Android System Intelligence non si aggiorna e tormenta molti utenti Samsung

Non è la prima volta che un’applicazione Google rimane “incastrata” nei suoi aggiornamenti nel Play Store. Oggi è il turno di Android System Intelligence che da qualche mese sta dando un po’ di grattacapi agli utenti Samsung. L’applicazione non si aggiorna e lascia gli utenti con un laconico “Impossibile aggiornare”.

Il messaggio completo indica che:

Impossibile aggiornare Android System Intelligence

Riproa e, se il problema persiste, scopri i metodi più usati per la risoluzioen del problema (Errore durante il recuperao delle informazioni dal server. DF-DFERH-01).

I metodi suggeriti da Google non sembrano risolvere il problema e sono tanti gli utenti Samsung che riportano di questa app che è impossibile da aggiornare. Aprendo l’app nel Play Store appare un altro messaggio:

Questa app non è più compatibile con il tuo dispositivo. Per ulteriori informazioni, contatta gli sviluppatori.

Ironico diremmo. Se siete curiosi di spaere a cosa serve Android System Intelligence potete leggere questo nostro articolo. Non è un’app fondamentale e alcuni utenti hanno semplicemente scelto di disattivarla, ma si potrebbero perdere alcune funzioni “smart” offerte da Google su Android.

Fra gli smartphone che hanno questo problema segnaliamo Samsung Galaxy S22, S22+, S22 Ultra, A22, S20, S20+ e S21 Ultra. Sono probabilmente però molti altri gli smartphone colpiti. A settembre questo problema si era già presentato per alcuni utenti Samsung e si era risolto dopo qualche giorno, cosa che invece non sembra star succedendo questa volta.

Come risolvere l’aggiornamento di Android System Intelligence

Noi consigliamo di attendere e pazientare che Samsung e Google risolvano il problema. Per i più impazienti c’è un’altra soluzione aggiornare all’ultima versione di Android System Intelligence a mano con l’apk, scaricabile a questo link. Al momento però gli apk che risolvono il problema sono solo quelli per i pixel e non quelli OEM (ovvero per gli altri produttori non-Google) che sono troppo vecchi e danno un errore al momento dell’installazione. Attenzione quindi: se per alcuni questa soluzione ha risolto il problema, per altri la versione “errata” di Android System Intelligence fa si che questa crashi dando sporadichi errori.

L’articolo Android System Intelligence non si aggiorna e tormenta molti utenti Samsung sembra essere il primo su Androidworld.


Android System Intelligence non si aggiorna e tormenta molti utenti Samsung

Samsung Galaxy A04s

Vediamo qui le caratteristiche tecniche di Samsung Galaxy A04s, uno smartphone di fascia bassa con Android.

È da 6,5 pollici lo schermo di questo dispositivo ed è realizzato in tecnologia PLS TFT. La sua densità di pixel è di 270 ppi e questo grazie alla risoluzione di HD+ / 720 x 1600 pixel.

La fotocamera principale ha una risoluzione di 50 megapixel e può registrare video a Full HD – 1920 x 1080 pixel. È dotata di flash Singolo.

Questo dispositivo dual SIM supporta le reti LTE e la a/b/g/n/ac. Il Bluetooth è alla versione 5.0, mentre, sempre parlando di connettività abbiamo il GPS, la radio FM e l’NFC. Purtroppo non è presente nessun tipo di uscita video via cavo.

La CPU è un Exynos 850 octa a 64 bit da 2 GHz e GPU Mali-G52, il tutto supportato da 3 GB di RAM e 32 GB di memoria, espandibile tramite una microSD.

La batteria non removibile di questo dispositivo è da 5000 mAh.

L’articolo Samsung Galaxy A04s sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung Galaxy A04s

I tre nuovi Samsung Galaxy S23 appaiono su “FCC”: emergono dettagli su batteria e processore Snapdragon

Il debutto della nuova serie di Samsung è sempre più vicino (si parla, infatti, di febbraio 2023). Per questo motivo, quotidianamente emergono nuovi dettagli sui nuovi flagship dell’azienda sudcoreana, ovvero i Galaxy S23. Stavolta, grazie alla “FCC” possiamo conoscere ulteriori specifiche dei tre dispositivi che comporranno la nuova linea del famoso marchio. I tre smartphone sono contraddistinti da questi numeri di modello: SMS911B (Galaxy S23), SMS916B (Galaxy S23 Plus) e SMS918B (Galaxy S23 Ultra). A riguardo, considerando i numeri di modello, probabilmente si tratta delle varianti europee visto che quelle statunitensi avrebbero un numero di modello con una “U” alla fine invece di una “B”.

Il sito, inoltre, svela le capacità delle batterie dei modelli standard e Plus: il primo potrebbe avere una batteria da 3900 mAh, mentre il secondo da 4700 mAh. Inoltre, i nuovi smartphone dovrebbero beneficiare anche della ricarica wireless e dell’opzione “Wireless PowerShare”. Il processore, invece, così come già era noto, dovrebbe essere fornito da Qualcomm: si tratterebbe dell’inedito Snapdragon 8 Gen 2. Insomma, anche la FCC sembrerebbe confermare che l’azienda sudcoreana potrebbe puntare sul chip di Qualcomm per i suoi nuovi flagship.

Infine, recenti indiscrezioni hanno lanciato l’ipotesi secondo cui Samsung dovrebbe dotare i suoi nuovi Galaxy S23 anche della connettività satellitare. Questa tecnologia – già presente su iPhone 14 e su Huawei Mate 50 Pro – sarebbe in fase di sviluppo da due anni in collaborazione con “Iridium”, una società che appunto fornisce servizi di comunicazione voce e dati nello Spazio.

L’articolo I tre nuovi Samsung Galaxy S23 appaiono su “FCC”: emergono dettagli su batteria e processore Snapdragon sembra essere il primo su Androidworld.


I tre nuovi Samsung Galaxy S23 appaiono su “FCC”: emergono dettagli su batteria e processore Snapdragon

C’è un chihuahua nascosto in tutti gli smartphone Samsung Galaxy

È una funzionalità nascosta ma non per questo segreta, visto che un chihuahua è nascosto all’interno dei menù di tutti gli smartphone Galaxy da… prima che esistessero. Andiamo con ordine: il “trucco” di cui parliamo è nascosto all’interno di un menù per sviluppatori e utile ai tecnici Samsung per verificare il corretto funzionamento dello smartphone.

Si tratta di un menù che si attiva con i codici *#0*# ed è a sua volta nascosto fra la miriade di test che è possibile eseguire. Questo chihuahua è presente da “sempre”, almeno da quando questa tipologia di menù è presente, ancor prima quindi dell’esistenza della famiglia Galaxy e di Android.

Qualche sviluppatore ha quindi voluto simpaticamente consegnare all’immortalità il suo cane includendolo in un test di riproduzione di immagine. Trovate i passi completi per verificarlo all’interno del video TikTok a seguire.

L’articolo C’è un chihuahua nascosto in tutti gli smartphone Samsung Galaxy sembra essere il primo su Androidworld.


C’è un chihuahua nascosto in tutti gli smartphone Samsung Galaxy

Samsung al lavoro su un’app per aiutare nelle riparazioni fai da te degli smartphone

Nell’ultimo periodo, abbiamo visto come tantissimi produttori di smartphone si siano aperti di più alle riparazioni fai da te degli utenti: persino Apple, notoriamente contraria a questo tipo di pratiche, ha lanciato da ormai un anno il programma Self Repair, che permette agli utenti di acquistare parti di ricambio e strumenti per riparare gli iPhone in autonomia.

Offerte Amazon

Lato Android, il produttore più attento a questo aspetto è stato sicuramente Samsung: l’azienda coreana, a marzo di quest’anno, ha annunciato la collaborazione con iFixit, grazie alla quale gli utenti possono acquistare parti di ricambio per i propri smartphone direttamente dal sito, con quest’ultimo che ospita anche le guide e i tutorial per effettuare le riparazioni in tutta sicurezza.

Samsung però vuole fare di più: è stato scoperto un recente brevetto della società, depositato il 26 novembre di quest’anno, riguardante una misteriosa app chiamata Self Repair Assistant. Nel brevetto trova posto il logo dell’app (una chiave inglese blu all’interno di un ingranaggio bianco, il tutto all’interno di un quadrato blu con angoli arrotondati) e una breve descrizione.

In parole povere, l’app dovrebbe consentire agli utenti di consultare guide, video e altre informazioni circa la riparazione fai da te di smartphone, smartwatch, tablet e auricolari: anziché recarsi su iFixit, gli utenti potranno aprire l’app e ottenere tutti i dettagli circa l’intervento di riparazione che si vuole svolgere sul proprio dispositivo.

Purtroppo questo è tutto quello che sappiamo, ma probabilmente ne sapremo di più nel giro delle prossime settimane. Ricordiamo che il programma Self-Repair di Samsung è disponibile solo negli Stati Uniti e permette di riparare esclusivamente la serie Galaxy S20, la serie Galaxy S21 e il tablet Galaxy Tab S7+.

L’articolo Samsung al lavoro su un’app per aiutare nelle riparazioni fai da te degli smartphone sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung al lavoro su un’app per aiutare nelle riparazioni fai da te degli smartphone

Samsung pensa già ad Android 14 e a come aggiornare gli smartphone più rapidamente

Samsung è stato uno dei produttori più veloci a rilasciare una versione stabile di Android 13 per i propri dispositivi: l’azienda ha infatti sviluppato in tempo record la OneUI 5.0, basata proprio sull’ultima versione del sistema operativo Android, e questa è già disponibile per praticamente tutti gli smartphone top di gamma dell’azienda e su dispositivi più “vecchi” come Galaxy S21, Galaxy S20 e Galaxy Note 20.

Offerte Amazon

Samsung ha parlato proprio degli aggiornamenti dei propri smartphone in un nuovo post sul proprio blog in versione coreana. La società ha annunciato che altri dispositivi si aggiorneranno presto ad Android 13 con la OneUI 5.0: Galaxy Z Fold 4 e Flip 4 si sono aggiornati da pochissimo (almeno in Corea del Sud), mentre è già programmato per il prossimo mese l’update per Galaxy Tab S7, Tab S6 Lite, Galaxy A52s 5G e Galaxy A32.

Nel post, l’azienda ha fatto notare come sia stata estremamente celere nel rilasciare l’aggiornamento ad Android 13 dopo solo un paio di mesi rispetto a Google: si tratta sicuramente di ottime tempistiche (almeno per quanto riguarda i top di gamma), visto che è ovviamente impossibile competere con aziende come Apple o Google stessa. 

In ogni caso, Samsung pensa già al prossimo step: il prossimo anno infatti arriverà Android 14 e la società vuole farsi trovare pronta. Samsung ha dichiarato di star lavorando ancora più a stretto contatto con Google per rilasciare la OneUI 6.0 in tempi record e quasi in contemporanea con BigG.

L’azienda conclude poi il post parlando brevemente delle prestazioni della prossima release del software: Samsung vuole che la prossima release del sistema operativo sia migliore anche dal punto di vista delle performance. Ricordiamo che la prima beta di Android 14 sarà rilasciata a marzo 2023.

L’articolo Samsung pensa già ad Android 14 e a come aggiornare gli smartphone più rapidamente sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung pensa già ad Android 14 e a come aggiornare gli smartphone più rapidamente

Recensione Samsung Galaxy A23 5G: la proposta economica 2022

La sottile confezione di questo Galaxy A23 5G contiene all’interno solo il cavo USB-C/USB-C. L’alimentatore non è più un accessorio incluso, portando questa nuova abitudine anche nella fascia degli smartphone più economici.

Samsung Galaxy A23 5G è uno smartphone Samsung abbastanza standard per il suo design. La scocca è in plastica opaca, che nella colorazione nera trattiene un po’ di impronte. In mano il dispositivo non è particolarmente leggero (visti i suoi 197 grammi), ma viste le dimensioni generose questo peso è ampiamente distribuito sulla sua superficie e quindi questo si utilizza tutto sommato con discreta semplicità. Non c’è certificazione per l’impermeabilità, ma ci sta vista la fascia di prezzo.

L’hardware di questo Galaxy A23 5G è quello di uno smartphone economico. Abbiamo uno Snapdragon 695 octa core da 2,2 GHz, con GPU Adreno 619 e 4 GB di RAM. La memoria interna per fortuna è da 128 GB ed è anche espandibile sfruttando una microSD. Abbiamo la connettività 5G (assente ovviamente nel modello Galaxy A23 normale), Wi-Fi ac, Bluetooth 5.1 e chip NFC. Il lettore di impronte digitali è posizionato sul lato in concomitanza del tasto di accensione ed è preciso e abbasntaza rapido. Ottimo il fatto che il carrellino estraibile permetta di mettere due nanoSIM senza rinunciare alla microSD. È presente anche il jack audio per le cuffie da 3,5 millimetri.

Due assenze notevoli: non c’è il sensore di luminosità e non c’è il sensore di prossimità. Il primo è sostituito dal software che sfrutta la fotocamera frontale: i risultati sono discreti, anche se la velocità di adattamento alla luce è inferiore. Il sensore di prossimità è sostituito da un sensore ultrasonico, che dobbiamo dire essersi comportato molto meglio rispetto ai corrispettivi del mondo Xiaomi, pur non essendo perfetto.

Samsung non rinuncia al voler riempire il suo smartphone del maggior numero di fotocamere possibili. Abbiamo infatti ben quattro sensori posteriori, oltre alla selfie cam. La fotocamera principale è da ben 50 megapixel ƒ/1.8 ed è stabilizzata otticamente, una assoluta rarità in questa fascia di prezzo. Le altre fotocamere però iniziano subito a lasciare l’amaro in bocca, già dalla scheda tecnica. La grandangolare è da soli 5 megapixel (ƒ/2.2) e gli altri due sensori (bokeh e macro) sono addirittura da soli 2 megapixel (ƒ/2.4).

La fotocamera principale permette di realizzare scatti discreti, ma non sempre perfetti, soprattutto nella gestione delle forti luci (soprattutto il cielo bianco in questi giorni nuvolosi in cui abbiamo scattato). Buono però il bilanciamento del punto di bianco e la nitidezza delle immagini. Come immaginabile sono decisamente meno interessanti le foto grandangolari. Anche con buona luce la risoluzione risicata non permette di tirare foto fuori all’altezza delle aspettative. Benché perdano evidentemente di nitidezza le foto dalla fotocamera principale rimangono discrete anche con meno luce e la modalità notturna permette anche di far “uscire” anche un po’ di luce in più.

La fotocamera frontale da 8 megapixel ƒ/2.2 è sufficiente, ma anche lei soffre della risoluzione non proprio all’altezza. I video si possono registrare solo in Full HD a 30fps. Sono sufficienti, ma non molto stabili, andando quindi ovviamente a pesare sul risultato finale.

Samsung Galaxy A23 5G è dotato di un display da 6,6 pollici in tecnologia PLS LCD con risoluzione di 1080 x 2408 pixel. Lo schermo quindi è molto ampio ed è anche molto luminoso, nonosante non sia in tecnologia AMOLED, cosa che sarebbe stato lecito aspettarsi visto la storia di Samsung. Benché perda un po’ di luminosità guardando lo schermo in modo più angolato, rimane comunque sembra abbastanza visibile in molte condizioni di luce. In più ha un refresh rate aumentato a 120 Hz ed è protetto da Gorilla Glass 5. Peccato per l’assenza della funziona di always-on, che lo avrebbe di sicuro completato.

Samsung Galaxy A23 5G arriva sul mercato con una versione ridotta della One UI 4. L’interfaccia è praticamente indistinguibile da quella di uno smartphone top di gamma, ma poi scavando fra le impostazioni ci si rende ovviamente conto che l’azienda ha dovuto comunque scendere a qualche compromesso, come quello dell’assenza dell’always-on display già citato. Il software (basato su Android 12 con le patch di ottobre 2022) non è poi particolarmente scattante, pagando sicuramente un hardware da smartphone entry level.

Fra le funzionalità che non troviamo su altri smartphone abbiamo il game launcher e un’opzione per forzare il supporto al multischermo per tutte le app (per esempio anche per Instagram). Abbiamo poi ancora una volta la modalità di utilizzo ad una mano e il doppio account.

La batteria da 5.000 mAh garantisce un’eccezionale autonomia, anche grazie al già citato hardware di non di spicco, che ha come pregio l’avere consumi abbastanza ridotti. È facile con un utilizzo medio poter arrivare gino a due giorni con una singola carica. La ricarica è poi rapida a 25W, anche se l’alimentatore non è incluso in confezione.

Samsung ha lanciato questo Galaxy A23 5G a 349€, un prezzo un po’ alto per un dispositivo di questo tipo. Il mercato lo ha riportato rapidamente nella fascia di prezzo a cui appartiene e oggi si trova su Amazon a circa 230€. Controllate il box a seguire per aggiornamenti (automatici) di prezzo.

L’articolo Recensione Samsung Galaxy A23 5G: la proposta economica 2022 sembra essere il primo su Androidworld.


Recensione Samsung Galaxy A23 5G: la proposta economica 2022

I widget impilabili di Samsung One UI 5 sono una funzione che vorremmo ovunque

Una delle novità più interessanti della One UI 5 (che è approdata da poco su S22 e S21) è sicuramente la nuova interfaccia per impilare i widget. Questo vi permette di sfruttare uno spazio della vostra home per mostrare più widget diversi. L’idea è stata sicuramente resa popolare dalle ultime versioni di iOS e iPhone e forse è anche per questo che Samsung ha spinto di più lo sviluppo in tal senso.

Nel video pubblicato su TikTok vi mostriamo la funzione in azione, con anche gli step necessari per aggiungere o riordinare i widget impilati sul vostro smartphone Samsung.

Se abbiamo parlato però come di una funzione non del tutto nuova, ma più semplicemente riorganizzata è perché è così. Gli widget impilabili non sono una novità esclusiva della One UI 5, visto che erano già disponibili anche sulla versione precedente, anche se possiamo riconoscere che il sistema di gestione di questo strumento sia decisamente migliorato dopo l’ultimo aggiornamento.

Abbiamo trovato quindi la nuova implementazione di questi widget molto utile e speriamo che sempre più aziende possano implementare uno strumento simile nei loro software. O chissà, magari Google direttamente in Android.

L’articolo I widget impilabili di Samsung One UI 5 sono una funzione che vorremmo ovunque sembra essere il primo su Androidworld.


I widget impilabili di Samsung One UI 5 sono una funzione che vorremmo ovunque

Samsung Galaxy A23 5G

Lo Samsung Galaxy A23 5G è uno smartphone di fascia media con sistema operativo Android.

Il display di questo dispositivo è da 6,6 pollici in tecnologia PLS LCD. La sua risoluzione è di FHD+ / 1080 x 2400 pixel e questo porta la sua densità di pixel a 400 ppi.

La fotocamera principale da 50 megapixel è dotata di flash Singolo e di stabilizzatore, per avere foto più nitide e meno mosse. I video possono essere registrati a Full HD – 1920 x 1080 pixel e la fotocamera frontale ha una risoluzione di 8 megapixel.

Abbiamo a che fare con un dispositivo dual SIM dalla connettività abbastanza semplice. Abbiamo la connettività di rete 5G, e la Wi-Fi a/b/g/n/ac. Non manca il GPS e il Bluetooth alla versione 5.1.

La CPU è un Qualcomm Snapdragon 695 octa a 64 bit da 2.2 GHz e GPU Adreno 619, il tutto supportato da 4 GB di RAM e 128 GB di memoria, espandibile tramite l’ausilio di una microSD.

La batteria non removibile di questo dispositivo è da 5000 mAh.

L’articolo Samsung Galaxy A23 5G sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung Galaxy A23 5G

Sul browser Samsung arriva la sincronizzazione dei preferiti con Chrome e molto altro

Il browser Samsung (chiamato Samsung Internet) è uno dei migliori disponibili per Android. Non solo è veloce, attento alla privacy e ricco di funzioni, ma continua a ricevere costanti aggiornamenti, fattori che insieme al fatto di essere preinstallato sugli smartphone Samsung gli hanno permesso di occupare una notevole fetta di mercato.

L’ultimo update, che porta il browser alla versione 19.0.1.2, è poi particolarmente ricco di novità che avevamo intravisto nella beta di agosto, una su tutte la sincronizzazione dei preferiti con Google Chrome. Scopriamole tutte.

Segui AndroidWorld su News

Sincronizzazione dei segnalibri con Google Chrome

Con l’ultimo aggiornamento, Samsung Internet Browser permette a tutti gli utenti di sincronizzare i segnalibri con Google Chrome. Per abilitare la funzione, dovete effettuare l’accesso con il vostro account Samsung sul browser in Android. 

  1. Avviate il browser nel dispositivo
  2. Cliccate sul tasto hamburger (tre linee orizzontali in basso a destra)
  3. Selezionate Impostazioni
  4. Cliccate su Sincronizza con Samsung Cloud ed effettuate l’accesso
  1. Successivamente, sul PC avviate Chrome e scaricate l’estensione Samsung Internet Chrome
  2. Accedete con il vostro account Samsung. Da lì selezionate l’opzione Segnalibri di Chrome e quindi Importa.

Perché tutto questo funzioni, assicuratevi di avere aggiornato o scaricato l’ultimo browser Samsung (19.0.1.2) dal Play Store o dal Galaxy Store. Curiosamente, Samsung non ha aggiunto la sincronizzazione dei segnalibri nella lista delle modifiche ufficiale.

Sicurezza e privacy

Tra le novità dell’aggiornamento, ci sono anche miglioramenti dal punto di vista di sicurezza e privacy:

  • la nuova funzione ‘Informazioni sulla privacy‘ accessibile su ogni sito Web facendo clic sull’icona del lucchetto della barra degli indirizzi.
  • Smart Anti-Tracking è ora in grado di identificare in modo intelligente i domini che utilizzano il cross-tracciamento. Lo strumento ora può bloccare l’accesso ai cookie.
  • Con Samsung Internet 19, gli utenti verranno avvisati quando tentano di accedere a siti dannosi noti.
  • Samsung Internet ora consente alle app di terze parti di offrire filtri per il blocco dei contenuti

Widget e estensioni

Infine ci sono novità per quanto riguarda widget ed estensioni:

  • Il widget Internet Samsung permette ora di controllare la cronologia delle ricerche recenti
  • I componenti aggiuntivi sono ora disponibili quando si utilizza Samsung Internet in modalità segreta. Per utilizzare questa nuova funzionalità, gli utenti dovranno abilitare l’opzione ‘Consenti in modalità segreta‘ per ciascun componente aggiuntivo individualmente.

Scarica da Play Store

L’articolo Sul browser Samsung arriva la sincronizzazione dei preferiti con Chrome e molto altro sembra essere il primo su Androidworld.


Sul browser Samsung arriva la sincronizzazione dei preferiti con Chrome e molto altro

Vivo segue a ruota Samsung: aggiornamento ad Android 13 con Funtouch OS 13

Nel panorama del mercato smartphone globale abbiamo visto come Vivo si stia ritagliando un posto in prima fila anche a livello internazionale, con i suoi top di gamma Android che ormai vogliono competere con quelli degli altri big.

Canale Telegram Offerte

Proprio in questo senso Vivo conferma la sua filosofia e annuncia ufficialmente il major update ad Android 13 per i suoi smartphone. Si tratta dell’aggiornamento basato sulla Funtouch OS 13, l’interfaccia personalizzata di Android 13 dalla casa cinese. Andiamo a vedere insieme le novità principali e poi quali modelli verranno aggiornati e con quali tempistiche.

Funtouch OS 13 con Android 13: novità principali:

  • Nuova interfaccia grafica, widget rinnovati, nuova schermata home, personalizzazione delle icone più profonda.
  • Pannello delle notifiche rinnovato.
  • Tema adattivo automatico in base allo sfondo impostato dall’utente.
  • Nuova funzionalità per impedire l’accesso a specifiche app quando il dispositivo viene usato da un altro utente rispetto al proprietario.
  • Possibilità di nascondere foto e video specifici dall’app Galleria Vivo.
  • Arriva iManager, un’app che permette di monitorare in maniera specifica il tempo di utilizzo delle app. Ad esempio, le app che utillizzano troppa CPU, possono essere chiuse con un solo tocco. iManager, inoltre, può aiutare a prevenire anche il surriscaldamento del dispositivo riducendo il numero di applicazioni attive e regolando la frequenza della CPU in base alla funzione di raffreddamento del telefono.
  • Nuove informazioni per il widget meteo il quale mostrerà anche i valori di AQI, per monitorare la qualità dell’aria nella zona in cui ci si trova.
  • Nuovo anello stabilizzatore per mitigare l’effetto delle mani tremanti.
  • Miglioramenti per il processo di editing dei video registrati con lo smartphone.
  • Possibilità di disattivare l’audio dei video.
  • Correzioni e miglioramenti per la funzionalità di accessibilità di inversione dei colori.

Dopo aver visto le novità principali, che trovate riassunte anche negli screenshot che vedete nella galleria in basso, andiamo a vedere quali sono i modelli di smartphone Vivo che riceveranno il nuovo aggiornamento ad Android 13 con la Funtouch OS 13. Nell’elenco che segue trovate anche le tempistiche di rilascio associate a ogni modello:

Novembre 2022

  • Vivo X80 Pro

Metà dicembre 2022

  • Vivo X80 Lite
  • Vivo V23 5G
  • Vivo Y55 5G
  • Vivo  Y22s
  • Vivo Y35

Metà gennaio 2023

  • Vivo X60 Pro
  • Vivo Y76 5G
  • Vivo Y72 5G
  • Vivo Y52 5G

Metà febbraio 2023

  • Vivo V21 5G

Inizio aprile 2023

  • Vivo Y21s
  • Vivo Y33s

L’articolo Vivo segue a ruota Samsung: aggiornamento ad Android 13 con Funtouch OS 13 sembra essere il primo su Androidworld.


Vivo segue a ruota Samsung: aggiornamento ad Android 13 con Funtouch OS 13

Samsung annuncia il sensore ISCOCELL HPX da 200 MP

Samsung ha annunciato il suo nuovo sensore fotocamera per smartphone da 200 MP: si chiama “ISOCELL HPX”, e segue i precedenti HP1 e HP3. Tra i suoi punti di forza, la dimensione dei pixel di 0,56 micron: grazie a questa qualità, l’area del modulo della fotocamera può essere ridotta del 20%, dando vita, quindi, alla possibilità di realizzazione smartphone più sottili e piccoli. Inoltre, l’azienda coreana ha utilizzato la tecnologia Advanced DTI (Deep Trench Isolation), che non solo separa ogni pixel individualmente, ma aumenta anche la sensibilità per catturare immagini nitide e vivide. Tra l’altro, la soluzione di messa a fuoco automatica Super QPD consentirà a ISOCELL HPX di avere una messa a fuoco automatica ultra veloce e ultra precisa.

Non manca poi il supporto alla tecnologia “Tetra pixel” (16 pixel in uno), che migliorerà la qualità delle riprese in condizioni di scarsa luminosità. Questa modalità, poi, aiuterà il sensore a passare automaticamente tra tre diverse modalità di illuminazione a seconda della luce disponibile: in un ambiente ben illuminato, la dimensione dei pixel viene mantenuta a 0,56 micron (μm), rendendo 200 milioni di pixel; in un ambiente con scarsa illuminazione, il pixel viene convertito a 1,12 micron (μm), rendendo 50 milioni di pixel; e in un ambiente con scarsa illuminazione, 16 pixel vengono combinati per creare un sensore da 2,24 micron (μm) e 12,5 milioni di pixel.

Questo nuovo sensore supporta la registrazione di video in 8K a 30 fps o 4K a 120 fps e, inoltre, a seconda dell’ambiente di ripresa, l’opzione “Staggered HDR” catturerà ombre e luci intense in una scena con tre diverse esposizioni: bassa, media e alta. Quindi combinerà tutte e tre le foto di esposizione per produrre immagini e video HDR della massima qualità. Per quanto riguarda la disponibilità sul mercato, Samsung non ha ancora annunciato nulla.

L’articolo Samsung annuncia il sensore ISCOCELL HPX da 200 MP sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung annuncia il sensore ISCOCELL HPX da 200 MP

Batteria e fotocamere della serie Samsung S23: nuovi dettagli

Giornata ricca di anticipazioni sugli attesi Samsung Galaxy S23, quella di oggi. Grazie ai leaker sguinzagliati alla caccia di informazioni sui nuovi smartphone top di gamma del gigante coreano, siamo infatti riusciti a venire a conoscenza di alcune specifiche tecniche della serie. 

Le ultime indiscrezioni riguardano le batterie di Galaxy S23+ e Galaxy S23 Ultra, oltre a informazioni più dettagliate riguardanti la fotocamera ultrawide della serie.

Canale Telegram Offerte

Batterie, buone notizie per S23+

Grazie a un precedente leak, avevamo appreso come Galaxy S23 sarà dotato di una batteria con capienza leggermente superiore (3.885 mAh) rispetto al precedente Galaxy S22 (3.700 mAh). Ora sappiamo anche i dettagli degli altri due smartphone.

Galaxy S23+, identificato dal numero di modello SM-S916, sarà dotato di una batteria numero EB-BS916ABY, dotata di una capacità nominale di 4.565 mAh (tipica 4.700 mAh). Questo rappresenta un netto miglioramento rispetto a S22+ (qui trovate la nostra recensione), che aveva una batteria da 4.500 mAh (tipica) e non era caratterizzato da una grande autonomia. Da quello che si sa, Samsung queste batterie sono prodotte da Amperex (ATL) in Cina e Samsung SDI in Vietnam.

Per quanto riguarda invece Galaxy S23 Ultra, non aspettatevi miglioramenti, in quanto la batteria, numero di modello EB-BS918ABY, ha una capacità nominale di 4.855 mAh (capacità tipica 5.000 mAh). Questa è esattamente la stessa capacità della batteria del Galaxy S22 Ultra (qui la nostra recensione), che in effetti eccelleva in autonomia. Anche in questo caso, le batterie sono prodotte da Amperex e Samsung SDI.

Fotocamera ultra grandangolare: stessa risoluzione rispetto ai Galaxy S22

L’altra anticipazione del giorno riguarda la fotocamera ultra grandangolare dei Galaxy S23 e Galaxy S23+ che, almeno dal punto di vista della risoluzione, non cambierà rispetto alla generazione precedente. Questo vuol dire che manterrà sempre il sensore da 12 MP che avevamo trovato su Galaxy S22, S22+ e S22 Ultra

È molto probabile che anche Galaxy S23 Ultra sarà dotato della stesso sensore, proprio come l’anno scorso tutti e tre i dispositivi avevano la stessa fotocamera ultra grandangolare, ma al momento non si può affermare per certo

La fotocamera dei nuovi Galaxy S23 è uno dei punti più caldi dei nuovi smartphone di Samsung, ma al momento sembra che solo la fotocamera frontale di S23 e S23+ e la fotocamera principale di S23 Ultra potranno offrire motivo di interesse.

Secondo anticipazioni precedenti, infatti, Samsung aggiornerà la fotocamera selfie della serie S23, che passerà da 10 a 12 MP, mentre il teleobiettivo non cambierà molto, restando con sensore da 10 MP e zoom ottico 3x. 

Per quanto riguarda Galaxy S23 Ultra, la fotocamera frontale potrebbe restare da 40 MP, ma non ci sono informazioni a riguardo, mentre la principale dovrebbe essere l’attesissima ISOCELL HP3 da 200 MP

Serie S23 probabilmente più cara

Infine una parola su prezzi e lancio dei nuovi Galaxy S23. La sensazione comune è che si teme questi seguano il trend del 2022 e vedano un aumento rispetto alla serie S22, mentre per quanto riguarda l’annuncio, gli esperti di settore concordano su un evento tra la fine di gennaio e la fine di febbraio 2023.

L’articolo Batteria e fotocamere della serie Samsung S23: nuovi dettagli sembra essere il primo su Androidworld.


Batteria e fotocamere della serie Samsung S23: nuovi dettagli

Le prime custodie per Samsung S23 confermano il “nuovo” design

Samsung è uno degli attori principali nel mercato smartphone a livello globale, con i suoi top di gamma che annualmente sono particolarmente attesi in tutto il mondo.

Offerte Amazon

Negli ultimi giorni sono trapelate online le prime immagini riferite ai tre modelli di Galaxy S23, dalle quali abbiamo capito che i nuovi flagship Android di casa Samsung saranno caratterizzati da un nuovo design almeno per quanto riguarda la parte posteriore.

Quello che è emerso infatti è che i nuovi top di gamma Samsung avranno un modulo fotografico non più incastonato in un’isola quadrata o rettangolare, posta in rilievo rispetto al resto della scocca posteriore, com’è accaduto fino ai precedenti Galaxy S22. Vedremo invece dei sensori fotografici indipendenti racchiusi in moduli singoli e circolari.

Arrivano importanti conferme in merito a questa ipotesi dalle recenti immagini condivise dal noto leaker Ice Universe, nelle quali vediamo le presunte custodie per Galaxy S23. Dalle immagini infatti vediamo che non ci sarà un modulo fotografico in rilievo e rettangolare, lasciando il posto a moduli indipendenti e circolari.

Le custodie appena viste ci mostrano poco altro: vediamo il piccolo foro per il flash LED, che sarà affianco ai sensori fotografici, mentre lateralmente vediamo le protuberanze per far posto al pulsante power e a quelli del volume. Sempre lateralmente vediamo i piccoli fori per i microfoni ambientali.

Vi ricordiamo che i nuovi Galaxy S23 dovrebbero venire presentati ufficialmente nella prima metà del 2023, anzi aspettiamoci che arrivino entro le prime settimane dell’anno, ovvero per gennaio o al massimo febbraio. Torneremo ad aggiornarvi non appena Samsung fornirà una data esatta per l’evento di presentazione.

L’articolo Le prime custodie per Samsung S23 confermano il “nuovo” design sembra essere il primo su Androidworld.


Le prime custodie per Samsung S23 confermano il “nuovo” design

Samsung Galaxy Tab A8 si aggiorna ad Android 12

È tempo di aggiornamenti per Samsung, in particolare modo per un suo tablet Android, il modello Galaxy Tab A8. L’update – la versione firmware è X205XXU1BVI6 – introduce sul dispositivo Android 12, affiancato alla One UI 4.0, e non la One UI 4.1, disponibile sulla serie Galaxy S22. Per quanto riguarda le modifiche, non risultano troppo vistose, tuttavia non mancano miglioramenti “nascosti” che puntano a migliorare la stabilità complessiva del sistema.

Ad esempio, tra le novità rientrano il “Material You” e la “Dynamic Color”, ovvero l’opzione che consente di abbinare il tema del proprio dispositivo allo sfondo selezionato. Inoltre, sono previsti anche controlli della privacy più accurati, a partire dagli indicatori che indicano l’accesso al microfono e alle fotocamere.

Per quanto riguarda la disponibilit, così come riportato da SamMobile, l’aggiornamento OTA in queste ora sta iniziando ad essere distribuito in diversi paesi europei, tra cui Austria, Bulgaria, regione baltica, Repubblica Ceca, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Paesi nordici, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Regno Unito.

Restando in casa Samsung, qualche giorno fa, sempre SamMobile, ha diffuso una lista di dispositivi che dovrebbe ricevere Android 13 entro la fine dell’anno. Oltre ai top di gamma – come ad esempio i dispositivi della serie “Galaxy S22” – rientra anche un cellulare di fascia media come il Galaxy A53. A questo proposito, però, segnaliamo che, almeno per il momento, l’azienda coreana non apre il programma beta della One UI per gli utenti italiani. Pertanto, per provare la nuova versione del sistema operativo occorrerà attendere il rilascio della versione stabile.

L’articolo Samsung Galaxy Tab A8 si aggiorna ad Android 12 sembra essere il primo su Androidworld.


Samsung Galaxy Tab A8 si aggiorna ad Android 12