Non solo nuovi Pixel: Google rinnova la sua app Recorder con diverse funzionalità di audio editing (foto)

Quella di oggi non è stata solo la giornata dei nuovi Pixel di Google, perché BigG ha annunciato una serie di novità software che riguardano alcune delle sue app più recenti.

Dopo aver visto le novità in fase di distribuzione per il nuovo editor delle immagini integrato in Google Foto, andiamo a vedere le novità annunciate da Google per la sua app Recorder. L’app è il registratore audio che BigG ha lanciato recentemente per i suoi Pixel (a partire da Pixel 2) e che con quest’ultimo aggiornamento diventa un editor audio: tra le novità infatti troviamo la possibilità di selezionare segmenti specifici del file registrato per condividerli oppure eliminarli dalla registrazione.

LEGGI ANCHE: come seguire le offerte dell’Amazon Prime Day 2020

Tra le novità Google ha anche annunciato la possibilità di ricercare uno specifico termine a partire dalla trascrizione del file audio registrato per eliminarlo anche dalla stessa registrazione. Quest’ultima funzionalità dovrebbe essere disponibile, in lingua inglese, da subito per Pixel 5 e dovrebbe funzionare anche offline.

Google non ha specificato se quest’ultima novità arriverà anche per le generazioni precedenti di Pixel, così come non sappiamo quando e come verrà aggiornata l’app Recorder.

L’articolo Non solo nuovi Pixel: Google rinnova la sua app Recorder con diverse funzionalità di audio editing (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Tutte le specifiche tecniche di Galaxy Z Fold 2: se solo costasse meno!

Galaxy Z Fold 2 è stato in parte annunciato qualche settimana fa. Diciamo “in parte”, perché ancora mancano disponibilità e prezzo precisi (anche se abbiamo già vari indizi in merito), e qualche dettaglio dalla scheda tecnica era ancora assente. Ci mette ora una pezza Winfuture, che riporta tutte le specifiche dello smartphone pieghevole, unite a qualche informazione ulteriore.

  • Schermo cover: 6,23” (816 x 2.267 pixel, 25:9) a 60 Hz, HDR10+
  • Schermo pieghevole: 7,6” AMOLED (2.208 x 1.768 pixel) fino a 120 Hz con Ultra Thin Glass, HDR10+
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 865+
  • RAM: 12 GB LPDDR5
  • Memoria interna: 256 GB UFS 3.1 non espandibile
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 12 megapixel, f/1.8, OIS, pixel da 1,8 micrometri, dual PDAF
    • Teleobiettivo: 12 megapixel, f/2.4, pixel da 1 micrometri
    • Grandangolo: 12 megapixel, f/2.2, pixel da 1,12 micrometri
  • Fotocamera cover screen: 10 megapixel, f/2.2 a fuoco fisso, 1,22 micrometri
  • Fotocamera schermo pieghevole: 10 megapixel, f/2.2 a fuoco fisso, 1,22 micrometri
  • Connettività: nano SIM + eSIM, LTE, 5G, Wi-Fi 6, Bluetooth 5, NFC, GPS, USB-C
  • Batteria: 4.500 mAh con ricarica rapida a 25W, wireless a 11W e reverse wireless charging
  • Dimensioni: 159,2 x 68-128,2 x 16,8-6,9 mm
  • Peso: 279 grammi
  • OS: Android 10 con One UI 2.5

Lo schermo pieghevole ha inoltre applicata una pellicola protettiva di plastica. Non dovrebbe trattarsi di una protezione “portante” come nel caso del primo Galaxy Fold, ma del resto perché rimuovere una protezione da quello che è il più fragile dei due display?

Lato software il multi-windows la fa da padrone, dato che secondo Samsung è possibile gestire fino a 3 applicazioni contemporaneamente in parallelo senza difficoltà.

Abbiamo anche qualche dato di autonomia: fino a 31 ore in 4G, anche se non è ben chiaro con che utilizzo e con quale schermo.

Riguardo le fotocamere, la registrazione video si ferma in 4K, mentre la riproduzione è possibile anche di contenuti fino in 8K (7.680 x 4.320 pixel) a 60 fps. Abbiamo anche funzioni avanzate di stabilizzazione dei video, Super Night Shot, Super Slow Motion con 960 fotogrammi al secondo, e messa a fuoco live per l’effetto Bokeh. L’audio è affidato a due speaker stereo ottimizzati da AKG

Viene infine ribadito il prezzo, che di listino dovrebbe essere di 1.999€ con possibili rincari a 2.009€ in alcuni paesi europei (noi sapevamo 2.049€ in Italia, ma lieti se ci sarà uno “sconto”). In ogni caso il 1° settembre ci sarà un nuovo evento Samsung con il quale si apriranno ufficialmente i pre-ordini, ed i pochi dettagli ancora mancanti (ad esempio gli eventuali bundle) saranno svelati.

L’articolo Tutte le specifiche tecniche di Galaxy Z Fold 2: se solo costasse meno! sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Riparte la RED NIGHT di MediaWorld: solo 12 ore di offerte

Ancora una volta riparte la RED NIGHT di MediaWorld, ovvero 12 ore di offerte. Dovrete però fare in fretta: sono partite alle ore 21:00 di oggi, 18 agosto, per terminare alle 9:00 di domani, 19 agosto. Se stavate cercando smartphone, notebook o smart TV, forse questa notte è il momento giusto per fare l’acquisto.

Come al solito, oltre agli ottimi sconti troviamo anche la possibilità di acquistare a rate a tasso zero e la consegna gratuita per gli acquisti a partire da 99€. Qui sotto vi lasciamo una selezione di prodotti, ma se volete dare un’occhiata a tutte le offerte disponibili non vi resta che seguire il link alla pagina principale.

Smartphone

  • Samsung S20+ | 1029,00€ 749,00€ | Blue – Black
  • Samsung Note 10+ | 1129,00€ 779,00€ | Aura Glow – Aura Black
  • Samsung Galaxy A30s | 259,99€ 179,90€ | Black – Green – White
  • Xiaomi Redmi Note 9 Pro 6/128 | 299,99€ 289,99€ | Link
  • Xiaomi Mi Note 10 | 599,00€ 379,00€ | Black – White – Green

Notebook

  • Huawei Matebook D 14 | 699,00€ 629,00€ | Link
  • HP 250 G7 | 599,00€ 499,00€ | Link
  • Microsoft Surface Pro 7 128 GB i5 | 1079,00€ 799,00€ | Link

L’articolo Riparte la RED NIGHT di MediaWorld: solo 12 ore di offerte sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Rivoluzione in casa Vodafone: niente più rimodulazioni entro i primi 6 mesi e recesso anche solo da una opzione

A seguito di un procedimento sanzionatorio attivato dall’Autorità Garante per le Comunicazioni, Vodafone ha definito una serie di impegni che verranno applicati nei prossimi mesi per rimediare alla sua posizione e migliorare la concorrenza nel settore. Si tratta di sei attività che l’operatore metterà in campo rivoluzionando in parte il rapporto con i propri utenti. Andiamole a vedere in dettaglio una a una.

Prima di tutto Vodafone ha dichiarato che non applicherà variazioni unilaterali alle condizioni di contratto – le cosiddette rimodulazionialle offerte voce e dati attivate da meno di 6 mesi dai clienti. In poche parole sottoscritta una tariffa si dovrebbe stare tranquilli che il costo non cambierà almeno per il primo semestre.

Un’altra importante novità, come riportavamo anche nel titolo, riguarda la possibilità di recedere solamente da un servizio o da una opzione aggiuntiva contenuta in un contratto. Questa facoltà associata alla modifica del servizio permetterà quindi di escludere quel servizio per cui il prezzo è stato variato senza dover per forza rinunciare a tutto il resto.

LEGGI ANCHE: I 15 migliori prodotti tecnologici del 2020 finora (secondo noi)

Il resto degli impegni coinvolgono invece aspetti di trasparenza nel rapporto con i clienti, in particolare Vodafone si impegna a:

  • fornire una sintesi contrattuale integrativa subito dopo la firma di un contratto,
  • creare una sezione nell’area personale in cui siano riportate in ordine cronologico e dettagliatamente tutte le modifiche contrattuali applicate ai clienti che rientrano nella tipologia di offerta oggetto della modifica
  • informare l’Agcom ad ogni modifica contrattuale e
  • creare un’Unità di Vigilanza che verifichi ogni sei mesi la corretta applicazione dei precedenti impegni.

Tutti questi impegni sono stati accettati dall’Autorità (determina 90/20/DTC) al termine di un procedimento sanzionatorio conclusosi lo scorso febbraio con la condanna dell’operatore (atto di contestazione 2/20/DTC). Il procedimento era stato aperto a luglio 2019 da alcuni clienti in possesso di una SIM dati con tariffa a consumo che si erano visti applicare un canone fisso di 5€, proprio a seguito di una rimodulazione.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

L’articolo Rivoluzione in casa Vodafone: niente più rimodulazioni entro i primi 6 mesi e recesso anche solo da una opzione sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

La fotocamera “magica” di OnePlus 8 Pro è ancora accessibile, vi serve solo ADB (foto)

Poco dopo il lancio di OnePlus 8 Pro si è scoperto che il sensore color filter incluso nel top di gamma dell’azienda è in grado di vedere attraverso alcune parti di plastica (come quelle che coprono i sensori ad infrarossi dei telecomandi. Tale funzione è stata poi rimossa (in parte), introducendo un algoritmo che confronta anche i dati in arrivo dal sensore principale.

Ovviamente, però, il sensore è ancora lì, quindi teoricamente dovrebbe essere possibile accedervi comunque, giusto? La risposta è “Sì”, ed è anche più semplice di quanto pensiate: come scoperto da un utente di XDA, vi basta un comando ADB.

In pratica la situazione è questa: il sensore è accessibile tramite l’app Factory Mode, ma questa va lanciata tramite un comando ADB (che trovate appena più sotto). Dopo aver attivato l’app tramite ADB, potete “bloccare” l’applicazione in modo che rimanga in memoria, e quindi senza dover per forza richiamare il comando ogni volta. Il comando di ADB è:

adb shell am start -n com.oneplus.factorymode/.camera.manualtest.CameraManualTest

Dopo aver avviato il comando, partirà l’applicazione citata. Tramite il pulsante in basso potete accedere a tutte le fotocamere. Quella relativa al color filter è la numero 4.

LEGGI ANCHE: Google lavora per uniformare il design di Assistant su tutti gli smartphone Android

La cosa interessante è che tutto questo è possibile senza dover sbloccare il bootloader o richiedere i permessi di root, ampliando enormemente il bacino di utenti che ne possono usufruire.

L’articolo La fotocamera “magica” di OnePlus 8 Pro è ancora accessibile, vi serve solo ADB (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Realme non pensa solo agli smartphone: ecco le sue true wireless che difficilmente passeranno inosservate (foto)

Realme è l’azienda cinese nata da OPPO e che negli ultimi tempi ha dimostrato un particolare interesse per i mercati europei, come quello italiano. Nelle ultime ore l’azienda ha ufficializzato dei nuovi accessori: un paio di nuove cuffie true wireless e due powerbank.

Realme Buds Q: Caratteristiche Tecniche

  • Bluetooth 5.0 (AAC codec) compatibile con dispositivi Android e iOS.
  • Driver da 10mm con multi-layer avanzato LCP.
  • Controlli touch per la gestione multimediale, la gestione delle chiamate e l’attivazione di Google Assistant.
  • Sensore infrarossi per la messa in pausa / riproduzione automatica quando gli auricolari vengono rimossi o posizionati alle orecchie.
  • Chip R1 per la modalità gaming a bassa latenza (119 ms).
  • Peso di 3,6 grammi per auricolare.
  • Resistenza all’acqua (certificazione IPX4)
  • Batteria integrata che promette 4,5 ore di autonomia, case con batteria da 400 mAh che promette ulteriori 20 ore di autonomia.
  • Case con porta di ricarica USB Type-C.

Realme 10000mAh 30W powerbank

  • Capacità da 10000mAh.
  • Dual output USB Type-A e USB Type-C.
  • 30W (5V-2A/5V-3A/5V-6A/9V-3A/12V-2.5A) Input via USB Type-C.
  • 30W (5V-3A/5V-6A/9V-3A/12V-2.5A/15V-2A) USB Type-C / Type-A Single-Port Output.
  • 25W (5V-5A) USB Type-C / Type-A Dual Port Output.
  • Diversi livelli di protezione contro le sovracorrenti, surriscaldamenti.
  • Modalità di ricarica a bassa potenza per i dispositivi IoT.
  • Spessore di 17 mm.
  • Peso di 230 grammi.
  • Tempo di ricarica in poco meno di 2 ore (con caricatore rapido a 30W).

Realme 10000mAh power bank 2

  • Capacità da 10000mAh.
  • Dual output USB Type-A e USB Type-C.
  • 18W (5V-3A/9V-2A/12V-1.5A) two-way fast charging via USB Type-C.
  • USB Type-A Output (5V-3A/9V-2A/12V-1.5A).
  • Diversi livelli di protezione contro le sovracorrenti, surriscaldamenti.
  • Spessore di 15 mm.
  • Peso di 216 grammi.
  • Tempo di ricarica in poco meno di 3,4 ore (con caricatore rapido a 18W).

Uscita e Prezzi

Le nuove Realme Buds Q sono state annunciate per il mercato cinese nelle colorazioni Black, White e Yellow ad un prezzo equivalente a circa 18€. Il powerbank con supporto alla ricarica rapida Dart è stato annunciato al prezzo equivalente a circa 25€, mentre il secondo powerbank arriverà all’equivalente di circa 14€.

Al momento non è noto se e quando Realme commercializzerà questi nuovi prodotti anche in Europa. Le speranze di vedere le Buds Q anche in Italia non sono assolutamente poche, vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

Realme Buds Q – Immagini

Realme powerbank – Immagini

L’articolo Realme non pensa solo agli smartphone: ecco le sue true wireless che difficilmente passeranno inosservate (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Hitman Sniper è gratis su App Store e Play Store, ma solo per pochi giorni

Vi segnaliamo un’interessante promozione per gli appassionati di videogiochi mobile. Square Enix ha deciso di rendere temporaneamente gratuito Hitman Sniper, sia per i possessori di un dispositivo iOS, sia Android.

Il gioco, appartenente alla celeberrima saga di Hitman, venne lanciato nel 2015 e da allora è stato acquistato da decine di milioni di utenti in tutto il mondo. Sebbene non si tratti dunque di una delle ultime uscite, nel caso non l’aveste ancora giocato, è arrivata l’occasione giusta per recuperarlo.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S20 vs iPhone 11 Pro: il nostro confronto

Square Enix Montreal ha annunciato, tramite il suo account Twitter ufficiale, che la promozione dedicata a Hitman Sniper sarà disponibile fino al 21 maggio 2020, dunque se volete dargli una chance, anche solo per curiosità, correte subito a scaricarlo, dai link che vi lasciamo qui sotto.

L’articolo Hitman Sniper è gratis su App Store e Play Store, ma solo per pochi giorni sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Se amate la polvere dei rally sfreccerete con DIRT 5: ufficiale per Xbox Series X, PS5, Steam e non solo (video)

Sapevamo che sarebbe dovuto arrivare e nelle ultime ore ne abbiamo avuto la conferma ufficiale: DIRT 5 è realtà, il nuovo capitolo del famoso simulatore di rally arriva per piattaforme PC, Xbox e PlayStation.

Il nuovo DIRT 5 di Codemasters è stato appena annunciato ufficialmente: come previsto il gioco arriverà per Xbox Series X, PlayStation 5, PC Windows (con Steam) e una versione arriverà, leggermente più tardi rispetto alle altre, per Google Stadia. Tra i circuiti sui quali gareggiare ci saranno contesti affascinanti e cittadini come New York City e Rio de Janeiro, ma anche quelli particolari come aree remote in Grecia e Cina. Non mancherà la modalità di gioco carriera narrativa.

LEGGI ANCHE: quale MacBook comprare? La nostra guida

Il nuovo DIRT 5 arriverà su Xbox Series X, PlayStation 5 e PC Windows a partire da ottobre 2020. Per vederlo s Stadia dovremo attendere il 2021. Nell’attesa vi lasciamo il trailer ufficiale con alcune immagini del gioco.

L’articolo Se amate la polvere dei rally sfreccerete con DIRT 5: ufficiale per Xbox Series X, PS5, Steam e non solo (video) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld