Il prossimo smartphone di Samsung avrà davvero la batteria removibile

Il mondo degli smartphone ha conosciuto un periodo in cui praticamente tutti i modelli possedevano delle peculiarità che oggi ci sembrerebbero molto strane. Tra queste troviamo il comparto batteria removibile.

Offerte Amazon

Ci ricordiamo, magari anche con un pizzico di nostalgia, dei primi smartphone della serie Galaxy S, i quali sfoggiavano la loro batteria removibile. Sul mercato erano disponibili varie alternative, anche maggiorate rispetto a quella stock, e ufficialmente commercializzate da Samsung. Questo dava maggior libertà agli utenti.

Da un decennio ormai vediamo gli smartphone Android con batteria integrata, sostituibile soltanto tramite un intervento specifico e che spesso richiede un personale qualificato o esperto. Proprio Samsung però sarebbe pronta a tornare alle origini.

Il nuovo smartphone con batteria removibile di casa Samsung si chiamerà Galaxy Xcover 6 Pro, il quale rivestirà il ruolo di nuovo rugged phone della casa sudcoreana. Nelle ultime ore è trapelato online il manuale utente del dispositivo, identificato dal codice modello SM-G736B, nel quale troviamo chiari riferimenti a come gestire la batteria removibile.

Le immagini allegate al manuale utente, che trovate nella galleria a fine articolo, mostrano chiaramente come sarà possibile rimuovere e applicare la batteria al dispositivo in modo semplice. La procedura è praticamente analoga a quella che veniva richiesta anni fa per i primi Galaxy S di casa Samsung.

Stando a quanto trapelato recentemente online, il nuovo Galaxy Xcover 6 Pro dovrebbe avere un processore Snapdragon 778G, pulsanti fisici personalizzabili, jack per le cuffie, sensore d’impronte laterale supporto microSD e un sensore fotografico grandangolare che affiancherà il principale.

Questo specifiche dovrebbero renderlo il dispositivo con batteria removibile più potente sul mercato, sfidando apertamente il Fairphone 4 arrivato da poco. La presentazione di Galaxy Xcover 6 Pro è prevista per il prossimo 13 luglio, staremo a vedere se arriverà ufficialmente anche in Italia.

L’articolo Il prossimo smartphone di Samsung avrà davvero la batteria removibile sembra essere il primo su Androidworld.


Il prossimo smartphone di Samsung avrà davvero la batteria removibile

iOS 16 porterà il supporto per le notifiche push Web e la sincronizzazione delle estensioni dal prossimo anno

Con iOS 16 arriverà anche il supporto alle notifiche push Web.

Link all’articolo originale: iOS 16 porterà il supporto per le notifiche push Web e la sincronizzazione delle estensioni dal prossimo anno


iOS 16 porterà il supporto per le notifiche push Web e la sincronizzazione delle estensioni dal prossimo anno

Il prossimo Xiaomi Store aprirà a Palermo, nel centro commerciale più grande della Sicilia orientale

Xiaomi conferma i suoi investimenti nel mercato tecnologico italiano, aprendo un nuovo Xiaomi Store sul nostro territorio. Il nuovo store fisico del colosso cinese arriva in Sicilia, a Palermo nello specifico.

Il nuovo Xiaomi Store, con una superficie di 169 mq e uno staff di sei persone, si troverà all’interno di Forum Palermo, il centro commerciale più grande della Sicilia orientale e sarà inaugurato alle 10:30 del prossimo 9 aprile. Per l’occasione, Xiaomi ha invitato Faffapix come ospite e terrà una sessione di formazione dedicata a Xiaomi 12 Series insieme a Carlo Cannarella, Community Manager di Xiaomi Italia.

L’evento sarà anche caratterizzato da gadget in regalo per i partecipanti e alcune offerte sui prodotti in vendita. Per partecipare è necessario iscriversi, potete farlo accedendo a questo link.

L’articolo Il prossimo Xiaomi Store aprirà a Palermo, nel centro commerciale più grande della Sicilia orientale sembra essere il primo su Smartworld.


Il prossimo Xiaomi Store aprirà a Palermo, nel centro commerciale più grande della Sicilia orientale

Il prossimo Google Nest Hub sarà un “convertibile”

La linea Nest Hub di Google si prepara ad accogliere un nuovo dispositivo: BigG sta lavorando ad un nuovo interessante display smart che avrà la possibilità di “diventare un tablet”.

Lo schermo sarà infatti staccabile dalla base e sarà utilizzabile indipendentemente: si potrà navigare sul web e utilizzare delle semplici app (prime fra tutte, quelle di videoconferenza). Negli ultimi aggiornamenti di Nest Hub di seconda generazione e Nest Hub Max, Google ha infatti iniziato ad introdurre funzionalità come un dock o un drawer delle app, sicuramente più indicate per un tablet piuttosto che per uno smart display.

Purtroppo lo sviluppo di questo dispositivo è ancora agli inizi e ci sono ancora molti dubbi: primo fra tutti, quello riguardante il sistema operativo. Chrome OS sarebbe probabilmente troppo energivoro, così come Android: Fuchsia OS dunque sarebbe sicuramente la scelta più indicata, ma staremo a vedere cosa decidera Google in merito alla questione.

L’articolo Il prossimo Google Nest Hub sarà un “convertibile” sembra essere il primo su Smartworld.


Il prossimo Google Nest Hub sarà un “convertibile”

Vivo X Fold potrebbe essere il prossimo pieghevole ad entrare nell’arena

Siete pronti ad un nuovo smartphone pieghevole in arrivo sul mercato? Vivo, infatti, starebbe lavorando al nuovo Vivo X Fold, un pieghevole dalle specifiche tecniche da top di gamma, a partire dal processore, lo Snapdragon 8 Gen 1. Il marchio cinese, inoltre, avrebbe prestato una particolare attenzione alla batteria e alla fotocamera.

Caratteristiche Tecniche

  • Schermo interno: 8″ QHD+, 120Hz refresh rate
  • Schermo esterno: 6,5″ FULLHD+, 120Hz refresh rate
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 8 Gen1
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 50 megapixel
    • Grandangolo: 48 megapixel
    • Zoom 2x: 12 megapixel
    • Zoom 5x: 8 megapixel
  • Batteria: 4.600 mAh con ricarica rapida a 80 Watt, ricarica rapida wireless a 50 Watt
  • OS: Android 12

Entrambi i display, oltre a supportare una frequenza di aggiornamento pari a 120 Hz, integreranno un lettore per il riconoscimento delle impronte digitali. Le due fotocamere anteriori, invece, dovrebbero essere posizionate rispettivamente su di un foro centrale sul display esterno e su un foro a destra sul display interno. Secondo Weibo, infine, non dovrebbe mancare molto al debutto ufficiale del nuovo pieghevole, visto che avrebbe già ricevuto la certificazione 3C. Dunque, dopo Samsung, Huawei, Oppo e Xiaomi, anche Vivo vuole dire la sua nel campo degli smartphone pieghevoli. 

L’articolo Vivo X Fold potrebbe essere il prossimo pieghevole ad entrare nell’arena sembra essere il primo su Androidworld.


Vivo X Fold potrebbe essere il prossimo pieghevole ad entrare nell’arena

OPPO A11s: ecco come sarà il prossimo medio-gamma (foto) (aggiornato con specifiche)

OPPO è uno dei produttori di smartphone più attivi a livello globale, e da anni propone i suoi prodotti anche nel mercato italiano. Mentre prepara la ColorOS 12 con Android 12 per i suoi smartphone, la casa cinese è in procinto anche di lanciare un nuovo dispositivo.

Stiamo parlando di OPPO A11s, lo smartphone che vedete nelle immagini in galleria. Gli scatti sono stati condivisi dall’affidabile Evan Blass, e mostrano uno smartphone con tripla fotocamera posteriore completa di flash LED, incastonata in un modulo rettangolare, e accoppiata a un sensore per le impronte digitali. Anteriormente vediamo un display forato in alto a sinistra, per ospitare la singola fotocamera anteriore.

LEGGI ANCHE: Redmi 10, la recensione

Al momento non sono trapelati dettagli sulle ipotetiche specifiche tecniche del dispositivo., così come non sappiamo quando l’azienda ha intenzione di lanciare il nuovo OPPO A11s. Torneremo ad aggiornarvi appena ne sapremo di più.

Aggiornamento11/09/2021 ore 00:00

Dopo aver visto le prime immagini di OPPO A11s, è ora di scoprire qualcosa sulle presunte specifiche tecniche. Come riferito sempre dal solito Evan Blass:

  • Display: 6,5″ (1.600×720 pixel) con refresh rate a 90 Hz
  • Processore: Snapdragon 460
  • RAM: 4 / 8 GB
  • Storage interno: 64 / 128 GB
  • Fotocamera posteriore: 13 MP + 2 MP + 2 MP
  • Fotocamera anteriore: 8 MP
  • Batteria: 5.000 mAh
  • Sistema operativo: Android 10 con ColorOS 7.2
  • Colorazioni: Black, White

L’articolo OPPO A11s: ecco come sarà il prossimo medio-gamma (foto) (aggiornato con specifiche) sembra essere il primo su AndroidWorld.


OPPO A11s: ecco come sarà il prossimo medio-gamma (foto) (aggiornato con specifiche)

Ecco tutte le specifiche del prossimo top di gamma Vivo, accompagnato da una coppia di medio gamma per l’India (foto)

Vivo ha presentato il suo prossimo top di gamma: Vivo X60 Pro+. Lo smartphone non ha nulla da invidiare ad altri dispositivi della categoria, pur mantenendo un prezzo tutto sommato moderato (almeno sfruttando il cambio con lo yuan). Per il momento però il suo arrivo in Occidente non è stato annunciato, mentre sbarcherà nei negozi cinesi a fine mese.

Allo stesso tempo il produttore ha annunciato il lancio di un altro paio di telefoni di fascia medio-bassa per il mercato indiano. Si tratta di Vivo Y20G e Vivo Y31 (quest’ultimo di fatto una versione alleggerita del primo). Anche in questo caso non è stata dichiarata la possibile disponibilità per gli utenti europei e americani.

Vivo X60 Pro+

  • Schermo: AMOLED E3 curvo da 6,56″ in risoluzione FHD+ (2.376 × 1.080 pixel) e rapporto 19,8:9, refresh rate a 120 Hz e sampling rate a 240 Hz, HDR10+ e luminosità fino a 1.300 nits
  • CPU e GPU: Snapdragon 888 con GPU Adreno 660
  • RAM e archiviazione: 8 GB di RAM LPDDR5 con 128 GB di memoria UFS 3.1 oppure 12 GB di RAM LPDDR5 con 256 GB di memoria UFS 3.1
  • OS: Android 11 con OriginOS 1.0
  • Fotocamera posteriore: sensore Samsung GN1 da 50 MP, apertura f/1.57, flash LED, OIS + EIS, rivestimento Zeiss T* + sensore Sony IMX598 grandangolare da 114° a 48 MP, OSI a 4 assi + sensore per ritratti da 32 MP, 50 mm, con apertura f/2.08 + sensore periscopico da 8 MP con apertura f/3.4, OIS, zoom ottico 5x, zoom digitale 60x; supporto alla registrazione di video in 4K HDR10+ e 8K
  • Fotocamera frontale: da 32 MP con apertura f/2.45
  • Altro: dual SIM, lettore di impronte integrato nel display, audio Hi-Fi
  • Dimensioni e peso: 158,59 × 73,35 × 9,10 mm, 190 g
  • Connettività: 5G SA/ NSA, dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ax, Bluetooth 5.1, GPS (L1+L5 Dual Band) + GLONASS, USB-C Audio
  • Batteria: 4.200 mAh con supporto alla ricarica rapida a 55 W

Il telefono sarà lanciato in due colorazioni, Deep sea blue e Classic Orange, entrambe con una finitura in pelle. Ci saranno due versioni in base al taglio di memoria: quella da 8/128 GB costerà 4.998¥ (circa 636€), mentre per quella da 12/256 GB ci vorranno 5.998¥ (765€). Entrambe andranno in vendita in Cina il prossimo 30 gennaio.

LEGGI ANCHE: Cosa ci riserva il futuro di Android Auto

Vivo Y20G

  • Schermo: LCD da 6,51″ con risoluzione HD+ (1.600 x 720 pixel)
  • CPU e GPU: MediaTek Helio G80 a 12 nm (2x Cortex-A75 a 2 GHz + 6x Cortex-A55 a 1,8 GHz) con GPU ARM Mali-G52 2EEMC2 fino a 950 MHz
  • RAM e archiviazione: 6 GB di RAM LPDDR4x e 128 GB di memoria, espandibile con microSD
  • OS: Android 11 con FunTouch OS 11
  • Fotocamera posteriore: 13 MP con flash LED e apertura f/2.2 + sensore di profondità da 2 MP + macro da 2 MP con apertura f/2.4
  • Fotocamera frontale: 8 MP con apertura f/1.8
  • Dimensioni e peso: 164,41 × 76,32 × 8,41 mm, 192,3 g
  • Altro: hybrid dual SIM (nano+nano/microSD), lettore di impronte digitali sul fianco, jack da 3,5 mm, Radio FM
  • Connettività: dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac, Bluetooth 5, GPS/GLONASS/Beidou, micro-USB
  • Batteria: 5.000 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18 W

Vivo Y31

  • Schermo: LCD da 6,58″ con risoluzione FHD+ (2.408 × 1.080 pixel) in rapporto 20:9
  • CPU e GPU: Snapdragon 662 a 11 nm (4x core Kryo 260 a 2 GHz + 4x core Kryo 260 a 1,8 GHz) cib GPU Adreno 610
  • RAM e archiviazione: 6 GB di RAM LPDDR4X e 128 GB di memoria UFS 2.1, espandibile fino a 1 TB con microSD
  • OS: Android 11 con Funtouch OS 11
  • Fotocamera posteriore: 48 MP con apertura f/1.79, flash LED, EIS + sensore di profondità da 2 MP + macro da 2 MP con apertura f/2.4
  • Fotocamera frontale: 16 MP con apertura f/2.0
  • Altro: hybrid dual SIM (nano + nano/microSD), lettore di impronte digitali sul fianco, jack da 3,5 mm, Radio FM
  • Dimensioni e peso: 163,86 × 75,32 × 8,38 mm, 188 g
  • Connettività: dual 4G VoLTE, Wi-Fi 802.11 ac (2,4 GHz + 5 GHz), Bluetooth 5, GPS+GLONASS, USB-C
  • Batteria: 5.000 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18 W

Tutti e due sono già stati lanciati in India dove possono essere acquistati: a 14.990 rupie (circa 170€) per Vivo Y20G e a 16.490 rupie (185€) per Vivo Y31. Il primo sarà disponibile nelle colorazioni Obsidian Black e Purist Blue, mentre il secondo in Racing Black e Ocean Blue.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Ecco tutte le specifiche del prossimo top di gamma Vivo, accompagnato da una coppia di medio gamma per l’India (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.


Ecco tutte le specifiche del prossimo top di gamma Vivo, accompagnato da una coppia di medio gamma per l’India (foto)

Google crede ancora nei Pixel? Potrebbe dimostrarlo il prossimo anno

Google desta sempre discreto interesse nel settore smartphone con i suoi Pixel, non sempre in senso positivo per le sue curiose scelte. Nelle ultime ore il suo CEO ha esternato interessanti considerazioni sui piani dell’azienda proprio in tema smartphone.

Sundar Pichai è intervenuto alla call sugli utili del terzo trimestre 2020 di BigG, chiarendo che Google ha investito in modo rilevante nella produzione di hardware e che il frutto di questi investimenti dovrebbe mostrarsi a partire dal prossimo anno. Pichai ha chiarito che gli investimenti sono stati complessi e per vederne la concretizzazione ci vorrà del tempo.

LEGGI ANCHE: tutte le offerte del Black Friday

Andando più nello specifico, Pichai si è detto entusiasta della roadmap tracciata da Google per il prossimo anno e che questi investimenti potrebbero riguardare da vicino la sezione smartphone. D’altro canto Pichai si è detto esplicitamente soddisfatto dei Pixel 4a e Pixel 5 di quest’anno.

Inoltre, diverse voci emerse online indicano Google a lavoro sulla produzione di un nuovo smartphone con processore proprietario. Questo SoC potrebbe venire realizzato con processo produttivo a 5 nm: il dispositivo sarebbe identificato dal nome in codice Whitechapel e realizzato in collaborazione con Samsung.

Il quadro che abbiamo descritto è comunque sfumato: gli investimenti in hardware citati da Google potrebbero anche solo riguardare la gamma Nest, staremo a vedere come evolverà la situazione e vi terremo aggiornati.

L’articolo Google crede ancora nei Pixel? Potrebbe dimostrarlo il prossimo anno sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld