

Le nuove caratteristiche includeranno una nuova “cassetta degli attrezzi” intelligente che integra al suo interno video, giochi, note e altre funzioni che saranno ottimizzate per aprirsi rapidamente senza bisogno di muoversi in altri punti del sistema. Un’altra novità migliorerà la fotocamera, nella quale sarà possibile selezionare che un obiettivo venga mantenuto come predefinito al momento della sua riapertura. Ci saranno inoltre un nuovo widget di tracciamento dello stato della batteria, un nuovo indicatore della temperatura della batteria e un’indicazione temporale per le barre di scorrimento degli album. Il nuovo sistema permetterà infine agli utenti di eseguire automaticamente il backup e il ripristino dei dati quando si passa dalla versione beta della MIUI alla versione stabile.

La MIUI 13 si aggiornerà anche all’interconnessione cross-screen. La MIUI+, che implementa una connessione tra i sistemi Android e Windows (gli utenti possono copiare un testo dallo smartphone e incollarlo direttamente sul computer), sarà migliorata e potenziata nelle sue funzionalità.

L’articolo I dettagli e le nuove funzionalità della MIUI 13 continuano a trapelare sembra essere il primo su Androidworld.


I dettagli e le nuove funzionalità della MIUI 13 continuano a trapelare

Ci sono 36 nuove stelle Michelin in Italia 

AGI – La sempre emozionante cerimonia per la presentazione della 67a edizione della Guida Michelin ha visto l’assegnazione di 36 nuove stelle a 35 ristoranti, con la sorpresa del ristorante Tre Olivi di Paestum, passato da zero a due stelle

Tra le 35 novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in quattordici regioni della penisola, la Campania si è distinta sia per il numero di riconoscimenti complessivi (8 nuove stelle), che per la presenza dei due nuovi ristoranti due stelle, inseriti nella selezione italiana. Nella Guida figurano dunque 2 new entry con due stelle e 33 novità con una stella, per un totale di 378 ristoranti. Confermati tutti gli 11 con tre stelle

L’evento, trasmesso in streaming, è stato condotto da Fjona Cakalli con la partecipazione di Federica Pellegrini che, in veste di Ambassador Michelin, ha annunciato i 17 ristoranti ai quali gli ispettori hanno assegnato la Stella Verde,  il totale dei ristoranti con stella verde sale così a 30.

Il panorama stellato 2022:

  • Una stella: 329 ristoranti (33 novità)
  • Due stelle: 38 ristoranti (2 novità)
  • Tre stelle: 11 ristoranti

Per un totale di 378 ristoranti stellati.

La classifica regionale 

Nella classifica delle stelle per regioni, la Lombardia mantiene la leadership grazie ai 56 ristoranti (3 con tre stelle, 5 con due,  48 con una) ed ai 4 nuovi stellati. La Campania si aggiudica invece il record annuale di novità (ben 7) issandosi al secondo posto con 48 ristoranti, (8 con due stelle e 40 con una). Di conseguenza il Piemonte, 1 novità e 45 ristoranti (1 con tre stelle, 4 con due, 40 con una), scende sul gradino più basso del podio mentre con una new-entry e 41 ristoranti (1 con tre stelle, 5 con due, 35 con uno), la Toscana scala in quarta posizione davanti al Veneto che a fronte del totale di 36, è la seconda regione più premiata del 2022 grazie a 5 nuovi ristoranti stellati (1 con tre stelle,4 con due, 31 con una) presenti in guida.

Tra le province, Napoli si conferma prima per distacco con 30 ristoranti (6 con due stelle e 24 con una) seguita da Roma in seconda posizione con 20 (1 con tre stelle, 1 con due, 18 con una ) e quindi da Bolzano; terza a quota 19 ristoranti (1 con tre stelle,  3 con due, 15 con una) davanti a Cuneo con 18 (1 con tre stelle, 2 con due, 15 con una). Milano scivola in quinta posizione con 16 ristoranti stellati (1 con tre stelle, 3 con due, 12 con una).

Confermati gli 11 con tre stelle che “valgono il viaggio”

Nel linguaggio della guida, le insegne con tre macaron propongono una cucina che “vale il viaggio”, ed i ristoranti  selezionati sono:

  • Piazza Duomo ad Alba (CN), 
  • Da Vittorio a Brusaporto (BG), 
  • St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), 
  • Le Calandre a Rubano (PD), 
  • Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), 
  • Osteria Francescana a Modena, 
  • Enoteca Pinchiorri a Firenze, 
  • La Pergola a Roma, 
  • Reale a Castel di Sangro (AQ), 
  • Mauro Uliassi a Senigallia (AN) 
  • Enrico Bartolini al MUDEC a Milano

Le stelle verdi 

La Stella Verde è un simbolo che contraddistingue i ristoratori in prima linea sul fronte della sostenibilità e può essere attribuito a qualsiasi ristorante, non solo ai ristoranti stellati o ai Bib Gourmand. Nell’assegnare il riconoscimento, gli ispettori prendono in considerazione molteplici fattori: la produzione delle materie prime, il rispetto del lavoro e il supporto dei produttori locali, la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti, le azioni mirate a minimizzare l’utilizzo delle risorse energetiche e l’impatto della struttura sull’ambiente, la formazione sostenibile dei giovani, sono solo alcuni dei temi. Sono 30 in totale i ristoranti con stella verde, 17 le novità. 

I premi speciali

I premi speciali conferiti sono stati quattro e sono: 

  • Premio michelin giovane chef 2022 by Lavazza, assegnato a Solaika Marrocco, Primo Ristorante, Lecce;
  • Premio michelin servizio di sala 2022 by Intrecci – Alta Formazione di Sala, assegnato a Matteo Zappile del ristorante il Pagliaccio, Roma;
  • Premio michelin chef mentore 2022 by Blancpain, assegnato a Nadia Santini, ristorante dal Pescatore, Canneto sull’Oglio (Mn)
  • Premio michelin sommelier 2022 by Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, assegnato a Sonia Egger, ristorante Kupperlain, Castelbello (BZ).

La Guida oltre le stelle

nella guida sono presenti complessivamente 1.900 ristoranti. La presenza di un ristorante è un attestato di qualità e, nell’ottica di una selezione più diretta, immediata e leggibile, Michelin ha scelto di ritirare il simbolo del Piatto. La faccia sorridente dell’omino Michelin che si lecca i baffi, indica un ristorante capace di proporre una piacevole esperienza gastronomica, con un menu completo a meno di 35 euro.Sono presenti  255 Bib Gourmand di cui 20 novità, 575 posti in cui la carta dei vini è particolarmente interessante e 798 esercizi ameni. 

La app, il sito della Guida e la novità hotel

La Guida Michelin non è solo cartacea. Tutti i ristoranti si trovano anche nella app Michelin Ristoranti, scaricabile gratuitamente per iOS e Android.Il sito www.guide.michelin.com/it è ricco d’informazioni, funziona come motore di ricerca e permette di scegliere facilmente il ristorante secondo gusti, occasioni, budget.

Ad ogni ristorante corrisponde una descrizione dettagliata ed il sito contiene inoltre una sezione editoriale in cui si trovano ristoranti, novità in anteprima e suggestivi itinerari segnalati dagli ispettori. Da quest’anno, la selezione dedicata agli hotel sarà disponibile in formato digitale, sul sito e sull’App. Una selezione che verrà costantemente aggiornata e potrà essere consultata, prenotata e condivisa su entrambe le piattaforme digitali.

Gli hotel raccomandati sulle piattaforme digitali sono selezionati con i medesimi elevati standard dei ristoranti, al fine di mantenere la stessa promessa: ambire all’eccellenza e promuovere l’unicità. Tuttavia, sebbene le selezion dedicate ad hotel e ristoranti condividano gli stessi esatti valori, i ristoranti sono selezionati da anonimi ispettori, mentre la selezione è creata dal team di Tablet Hotels – esperti di hotellerie – e dalla sua comunità di viaggiatori.

La selezione è un’impresa collaborativa alla quale partecipa tutta la community, composta da ospiti verificati che hanno prenotato il soggiorno attraverso Tablet. Essi possono validare gli indirizzi e condividere le proprie impressioni. Qualunque hotel con valutazione inferiore al soddisfacente, sarà ulteriormente esaminato in modo d’assicurare che le raccomandazioni delle Guide siano sempre degne di fiducia. La selezione digitale degli hotel permette ai viaggiatori di beneficiare della migliore piattaforma di prenotazioni sviluppata da Tablet.

Storia della Guida 

La Guida Michelin nasce in Francia nel 1900. Era una piccola guida che avevano voluto i fratelli Édouard e André Michelin, i fondatori della Michelin, per aiutare le poche migliaia di automobilisti francesi alle prese con un viaggio che, allora, era spesso avventuroso. Conteneva informazioni pratiche (dove fare rifornimento, dove trovare un’officina, dove cambiare i pneumatici) e indicazioni su dove mangiare e dormire. In Italia, la prima Guida Michelin è del 1956. Nasce quindi come aiuto per chi viaggia, come ogni prodotto (pneumatici, carte e guide) Michelin, e continua ad esserlo.

I rigorosi criteri di selezione, applicati in modo omogeneo in 30 Paesi, la rendono un riferimento nel campo della ristorazione. Gli ispettori operano in modo anonimo seguendo una consolidata metodologia in tutto il mondo e pagano il conto al ristorante, valutando esclusivamente la qualità della cucina in base a cinque criteri definiti da Michelin: qualità dei prodotti, gusto e abilità nella preparazione dei piatti e nella combinazione dei sapori, cucina rivelatrice della personalità dello chef, rapporto qualità/prezzo e continuità nel tempo e nel menu. Questi criteri sono rispettati dagli ispettori Michelin in Italia, come in Giappone o in Cina e negli Stati Uniti. Ne consegue che la qualità di un ristorante tre stelle è la stessa a Firenze e a New York, così come dev’essere equiparabile la qualità di un ristorante una stella a Napoli e a Londra.


Ci sono 36 nuove stelle Michelin in Italia 

Google rinnova anche l’app Pixel Sounds con Material You e con nuove suonerie

Sta continuando il processo di adeguamento della app di Google a Material You, il nuovo linguaggio di design che il colosso di Mountain View ha introdotto con Android 12, e la nuova applicazione ad essere stata sottoposta a questo vento di rinnovamento è Pixel Sounds.

Aggiornata alla versione 3.0, le modifiche al design prevedono una nuova visualizzazione ad elenco con gli angoli arrotondati e in alto viene ora visualizzato ciò che è attualmente impostato seguito da nove raccolte in totale. Altro punto è il supporto ai colori dinamici, il quale viene utilizzato per evidenziare la selezione corrente, mentre la visualizzazione di una raccolta mostra la grafica del gradiente in alto.

Gli sviluppatori però non si sono limitati ad introdurre tali variazione nell’estetica, ma hanno anche aggiunto nuove suonerie e allarmi che vanno ad arricchire la libreria dell’app con 14 allarmi, 14 suoni di notifica e 14 suonerie.

Secondo quanto riportato da 9to5Google questa versione è attualmente in fase di rilascio per i Pixel di Google per mezzo del Play Store.

L’articolo Google rinnova anche l’app Pixel Sounds con Material You e con nuove suonerie sembra essere il primo su Androidworld.


Google rinnova anche l’app Pixel Sounds con Material You e con nuove suonerie

PayPal rinnova completamente la sua app, che accoglie anche tante nuove funzioni

Rivoluzione in vista per PayPal: il colosso statunitense ha annunciato un completo rinnovamento della propria applicazione, sia dal punto di vista del design che delle funzionalità. Purtroppo però, tutto ciò è al momento disponibile solo negli Stati Uniti.

Ovviamente salta subito all’occhio la nuova interfaccia e, in particolare, la nuova home page: questa ora non mostra solo il saldo del proprio account, ma mostra anche una serie di informazioni come il saldo delle proprie criptovalute (ricordiamo che la possibilità di acquistare criptocurrency è arrivata negli USA a novembre dello scorso anno) e una lista di contatti frequenti per richiede o inviare denaro più velocemente.

Tutte le altre funzionalità dell’app sono ben divise nella barra di navigazione posta in basso: tra le novità troviamo anche la possibilità di effettuare depositi o di risparmiare denaro tramite un conto di risparmio fornito da Synchrony Bank. A tal proposito, PayPal ha dichiarato che i suoi conti avranno un rendimento percentuale annuo dello 0,40% e nessun saldo minimo o commissioni mensili.

PayPal sta anche aggiungendo l’accesso al pagamento delle bollette, in modo da poter impostare pagamenti automatici ai fornitori di servizi. Infine, viene posta molta enfasi su coupon e sconti: questi sono raccolti all’interno di un’apposita sezione dell’app e potranno essere utilizzati direttamente nel browser in-app. L’azienda sta inoltre lavorando a un programma fedeltà che offrirà cashback e “credito per acquisti” sugli acquisti idonei effettuati con PayPal.

L’articolo PayPal rinnova completamente la sua app, che accoglie anche tante nuove funzioni sembra essere il primo su Mobileworld.


PayPal rinnova completamente la sua app, che accoglie anche tante nuove funzioni

Google presenta le nuove routine di Assistant che durano un giorno intero (foto)

Dopo aver aggiunto le routine “ritardate” nell’app Google Home, BigG ha introdotto delle nuove routine in Google Assistant: queste, chiamate in inglese “Daylong Routines”, possono avere diverse azioni che vengono automaticamente attivate ad un certo orario durante il giorno.

LEGGI ANCHE: Le migliori 10 offerte smartphone per le offerte di settembre

Definire queste nuove routine è molto semplice: nella schermata apposita per la creazione, sia in Assistant che in Google Home, sarà mostrata una barra in basso che inviterà l’utente a creare una “Daylong Routine”. A questo punto si potrà scegliere in quali giorni attivare la routine e infine si potranno specificare le azioni da compiere e soprattutto a che ora. Ogni orario avrà una sezione apposita, sotto la quale saranno mostrate le azioni associate.

Queste nuove routine sono in rollout in queste ore e dovrebbero arrivare su tutti i dispositivi tra poco.

L’articolo Google presenta le nuove routine di Assistant che durano un giorno intero (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Google presenta le nuove routine di Assistant che durano un giorno intero (foto)

Nuove speranze per Xiaomi Mi Flip: il pieghevole è stato brevettato (foto)

Attualmente Xiaomi ricopre un ruolo di prim’ordine nel mercato smartphone e pertanto sente la responsabilità di competere con i più grandi su tutti i fronti, compreso quello dei dispositivi pieghevoli.

Sebbene nel corso degli anni abbiamo visto interessanti smartphone dal punto di vista dell’innovazione da parte di Xiaomi, in particolare con la serie Mi MIX, la casa cinese ancora deve lanciare uno smartphone pieghevole. Il brevetto appena pubblicato dalla World Intellectual Property Organisation (WIPO), mostra l’idea di Xiaomi di realizzare un nuovo pieghevole di tipo flip, ovvero un pieghevole in grado di piegarsi con una cerniera posta al centro del suo lato lungo.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Z Flip, la recensione

Tale meccanismo di piegatura conferirebbe all’ipotetico Xiaomi Mi Flip un certo grado di similarità con i già concreti Galaxy Z Flip e Moto Razr 5G. Senza considerare che il prossimo 11 agosto arriverà anche il nuovo Galaxy Z Flip 3.

Dunque Xiaomi si troverebbe ad affrontare non poca concorrenza in questo senso, ammesso che intenda usare concretamente il brevetto appena visto nel breve termine. Vi terremo aggiornati sui prossimi eventuali sviluppi.

L’articolo Nuove speranze per Xiaomi Mi Flip: il pieghevole è stato brevettato (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Nuove speranze per Xiaomi Mi Flip: il pieghevole è stato brevettato (foto)

Tante novità grafiche arrivano su Telegram: sfondi animati e nuove animazioni (foto)

Insieme alle chiamate di gruppo, di cui vi abbiamo parlato qui, l’ultimo aggiornamento di Telegram porta anche diverse novità dal punto di vista grafico, oltre alle immancabili nuove emoji animate.

LEGGI ANCHE: La spesa con consegna in giornata di Amazon si arricchisce di Pan PANORAMA

Prima novità riguarda gli sfondi della chat: adesso è infatti possibile aggiungere sfondi animati, le cui sfumature cambieranno in base ad un algoritmo ogni volta che verrà inviato un messaggio. È ovviamente possibile creare sfondi animati personalizzabili, che possono poi essere condivisi con altri utenti. Arrivano poi nuove animazioni per l’invio di sticker e, per iOS, anche per l’invio di file multimediali e messaggi di testo. Sempre su iOS, lo sfondo è ora visibile in trasparenza attraverso la parte alta e bassa della schermata della chat e sono disponibili due nuove icone personalizzate per l’app.

Altre novità importanti riguardano la possibilità di ricevere un promemoria quando Telegram rileva che è stato cambiato il numero di cellulare (per ora solo su iOS, ma successivamente arriverà anche su Android) e i nuovi menù per navigare in maniera semplificata tra le opzioni dei Bot. Infine, arrivano anche nuove emoji animate.

L’articolo Tante novità grafiche arrivano su Telegram: sfondi animati e nuove animazioni (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Tante novità grafiche arrivano su Telegram: sfondi animati e nuove animazioni (foto)

Nuove immagini di Xiaomi Mi MIX 4: fotocamera sotto il display e MIUI 13 (foto)

Sappiamo bene che Xiaomi è uno dei produttori maggiormente attivi nel settore degli smartphone Android e che, dopo la serie Xiaomi Mi 11, potrebbe presto arrivare il nuovo Mi MIX 4.

Nelle ultime ore sono emersi nuovi dettagli sul dispositivo dalla Cina: le immagini che vedete nella galleria in basso mostrano i primi scatti dal vivo di Xiaomi Mi MIX 4. La prima immagine racchiuda una delle principali novità attese a livello tecnico per il nuovo dispositivo di Xiaomi, corrispondente alla fotocamera anteriore integrata sotto il display. A proposito di display, il nuovo Mi MIX 4 potrebbe arrivare con risoluzione 2K e bordi esattamente simmetrici sui quattro lati.

LEGGI ANCHE: il Green Pass è online

Le immagini che vediamo in galleria mostrano per la prima volta anche il presunto look della MIUI 13, la nuova versione del sistema operativo basato su Android e personalizzato da Xiaomi: gli scatti non mostrano parecchio, se non la schermata di sblocco coerente con quella di Android 12 stock e la sezione delle Info dispositivo all’interno delle Impostazioni.

Ci riserviamo qualche dubbio sull’effettiva autenticità delle immagini appena mostrate, visto la loro bassa qualità. In ogni caso, ancora non abbiamo una data ufficiale comunicata da Xiaomi per il lancio di Mi MIX 4 e della nuova MIUI 13.

L’articolo Nuove immagini di Xiaomi Mi MIX 4: fotocamera sotto il display e MIUI 13 (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Nuove immagini di Xiaomi Mi MIX 4: fotocamera sotto il display e MIUI 13 (foto)