Curiosi di vedere i nuovi Samsung? Ecco un video unboxing di tutti (ma proprio tutti) i dispositivi annunciati

Durante l’ultimo Galaxy Unpacked Event Samsung ha presentato i nuovi dispositivi che verranno lanciati nelle prossime settimane. Non si tratta soltanto di smartphone – che pure probabilmente rappresentano la maggiore attrattiva per la platea – ma anche del tablet Galaxy Tab S7, dello smartwatch Galaxy Watch 3 e dei nuovi auricolari true wireless Galaxy Buds Live.

Tuttavia, come dicevamo, l’attenzione generale era focalizzata sui nuovi Galaxy Note 20 e Galaxy Z Fold 2 (non tralasciando la versione 5G di Galaxy Z Flip). L’operatore telefonico T-Mobile ha avuto modo di mettere le mani in anteprima non solo sugli smartphone, ma proprio su tutti i dispositivi quelli presentati.

LEGGI ANCHE: La nostra prova degli smartphone più potenti del momento

Ne è scaturito un lunghissimo video unboxing di 26 minuti che li mostra dal vivo permettendo di farsi un’idea più precisa di come possano essere, in attesa di vederli dal vivo in qualche store. Ma bando alle ciance, vi lasciamo subito al filmato.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Curiosi di vedere i nuovi Samsung? Ecco un video unboxing di tutti (ma proprio tutti) i dispositivi annunciati sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Honor svela i nuovi ViewPad 6 e ViewPad X6, due tablet mediogamma dal prezzo molto contenuto (foto)

Honor ha appena annunciato il lancio di un paio di nuovi tablet che si vanno ad aggiungere alla sua offerta di dispositivi Android dotati di grande schermo e pennino. I due modelli in questione si chiamano Honor ViewPad 6 e Honor ViewPad X6 e hanno moltissimo in comune. Guardando la scheda tecnica infatti spicca solamente una diagonale (e la risoluzione del display) leggermente inferiore per ViewPad X6.

  • Schermo: QXGA IPS da 10,4″ e risoluzione 1.920 × 1.200 pixel (ViewPad 6); WXGA IPS da 9,7″ e risoluzione 1.280 × 800 pixel (ViewPad X6)
  • CPU e GPU: HiSilicon Kirin 710A (4 × Cortex A73 da 2,0 GHz + 4 × Cortex A53 da 1,7 GHz) con GPU ARM Mali-G51
  • RAM e spazio di archiviazione: 3 GB di RAM e 32 GB di memoria / 4 + 64/128 GB, in tutti i casi espandibile fino a 512 GB con microSD
  • OS: Android 10 con Magic UI 3.1
  • Fotocamera posteriore: 5 MP
  • Fotocamera frontale: 2 MP
  • Connettività: 4G (opzionale), Wi-Fi 802.11 ac (2,4 GHz / 5 GHz), Bluetooth 5.1, GPS, GLONASS, USB-C 2.0
  • Batteria: 5.100 mAh (tipica) / 4.980 mAh (minimo)

LEGGI ANCHE: Ecco i render ufficiali di Lenovo Legion

Per quanto riguarda Honor ViewPad X6, il tablet sarà lanciato sul mercato ad agosto e sarà così prezzato:

  • 1.099¥ (circa 137€) per la versione da 3+32 GB solo Wi-Fi
  • 1.199¥ (circa 150€) per la versione da 4+64 GB solo Wi-Fi
  • 1.199¥ (circa 150€) per la versione da 3+32 GB con 4G

Honor ViewPad 6 invece sarà in vendita dal prossimo 28 luglio in diversi tagli:

  • 1.299¥ (circa 163€) per la versione da 3+32 GB solo Wi-Fi
  • 1.399¥ (circa 175€) per la versione da 4+64 GB solo Wi-Fi
  • 1.699¥ (circa 213€) per la versione da 4+128 GB solo Wi-Fi
  • 1.599¥ (circa 200€) per la versione da 4+64 GB con 4G
  • 1.899¥ (circa 238€) per la versione da 4+128 GB con 4G

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Honor svela i nuovi ViewPad 6 e ViewPad X6, due tablet mediogamma dal prezzo molto contenuto (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Vivo si conferma pioniera nel mondo smartphone: ecco i nuovi Vivo X50 con fotocamera Gimbal (foto) (aggiornato: in Europa)

Vivo è uno dei produttori cinesi che cerca spesso di distinguersi proponendo particolari soluzioni hardware sui suoi prodotti: l’azienda fu tra le prime a proporre il sensore d’impronte integrato nel display e nelle ultime ore ha lanciato dei nuovi smartphone che propongono una novità inedita per il comparto fotografico. Andiamo a vedere insieme le schede tecniche dei nuovi Vivo X50.

Vivo X50 | X50 Pro | X50 Pro+: Caratteristiche Tecniche

SpecificheVivo X50Vivo X50 ProVivo X50 Pro+
Dimensioni e peso
  • 159,54mm x 75,39mm x 7,49mm
  • 170g
  • 158,46mm x 72,8mm x 8,04mm
  • 181,5g
  • 158,46mm x 72,8mm x 8,04mm
  • 181,5g
Display
  • 6,56″ FHD+ AMOLED
  • 90Hz refresh rate
  • Flat display
  • Foro per la fotocamera
  • HDR 10+
  • 6,56″ FHD+ AMOLED
  • 90Hz refresh rate
  • Display curvo
  • Foro per la fotocamera
  • HDR 10+
  • 6,56″ FHD+ AMOLED
  • 120Hz refresh rate
  • Display curvo
  • Foro per la fotocamera
  • HDR 10+
ProcessoreQualcomm Snapdragon 765GQualcomm Snapdragon 765GQualcomm Snapdragon 865
RAM e storage
  • 8GB LPDDR4X + 128GB UFS 2.0
  • 8GB + 256GB
  • 8GB LPDDR4X + 128GB UFS 2.1
  • 8GB + 256GB
  • 8GB LPDDR4X + 128GB UFS 2.1
  • 8GB + 256GB
  • 12GB + 256GB
Batteria
  • 4200 mAh
  • 33W fast charging
  • 4315 mAh
  • 33W fast charging
  • 4315 mAh
  • 44W fast charging
Fotocamera posteriore
  • Principale: 48MP Sony IMX598, f/1.6, four-axis OIS
  • Secondario: 13MP portrait, f/2.48
  • Grandangolo: 8MP, 120° FoV, f/2.2
  • Macro: 5MP, f/2.48, 1,5cm super macro
  • Principale: 48MP Sony IMX598, f/1.6, gimbal OIS
  • Secondario: 13MP, f/2.46
  • Terzo: 8MP periscope, f/3.4
  • Grandangolo: 8MP, 120° FoV, f/2.2, 2,5cm macro
  • Principale: 50MP Samsung ISOCELL GN1, f/1.6
  • Secondario: 13MP portrait, f/2.46
  • Terzo: 8MP periscope, f/3.4
  • Grandangolo: 8MP, 120° FoV, f/2.2, 2,5cm macro
Fotocamera frontale32MP, f/2.4832MP, f/2.4532MP, f/2.45
Connettività
  • NFC
  • WiFi 6
  • Bluetooth 5.1
  • SA & NSA Dual-mode 5G
  • Sensore d’impronte integrato nel display
  • NFC
  • WiFi 6
  • Bluetooth 5.1
  • SA & NSA Dual-mode 5G
  • Sensore d’impronte integrato nel display
  • AK4377A Hi-Fi Sound chip
  • NFC
  • WiFi 6
  • Bluetooth 5.1
  • SA & NSA Dual-mode 5G
  • Sensore d’impronte integrato nel display
  • CS43131 Hi-Fi Sound chip
Versione AndroidFuntouch OS 10.5 basato su Android 10Funtouch OS 10.5 basato su Android 10Funtouch OS 10.5 basato su Android 10

Ovviamente la caratteristiche che più attrae dei nuovi Vivo X50 è il particolare meccanismo Gimbal implementato nel comparto fotografico posteriore della versione Pro e Pro+. Come vedete dalle immagini presenti nella galleria in basso, si tratta di un modulo hardware che assicura una stabilizzazione senza precedenti dei sensori fotografici: il principio sul quale si fonde è lo stesso dei classici gimbal in commercio, per il quale i sensori fotografici verranno automaticamente spostati nella direzione opposta alla sollecitazione rilevata. In tal modo la sollecitazione verrà automaticamente compensata. Il tutto è integrato con funzionalità software, come la Night Mode e la Astro Mode, che sfruttano e completano la stabilizzazione dell’immagine.

Uscita e Prezzi

La nuova serie X50 di Vivo è attualmente disponibile esclusivamente nel mercato cinese. Questi i prezzi di lancio:

  • Vivo X50:
    • 8 GB + 128 GB all’equivalente di circa 470€.
    • 8 GB + 256 GB all’equivalente di circa 500€.
  • Vivo X50 Pro:
    • 8 GB + 128 GB all’equivalente di circa 580€.
    • 8 GB + 256 GB all’equivalente di circa 640€.
  • Vivo X50 Pro:
    • 8 GB + 128 GB all’equivalente di circa 680€.
    • 8 GB + 256 GB all’equivalente di circa 750€.
    • 12 GB + 256 GB all’equivalente di circa 815€.

Al momento Vivo non ha comunicato i suoi eventuali piani di commercializzazione per i mercati europei. Vi terremo aggiornati su questo aspetto.

Aggiornamento16/07/2020 ore 23:35

Aggiorniamo l’articolo perché Vivo ha scoperto completamente le sue carte, annunciando che la serie Vivo X50 arriverà anche nei mercati europei. Al momento non sono stati indicati i dettagli su disponibilità e prezzi e nemmeno se i dispositivi arriveranno in Italia.

Inoltre, Vivo ha anche annunciato le sue nuove cuffie true wireless, le TWS Neo Earphones. Le nuove cuffie integrano dei driver audio da 14,2 mm con cancellazione del rumore supportata dall’intelligenza artificiale. Il modulo Bluetooth corrisponde alla versione 5.2, con una raggio di connettività pari a 10 metri. La porta integrata nel case per la ricarica è di tipo C. Trovate tutti i dettagli nella nuova immagine in galleria.

Le nuove cuffie di Vivo sono state annunciate per il mercato indiano al prezzo equivalente a circa 70€, le colorazioni previste corrispondono a Moonlight White e Starry Blue. Non sappiamo se Vivo le commercializzerà anche in Europa.

Vivo TWS Neo Earphones – Immagini

Vivo X50 – Immagini

Vivo X50 Pro – Immagini

Vivo X50 Pro+ – Immagini

L’articolo Vivo si conferma pioniera nel mondo smartphone: ecco i nuovi Vivo X50 con fotocamera Gimbal (foto) (aggiornato: in Europa) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

C’è un easter egg nella modalità Fnatic di OnePlus, che sblocca degli sfondi segreti! (aggiornato: nuovi sfondi)

La modalità Fnatic è un add-on della modalità di gioco di OnePlus 7 Pro, con lo scopo di massimizzare l’esperienza di gioco, anche a scapito di alcune funzionalità base del telefono. Dopo il debutto su OP7 Pro, tramite aggiornamenti software è poi arrivata su tutta la gamma, fino a OnePlus 5 / 5T, ma a quanto pare al suo interno si nascondeva anche un simpatico easter egg.

  • Andate in Impostazioni -> Utilità -> Gaming Mode -> Fnatic Mode
  • Premete 5 volte sul logo Fnatic
  • Apparirà una casella di testo, nella quale dovrete scrivere “alwaysfnatic” (senza virgolette)
  • Godetevi 3 wallpaper esclusivi

La procedura funziona su tutti gli OnePlus con la modalità Fnatic, ma se non ne aveste uno o se qualcosa non andasse, vi lasciamo qui sotto gli screenshot a grandezza originale da scaricare.

Aggiornamento13/07/2020

Ehi guarda, ci sono 3 nuovi sfondi Fnatic da scaricare! (e chi ci pensava più, dopo quasi un anno…) Li trovate nella galleria qui sotto (sono gli ultimi 3).

 

L’articolo C’è un easter egg nella modalità Fnatic di OnePlus, che sblocca degli sfondi segreti! (aggiornato: nuovi sfondi) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Samsung tira dritto: Galaxy Note 20 con chip Exynos (e non saranno neppure nuovi!)

L’annosa sfida fra SoC Samsung Exynos e Qualcomm Snapdragon – da anni ormai stravinta dal colosso americano – quest’anno ha assunto i contorni di una vera e propria crociata da parte degli utenti europei, stufi di accontentarsi di Galaxy top di gamma che si comportano peggio delle controparti d’oltre oceano. Con i Note 20 alle porte, il gigante coreano avrebbe avuto l’occasione di mettere a tacere le critiche, estendendo a tutto il mondo la fornitura di SoC Snapdragon, oppure tirando fuori dal cilindro un nuovo Exynos all’altezza della situazione. Ma sembra che non andrà nell’uno né nell’altro modo.

Ad avanzare l’ipotesi è ancora una volta l’informatissimo leakster cinese Ice universe, subito corroborata dal collega Max Weinbach: Galaxy Note 20 e Galaxy Note 20 Ultra non soltanto non avranno lo Snapdragon 865+ in Europa, ma nemmeno il vociferato Exynos 992. Bensì, saranno animati dal famigerato Exynos 990, lo stesso dei Galaxy S20, travolto dalle critiche nei mesi scorsi, per prestazioni grafiche zoppicanti e, soprattutto, consumi ben più elevati rispetto agli omologhi Qualcomm.

LEGGI ANCHE: I Galaxy Note 20 potrebbero costare meno dei loro predecessori

Se la voce fosse confermata, significherebbe che i Galaxy Note 20 non porteranno in dote alcun salto prestazionale (né migliore ottimizzazione dei consumi) rispetto ai cugini Galaxy S20, minando alle fondamenta le speranze di chi si aspettava un deciso cambio di passo. I vostri propositi di acquisto cambierebbero o no, alla luce di questa notizia?

L’articolo Samsung tira dritto: Galaxy Note 20 con chip Exynos (e non saranno neppure nuovi!) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Tutto su Cyberpunk 2077: le novità del 25 giugno, i nuovi screenshot in 4K, Braindance e altro

{
“@context”: “http://schema.org”,
“@type”: “VideoGame”,
“name”: “Cyberpunk 2077”,
“url”: “https://www.cyberpunk.net/it/it/pre-order”,
“applicationCategory”:”Game”,
“genre”:[“RPG”, “Action RPG”],
“author”: {
“name”:”CD Projekt RED”,
“url”:”https://en.cdprojektred.com/”
},
“publisher”:”Bandai Namco”,
“playMode”:”SinglePlayer”,
“gamePlatform”:[“PlayStation 4″,”Xbox One”,”PC”],
“operatingSystem”:”Windows”,
“contentRating”:[“ESRB M”,”PEGI 18″],
“gameLocation”:”Earth”,
“inLanguage”:[“Italian”,”English”] }
Speciale Cyberpunk 2077 ITA – Uno dei titoli più attesi degli ultimi anni. È la nuova creatura di casa CD PROJEKT RED, già responsabile della serie The Witcher, ispirata al GDR cartaceo Cyberpunk 2020. È stato mostrato in azione all’E3 2018 e in occasione dell’E3 2019 è stata annunciata la data di uscita (successivamente rimandata) e un’aggiunta stellare al cast che lo compone. Scopriamolo in tutte le sue sfaccettature.

EditoreCD PROJEKT RED, Bandai Namco
SviluppatoreCD PROJEKT RED
PiattaformePC Windows, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X, Google Stadia
GenereFirst Person RPG
Modalità di giocoSingolo giocatore | Multi giocatore
LinguaItaliano

News

Tutte le news riguardanti Cyberpunk 2077 saranno riportate qui di seguito. Oltre alle news trovate un comodo indice per consultare i vari punti più importanti relativi al gioco di ruolo di casa CD Projekt Red.

Aggiornamento26/06/2020

Qui di seguito trovate le novità annunciate e mostrate il 25 giugno. A seguire anche tutti gli altri dettagli sul gioco.

Tutte le novità del 25 giugno

Il 25 giugno scorso CD Projekt ha svelato tanti dettagli a riguardo della sua creatura. Cominciamo a dare un’occhiata per prima cosa a tutto il materiale video-fotografico rilasciato per l’occasione. C’è una valanga di nuovi screenshot in altissima definizione che vorremmo mostrarvi come prima cosa.

Proseguiamo con il nuovo trailer pubblicato anche con il doppiaggio italiano. Il filmato ci introduce a quella che sarà la main storyline del gioco, anche se sospettiamo che prenderà via via una piega ben diversa. C’è un lavoretto da fare, il furto di una sorta di chip ad una delle tante mega-corporazioni del 2077. Al nostro fianco ci sarà l’amico e collega Jackie Welles, un vero e proprio armadio con innesti cibernetici. Alla fine si intravede anche Johnny Silverhand, il personaggio interpretato da Keanu Reeves e doppiato da Luca Ward.

Durante il mini evento che si è tenuto su YouTube è stata mostrata anche una nuova dinamica di gioco denominata Braindance. In sostanza sarà possibile rivivere alcune scene direttamente nei panni di chi le ha vissute, osservando il tutto anche da un’ottica esterna grazie alle telecamere di sorveglianza che popolano le varie zone della città. In questo modo si potranno notare vari dettagli che potrebbero aiutarci durante eventuali investigazioni.

Cyberpunk 2077 inoltre supporterà il DLSS 2.0 di NVIDIA e, ovviamente, il raytracing. I giocatori potranno sperimentare le seguenti caratteristiche del ray-tracing in Cyberpunk 2077, al momento del lancio:

  • Occlusione amb ientale in Ray- tracing – L’occlusione ambientale è una tecnica di ombreggiatura e di rendering utilizzata per calcolare l’esposizione di ogni punto rispetto all’illuminazione ambientale. Il risultato è un effetto di ombreggiatura diffusa che oscura le aree chiuse e protette e migliora il tono complessivo dell’immagine. In Cyberpunk 2077, l’occlusione ambientale in ray-tracing può essere utilizzata anche con luci locali per approssimare gli effetti d’ombra locali dove mancano le ombre.
  • Illuminazione diffusa in Ray- tracing – Questa tecnica viene utilizzata per catturare la luminosità del cielo e l’illuminazione emessa da varie superfici, cosa molto difficile da ottenere con le tecniche di rendering tradizionali.
  • Riflessi Ray- tracing – In Cyberpunk 2077, i riflessi in ray-tracing sono utilizzati su tutte le superfici e possono tracciare distanze fino a diversi chilometri. Sono presenti sia su oggetti opachi che trasparenti per simulare il modo in cui la luce riflette le superfici lucide e metalliche tracciando un singolo rimbalzo dei raggi riflessi contro la scena. Questo include specchi naturali lisci come ad esempio il vetro di una finestra, ma anche superfici più ruvide come il metallo spazzolato. A differenza delle tecniche spaziali dello schermo, che possono riflettere solo ciò che è sullo schermo, i riflessi tracciati dai raggi incorporano l’intera scena intorno al personaggio e possono rappresentare accuratamente gli oggetti al di fuori della visuale della telecamera o rivolti verso l’esterno.
  • Ombreggiatura Ray- tracing – L’anteprima di Cyberpunk 2077 supporta le ombre direzionali del sole e della luna. Queste ombre hanno lo scopo di essere fisicamente precise e di tenere conto anche della dispersione della luce proveniente dalle nuvole. Le ombre possono essere potenziate nella versione finale per supportare altri tipi di fonti di luce qualora necessario.

NVIDIA ha anche rilasciato degli screenshot relativi proprio al ray-tracing in gioco. Ve li proponiamo qui di seguito:

Uscita

19 novembre 2020: questa la data annunciata dalla software house polacca. O meglio, in origine il gioco doveva uscire ad aprile ma è stato rimandato (due volte) per far sì che il team di sviluppo dia le ultime limature proponendo un prodotto finale quanto più perfetto possibile. Il gioco sarà lanciato su PlayStation 4, Xbox One, Google Stadia, PS5, Xbox Series X e PC Windows tramite GOG e Steam. La data di lancio tra l’altro potrebbe coincidere con quella del lancio delle due nuove console di Sony e Microsoft.

PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series X

Se siete in cerca di una copia per console, PS4 o Xbox One, da prenotare, Amazon viene ovviamente in vostro soccorso. Lo trovate comunque anche su altri store quali ad esempio Gamestop o MediaWorld. Il gioco sarà immediatamente compatibile con le console di nuova generazione, ma dovremo attendere il 2021 per vedere arrivare aggiornamenti pensati per migliorarne la resa grafica e le prestazioni.

Steam

Per PC potete acquistarlo in digitale da Steam o da GOG a 59,99€. Il formato digitale porta con sé anche la soundtrack, un libro digitale con i concept-art del gioco, wallpaper e altro.

Collector’s Edition

Per la collector’s edition la situazione come al solito è complessa. Nella gallery sottostante trovate i contenuti delle edizioni speciali, ma recuperarle potrebbe non essere così banale. Su Gamestop risultano esaurite, su Amazon al momento della stesura di questo articolo non sono ancora apparse.

Gameplay Ita

Ci sono ben 48 minuti di gameplay da godersi con tutta calma. Considerate che questo filmato risale ad agosto 2018 e che il gioco, in arrivo a novembre 2020, sarà ulteriormente rifinito e migliorato. C’è un disclaimer proprio all’inizio del video a testimoniarlo. Nel video ci sono i sottotitoli in italiano, vanno semplicemente attivati.

Cyberpunk 2077 Trailer Ita

Il trailer mostrato all’E3 2018. Anche questo è in italiano, è sufficiente attivare i sottotitoli.

Trailer E3 2019 con Keanu Reeves

Nel cast del gioco c’è niente meno che Keanu Reeves, che al termine del filmato in CGI sul palco Microsoft dell’E3 2019 sorprende tutti salendo sul palco. Ed è lo stesso celebre attore ad annunciare la data di uscita del gioco. Reeves interpreta il ruolo di Johnny Silverhand, un personaggio noto della controparte fisica Cyberpunk 2020. Si tratta di una sorta di fantasma digitale installato in un chip che il protagonista ha nella propria testa. Sarà un po’ la nostra guida, l’angelo e il demone che guiderà le nostre gesta.

Doppiaggio e sottotitoli

Bandai Namco, che si occuperà della distribuzione del gioco in Europa, ha confermato che il gioco sarà interamente doppiato in italiano. Keanu Reeves sarà doppiato niente meno che da sua maestà Luca Ward!


L’ambientazione

Cyberpunk 2077 è ambientato in America, ovviamente nel 2077. Le megacorporazioni controllano la vita dei cittadini in ogni singolo aspetto e in ogni dove, dai vicoli ai tetti dei più alti grattacieli delle città. Nei bassifondi comandano invece le gang che spacciano droga, le canaglie “dirtytech“, ladri e in generali i peggiori rappresentanti del genere umano. Il mondo è quindi in bilico tra decadenza, sesso, pop culture, violenza, povertà estrema e la classica promessa del Sogno Americano.


Il protagonista

Il giocatore si calerà nei panni di V, un vero Cyberpunk, un personaggio che ha deciso di modificare il proprio corpo con innesti cibernetici avanzati per accettare lavori che nessun’altro sarebbe disposto a fare. Un mercenario insomma, una “hired gun” che, all’inizio del gioco, riceve il suo primo vero contratto. V arriverà ad accettare il lavoro più rischioso della sua vita, iniziando a dare la caccia al prototipo di un impianto in grado di conferire l’immortalità.

L’editor di creazione permetterà di personalizzare ogni singolo aspetto del personaggio: si potrà decidere il sesso, l’aspetto generale (dai tatuaggi, alle cicatrici ai dettagli classici) e anche il background. Quest’ultimo andrà ad influenzare anche parte della storia e degli eventi che ci troveremo ad affrontare. Non potremo però decidere il nome, che sia per un personaggio maschile che femminile, sarà comunque V.

A proposito dei protagonisti (quello maschile o quello femminile) e dei tanti personaggi presenti in gioco, date un’occhiata alla gallery che trovate qui di seguito. È stata realizzata da CD Projekt per mostrare tutti i dettagli dei modelli dei personaggi per un contest di cosplay indetto dalla stessa software house. L’attenzione al dettaglio è incredibile. Fate caso alla cura nella realizzazione del vestiario, che deve riflettere sia l’avanzamento tecnologico sia i gusti di una società diversa dalla nostra.

Visuale in prima persona: sarà un FPS?

Come accennato nel titolo, Cyberpunk 2077 avrà la visuale in prima persona. Non per questo sarà un FPS, tutt’altro. Il confronto sorge più spontaneo con la saga di Deus Ex, guarda caso un altro titolo dai toni cyberpunk. Quindi cos’è? CD PROJEKT RED lo etichetta come un open world, narrative-drive role playing game: tante parole inglesi per dire che si tratta di un gioco di ruolo largamente influenzato dalla storia con meccaniche tipiche dei giochi open world.

Procedendo nel gioco sbloccheremo abilità relative al combattimento in ambienti urbani, altre relative all’hacking, oltre ovviamente alla possibilità di migliorare i nostri innesti cibernetici o di utilizzarne di nuovi che permettono di aumentare i riflessi o di utilizzare una visuale a infrarossi. Le classi dovrebbero essere tre, Netrunner, Techie o Solo, ma in realtà la software house descrive il sistema di classi con l’aggettivo “fluido“. Il giocatore potrà indirizzarsi verso i rami abilità di una delle tre classi o mischiare il tutto e realizzare un personaggio ibrido.

Anche il sistema di dialogo contribuirà ad influenzare la storia. Cyberpunk 2077, a detta degli sviluppatori, vanterà un sistema di dialogo interattivo che affida al giocatore il massimo controllo possibile. Si potranno fare commenti positivi (o negativi) su un tatuaggio per abbuonarci il personaggio poco cooperativo di turno, o finire la discussione con un proiettile ben piazzato per soddisfare la vostra vena diplomatica.

Ah, tutto il gioco potrà essere terminato senza uccidere nessuno. Ogni tipologia di combattimento, che sia basata su armi o sul cyberware, ha opzioni non letali. Potremo stordire, far addormentare o evitare i nostri nemici. Si potrà anche portare avanti il tutto senza utilizzare innesti, tranne quelli che sono presenti di default all’inizio del gioco.

Night City: un parco giochi “Open World”

La città teatro degli eventi di Cyberpunk 2077 merita qualche dettaglio extra. Per cominciare ci sarà un ciclo giorno/notte dinamico, nonché una condizione meteo variabile. Night City viene descritta come un parco giochi per sognatori, una giungla urbana che offre lusso sfrenato, eccessi di ogni tipo o proiettili in testa per chi mette i bastoni tra le ruote alle corporazioni. Di fatto si avrà la possibilità di esplorare la città in lungo e in largo: Night City è composta da 6 distretti con centinaia di edifici, migliaia di stanze da esplorare e dozzine di miglia di strade da percorrere a bordo di veicoli di vario genere.

Ma la città non è l’unico contesto da esplorare. Night City è infatti connessa al cyberspazio grazie a miglia di terminali d’accesso. Ci troveremo quindi ad esplorare la Net, la rete, scoprendo strati di sistemi nascosti, firewall, programmi di sicurezza in grado di friggere il nostro cervello. E proprio durante le nostre missioni incontreremo vari Netrunner a difesa dei mega-edifici delle corporazioni, pronti a tutto per prenderci a calci nel fondoschiena sia nel mondo reale che nel cyberspazio.

A riguardo della grandezza del mondo di gioco la software house si è espressa in una lettera ai fan nascosta nel trailer E3 2018: “Sarà molto grande… ma ad essere onesti non abbiamo idea di quello che realmente vi aspettate. Comunque approfondiremo l’argomento prima di aprire i pre-ordini“. In ogni caso la mappa sarà basata su quella dell’ultima edizione del gioco di ruolo cartaceo.

Veicoli

Qualche dettaglio in più è stato svelato anche sui veicoli. Non sarà offerta la possibilità di pilotare macchine volanti, e le fasi in cui saremo a bordo di mezzi del genere saranno di fatto scene scriptate. Ci saranno anche le barche, anche queste non pilotabili, ma sarà comunque possibile gettarsi in acqua e nuotare.

A quanto pare però ci saranno più auto e moto da collezionare. Ci sarà la possibilità di acquistare vari appartamenti, ognuno dotato del suo garage dove appunto immagazzineremo i veicoli ottenuti. Ed esattamente come in The Witcher sarà possibile richiamare i veicoli all’occorrenza: ognuno è infatti dotato di una sua intelligenza artificiale che risponderà alle vostre chiamate. La prima auto ci sarà consegnata poco dopo l’inizio del gioco e ci permetterà di scorrazzare liberamente per la città.

Qualche dettaglio in più

L’obiettivo di Cyberpunk 2077 è quello di offrire un’esperienza singolo giocatore “ricca e robusta“, caratterizzata da un arco narrativo principale che si dipana per dozzine di ore, senza considerare gli archi narrativi addizionali offerti dalle quest secondarie e dalle così dette “Street Stories“. D’altronde CD PROJEKT RED ci ha già abituato bene con la serie The Witcher. Il gioco adotta poi elementi tipici del cinema noir, inserti in un contesto videoludico futuristico che non ci mette di fronte alla classica distinzione bene/male.

Le scelte che prenderemo in Cyberpunk 2077 non ci etichettano come il buono o il cattivo della situazione, d’altronde ci caliamo nei panni di un mercenario che desidera di vivere liberamente, senza confini o regole. E ci saranno finali multipli. A confermarlo è Mateusz Tomaszkiewicz, il “quest director” del gioco. La storia poi sarà al centro di tutto, come affermato da Pawel Sasko, “lead quest designer” di Cyberpunk 2077. Per la realizzazione di questo videogioco sono stati assunti anche dei combat designer (la serie The Witcher soffre un po’ il confronto con la concorrenza a tal proposito), ma in ogni caso la trama ha la precedenza su tutto il resto.

Qualche dettaglio anche a riguardo dell’equipaggiamento. Sarà possibile acquistare abiti, il che ci fa pensare che il nostro personaggio nonostante la visuale in prima persona sarà visibile più e più volte, automobili (potranno anche essere rubate), tecnologia militare dal mercato nero e persino proprietà immobiliari sparse per la città.

DLC, micro-transazioni e DRM

Sempre nella lettera ai fan a cui abbiamo fatto cenno prima, CD PROJEKT RED si è espressa a riguardo di alcuni dettagli importanti. Il gioco via via potrebbe ricevere DLC sulla falsa riga di quanto successo per The Witcher 3, avventure extra quindi di un certo spessore quindi. Cyberpunk 2077 sarà poi privo di DRM su PC. E per quanto riguarda le micro-transazioni? Ecco la risposta della software house: “Micro-transazioni in un gioco di ruolo single-player? Siete pazzi?“.


PC Requisiti

Al momento non sono stati diffusi quelli che sono i requisiti minimi o consigliati per godersi al meglio Cyberpunk 2077 su PC. Considerate comunque che CD PROJEKT RED sta lavorando a stretto contatto con NVIDIA per portare il Ray Tracing sul gioco. Sappiamo però che la demo mostrata all’E3 2019 girava su PC, più precisamente su un hardware abbastanza mostruoso:

  • CPU: Intel i7-8700K 3,70 GHz
  • Scheda madre: ASUS ROG STRIX Z370-I GAMING
  • RAM: 2 x 16 GB G.Skill Ripjaws V 3000MHz CL15
  • Scheda video: NVIDIA Titan RTX
  • Memoria interna: Samsung 960 Pro 512 GB M.2 PCIe
  • Alimentatore: Corsair SF600 600W

Speriamo solo non siano questi i requisiti “minimi”! A parte gli scherzi, aggiorneremo l’articolo appena CD Projekt Red svelerà ulteriori dettagli.

Screenshot

Concept Art

L’articolo Tutto su Cyberpunk 2077: le novità del 25 giugno, i nuovi screenshot in 4K, Braindance e altro sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

HTC ricomincia da due : ufficiali i nuovi HTC U20 5G con Snapragon 765G e Desire 20 Pro con Snapdragon 665 (video)

HTC sembra essere davvero tornata, forse non con dei dispositivi top di gamma assoluti ma con due smartphone dotati di una scheda tecnica equilibrata, la quale potrebbe implicare un prezzo di lancio competitivo e maggior appeal sul mercato. Andiamo a vedere insieme i nuovi HTC U20 5G e HTC Desire 20 Pro, al momento ufficializzati esclusivamente a Taiwan.

HTC U20 5G: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,8″ full HD+ (2.400 x 1.080 pixel), 20:9
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 765G
  • GPU: Qualcomm Adreno 620
  • RAM:  8 GB
  • Memoria interna: 256 GB (espandibile tramite microSD)
  • Fotocamere posteriori:
    • Principale: 48 megapixel ƒ/1.8
    • Ultra grandangolare: 8 megapixel FOV 118°, ƒ/2.2
    • Macro: 2 megapixel, ƒ/2.4
    • Profondità: 2 megapixel, ƒ/2.4
  • Fotocamera frontale: 32 megapixel, ƒ/2.0
  • Connettività: 5G, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac (2.4GHz, 5GHz), NFC, Bluetooth 5.0, GPS
  • Batteria: 5.000 mAh con ricarica rapida Quick Charge 4.0 a 18W
  • Dimensioni: 171,2 x 78,12 x 9,4 mm
  • Peso: 215,5 grammi
  • Colorazioni: Grey, Black, Green
  • SO: Android 10

HTC Desire 20 Pro: Caratteristiche Tecniche

  • Schermo: 6,5″
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 665
  • GPU: Qualcomm Adreno 610
  • RAM:  6 GB
  • Memoria interna: 128 GB (espandibile tramite microSD)
  • Fotocamere posteriori:
    • Principale: 48 megapixel ƒ/1.8
    • Ultra grandangolare: 8 megapixel FOV 118°, ƒ/2.2
    • Macro: 2 megapixel, ƒ/2.4
    • Profondità: 2 megapixel, ƒ/2.4
  • Fotocamera frontale: 32 megapixel, ƒ/2.0
  • Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac (2.4GHz, 5GHz), NFC, Bluetooth 5.0, GPS, jack per le cuffie
  • Batteria: 5.000 mAh con ricarica rapida Quick Charge 3.0
  • Dimensioni: 162 x 77 x 9,4 mm
  • Peso: 201 grammi
  • Colorazioni: Light Blue, Black
  • SO: Android 10

Uscita e Prezzo

Al momento HTC non ha specificato i prezzi di lancio dei nuovi smartphone nel mercato taiwanese. L’azienda non ha nemmeno specificato se intende commercializzarli a livello internazionale. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

HTC U20 5G – Video

HTC Desire 20 Pro – Video

L’articolo HTC ricomincia da due : ufficiali i nuovi HTC U20 5G con Snapragon 765G e Desire 20 Pro con Snapdragon 665 (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Ecco Android Studio 4.0: nuovi strumenti per il design delle app e una marea di altre novità (video)

Se il 2020 fosse stato un anno normale, Google avrebbe tenuto il suo solito I/O durante il quale sarebbe stata presentata la nuova versione di Android Studio. Dal momento che invece quest’anno può essere definito in molti modi, ma nessuno di questi è “normale”, il Google I/O non si è tenuto, ma il nuovo Android Studio 4.0 era comunque pronto per il suo debutto, quindi, senza tante fanfare, è stato pubblicato.

Rispetto alle poche novità del 2019, questa nuova versione mette molta carne sul fuoco e presenta parecchie nuove funzionalità, da cui l’avanzamento di versione alla 4.0. I cambiamenti più grandi riguardano il design: ora ci sono strumenti tutti nuovi per poter gestire grafica, animazioni, transizioni, diversi layout, ecc. Mentre finora tutto richiedeva la modifica manuale del codice XML, adesso c’è un’interfaccia grafica che consente di fare direttamente click-e-drag.

LEGGI ANCHE: Ora potete ascoltare le nostre notizie anche tramite Alexa

Allo stesso tempo sono stati implementati nuovi strumenti come Layout Inspector, che consente di creare un’anteprima del design dell’app in 3D, o Layout Validation, con cui validare le impostazioni per schermi di diverse forme e dimensioni.

Android Studio 4.0 presenta anche un CPU Profiler con una grafica tutta nuova e la possibilità di ottenere suggerimenti per il completamento del codice nelle regole di rimpicciolimento dei file. Di seguito abbiamo riportato il changelog completo e il video di presentazione ufficiale. Oppure potete consultare la pagina su Android Developers dove sono illustrate tutte le novità. Da qui invece potete scaricare l’ultima versione stabile di Android Studio per Windows, Mac, Linux e ChromeOS

Design

  • Motion Editor: a simple interface for creating, editing, and previewing MotionLayout animations
  • Upgraded Layout Inspector: a real-time & more intuitive debugging experience
  • Layout Validation: compare your UI across multiple screen dimensions

Develop & Profile

  • CPU Profiler update: improvements to make the UI more intuitive to navigate and the data easier to understand
  • R8 rules update: smart editor features for your code shrinker rules, such as syntax highlighting, completion, and error checking
  • IntelliJ IDEA 2019.3 platform update with performance and quality improvements
  • Live Template update: Android-specific live templates for your Kotlin code
  • Clangd support: Clangd and Clang-Tidy turned on by default

Build

  • Build Analyzer: understand and address bottlenecks in your build
  • Java 8 language support update: APIs you can use regardless of your app’s minimum API level
  • Feature-on-feature dependencies: define dependencies between Dynamic Feature modules
  • buildFeatures DSL: enable or disable discrete build features, such as Data Binding
  • Kotlin DSL: essential support for Kotlin DSL script files

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Ecco Android Studio 4.0: nuovi strumenti per il design delle app e una marea di altre novità (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Tutti i prezzi dei nuovi dispositivi Xiaomi per l’Italia svelati oggi: Mi TV, Redmi, Mi Note 10, Mi 10 Lite

Oggi, in occasione dello Xiaomi Live Show, il celebre marchio cinese ha svelato i dettagli di commercializzazione dei suoi prodotti più recenti lanciati sul mercato. Il produttore ha approfittato dell’occasione per snocciolare anche alcuni dei suoi numeri. Il brand compie 2 anni qui in Italia, pochi sì, ma sufficienti per raggiungere il terzo posto del podio tra i principali venditori di smartphone sul territorio nazionale.

Pensate che Xiaomi nel Bel Paese ha guadagnato una quota di mercato pari al 16%, con una crescita su base annua del +306%. Ma torniamo ai protagonisti dello show, tutti i nuovi dispositivi dell’ecosistema Xiaomi in arrivo in Italia. E soprattutto, parliamo di prezzi! Ma prima facciamo un po’ di chiarezza su quello che sta succedendo lato smartphone:

Redmi Note 9 e Note 9 Pro

I due smartphone saranno disponibili già da oggi in più varianti. Redmi Note 9 da 3/64 GB e Redmi Note 9 Pro nella versione da 6/64 GB saranno disponibili su mi.com, Mi Store e Amazon, mentre Redmi Note 9 da 4GB+128GB e Redmi Note 9 Pro da 6GB+128GB saranno acquistabili presso i Mi Store, tutte le principali catene di distribuzione e i principali operatori telefonici.

  • Redmi Note 9
    • 3/64 GB – 199,90€
    • 4/128 GB – 229,90€
  • Redmi Note 9 Pro
    • 6/64 GB – 269,90€
    • 6/128 GB – 299,90€

Inoltre, solo per le prime 24 ore, sarà possibile acquistare su mi.com e su Amazon Redmi Note 9 nella variante da 3GB+64GB e Redmi Note 9 Pro da 6GB+64GB a un prezzo Early Bird rispettivamente pari a 179,90€ e 249,90€. Il Redmi Note 9 Pro su Amazon lo trovate seguendo questo link. Il  Redmi Note 9  invece lo trovate qui.

Mi TV

Alcuni modelli dei televisori Xiaomi con Android TV erano già acquistabili in Italia. Comunque il marchio ha fatto chiarezza oggi comunicando anche i prezzi dei modelli più grandi:

  • Mi TV 4S 65″ – Sarà in vendita da luglio al prezzo di 699€
  • Mi TV 4S 32″ – In vendita da oggi a 199€ presso i Mi Store Autorizzati e su Amazon
  • Mi TV 4S 43″ – In vendita da oggi a 399€ presso i Mi Store Autorizzati e su Amazon
  • Mi TV 4S 55″ – In vendita da oggi a 499€ presso i Mi Store Autorizzati e su Amazon

Inoltre solo per le prime 24 ore, sarà possibile acquistare Mi TV 4S da 43” e Mi TV 4S da 55” su Amazon al prezzo Early Bird rispettivamente di 299€ e 399€.

Mi Note 10 Lite

In verità lo Xiaomi Mi Note 10 Lite è già in vendita in tre colorazioni, Glacier White, Midnight Black e Nebula Purple, nella versione 6/64 GB su mi.com e presso i Mi Store al prezzo di 369,90€. La versione 6/128 GB invece è in esclusiva con Vodafone al prezzo di 399,90€.

Mi 10 Lite 5G

Finalmente possiamo dirvi anche il prezzo e la data di commercializzazione del Mi 10 Lite 5G, dotato di Snapdragon 765 5G con modem X52. Mi 10 Lite 5G sarà in vendita a partire da inizio giugno su mi.com, Mi Store autorizzati, Amazon, presso le principali catene di distribuzione e i principali operatori telefonici nelle versioni 6/64 GB e 6/128 GB, rispettivamente al prezzo di 369,90€ e 399,90€ e nelle colorazioni Cosmic Grey, Dream White e Aurora Blue.

L’articolo Tutti i prezzi dei nuovi dispositivi Xiaomi per l’Italia svelati oggi: Mi TV, Redmi, Mi Note 10, Mi 10 Lite sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Sui nuovi MacBook Pro la memoria è raddoppiata

Oggi Apple ha aggiornato MacBook Pro 13″ con la nuova Magic Keyboard e il doppio dello spazio di archiviazione per tutte le configurazioni standard.

La nuova linea offre anche processori di decima generazione con prestazioni grafiche fino all’80% più veloci e 16GB di memoria a 3733MHz di serie su alcune configurazioni. Ai  processori quad-core si aggiunge il display Retina da 13″, Touch Bar e Touch ID, altoparlanti stereo, batteria ad alta capacità a partire da 1.529 euro.

La nuova Magic Keyboard è stata prima introdotta su MacBook Pro 16″ e poi aggiunta a marzo su MacBook Air. La Magic Keyboard ha tasti con meccanismo a forbice ridisegnato ed escursione di 1 mm, per scrivere in modo più comodo e stabile. Inoltre i tasti freccia a T capovolta sono più facili da trovare, per esempio mentre si lavora a un foglio di calcolo o quando si gioca. La Magic Keyboard ha anche un tasto Esc fisico oltre a Touch Bar e Touch ID.

Lo spazio di archiviazione partendo da 256GB standard fino a 1TB e ai processori  di decima generazione con Turbo Boost fino a 4,1GHz si accompagna la scheda grafica Intel Iris Plus Graphics integrata per l’editing di video 4K, rendering più veloci e giochi più fluidi rispetto alla generazione precedente.

Ora alcuni modelli hanno 16GB di memoria a 3733MHz di serie personalizzabile a 32GB

Il design unibody in alluminio è disponibile in grigio siderale e color argento con un peso di meno di 1,4 kg, Il chip Apple T2 Security, la seconda generazione del processore progettato da Apple, che verifica che il software caricato all’avvio del sistema non sia stato manomesso e fornisce la crittografia in tempo reale di tutti i dati archiviati sull’unità SSD. 
 

Agi