Ma davvero c’è uno smartphone che vede sotto i vestiti?

C’è un filtro del OnePlus 8 Pro che permette di vedere attraverso i vestiti. Prima che parta la corsa all’acquisto, calma: non è proprio così. Sì, la possibilità di attraversale le superfici c’è (tanto che il gruppo sta lavorando a un aggiornamento). Ma quella della nudità esposta è una balla (tanto che il filtro non è stato disabilitato). Ecco che cosa è successo a uno degli effetti collaterali più bizzarri visti nel settore smartphone.

Origine dell’effetto collaterale

Il OnePlus 8 Pro è lo smartphone di punta del marchio cinese. È dotato di una fotocamera posteriore tripla e di un filtro, chiamato Photochrom, che permette di fotografare “in infrarosso”. L’obiettivo era (è) catturare scatti con colorazioni singolari, includendo nella vista delle fotocamere anche le lunghezze d’onda che l’occhio umano non percepisce.

L’infrarosso è lì, solo che non lo vediamo. Questa proprietà è sfruttata in diversi modi, quando è necessaria una vista alternativa a quella offerta dalla combinazione di luce e apparato umano. È il caso, ad esempio, delle camere termiche, che permettono di vedere al buio rilevando la temperatura di un individuo. Oppure dei dispositivi usati dai pompieri, per vedere attraverso il fumo.

Le fotocamere, di solito, bloccano gli infrarossi o ne ammettono solo una piccola parte proprio per riprodurre artificialmente un assetto simile a percepito dall’uomo come naturale. Il filtro di OnePlus ha invece allentato questo freno per avere immagini con uno spettro molto particolare, dagli effetti quasi lunari. Modificare lo spettro del visibile, però, ha significato anche cambiare la consistenza di alcune superfici. In altre parole: si può vedere attraverso alcuni oggetti che a occhio nudo sono impenetrabili.

I raggi x nello smartphone

Il primo ad accorgersi dell’effetto collaterale è stato il giornalista Ben Geskin. Attivando il filtro, ha potuto osservare l’interno della sua Apple Tv. Sono poi spuntate diverse immagini, di grande effetto: telecomandi neri che rivelavano le pile al proprio interno, bottiglie opache diventate trasparenti e aggeggi vari apparsi di colpo nudi.

Lo sviluppatore Guilherme Rambo si è anche divertito a riprodurre lo stesso effetto sugli iPhone. Gli smartphone della Mela, infatti, utilizzano gli infrarossi per il riconoscimento facciale. È bastata qualche modifica per portare la visione “a raggi x” anche sull’iPhone. Chiaro però che un conto è l’arrembaggio di uno sviluppatore e altra cosa è un filtro a disposizione di tutti.

One of the best examples #OnePlus8Pro Color Filter Camera can see through some plastic pic.twitter.com/UkaxdyV6yP

— Ben Geskin (@BenGeskin) May 13, 2020

Il filtro vede attraverso i vestiti?

Alla grande curiosità delle prime ore sono subentrati i timori, rimbalzati soprattutto sui social cinesi. In particolari circostanze, infatti, la vista a infrarossi permette di penetrare alcuni tessuti, come dimostrato (tra gli altri) da AndroidPit. Oddio, ma allora potremo spogliare gli sconosciuti con lo smartphone. Non proprio: l’effetto trasparenza, che fa impressione sugli oggetti, sui vestiti è più blando. Funziona solo con pochi materiali, solo con alcuni colori (scuri), riprendendo da un certa distanza (molto ridotta), con determinate condizioni di luce e angolazione.

La decisione di OnePlus

OnePlus ha comunque deciso di intervenire, anche se con modalità diverse in Cina e nel resto del mondo. “Sebbene riteniamo che questa fotocamera offra agli utenti la possibilità di essere più creativi – ha spiegato un portavoce – capiamo le preoccupazioni” in tema di privacy. La compagnia sta lavorando a un aggiornamento che eviti le distorsioni segnalate dagli utenti. Sarà disponibile “nelle prossime settimane”.

Nel frattempo, il filtro è stato disabilitato “temporaneamente” su HydrogenOS, il sistema operativo che copre il mercato cinese. Si tratta, spiega la società, di una “precauzione” dovuta alle molte “informazioni false e fuorvianti circolate sui social media” del Paese asiatico. Nel resto del mondo, dove gira il sistema operativo OxygenOS, in attesa dell’aggiornamento il filtro non verrà disabilitato.

Agi

Date un tocco di LG Velvet al vostro smartphone con i suoi sfondi ufficiali in HD (foto)

A inizio mese LG ha svelato il nuovo LG Velvet. Si tratta di uno smartphone di fascia media che andrà a inaugurare una nuova serie al posto della storica famiglia LG G. Il telefono oltre che nel nome, totalmente diverso dalle scelte del passato e dagli altri esemplari della gamma LG, sfodera un design profondamente diverso che punta a una riconoscibilità immediata.

Al momento purtroppo è ordinabile solamente in Corea del Sud e ancora non sappiamo quando arriverà in Italia. Se però non volete attendere potete dare un tocco di novità anche al vostro dispositivo grazie agli sfondi ufficiale di LG Velvet. Appena estratti dal firmware, le 16 immagini fanno il paio in stile e gusto cromatico con le linee del nuovo modello.

LEGGI ANCHE: I migliori smartphone compatti del 2020

Per scaricarli uno a uno nella massima risoluzione di 2.460 x 1.080 pixel vi ricordiamo di cliccare su “file originale” dopo aver aperto la galleria qui sotto. Altrimenti a questo link potete trovate un comodo file zip con tutte le immagini. Infine, tenete presente che gli sfondi, così come il display di LG Velvet, sono in proporzione 20,5:9.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Date un tocco di LG Velvet al vostro smartphone con i suoi sfondi ufficiali in HD (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

La pandemia ha rivoluzionato il mercato degli smartphone. La strategia di Oppo in Italia

Il 22 maggio Oppo lancia sul mercato la serie di smartphone Find X2 con cui punta a presidiare la fascia medio-alta e alta del mercato in un momento particolarmente difficile per la crisi innescata dalla pandemia e in un panorama in cui gli equilibri sono stati rivoluzionati dalla guerra commerciale tra Usa e Cina. Ne abbiamo parlato con Li Ming, ceo di Oppo Italia.

Qual è la strategia di vendita in Italia: rapporto con i negozi fisici, gli operatori di telefonia e le vendite online

Oppo ha da sempre un DNA legato all’esperienza d’acquisto in-store. In tutti i paesi in cui Oppo è presente il negozio fisico viene vissuto come un vero e proprio punto di informazione dove l’utente finale può toccare con mano il prodotto, può chiedere informazioni ed essere guidato nel suo processo d’acquisto grazie a personale altamente qualificato. Questa stessa esperienza è stata trasferita anche in un mercato come quello italiano in cui, compatibilmente con le riaperture dei negozi a seguito dell’attuale situazione, isole, shop-in-shop e promoter continueranno a supportare il consumatore. Per quanto riguarda l’esperienza di acquisito online, invece, abbiamo recentemente lanciato la brand page su amazon.it.  È un passo molto importante, perché non solo rappresenta un momento decisivo dell’espansione di Oppo nel mercato italiano, ma, soprattutto, testimonia il profondo interesse e lealtà che l’azienda nutre nei confronti dell’Italia. Infine, con gli operatori il rapporto è ottimo e collaboriamo su diversi fronti ed espanderemo la lista nel corso dei prossimi lanci prodotto.  Oppo continuerà a lavorare per garantire ai clienti e all’Italia servizi e soluzioni all’avanguardia, rinforzando la struttura di vendita e integrando l’esperienza d’acquisto negli store fisici e digitali.

In Italia un prodotto come il Find X2 può occupare lo spazio che inevitabilmente sarà lasciato vacante dai flagship di Huawei?

Find X2 Pro è un prodotto pensato per soddisfare le esigenze di una specifica fetta di mercato. L’obiettivo di Oppo non è quello di occupare spazi vacanti, ma quello di mettere l’esperienza del consumatore al centro, fornendogli un prodotto in cui hardware e software rappresentino una sintesi della tecnologia di cui hanno bisogno. Find X2 Pro, infatti, è uno smartphone che include tutte le ultime tecnologie in campo display, ricarica e performance ed è il compagno perfetto sia per chi vuole farne un uso business sia per chi predilige un utilizzo più ludico. Grazie al suo Ultra Vision display a 120Hz, la ricarica veloce Super VOOC 2.0, il processore Snapdragon 865+ e un sistema di fotocamere di ultima generazione rappresenta un prodotto di eccellenza in grado di rivaleggiare con tutti i top di gamma presenti sul mercato. È un telefono che nasce con la volontà di offrire un prodotto di grande qualità per tutti coloro che cercano l’ultima tecnologia senza compromessi.

Temete che la saturazione del mercato dei flagship possa essere anticipata dalla crisi economica innescata dalla pandemia?

Senza dubbio la situazione economica attuale sta avendo un impatto sulla propensione all’acquisto dei consumatori italiani e non solo. Questo è il motivo per cui la nostra serie flagship Find X2 posiziona smartphone a tutte le fasce di prezzo in grado di offrire prestazioni ottimali a ogni livello. Con Find X2 Pro copriamo la fascia alta grazie a performance e caratteristiche di eccellenza. Con Find X2 Neo, un vero e proprio top di gamma nel corpo di un medio di gamma, siamo in grado di raggiungere un’utenza che non vuole sacrificare le prestazioni a un prezzo contenuto. Infine, Find X2 Neo con un prezzo aggressivo e caratteristiche eccellenti rappresenta una solida scelta nel panorama degli android phone. Siamo convinti che questa diversificazione dell’offerta a livello di specifiche e prezzo sia una scelta pensata proprio per andare incontro alle necessità del pubblico.

A che punto è secondo voi lo sviluppo del 5G in Italia e cosa vi aspettate da questa tecnologia nel nostro Paese?

In Oppo abbiamo investito nella tecnologia 5G sin dall’inizio, sia creando molti degli standard di comunicazione necessari all’ implementazione della rete sui nostri dispositivi, sia collaborando con le differenti aziende del settore per supportare la sua diffusione. In Italia il 5G inizia a essere a un ottimo punto, la realizzazione delle infrastrutture necessarie e la diffusione della rete sta andando avanti grazie al supporto degli operatori. Proprio per questo, e non a caso, OPPO ha lanciato una linea – Find X2 – completamente compatibile con la rete 5G con il chiaro obiettivo di democratizzare questa tecnologia rendendola accessibile a tutti gli utenti e non solo a quelli premium. Crediamo fortemente nel 5G e siamo convinti che rappresenterà una risorsa importantissima che influenzerà e formerà la società del prossimo futuro.

Agi

L’ecosistema di Honor, dallo smartphone allo spazzolino da denti

Honor, privata dei Gms al pari di Huawei (di cui è uno spin-off, ormai da qualche anno indipendente almeno in termini di marketing), sta creando quell’ecosistema di prodotti che almeno in alcuni mercati dovrebbero aiutare a costituire un’alternativa al mondo Google. L’obiettivo, ovviamente, è farlo attraverso l’Iot e per questo ha lanciato un nuovo portfolio di prodotti che va dallo smartphone allo spazzolino da denti.

In una prima fase MagicBook Pro, ViewPad 6, Router 3, Vision X1 e una suite di dispositivi per la casa intelligenti sono destinati alla Cina continentale, ma ci sono prodotti che arriveranno anche in Europa.

Magicbook Pro e ViewPad 6

La serie MagicBook è stata progettata per giovani professionisti e studenti che cercano caratteristiche e funzionalità superiori ad un prezzo accessibile con imtegrtato l’abbonamento di 1 anno a Microsoft 365 Personal.

MagicBook Pro da 16,1 pollici ha un rapporto schermo/corpo del 90%, è alimentato da un processore Intel Core i7-10510U di decima generazione e dalla scheda grafica NVIDIA GeForce MX350​

ViewPad 6 monta il processore Kirin 985 5G SoC e supporta la connettività Wi-Fi 6+, display FullView 2K, ed è compatibile con Magic-Pencil. Sarà disponibile nei mercati esteri a partire da giugno. 

Router 3 e Vision

Wi-Fi 6 è la prossima generazione di tecnologia Wi-Fi e Router 3 sarà il primo router Honor ad adottare questo ultimo standard Wi-Fi che permette agli utenti di usufruire di velocità più elevate. Composto da un chipset Wi-Fi 6+ e da una CPU Gigahome Dual-core da 1,2 GHz, può raggiungere una maggiore larghezza di banda, velocità più elevate e un minore consumo energetico. Promette velocità fino a 3.000 Mbps di throughput su una banda a 2,4Ghz e una banda a 5Ghz.  Router 3 supporta anche la tecnologia multiutente OFDMA per connessioni dirette ad una serie di dispositivi che garantiranno una maggiore stabilità e un migliore streaming dei dati con una bassa latenza. HONOR Router 3 sarà disponibile sul mercato estero a partire da luglio.

Lo smart screen Vision X1 è una smart TV dotata di un assistente intelligente e può essere controllata da altri dispositivi Honor.  È disponibile nelle versioni da 65, 55, 50 pollici e 50 pollici.

Smart home

Choice include una gamma completa di prodotti smart che coprono il sistema home, lo sport, l’intrattenimento, la tecnologia e i viaggi. Gli auricolari TWS Earbuds X1, hanno una durata della batteria fino a 24 ore.

Smart Vacuum Cleaner è uno strumento di pulizia alimentato da un motore da 350W 100.000 giri/min con una batteria che dura fino a 65 minuti. È inoltre dotato di un sistema di pulizia a sterilizzazione a raggi ultravioletti per eliminare efficacemente i batteri su diverse superfici.

Il moltiplicatore d’aria e l’umidificatore per sfuggire al caldo e a rimanere al fresco, mentre la lampada da tavolo, lo spazzolino da denti elettronico e lo Smart Kettle sono dotati di una serie di impostazioni intelligenti e saranno disponibili nei mercati esteri a partire da giugno.

Agi

Xiaomi è la prima ad aggiornare una GPU per smartphone attraverso un app store (foto)

Xiaomi ha appena compiuto un importante passo nell’ambito degli aggiornamenti software per i dispositivi mobili, e in particolare per i processori che li animano.

Il produttore cinese ha appena aggiornato la GPU integrata nei SoC top di gamma Snapdragon 865. La Adreno 650, che anima Xiaomi Mi 10 e Redmi K30 Pro, ha ricevuto un nuovo aggiornamento che ha introdotto miglioramenti per l’esperienza gaming: oltre ai driver sono stati aggiornati anche OpenGL ES e Vulkan. Ma la vera notizia è come l’aggiornamento è stato distribuito: l’update è arrivato attraverso l’app store cinese di Xiaomi.

LEGGI ANCHE: 10 aziende di telefonia che non ci sono più

Una delle caratteristiche interessanti dei nuovi Snapdragon di Qualcomm, ovvero quelli delle serie Snapdragon 765 e Snapdragon 865, consiste proprio nella possibilità di essere aggiornati, dal punto di vista software, attraverso i classici store delle app. Questo sicuramente rende più agevole e veloce l’aggiornamento da parte dei produttori di smartphone.

La novità è attualmente in fase di distribuzione in Cina, non sappiamo se Xiaomi vorrà e riuscirà a percorrere la stessa strada per l’update delle GPU anche in Europa.

L’articolo Xiaomi è la prima ad aggiornare una GPU per smartphone attraverso un app store (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Nuova promozione Samsung all’orizzonte: rimborsi fino a 200€ su smartphone, tablet, smartwatch e auricolari

Secondo le ultime indiscrezioni, a partire da lunedì 6 aprile Samsung lancerà una nuova promozione sul suolo italiano, denominata Più vicini con Galaxy. Lo slogan fa riferimento a questo periodo in cui siamo costretti a norme di distanziamento sociale, che possono essere superate virtualmente con l’ausilio della tecnologia.

La promozione consisterà in rimborsi (cashback) fino a 200€ – sotto forma di bonifici bancari – per chi acquisterà, entro il 19 aprile 2020, i dispositivi eleggibili per la promozione. Si tratta di diversi modelli di smartphone, tablet, smartwatch e auricolari, di recente uscita sul mercato e per tutte le tasche. Ma andiamo a vederli più nel dettaglio, insieme ai relativi rimborsi.

LEGGI ANCHE: Recensione Samsung Galaxy Note 10

Smartphone

  • Galaxy Note 10+ (N975F): rimborso di 200€
  • Galaxy Note 10 (N970F): rimborso di 200€
  • Galaxy Note 10+ 5G (N976B): rimborso di 200€
  • Galaxy S10+ (G975F): rimborso di 100€
  • Galaxy S10 5G (G977B): rimborso di 100€
  • Galaxy S10 (G973F): rimborso di 100€
  • Galaxy S10 Lite (G770F): rimborso di 100€
  • Galaxy Note 10 Lite (N770F): rimborso di 100€
  • Galaxy A71 (A715F): rimborso di 80€
  • Galaxy A51 (A515F): rimborso di 80€

Tablet

  • Galaxy Tab S6 10.5 LTE 128GB (T865N): rimborso di 100€
  • Galaxy Tab S6 10.5 WiFi 128GB (T860N): rimborso di 100€
  • Galaxy Tab S5e 10.5 LTE 64GB (T725N): rimborso di 100€
  • Galaxy Tab S5e 10.5 WiFi 64GB (T720N): rimborso di 100€

Smartwatch

  • Galaxy Watch Active 2 Aluminium 44 BT (R820NZ): rimborso di 80€
  • Galaxy Watch Active 2 Aluminium 40 BT (R830NZ): rimborso di 80€
  • Galaxy Watch Active 2 LTE (R825F): rimborso di 80€
  • Galaxy Watch LTE (R805F): rimborso di 80€
  • Galaxy Watch Active (R500N): rimborso di 80€
  • Galaxy Watch 46mm BT (R800N): rimborso di 80€
  • Galaxy Watch 42mm BT (R810N): rimborso di 80€

Auricolari

  • Galaxy Buds+ (R175N): rimborso di 50€

I negozi aderenti alla promozione Samsung, oltre allo store online del produttore stesso, saranno: Mediaworld, Euronics, Trony, Expert, Comet, Bytechno, Monclick, Bennet, Carrefour, Esselunga, Auchan, Il Gigante, COOP, Panorama, Iperal, App Mediolanum, Home Banking Intesa San Paolo e Banca Agricola Popolare di Ragusa. In più, anche alcuni operatori telefonici aderiranno all’iniziativa, fra cui TIM (anche store TIM Retail), Vodafone, WindTre e Fastweb. In conclusione, sottolineiamo nuovamente che, per ora, si tratta ancora di indiscrezioni, che dovranno essere confermate direttamente da Samsung stessa.

OFFERTE SU AMAZON

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Nuova promozione Samsung all’orizzonte: rimborsi fino a 200€ su smartphone, tablet, smartwatch e auricolari sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Lo smartphone ideale se si è costretti in casa dalla quarantena (e non solo)

In tempi di quarantena, di teatri e cinema quasi impraticabili e di luoghi pubblici deserti, lo smartphone diventa un compagno di vita ancora più stretto di quanto non sia stato finora. In molti casi, grazie alle videochiamate, diventa l’unico modo per mantenere i contatti con amici e familiari o per seguire online le lezioni scolastiche e universitarie. In altri uno strumento indispensabile per ammazzare le interminabili ore di noia giocando o guardando una serie in streaming.

 In ognuno di questi casi la qualità del display e del comparto fotografici sono fondamentali e il lancio del nuovo modello di punta Oppo è quantomai tempestivo. Rinviato di due settimane rispetto a quello previsto al Mobile World Congress di Barcellona e ‘celebrato’ rigorosamente in streaming per evitare la concentrazione di centinaia di persone in un luogo chiuso l’evento di presentazione del 5G Find X2 Pro proietta la casa cinese fino a ieri nota per la qualità dei prodotti a costo contenuto nel mondo dei top di gamma con uno smartphone da 1.200 euro.

Il display, si diceva, è pensato per dare la qualità più alta grazie a una frequenza di aggiornamento a 120Hz, supportato da un procesore Snapdragon 865 di Qualcomm. La capacità di ricarica della batteria da 4260 mAh è resa molto veloce dalla ricarica flash SuperVOOC 2.0 da 65 W (più potente di alcune in dotazione ai computer portatili). Lo schermo QHD+ Ultra Vision a 120Hz con 1 miliardo di variazioni di colore ha una risoluzione di 3168*1440, 513 ppi e una riflettività ultra-bassa e una luminosità massima fino a 1200nit. Supporta anche il sistema di protezione oculare adattiva AI che può regolare in modo intelligente la temperatura e la luminosità del colore dello schermo in base al colore dell’ambiente circostante.

“Il display della Serie Find X2 è nitido, fluido e professionale e fissa un nuovo standard per gli smartphone, portando l’interazione mobile e l’esperienza di visualizzazione ad un nuovo livello nell’era del 5G”, ha dichiarato Michael Tran, Head of Strategy & Product Marketing di OPPO Western Europe. Find X2 integra doppi altoparlanti ad alta potenza e Dolby Atmos e riconosce in modo intelligente scenari come musica, film e giochi.

La fotocamera principale da 48MP (obiettivo grandangolare) adotta un sensore custom Sony IMX689 combinato con la doppia tecnologia OIS nativa, l’autofocus All Pixel Omnidirezionale con capacità di raggiungere la messa a fuoco pixel al 100% e zoom ibrido 10x di seconda generazione. 

Oltre a far fronte a un ambiente di rete complesso come 4G, 5G e WiFi, la serie OPPO Find X2 integra la tecnologia OPPO Smart 5G, supporta 5G + 4G a doppio ricevitore, doppia scheda e doppio standby. 

Agi

Con cosa ci stupirà OnePlus il 3 marzo? Non sarà uno smartphone, questi i primi indizi (video)

I prossimi top di gamma OnePlus arriveranno con l’ufficializzazione della serie OnePlus 8 ma, stando a quanto emerso nelle ultime ore, il produttore cinese starebbe preparando un’ulteriore novità.

Quanto appena detto emerge dal tweet pubblicato dalla divisione indiana di OnePlus. Il contenuto, che potete vedere in fondo a questo articolo, è centrato su un breve video che mostra dei dettagli confusi di un dispositivo non identificato e che sarà presentato ufficialmente il prossimo 3 marzo. Anche OnePlus UK ha detto la sua, specificando che non si tratterà di uno smartphone o di un prodotto commerciale ma senza aggiungere altro.

LEGGI ANCHE: OnePlus 7T Pro, la recensione

Dunque intuiamo che potrebbe trattarsi del concept di un dispositivo. Sicuramente non sarà OnePlus 8, che vedremo successivamente al 3 marzo.

L’articolo Con cosa ci stupirà OnePlus il 3 marzo? Non sarà uno smartphone, questi i primi indizi (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Installare WhatsApp, Instagram e Facebook sugli smartphone Huawei senza Google

Si chiama TrovApp ed è stata interamente sviluppata da un team italiano per aiutare chi ha comprato un telefono Honor o Huawei senza Google Play (come il Mate 30 o il Vera 30 e presto il pieghevole Xs) a scaricare le app che altrimenti non troverebbero su AppGallery, lo store del colosso cinese. La nuova applicazione è stata ideata per facilitare l’utilizzo dei dispositivi Huawei dotati di HMS (Huawei Mobile Service): è un vero e proprio motore di ricerca che suggerisce all’utente dove poter scaricare le app che si desiderano, sia che si trovino su AppGallery sia che siano presenti su store alternativi, offrendo inoltre alcuni suggerimenti per il corretto utilizzo delle app o del servizio.

Lo scopo è proprio quello di agevolare i consumatori dei nuovi dispositivi dell’azienda cinese grazie a circa 600 tra le applicazioni più diffuse e popolari in Italia e nel mondo. L’obiettivo è quello di incrementare questo numero nel minor tempo possibile e di raggiungere, nelle prossime settimane, 1.500 app, in modo da avere un portfolio ancora più ampio e soddisfare le esigenze di tutti gli utenti.

Utilizzare TrovApp è semplicissimo. È sufficiente scaricarla dall’AppGallery, lo store ufficiale di Huawei preinstallato su tutti i loro dispositivi, ed è pronta per essere usata. Si presenta come un classico motore di ricerca, ed è possibile vedere tutte le applicazioni disponibili ordinandole per popolarità o per nome. Inoltre, per facilitare la ricerca di nuove app, è possibile filtrarle per categoria. Se invece si vuole trovare più velocemente un’app di cui si conosce già il nome, è possibile ricercarla nella barra dedicata “Cerca App”. Una volta selezionata l’applicazione che si desidera scaricare, si apre una pagina in cui vengono suggeriti i metodi migliori per ottenerla: direttamente da AppGallery, dalla versione Web ufficiale oppure da uno store alternativo, come Amazon Store o APKPure.

Qualora l’applicazione ricercata non dovesse essere disponibile al download su questi store, Trovapp propone una soluzione alternativa. Per i video, ad esempio, suggerirà l’utilizzo di YouTube nella Web version, oppure il download di app terze come Video for YouTube o YouTube BackGround Player. Per favorire un’esperienza d’uso più completa possibile, una volta individuata l’app da scaricare, TrovApp suggerisce anche applicazioni terze per utilizzare al meglio tutte le funzionalità dell’app selezionata. Ad esempio, in caso di download dell’applicativo Whatsapp dal sito ufficiale, TrovApp suggerirà anche il download di app come Here we Go o Maps.me, per la condivisione della propria posizione.

Una volta scaricate le applicazioni desiderate sul proprio device è possibile anche effettuare gli aggiornamenti. In particolare, se si tratta di app trovate su AppGallery l’update è automatico, mentre per quelle installate da store alternativi, è necessario avere sul proprio dispositivo l’applicazione dello store di riferimento da cui sono state scaricate, Amazon Store o ApkPure. In questo caso gli utenti ricevono una notifica push dall’app dello store e, cliccando, accedono direttamente all’aggiornamento.

Tutte le applicazioni presenti su TrovApp sono state testate e verificate sui dispositivi Huawei dotati di HMS, sia per il download che per il funzionamento.

Agi