Come comportarsi in situazioni di ogni… genere

AGI – C’è ancora posto per il galateo nella società contemporanea? Per Samuele Briatore, presidente dell’Accademia Italiana Galateo, coordinatore del Master in cerimoniale, galateo ed eventi istituzionali e assegnista di ricerca presso Sapienza Università di Roma, oltre che saggista, attivista e ideatore dei progetti di inclusione “Distretto X” per il Comune di Milano, la risposta è: assolutamente sì, ma con una bella mano di tinta arcobaleno.

Briatore, infatti, torna ora in libreria con un nuovo libro – dopo ‘Le regole delle buone maniere’, ‘Come usare le parole giuste’, ‘Il galateo del cuore’ – che aggiorna il galateo in una direzione assolutamente inedita: ‘Il nuovo galateo di genere’ (Newton Compton Editori, 10 euro, 288 pagine) raccoglie tutta una serie di riflessioni, informazioni e consigli per confrontarsi con i cambiamenti della nostra società e delle sue prassi.

Dalle occasioni più formali, come cerimonie o incontri di lavoro, ai momenti più leggeri, come cene o cocktail party “arcobaleno”, offre spunti preziosi per capire come mettere a proprio agio ogni ospite, che sia una persona LGBTQIA+ o etero/cisgender. Ma sono affrontate qui anche situazioni quotidiane e finora poco discusse nei manuali di galateo, eppure sempre più centrali, dalla medicina all’istruzione e fino al Pride.

Ma a cosa serve oggi un manuale di galateo e perché farne uno specificamente per il mondo LGBTQIA+? Ci sono dritte anche per le persone eterosessuali?

“Questo Galateo non parla solo del mondo LGBTQIA+, ma è un testo che coinvolge tutti, che parla di genere a 360 gradi, di maschilismo, di galanteria, di femminile e delle nuove esigenze che emergono. A mio avviso, è questo che la contemporaneità chiede a chi si occupa di galateo: raccontare i cambiamenti della società e offrire gli strumenti per padroneggiarli e, nei limiti del possibile, indirizzarli. In questo libro si parla  di storia del maschile e femminile attraverso il galateo, per capire dove stiamo andando sapendo da dove abbiamo iniziato, perché non c’è futuro senza passato. Poi ci sono le parole. Parole per dire e non dire, parole per capire e parole per connettere. Parole per creare il mondo e per renderlo un posto migliore, per chi parla e per chi ascolta”.

D’altronde, il galateo, come il linguaggio, attraverso le regole che detta riflette ciò che è in essere nella società e, quando quest’ultima cambia, si fa sentire anche la necessità di elaborare nuovi codici condivisi. Ma quella di Briatore non è solo teoria o una riflessione generica sul tema, anzi: l’autore offre piuttosto indicazioni pratiche per gestire in maniera piacevole per tutte e tutti ogni genere di circostanza. Prendiamo una situazione comune: gli appuntamenti. D’altronde, stanno cambiando anche per le coppie etero. Viene da chiedersi, per esempio, chi invita, e come? Chi paga? C’è spazio per le buone maniere anche a letto? “A letto tutto è lecito quando è consensuale” – spiega l’autore – “il sesso è un atto totalmente libero che non dovrebbe essere soggetto mai a giudizio. Il conto lo paga sempre chi invita, indipendentemente dal sesso, così come il menù senza prezzo, non viene offerto sempre alla donna ma deve essere offerto, se richiesto, all’ospite indipendentemente dal genere. Quella del conto è soprattutto una questione uomo/donna dove un retaggio culturale forse un po’ polveroso gioca su stereotipi e non risponde alle nuove esigenze”.

Ma ci sono anche tante situazioni che gli inesperti non necessariamente associano al galateo. Il mondo del lavoro, per esempio, o, ancora, social network e dating online. Il galateo può venirci in soccorso per navigare anche queste occasioni a testa alta? “Il galateo sul lavoro è ampissimo ma possiamo riassumerlo in una  regola fondamentale: non è concessa ogni galanteria di genere e le persone saranno appellate come meglio desiderano. Quindi si ha il pieno diritto a voler essere chiamate ministre, sindache, avvocate, architette ecc. Per quanto riguarda la vita online, esiste la “netiquette”, termine che nasce dall’unione della parola net, “rete”, ed etiquette, “etichetta/galateo”, e viene utilizzata per definire l’insieme di regole di comportamento corretto ed educato da tenere sul web. Si tratta di buone maniere del mondo virtuale nel senso più ampio del termine. Riferendoci alla netiquette, infatti, parliamo di galateo della parola da intendere come etica, giustizia e rispetto verso il prossimo nelle conversazioni online. Ogni canale ha o dovrebbe avere la sua netiquette, così come ogni gruppo o pagina social, soprattutto se in quello specifico ‘ambiente virtuale’ si affrontano temi sensibili e vulnerabili rispetto all’odio e alla violenza verbale”.

In ‘Il galateo di genere’ ce n’è per tutti. La chiave di lettura delle varie occasioni prese in esame, comunque resta il genere. Un tema sempre più centrale nell’attualità e nei dibattiti che coinvolgono l’opinione pubblica, trasversale a vari ambiti, dalla cultura pop, ai diritti civili, alla salute e alla giustizia.

Eppure ancora molti hanno difficoltà a cogliere i termini del discorso, e per questo Samuele Briatore viene in aiuto, mettendo a disposizione dei lettori non solo un glossario e una panoramica sul tema, ma anche offrendo strumenti pratici ed empatici per favorire il reciproco riconoscimento fra le parti.

Per esempio, cosa bisogna sapere per le occasioni in cui sono presenti persone LGBTQIA+? Come comportarsi di fronte a un coming out? “Usiamo tante parole spesso con leggerezza, poniamo domande poco opportune e ci lasciamo andare a considerazioni spesso sgradevoli. Il coming out è un momento importante di affermazione della propria identità che porta con sé gioia, sollievo e orgoglio. Quando una persona decide di fare coming out con noi, ascoltiamo, ringraziamo per la fiducia e non cadiamo in frasi banali e sciocche come: ‘l’ho sempre saputo’, ‘Ma sei sicuro’, ‘da quanto tempo lo sai’, ‘ho un amic* da presentarti’”.

Matrimoni e famiglia sono un vero e proprio campo di battaglia per le persone LGBTQIA+. Come ci aiuta il galateo a viverle meglio? “Il coming out in famiglia può assumere diverse forme: c’è chi si confessa a cuore aperto, chi si ritrova a dover rispondere in modo secco a una domanda secca, c’è chi si racconta tramite la scrittura, con una mail o un messaggio, e chi non sente affatto il bisogno di rivelarsi ma parla della propria sessualità o identità di genere senza dare peso alla questione. Non importa la strada, l’importante è la meta: quella di una famiglia unita e in armonia che si comprende e si supporta nelle difficoltà. Il modo di reagire e rispondere, però, può fare la differenza. Non sempre la scoperta arriva come un fulmine a ciel sereno, anzi ci sono genitori che sanno da sempre che quel momento arriverà, altri per i quali l’effetto della dichiarazione può essere abbastanza traumatico. Con gli amici e le amiche di Agedo, l’associazione di genitori e amici di persone LGBTQIA+, abbiamo discusso del percorso emotivo che un genitore percorre e quali sono le diverse tappe, sempre più liberatorie, che passano dall’accettazione fino a giungere alla condivisione e all’azione”.

Il nuovo galateo di genere traccia una mappa delle configurazioni che assume il genere nelle società contemporanee e allo stesso tempo propone una guida per attraversarle in maniera aperta, accogliente e soprattutto all’insegna del rispetto e della reciprocità. Il galateo, d’altronde, nasce come specchio e bussola del contesto sociale che lo produce, e quello di Samuele Briatore è un galateo plurale, uno strumento quotidiano di riflessione e supporto per chi desidera confrontarsi con le occasioni che gli si presentano senza automatismi, pregiudizi o ipocrisie.


Come comportarsi in situazioni di ogni… genere

La “modalità riparazione” di Samsung è quella di cui ogni telefono avrebbe bisogno

Torniamo a parlare di Samsung, uno dei principali attori del mercato tech in generale e il leader mondial del settore smartphone. Il produttore sudcoreano si sta preparando al lancio dei suoi nuovi pieghevoli Galaxy Z Fold 4 e Z Flip 4.

Iscriviti al Gruppo Facebook

Dopo aver visto come il gigante sudcoreano intende promuovere i suoi dispositivi con il programma di prova gratuita per 3 giorni in Corea del Sud, arrivano nuovi dettagli su una funzionalità introdotta per alcuni modelli Samsung. Questa riguarda da vicino la privacy e la sicurezza dei dati personali.

La novità introdotta ufficialmente da Samsung si chiama Repair Mode. Questa consiste nel rendere inaccessibili determinati tipi di dati personali, memorizzati sul proprio smartphone, in vista di un intervento di riparazione tecnica.

Non sono pochi infatti gli utenti che si pongono il problema della privacy e dell’accesso ai propri dati personali quando inviano lo smartphone presso il centro tecnico per le riparazioni. Con la nuova Repair Mode sarà possibile scegliere quali dati rendere inaccessibili durante un intervento presso il supporto tecnico.

La nuova Repair Mode potrà essere abilitata attraverso le impostazioni di sistema degli smartphone Samsung. Una volta attivata il dispositivo si riavvierà, e successivamente nessuno dei dati personali reso inaccessibile potrà essere consultato. Per uscire dalla Repair Mode sarà necessaria l’autenticazione del possessore dello smartphone.

La novità che abbiamo appena visto è stata annunciata da Samsung esclusivamente per il mercato sudcoreano al momento. La feature arriva con un aggiornamento software per la serie Galaxy S21, mentre dovrebbe arrivare in futuro anche per altri modelli. La vorreste anche in Italia?

L’articolo La “modalità riparazione” di Samsung è quella di cui ogni telefono avrebbe bisogno sembra essere il primo su Androidworld.


La “modalità riparazione” di Samsung è quella di cui ogni telefono avrebbe bisogno

Samsung Galaxy S22 Ultra sopravvive ad ogni tortura

Come accade per ogni smartphone rilasciato sul mercato, anche Galaxy S22 Ultra arriva tra le mani di JerryRigEverything per il consueto test di durabilità, che il top di gamma di Samsung supera senza problemi.

Si parte come sempre dal vetro che protegge il display: essendo appunto costruito in vetro (più precisamente, Gorilla Glass Victus), mostra i primi graffi al livello 6 della scala Mohs, valore completamente in linea con praticamente tutti i dispositivi. Nel test della fiamma (durante il quale la fiamma di un accendino è posta direttamente sullo schermo), il display mostra un alone bianco persistente dopo 20 secondi “sotto le fiamme”.

Galaxy S22 Ultra si conferma poi estremamente resistente: pur applicando tantissima forza ai lati dello smartphone, quest’ultimo non si piega e rimane completamente integro. Vi lasciamo dunque al video completo, nel quale Zack ha anche completamente smontato la S Pen.

L’articolo Samsung Galaxy S22 Ultra sopravvive ad ogni tortura sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung Galaxy S22 Ultra sopravvive ad ogni tortura

Il 5G sta crescendo più di ogni altra tecnologia

AGI – Il 2021 si è chiuso con 660 milioni di abbonamenti 5G in tutto il mondo, 98 milioni in più nel solo quarto trimestre. Lo afferma l’ultimo Mobility Report di Ericsson.

Tra ottobre e dicembre scorsi, il numero di abbonamenti di tipo mobile broadband (ossia quelli che consentono di utilizzare app e servizi online) ha raggiunto i 6,9 miliardi, con un incremento del 6% anno su anno. Oggi l’85% degli abbonamenti mobile sono a banda larga. Si rafforza la leadership degli abbonamenti Lte, che nell’ultimo trimestre sono aumentati di circa 37 milioni, arrivando a un totale di 4,7 miliardi, ovvero il 57% di tutti gli abbonamenti mobili. Diminuiscono, invece, gli abbonamenti alle più datate reti HSPA (-51 milioni) e GSM (-52 milioni).

Pare chiaro, quindi, che il 5G stia crescendo più di ogni altra tecnologia. E che ormai inizi a rappresentare una fetta consistente del mercato. Analizzando i dati del report, il 5G costituisce circa il 9,5% degli abbonamenti mobili a banda larga e poco più dell’8% di quelli totali. Crescono anche gli operatori che lanciano lanciato servizi di “quinta generazione”: sono circa 200, venti dei quali hanno implementato reti 5G standalone (cioè in tutto e per tutto autonome).

Grazie all’aumento di abbonamenti complessivi, alla diffusione di reti più performanti (come Lte e 5G) e all’elevato consumo di video, il traffico dati è aumentato dell’8% rispetto al trimestre precedente e del 44% anno su anno. È quindi più raddoppiato nel giro di due anni, superando per la prima volta la soglia degli 80 exabyte.

Il Mobility Report, come di consueto, conta quante Sim ci sono in circolazione: nel solo quarto trimestre 2021 gli abbonamenti alla rete mobile sono cresciuti di 24 milioni di unità, portando il numero complessivo a 8,2 miliardi. Il maggior contributo trimestrale proviene dalla Cina (+5 milioni), Stati Uniti (+4 milioni) e Pakistan (+3 milioni).

Ormai da tempo ci sono le Sim superano la popolazione umana mondiale: ce ne sono 104 ogni cento abitanti, con una penetrazione più elevata nell’Europa centro-orientale (dove la penetrazione è del 138%) e occidentale (124%). Solo in Africa (85%) e India (78%) gli abitanti sono ancora più delle Sim.

Il numero di abbonati mobili unici è invece pari a circa 6 miliardi. Il divario tra utenti unici e schede totali è in buona parte dovuto alla presenza di più Sim per persona o di abbonamenti inattivi.  


Il 5G sta crescendo più di ogni altra tecnologia

Nokia G21 si mostra da ogni angolo: medio-gamma o qualcosa in più?

Anche in casa Nokia si muovono le cose nel settore di mercato smartphone. In cantiere ci sarebbe il nuovo Nokia G21, il successore del medio-gamma dello scorso anno che abbiamo conosciuto da vicino.

Grazie al noto leaker Roland Quandt abbiamo modo di vedere il look completo di Nokia G21. Le immagini, che trovate nella galleria a fine articolo, mostrano un dispositivo dall’aspetto abbastanza classico: anteriormente vediamo un display con notch a goccia per ospitare la fotocamera frontale e posteriormente un modulo fotografico con tre sensori, dei quali il principale dovrebbe scattare a 50 megapixel.

Le immagini non mostrano un sensore d’impronte digitali sul retro, cosa che suggerisce che questo sarà integrato sotto il display o, più probabilmente, sl tasto di accensione laterale.

Non sono emersi dettagli sulle ipotetiche specifiche tecniche e quindi rimane difficile pronunciarsi sull’esatta caratura del dispositivo che sta sviluppando Nokia. Torneremo ad aggiornarvi appena ne sapremo di più.

L’articolo Nokia G21 si mostra da ogni angolo: medio-gamma o qualcosa in più? sembra essere il primo su Androidworld.


Nokia G21 si mostra da ogni angolo: medio-gamma o qualcosa in più?

Tetra AlguMin, Combatte efficacemente ogni tipologia di alghe – 100 ml


Fornitore: TETRA
Tipo:
Prezzo: 6.90

  • Tetra AlguMin
  • Combatte rapidamente tutti i tipi di alghe, evitandone la proliferazione
  • Il principio attivo viene rilasciato immediatamente per offrire un’azione rapida
  • Formulazione liquida che offre un’ottima distribuzione dell’agente attivo
  • Per tutti i tipi di acquari di acqua dolce

Descrizione

Tetra AlguMin

Ottima prevenzione delle alghe: le alghe all’interno dell’acquario sono antiestetiche e possono persino inibire la crescita delle piante acquatiche. Inoltre, con il passare del tempo, possono influire negativamente sull’equilibrio biologico dell’acquario. La proliferazione delle alghe avviene in presenza di un’eccessiva esposizione alla luce o di un surplus di sostanze nutritive. Per prevenire questo fenomeno è necessario ridurre il contenuto di sostanze nutritive quali fosfato (PO4) e nitrato (NO3-), ad esempio utilizzando Tetra EasyBalance. Per una prevenzione ottimale, è anche possibile utilizzare regolarmente speciali agenti antialghe.

Applicazione:

Prevenzione: versare 5 ml di prodotto ogni 20 litri d’acqua dell’acquario ogni 4 settimane.

Eliminazione: aggiungere 5 ml di prodotto ogni 10 l di acqua dell’acquario. Ripetere il trattamento dopo 4 settimane se necessario.

Agitare prima dell’uso. Versare il prodotto direttamente nell’acqua.

Indicazioni

Prevenzione – Dosaggio: versare 5 ml di prodotto ogni 20 litri d’acqua dell’acquario ogni 4 settimane. Eliminazione – Dosaggio: aggiungere 5 ml di prodotto ogni 10 l di acqua dell’acquario. Ripetere il trattamento dopo 4 settimane se necessario. Applicazione: agitare prima dell’uso. Versare il prodotto direttamente nell’acqua. Nota: non esporre il prodotto alla luce solare. L’impiego di filtri a carboni attivi riduce l’efficacia del prodotto. Spegnere l’eventuale sterilizzatore UV. Necessaria aerazione. Si consiglia di rimuovere manualmente le alghe morte.

Contenuto della confezione

Prodotto Antialghe


Tetra AlguMin, Combatte efficacemente ogni tipologia di alghe – 100 ml

Tetra AlguMin, Combatte efficacemente Ogni tipologia di alghe – 250 ml


Fornitore: TETRA
Tipo:
Prezzo: 12.80

  • Tetra AlguMin
  • Combatte rapidamente tutti i tipi di alghe, evitandone la proliferazione
  • Il principio attivo viene rilasciato immediatamente per offrire un’azione rapida
  • Formulazione liquida che offre un’ottima distribuzione dell’agente attivo
  • Per tutti i tipi di acquari di acqua dolce

Tetra AlguMin

Ottima prevenzione delle alghe: le alghe all’interno dell’acquario sono antiestetiche e possono persino inibire la crescita delle piante acquatiche. Inoltre, con il passare del tempo, possono influire negativamente sull’equilibrio biologico dell’acquario. La proliferazione delle alghe avviene in presenza di un’eccessiva esposizione alla luce o di un surplus di sostanze nutritive. Per prevenire questo fenomeno è necessario ridurre il contenuto di sostanze nutritive quali fosfato (PO4) e nitrato (NO3-), ad esempio utilizzando Tetra EasyBalance. Per una prevenzione ottimale, è anche possibile utilizzare regolarmente speciali agenti antialghe.

Applicazione:

Prevenzione: versare 5 ml di prodotto ogni 20 litri d’acqua dell’acquario ogni 4 settimane.

Eliminazione: aggiungere 5 ml di prodotto ogni 10 l di acqua dell’acquario. Ripetere il trattamento dopo 4 settimane se necessario.

Agitare prima dell’uso. Versare il prodotto direttamente nell’acqua.


Tetra AlguMin, Combatte efficacemente Ogni tipologia di alghe – 250 ml

Gli smartphone con il miglior comparto audio per ogni esigenza, secondo DxOMark

Dopo aver messo a dura prova il comparto audio di tantissimi dispositivi, DxOMark ha stilato una classifica degli smartphone con il miglior suono per ogni esigenza, a partire da all’ascolto fino alla registrazione in ambienti rumorosi.

LEGGI ANCHE: Google e le Olimpiadi di Tokyo 2020

Per quanto riguarda la riproduzione audio, il migliore si è rivelato essere Black Shark 4 Pro. Questa non è affatto una novità: la testata aveva parlato molto bene della qualità del suono dello smartphone, che aveva totalizzato ben 81 punti (massimo mai realizzato). Per la registrazione di eventi dal vivo o comunque in ambienti rumorosi, il dispositivo consigliato da DxOMark è ROG Phone 5, che con 79 punti rimane uno smartphone con un comparto audio ottimo in qualunque situazione (sia ascolto che registrazione).

Per la registrazione di video selfie o di audio in ambienti più “calmi”, DxOMark ha scelto Xiaomi Mi 10s, smartphone che ha totalizzato ben 80 punti ma che non è ancora sbarcato in Italia. Menzione d’onore per Huawei P40 Pro: il dispositivo si comporta molto bene nella registrazione di memo vocali o di riunioni non molto rumorose.

L’articolo Gli smartphone con il miglior comparto audio per ogni esigenza, secondo DxOMark sembra essere il primo su AndroidWorld.


Gli smartphone con il miglior comparto audio per ogni esigenza, secondo DxOMark

Final Fantasy VII Ever Crisis per Android e iOS è il sogno di ogni fan del celebre capitolo della saga

A quanto pare Square Enix non è ancora del tutto soddisfatta con le riproposizioni di Final Fantasy VII. Ieri, dopo l’annuncio di Final Fantasy 7: Remake per PS5, è arrivato anche un altro annuncio legato sempre al celebre capitolo della saga.

L’annuncio riguarda Final Fantasy VII Ever Crisis, un capitolo dedicato ad Android e iOS che farà davvero la gioia degli appassionati del capitolo originale. Non si tratta di una versione tascabile del recente remake, bensì di una riedizione dell’originale suddiviso in capitoli.

Il comparto grafico dei combattimenti è stato profondamente rivisitato, risultando alquanto spettacolare. Rimane comunque ancorato al classico Active Time Battle. L’esplorazione invece è simile all’originale, con personaggi e fondali ridisegnati per l’occasione.

Come dicevamo, si tratta di un’esperienza a capitoli che però coprirà tutta la timeline di FFVII, incluso ciò che succede nel gioco originale e in tutte le compilation di FFVII, oltre a nuovi elementi narrativi legati alle origini dei SOLDIER scritti dallo sceneggiatore di FINAL FANTASY VII REMAKE, Kazushige Nojima. Golosissimo insomma!

Purtroppo dovremo aspettare il 2022 per vederlo in azione su Android e iOS. Square Enix ha dichiarato che più avanti diramerà ulteriori informazioni a riguardo. Non vediamo l’ora di saperne di più.

Final Fantasy VII Ever Crisis Trailer

L’articolo Final Fantasy VII Ever Crisis per Android e iOS è il sogno di ogni fan del celebre capitolo della saga sembra essere il primo su AndroidWorld.


Final Fantasy VII Ever Crisis per Android e iOS è il sogno di ogni fan del celebre capitolo della saga

Telefono Google: ogni motivo è buono per festeggiare

Della miriade di applicazioni che  debuttano ogni anno sugli store, non sono molte quelle in grado di raggiungere numeri elevati di download. Nei giorni scorsi, l’applicazione Telefono Google ha superato la cifra monstre di 500 milioni di volte in cui è stata scaricata dal Play Store. Per darvi un metro di paragone, il numero di abitanti dell’Unione Europea si attesta sui 446 milioni di persone.

LEGGI ANCHE: Recensione Google Pixel 4A

È stato sicuramente più facile che per altre app che hanno dovuto imporsi nel tempo, passo dopo passo. Il dialer di Google che originariamente era appannaggio dei soli dispositivi Pixel si è poi gradualmente diffuso sui dispositivi di altre aziende che hanno deciso di puntarci. Fino a quando la stessa azienda di Mountain View ha deciso, tra aprile e agosto 2020 di renderla liberamente accessibile al download direttamente sul Play Store.

C’è da dire però che per raggiungere questo numero è stato sicuramente fondamentale il fatto di essere un’applicazione preinstallata a livello di sistema su molti dispositivi. Partendo ovviamente dai Pixel, l’app è poi apparsa anche su smartphone diversi Nokia, Asus, Motorola, Xiaomi, Microsoft e di altri produttori. Telefono Google si unisce così a quel gruppo di applicazioni con circa 500 milioni di installazioni, in compagnia di Pinterest, Zoom e Opera Mini. Se non l’avete mai provata e volete dargli una chance, potete raggiungerla tramite badge qui sotto.

L’articolo Telefono Google: ogni motivo è buono per festeggiare sembra essere il primo su AndroidWorld.


Telefono Google: ogni motivo è buono per festeggiare