Le prime patch di sicurezza del 2021 arrivano sui Google Pixel

I dispositivi Pixel di Google hanno appena ricevuto un aggiornamento che porta le patch di sicurezza a gennaio 2021. I dispositivi supportati sono:

  • Pixel 3
  • Pixel 3A
  • Pixel 4
  • Pixel 4A
  • Pixel 4A 5G
  • Pixel 5

Ricordiamo che Pixel 2 è ormai escluso dagli aggiornamenti mensili ufficiali, rimanendo quindi fermo con le attualmente disponibili patch di sicurezza di dicembre 2020. Questo nuovo aggiornamento risolve ben 22 falle nel sistema, sia critiche che meno importanti, tra cui alcune che potevano, se ben sfruttate, far eseguire da un hacker del codice malevolo senza che l’utente se ne accorgesse. Qui sono elencate tutte.

LEGGI ANCHE: La famiglia Moto G del 2021 si mostra in alcuni render

Le immagini complete del sistema possono essere scaricate da questa pagina, mentre i file di aggiornamento OTA sono disponibili da qui. Ricordiamo comunque che l’aggiornamento sarà scaricabile e installabile direttamente dalle impostazioni del dispositivo.

L’articolo Le prime patch di sicurezza del 2021 arrivano sui Google Pixel sembra essere il primo su AndroidWorld.


Le prime patch di sicurezza del 2021 arrivano sui Google Pixel

Le prime beta di HarmonyOS rilasciate da Huawei sono basate su Android (foto)

Nelle ultime settimane abbiamo visto un progressivo incremento delle beta di HarmonyOS, il nuovo sistema operativo per dispositivi mobili che Huawei ha lanciato per marcare la sua indipendenza da Android. Un sistema operativo che sarà fondamentale alla luce del ban inflitto dal governo statunitense.

Tuttavia le prime beta di HarmonyOS non sembrano così indipendenti Android, almeno stando alle prime analisi trapelate in rete. XDA mostra il lavoro di uno sviluppatore che ha creato una semplice app destinata a una versione obsoleta di Android per poi eseguirla virtualmente sia su Android che su HarmonyOS: come vedete dagli esempi qui in basso, il messaggio di errore che restituisce il sistema è molto simile rispetto a quello restituito da Android.

Ma non finisce qui, un membro di XDA ha provato a installare l’app Superuser su HarmonyOS 2.0 e ha ottenuto un messaggio di errore estremamente simile a quello che avrebbe ottenuto su Android, con la differenza che il termine “Android” è stato sostituito con “HarmonyOS“.

Ancora più interessante è quanto scovato da un terzo sviluppatore, il quale ha estratto gran parte della partizione di sistema di HarmonyOS 2.0 beta e ha scoperto che è basata essenzialmente sul framework Android.

Tutto ciò cosa vuol dire? Sicuramente Huawei si sta appoggiando ad Android e al AOSP per le prime versioni di HarmonyOS. Per quanto possa sembrare strano, e non esplicitamente dichiarato al momento del lancio delle prime beta, è comprensibile che il produttore cinese si serva del codice AOSP per passare alla completa indipendenza di HarmonyOS. Inoltre, la stessa Huawei aveva esternato la volontà di usare il codice AOSP durante la transizione da Android ad HarmonyOS.

Dunque, se le attuali beta di HarmonyOS non vi sembrano altro che un rebrand di Android, possiamo aspettarci una maggiore indipendenza del sistema operativo e dei Huawei Mobile Services con le prossime versioni che arriveranno.

L’articolo Le prime beta di HarmonyOS rilasciate da Huawei sono basate su Android (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Le prime beta di HarmonyOS rilasciate da Huawei sono basate su Android (foto)

Un acquirente di AirPods Max in diretta | Prime impressioni – iPhoneItalia Podcast LIVE NOW

AirPods Max: scopriamole insieme grazie alle vostre domande e alle prime impressioni di un acquirente speciale.

Link all’articolo originale: Un acquirente di AirPods Max in diretta | Prime impressioni – iPhoneItalia Podcast LIVE NOW


Un acquirente di AirPods Max in diretta | Prime impressioni – iPhoneItalia Podcast LIVE NOW

Amazon Prime Student: tutti i servizi Prime gratis per tre mesi e poi a metà prezzo!

Amazon Prime Student è il piano di Amazon Prime dedicato agli studenti. Costa la metà e offre tre mesi di prova gratuita. “Vivi da Prime, paga da studente” – è questo il motto di Amazon che offre quindi grandi benefici a tutti gli studenti. Con Prime Student è possibile ricevere spedizioni in un giorno illimitate senza […]

Link all’articolo originale: Amazon Prime Student: tutti i servizi Prime gratis per tre mesi e poi a metà prezzo!

iPhone Italia

Sconto lampo Prime Day per Huawei Freebuds Pro: a 154€ con Band 4 Pro e Huawei Music

Offerta eccezionale per i nuovissimi Huawei Freebuds Pro, gli auricolari True Wireless top gamma di Huawei. In occasione del Prime Day 2020 di Amazon potete approfittare di uno sconto veramente ottimo per il pacchetto completo che include sia gli auricolari che due graditi omaggi: Huawei Freebuds Pro più Huawei Band 4 Pro più 6 mesi di abbonamento al servizio Huawei Music costano solo 154€ invece che 179€. Un risparmio davvero sostanzioso!

CANALE TELEGRAM OFFERTE

OFFERTE PRIME DAY 2020

Prima di lasciarvi al prodotto in sconto vi ricordiamo che ci sono diversi buoni sconto e offerte speciali che potete sfruttare in questi giorni: potete avere 4 mesi di Amazon Music Unlimited a soli 0,99€, 3 mesi di Kindle Unlimited a 9€, uno sconto di 10€ con Prime Student e uno sconto di 5€ con Amazon Hub. Trovate altri sconti Amazon nel nostro articolo dedicato, basta cliccare sul pulsante a seguire.

BUONI SCONTO PRIME DAY

Per acquistare Huawei Freebuds Pro in offerta lampo basta andare a questo link oppure cliccare sul pulsante in basso. Attenzione perché la promozione potrebbe terminare presto, visto che le scorte sono limitate. Successivamente, per ottenere i regali dovrete seguire la procedura indicata sul sito ufficiale di Huawei a questo indirizzo.

Tutti i prodotti descritti potrebbero subire variazioni di prezzo e disponibilità nel corso del tempo, dunque vi consigliamo sempre di verificare questi parametri prima dell’acquisto.

L’articolo Sconto lampo Prime Day per Huawei Freebuds Pro: a 154€ con Band 4 Pro e Huawei Music sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Prime Day 2020: i 5 prodotti più venduti alla partenza (1 già terminato)

Saranno due giorni molto caldi e ricchi di offerte quelli del Prime Day 2020. Se volete rimanere aggiornati in tempo reale potete seguirci su Telegram, mentre a questo link abbiamo creato un indice di tutte le migliori offerte selezionate dal nostro team.

Ma cosa sta andando a ruba su Amazon in questi primi momenti iniziali? Ecco quali sono i cinque prodotti che gli acquirenti, almeno nel mondo della tecnologia, hanno puntato con più interesse in questi primi minuti. Le offerte saranno attive per tutti e due i giorni delle offerte, ma le scorte potrebbero anche terminare prima.

In questa selezione troviamo un TV OLED da 55 pollici, un TV Samsung da 43 pollici, un robot aspirapolvere a meno di 120€ (che non abbiamo provato e di cui non sappiamo dirvi molto), lo smartphone economico Xiaomi Mi 10T Lite e 16 GB RAM Crucial Ballistix.

Purtroppo le RAM erano in offerta lampo e sono già terminate. Tenete d’occhio il nostro canale Telegram per non perdervi le prossime offerte lampo.

Offerte Tecnologia

L’articolo Prime Day 2020: i 5 prodotti più venduti alla partenza (1 già terminato) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Arrivano le patch di sicurezza di agosto per Huawei Y9 (2019) e Y9 Prime (2019) (aggiornato)

Buone nuove per i possessori di Y9 Prime (2019), uno dei tantissimi smartphone di fascia media firmati Huawei. Il produttore cinese ha infatti iniziato il rilascio di un nuovo aggiornamento di sicurezza.

LEGGI ANCHE: Recensione Huawei P40 Lite 5G

Il nuovo firmware è ancora basato sulla EMUI 10 – ancora tutto fermo dal fronte EMUI 10.1 – e porta in dote le patch di sicurezza di agosto 2020. Il numero di build è 10.0.0.271 e l’aggiornamento è distribuito tramite un OTA da circa 100 MB.

Aggiornamento30/08/2020 ore 17:35

Oltre a Y9 Prime (2019), Huawei ha rilasciato le patch di sicurezza di agosto pure per il fratello minore Y9 (2019). Anche in questo caso l’OTA pesa circa 100 MB, mentre il numero di versione del nuovo firmware è 10.0.0.309.

OFFERTE SU AMAZON

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Arrivano le patch di sicurezza di agosto per Huawei Y9 (2019) e Y9 Prime (2019) (aggiornato) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Moto E7 Plus appare su Geekbench e mostra le sue prime specifiche (foto)

Il prossimo smartphone Motorola della serie Moto E sta scaldando i motori a quanto pare e presto dovremmo vederlo ufficializzato. Moto E7 Plus per ora si è mostrato solo in un piccolo leak che ha permesso di capire quale sarà il suo aspetto oltre ad altri dettagli, oggi invece è apparso su Geekbench, la nota piattaforma per i benchmark.

Il telefono ha fatto registrare un punteggio di 1.152 in modalità single-core e di 4.373 nel test multi-core. Dalle specifiche riportate possiamo vedere che è equipaggiato con 4 GB di RAM, Android 10 e un misterioso processore a 8 core e 1,8 GHz identificato col nome “guamp”. Questo stesso SoC era apparso qualche tempo fa in un benchmark di Moto G9 Play e all’epoca era stato ipotizzato che poteva essere uno Snapdragon 662.

LEGGI ANCHE: Microsoft sta per acquisire una parte di TikTok

Report trapelati in precedenza in realtà parlavano di uno Snapdragon 632, quindi rimane da vedere quale voce sia quella corretta. Entrambi i dispositivi dovrebbero comunque montare lo stesso chip. Tornando alle immagini trapelate Moto E7 Plus sembra dotato di notch a goccia, doppia fotocamera posteriore con lettore di impronte fisico e, sul lato inferiore, porta USB-C e il jack da 3,5 mm in via d’estinzione.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Moto E7 Plus appare su Geekbench e mostra le sue prime specifiche (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Android Automotive OS inizia a correre: ecco le prime app compatibili

Torniamo a parlare di Android Automotive OS, il nuovo sistema operativo completamente integrato che Google sta sviluppato per la piattaforma infotainment, ovvero per integrarlo nelle auto. Nelle ultime ore sono emersi nuovi dettagli sull’evoluzione di Android Auto.

Ausdroid ha avuto modo di sbirciare in una prima interfaccia di Android Automotive OS installato nella Volvo Polestar 2, appuntandosi le app che al momento risultano compatibili e dunque pronte per essere usate. Andiamo a vederle insieme:

  • Google Maps.
  • Google Assistant.
  • Libby, un’app per la gestione di ebook e audiolibri.
  • Castbox e Pocket Casts per la gestione e fruizione dei podcast.
  • iHeartRadio, Swedish Radio Play e NRK Radio per le piattaforme radio.
  • Spotify.

LEGGI ANCHE: OnePlus Buds, la recensione

Nella lista non vediamo alcune app che difficilmente immaginiamo escluse da Android Automotive come YouTube Music e Google Podcasts. Presumiamo che la lista sia ancora provvisoria, altre app verranno rese compatibili man mano che gli sviluppatori potranno lavorare sulla nuova versione di Android Automotive.

A tal proposito Google ha anche condiviso una sorta di template al quale gli sviluppatori devono attenersi per rilasciare app compatibili con Android Automotive e con le regolamentazioni vigenti nell’ambito della sicurezza stradale nei vari paesi.

L’articolo Android Automotive OS inizia a correre: ecco le prime app compatibili sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

SmartWorld News podcast – Bitrate di Netflix, profili su Prime video e semafori su Maps

Anche oggi è arrivata una nuova puntata di SmartWorld News, il nostro podcast che ogni giorno vi racconta le notizie più importanti della giornata, quelle che non potete perdervi. Qui in basso trovate il player per ascoltare l’ultimo episodio, ma non dimenticate che potete ascoltarlo anche su Apple Podcast, Google Podcast, Spreaker e Spotify.

Ascolta “08/07 – Il bitrate di Netflix, profili su Prime Video e semafori su Google Maps” su Spreaker.

Gli argomenti del giorno:

L’articolo SmartWorld News podcast – Bitrate di Netflix, profili su Prime video e semafori su Maps sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

La serie Little Fires Everywhere arriverà in esclusiva Amazon Prime Video a fine mese (foto e video)

Amazon ha annunciato l’arrivo della attesissima serie Little Fires Everywhere prodotta e interpretata da Reese Witherspoon e Kerry Washington sarà disponibile in esclusiva per i clienti Prime in Europa, America Latina, Canada, Australia ed altri paesi ancora.

Basato sul romanzo del 2017 di Celeste Ng, Little Fires Everywhere segue i destini incrociati dei Richardson, la famiglia modello, e di una madre enigmatica e sua figlia che stravolgeranno le loro vite. La storia esplora vari temi come quanto i segreti possano pesare, la natura dell’arte e dell’identità, la forza feroce della maternità e il pericolo che scaturisce dal pensare che solo seguendo le regole si possa evitare un disastro.

LEGGI ANCHE: Prime Video Store disponibile in Italia: acquisto o noleggio dei film più recenti per tutti i clienti Amazon

Il cast della serie (prodotta da Hello Sunshine, Simpson Street e ABC Signature Studio) include appunto Reese Witherspoon, Kerry Washington, Joshua Jackson e molti altri. Little Fires Everywhere sarà disponibile in esclusiva su Prime Video in Italia dal 22 Maggio in versione originale e sottotitolata; la versione doppiata in italiano sarà disponibile più avanti quest’anno.  

L’articolo La serie Little Fires Everywhere arriverà in esclusiva Amazon Prime Video a fine mese (foto e video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld