IFTTT lancia un nuovo piano a pagamento, ecco in cosa consiste

IFTTT, il servizio Web che automatizza le attività collegando insieme le azioni di vari servizi (applet), ha introdotto un nuovo piano a pagamento che sblocca funzionalità avanzate, ma che allo stesso tempo limiterà l’utilizzo degli applet a 3 a chiunque adoperi la versione gratuita.

Fino a questo momento il servizio era circoscritto a una singola azione, ma l’azienda ora ha voluto allargare la sua visione, dal momento che IFTTT Pro consente agli utenti di creare applet illimitati e sofisticati capaci di recuperare i dati da più origini prima di attivare più azioni. Per una migliore comprensione del concetto, vi proponiamo un esempio: nel caso in cui suonasse un campanello smart mentre si sta ascoltando la musica da uno speaker, un’applet la metterebbe in pausa; ora, IFTTT realizza un’unica configurazione applet che mette in pausa la musica, accende la luce della porta e invia un messaggio sms ogni volta che viene premuto il campanello.

LEGGI ANCHE: TikTok è salvo: non chiuderà negli USA grazie a Oracle e Walmart

Secondo quanto affermato da Linden Tibbets, fondatore e CEO di IFTTT, con questo nuovo programma “If This Then That diventa ufficialmente If This and These Then That and That o qualunque altra cosa si possa immaginare”. Il CEO ha anche dichiarato che le entrate generate dagli abbonamenti Pro verranno utilizzate per continuare a sviluppare funzionalità avanzate. L’abbonamento Pro di IFTTT è disponibile al prezzo di 9,99$  al mese, ma gli aspiranti utenti fino al 7 ottobre possono approfittare di un’offerta di lancio che consente di impostare il proprio prezzo mensile da versare durante il primo anno, a partire da 1,99$ al mese.

L’articolo IFTTT lancia un nuovo piano a pagamento, ecco in cosa consiste sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Gboard beta si prepara al nuovo font Google Sans: voi l’avete ricevuto? (foto)

Si prospettano interessanti novità per gli utenti Android che si avvalgono di Gboard, la tastiera virtuale di Google per dispositivi mobili, la quale potrebbe presto ricevere una novità grafica.

La novità consiste nel nuovo font Google Sans, quello che Google ha ormai implementato nella maggior parte delle sue app e servizi e che caratterizza l’interfaccia dei Pixel. Alcuni utenti che hanno installato la beta di Gboard hanno segnalato l’arrivo del nuovo font sulla tastiera, potete osservarne un esempio nella galleria in basso. Oltre al font sarebbe stato rivisto leggermente anche l’aspetto grafico dei pulsanti della tastiera.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Z Fold 2, la recensione

Sembra però che il nuovo font non sia disponibile per tutti gli aderenti alla beta di Gboard. Solo alcuni utenti ne hanno segnalato l’arrivo sulla versione 9.8.07.328163918-beta-arm64-v8a dell’app: solo la storia ci dirà se si tratta di un test per un numero ristretto di utenti o di una distribuzione via server.

L’articolo Gboard beta si prepara al nuovo font Google Sans: voi l’avete ricevuto? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Il nuovo dongle per TV di Google potrebbe segnare il cambio di passo per Android TV

Torniamo a parlare ancora una volta del nuovo dongle Android TV al quale Google sta lavorando, identificato dal nome in codice Sabrina. Dopo i presunti prezzi di lancio, nelle ultime ore sono trapelati interessanti dettagli sul nome.

Secondo quanto riferito da Artem Russakovskii il nuovo dongle di Google potrebbe arrivare sul mercato con il nome Google Chromecast with Google TV e, oltre alle colorazioni Summer Melon e Rock Candy trapelate le settimane scorse, arriverebbe anche nella colorazione Summer Blue. Il prezzo di lancio dovrebbe attestarsi attorno ai 50$ (circa 42€).

LEGGI ANCHE: Android 11 su OnePlus 8, la nostra prova

Dunque il lancio del suo nuovo dongle per TV potrebbe segnare anche il cambio di passo per l’intera piattaforma Android TV: questa cambierebbe identità in Google TV, acquisendo una nuova interfaccia grafica particolarmente focalizzata sui contenuti invece che sulle app.

Chiaramente quanto appena ipotizzato rimane da confermare, non sappiamo quando e come Google prevede di lanciare il nuovo dongle Sabrina. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

L’articolo Il nuovo dongle per TV di Google potrebbe segnare il cambio di passo per Android TV sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

I primi dispositivi con il nuovo HarmonyOS 2.0 di Huawei arriveranno tra pochi mesi (aggiornato)

Circa un mese fa Huawei ha ufficialmente presentato al mondo il suo nuovo sistema operativo. HarmonyOS infatti sarà la sua garanzia di indipendenza da chiunque – almeno a livello software – a dispetto dei vari ban emanati dall’amministrazione USA. Il prossimo 10 settembre comunque è attesa una nuova conferenza in cui il gigante cinese potrebbe e dovrebbe rivelare importanti dettagli sull’OS.

Stando alle ultime voci sembra che Richard Yu in persona, CEO di Huawei, parteciperà alla Developer Conference, probabilmente per fare un importante annuncio: forse l’arrivo di uno smartphone equipaggiato con HarmonyOS già all’inizio del prossimo anno?

LEGGI ANCHE: Il problema del display verde negli schermi AMOLED

Continuando con quanto riportato da un fonte cinese, il telefono sarebbe in dirittura d’arrivo e potrebbe rappresentare solo il primo di una serie di dispositivi pronti a inondare il mercato. Si parla infatti anche di tablet, prodotti indossabili, PC e perfino gadget IoT. In effetti recentemente si è ipotizzato il possibile arrivo del primo smartwatch Huawei senza Android e con HarmonyOS. Per ora però vi consigliamo di attendere un altro paio di giorni per avere qualche certezza in più e qualche dubbio in meno.

Aggiornamento10 settembre 2020, ore 20:30

Abbiamo aggiornato il titolo e aggiunto la seguente sezione con i dettagli ufficiali rilasciati da Huawei dopo la presentazione ufficiale. Sopra trovate invece il vecchio articolo.

“Le stelle brillano anche nelle notti più buie. E gli sviluppatori sono le nostre stelle. Tutti insieme formano una galassia stupenda che ci illuminerà la strada”. Con questa frase – eloquente sull’attuale situazione di Huawei – si è aperta la Developer Conference 2020 (Together). L’evento è servito per annunciare una lunga serie di novità, tra nuovi prodotti e importanti annunci a livello software. Tra tutte va segnalata la presentazione di HarmonyOS 2.0, definito un “sistema operativo all-scenario” perché sarà disponibile per un’ampia gamma di dispositivi.

Ma soprattutto con l’ultimo aggiornamento, HarmonyOS sarà ufficialmente open source (donato alla OpenAtom Foundation) e gli sviluppatori potranno accedere a emulatori, pacchetti SDK e strumenti IDE. Il lancio sarà graduale e inizierà con la beta mobile per sviluppatori cinesi entro la fine del 2020. Per la precisione, come annunciato da Richard Yu in persona, dal 10 settembre sarà disponibile per dispositivi IoT da 128 KB a 128 MB (come smart TV, wearable, automobili, ecc.), da aprile 2021 per dispositivi da 128 MB a 4 GB e a partire da ottobre 2021 per tutti gli altri.

La cosa interessante è che anche la nuova EMUI 11 potrà dialogare con l’OS: grazie alla nuova tecnologia gli smartphone potranno connettersi a dispositivi IoT basati su HamonyOS rendendo così possibile, per esempio, la proiezione dello schermo su grandi display e tanto altro ancora. Le interazioni con prodotti IoT di altri produttori sarà poi ampliata esponenzialmente dall’arrivo della piattaforma unificata Huawei HiLink.

Rimangono infine impressionanti i dati di crescita di HMS Core (Huawei Mobile Services), la suite di servizi core alternativi a quelli di Google. Con il supporto di oltre 1,8 milioni di sviluppatori in tutto il mondo AppGallery ha raggiunto 96.000 app, 490 milioni di utenti attivi e 261 miliardi di download. Le open capabilities di HMS Core 5.0 sono aumentate da 14 kit a 56 kit, mentre il numero di API è passato da 885 a 12.981.

In futuro, Huawei continuerà comunque ad ampliare i servizi per gli sviluppatori costruendo tre laboratori globali di ecosystem cooperation (in Russia, Polonia e Germania) al servizio degli sviluppatori di tutto il mondo e da cui fornire servizi di abilitazione, test e certificazione, e cinque centri di servizi (in Romania, Malesia, Egitto, Messico e ancora Russia).

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo I primi dispositivi con il nuovo HarmonyOS 2.0 di Huawei arriveranno tra pochi mesi (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

POCO non vuole l’ansia da batteria scarica: in arrivo un nuovo medio gamma con batteria da 5.000 mAh

Dopo averci sorpreso in positivo con il suo POCO X3, l’azienda cinese controllata da Xiaomi ha in cantiere un nuovo dispositivo che punta gran parte delle sue carte sull’autonomia.

Si chiamerà POCO M2 e sarà un nuovo medio gamma che verrà ufficializzato tra pochi giorni: POCO infatti ha twittato sull’imminente lancio di POCO M2, il quale dovrebbe arrivare affiancato a una variante Pro, il quale avrà luogo il prossimo 12 settembre per il mercato indiano. Uno dei suoi punti di forza dovrebbe essere la batteria con capacità da 5.000 mAh.

LEGGI ANCHE: POCO X3, la recensione

Al momento i dettagli relativi alla scheda tecnica di POCO M2 rimangono molto sfumati, così come quelli sulla sua disponibilità al di fuori dei confini indiani. Torneremo ad aggiornarvi immediatamente a valle della presentazione ufficiale.

L’articolo POCO non vuole l’ansia da batteria scarica: in arrivo un nuovo medio gamma con batteria da 5.000 mAh sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Su Android Auto arriva il nuovo menù delle impostazioni: l’avete già visto? (foto)

Google ha appena introdotto una novità grafica di una certa rilevanza per Android Auto, la sua piattaforma di infotainment, che coinvolge la sua interfaccia utente.

Come segnalato nel gruppo Facebook Android Auto Italia, le impostazioni dell’app Android Auto stanno ricevendo un nuovo look: gli screenshot presenti nella galleria a fine articolo mostrano la nuova interfaccia grafica per le impostazioni di Android Auto, dove troviamo anche un tutorial su come connettere la piattaforma a una nuova auto.

LEGGI ANCHE: TCL 10 5G, la recensione

La novità sarebbe in fase di distribuzione attraverso un aggiornamento dei Google Play Services, quello corrispondente alla build 5.4. Fateci sapere se avete già ricevuto la novità grafica.

L’articolo Su Android Auto arriva il nuovo menù delle impostazioni: l’avete già visto? (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Date un’occhiata a come funziona la Flex Mode rinnovata sul nuovo Samsung Galaxy Z Fold 2 (video) (aggiornato)

Su Galaxy Z Flip abbiamo già visto all’opera la Flex Mode, ossia quella serie di adattamenti dell’interfaccia che permettono di sfruttare al meglio le varie posizioni che può assumere uno schermo pieghevole. Questa modalità sarà presente anche su Galaxy Z Fold 2, annunciato da Samsung da poco e in arrivo sugli scaffali di tutto il mondo.

Oggi, grazie a un video hands-on, possiamo vedere la Flex Mode più da vicino scoprendo le novità che porterà sul nuovo dispositivo. Come si può osservare nel filmato la modalità è stata migliorata sotto diversi punti di vista, anche se gli esempi mostrati coinvolgono solo fotocamera, galleria e messaggi.

LEGGI ANCHE: Ora con “Il tuo telefono” potete usare il vostro Samsung dal PC

Nella fotocamera quando il telefono è aperto mostra a tutto schermo l’immagine che arriva dal sensore, mentre quando viene piegato in posizione verticale l’immagine si sposta a destra e sul pannello di sinistra appaiono le ultime foto scattate. Quando piegato, ma in orizzontale, invece trovano spazio anche una serie di comandi avanzati per la fotocamera.

Qualcosa di simile avviene anche con la galleria fotografica: aperto mostra a schermo pieno le varie foto, mentre da piegato un pannello viene dedicato ai dettagli dell’immagine. Infine possiamo vedere la Flex Mode all’opera con l’app dedicata agli SMS, per cui di default è disabilitata. Una volta attivata e piegato il display potrete scorrere le varie conversazioni sulla sinistra e contemporaneamente leggere il contenuto dei singoli messaggi.

Aggiornamento25 agosto 2020, ore 20:00

Aggiorniamo l’articolo con un nuovo video dal vivo di Galaxy Z Fold 2. Per chi non conosce il cinese però rimane solo da vedere il comportamento del telefono nelle diverse modalità e qualche esempio d’uso della Flex Mode.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Date un’occhiata a come funziona la Flex Mode rinnovata sul nuovo Samsung Galaxy Z Fold 2 (video) (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Apple Music inserisce Billie Eilish e altri artisti nel nuovo video spot “Worldwide” (video)

La settimana scorsa vi avevamo parlato di Apple Music 1, il nuovo nome che è stato scelto per Beats 1, la stazione radio che a partire dal suo lancio, avvenuto nel 2015, è riuscita ad affermarsi come una delle più ascoltate in tutto il mondo, e delle due nuove radio che entreranno a far parte delle fila dell’azienda di Cupertino: Apple Music Hits e Apple Music Country.

Ora, il servizio di streaming musicale della mela morsicata torna sugli schermi con un nuovo video pubblicitario intitolato “Worldwide” in cui possiamo vedere sfilare tra una scena e l’altra moltissimi artisti tra cui Billie Eilish.

LEGGI ANCHE: Mulan disponibile dal 4 settembre su Disney+ solo con accesso VIP

Il video dai mille colori e stili, che rimandano al gran numero di generi musicali, è coronato da una descrizione che riporta la visione che Apple ha voluto dare al suo servizio, ossia di un modo per avvicinare più che mai i suoi utenti “ad artisti iconici, a stelle nascenti, a nuove scoperte e a intrattenitori leggendari“.

Video

L’articolo Apple Music inserisce Billie Eilish e altri artisti nel nuovo video spot “Worldwide” (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Importanti novità in arrivo per WhatsApp: come funzionerà il nuovo tool per liberare storage (foto)

Il team di sviluppo di WhatsApp si conferma sempre a lavoro su nuove soluzioni e nelle ultime ore sono trapelati interessanti dettagli su come funzionerà Storage Usage, il tool per gestire i file che occupano la memoria interna del dispositivo.

La funzionalità Storage Usage sarà un vero e proprio tool all’interno dell’app di WhatsApp, una sorta di Files by Google rivisto in chiave WhatsApp. La novità è stata scovata da WABetaInfo diversi mesi fa e nelle ultime ore sono trapelati nuovi dettagli corredati da screenshot. L’immagine in galleria mostra tutte le potenzialità di Storage Usage:

  • La barra superiore mostra le percentuali di utilizzo dello storage interno da parte delle varie tipologie di file generati dalle chat WhatsApp. Questa aiuterà a rendere chiaro come viene usato lo storage interno da parte dell’app di messaggistica.
  • La parte centrale include i file che con più probabilità si potrebbero voler eliminare: tra questi ci saranno quelli di grandi dimensioni e quelli inoltrati.
  • La parte inferiore include le chat personali ordinate in base allo storage interno occupato. Lo spazio occupato include i file condivisi all’interno della specifica chat.

LEGGI ANCHE: i migliori camera-phone del momento

La novità appena descritta è ancora in fase di sviluppo e dunque non è implementata in alcuna versione di WhatsApp. Secondo WABetaInfo il nuovo Storage Usage verrà distribuito per l’app Android e per l’app iOS di WhatsApp.

L’articolo Importanti novità in arrivo per WhatsApp: come funzionerà il nuovo tool per liberare storage (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Gotham Knights ufficiale: il nuovo capitolo della serie è realtà, e Batman… è morto! (video)

Gotham Knights svelato

Oggi 22 agosto, in occasione del DC FanDome, un evento virtuale su scala mondiale, Warner Bros Games Montréal e DC Comics svelano il nuovo capitolo videoludico della serie Batman Arkham. Una serie che, scusate se ci esponiamo, potremmo quasi definire storica, visto che è una delle trasposizione videoludiche dell’uomo pipistrello tra le più riuscite di sempre. L’ultimo capitolo, escludendo lo spin-off VR, risale a giugno 2015.

In ogni caso, visto anche l’arrivo delle console next-gen, gli sviluppatori sono finalmente pronti a svelarci i primi dettagli sull’inedito capitolo della serie. Solo che in qualche modo il nuovissimo Gotham Knights si stacca dalla serie, continuando sì sullo stile e sulla timeline di Arkham, ma ponendoci nei panni di nuovi protagonisti.

Bruce Wayne è morto. Il trailer si apre con questo annuncio shock, che ci fa capire in parte dove vuole andare a parare il gioco. Il fatto che non ci sia la parola Batman nel titolo poi è estremamente indicativa. Prima di morire, Bruce ha registrato un messaggio per i suoi “discepoli”, i cavalieri di Gotham, coloro che dovranno difenderla dalle minacce criminali in sua assenza. Assenza che, stando a quanto si capisce, sarà particolarmente prolungata visto che il cavaliere oscuro sembra bello che morto.

In ogni caso Gotham Knights dai filmati mostrati, oltre a metterci nei panni di un dinamico quartetto di eroi (Batgirl, Nightwing, Red Hood e Robin), sembra improntato su dinamiche classiche degli open world e degli action RPG in terza persona, ovviamente con una più spiccata vena action. La parte più “investigativa” nei due filmati mostrati non viene mai mostrata. In ogni caso la Corte dei Gufi, come anticipato dai leak delle scorse settimane, è coinvolta.

La parte co-op sembra più importante del previsto. Date un’occhiata al filmato gameplay che trovate qui di seguito. Non sappiamo se si potranno organizzare sessioni di gioco a quattro, coinvolgendo appunto tutti e quattro i cavalieri, ma sicuramente si potrà giocare in coppia anche affrontando gli obiettivi in modo disgiunto.

Uscita

Gotham Knights uscirà nel 2021. Sappiamo solo questo. Non sappiamo nemmeno quali siano le piattaforme coinvolte ma a occhio possiamo prevedere che il gioco ci sarà sulle console next-gen, PS5 e Xbox Series X, su PC e probabilmente anche su qualche servizio di streaming come Stadia o Project xCloud.

Trailer di presentazione

Nel trailer di presentazione Warner Bros. Games Montréal si è concentrata sull’introduzione storica che porterà i Gotham Knights a riunirsi, mostrando anche qualcosina sul gameplay. Ma c’è di più…

Gotham Knights Gameplay

… Subito dopo infatti è stato mostrato del gameplay nudo e crudo! Batgirl e Robin si trovano fianco a fianco a dover affrontare Mr. Freeze nel suo classico attacco climatico a Gotham. Il video ci mostra anche quelle che sono le dinamiche di coppia che si possono mettere su giocando in modalità co-op.

L’articolo Gotham Knights ufficiale: il nuovo capitolo della serie è realtà, e Batman… è morto! (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Dropbox rilascia in versione stabile le funzioni di backup su PC, Vault e il nuovo password manager (foto)

Dropbox ha appena annunciato di aver rilasciato un corposo aggiornamento per la sua app mobile che comprendere diverse novità di rilievo e, allo stesso tempo, di aver lanciato ufficialmente la nuova app per la gestione delle password. Dropbox Passwords è già disponibile su Android e iOS (potete usare i badge a fine articolo) per chi ha un’abbonamento Plus o Professional.

Si tratta di un gestore di credenziali che opera in maniera autonoma rispetto all’applicazione principale. Tutte le parole chiave sono archiviate online in maniera cifrata e sincronizzate tra i vari dispositivi (mobili e desktop). L’app, il cui lancio è il frutto dell’acquisizione di Valt, inoltre può anche generare nuove password particolarmente sicure (e complesse).

LEGGI ANCHE: La nostra prova degli smartphone Android più potenti del momento

Passando all’applicazione vera e propria di Dropbox arrivano finalmente nella versione stabile alcune funzioni in test da qualche tempo. Primo di tutto, il tool per il backup su computer è ora disponibile per tutti. C’è poi la funzione Vault, che consente di applicare password a particolari cartelle che contengono documenti importanti. Questa cartella apparirà simile alle altre, ma potrà essere aperta solamente tramite il sito o l’app e i file contenuti non saranno mai archiviati in locale. Peccato che sia disponibile solo per gli utenti Plus.

Infine arrivano degli strumenti di personalizzazione pensati per le aziende (potete vedere la GIF animata in galleria per farvi un’idea) e di monitoraggio del traffico. Questi ultimi consentono di consultare dei dati dettagliati sugli utenti, per esempio quali file sono stati aperti e quando, da quale dispositivo, se sono stati scaricati o meno, ecc.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Dropbox rilascia in versione stabile le funzioni di backup su PC, Vault e il nuovo password manager (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld