Un drone per taxi entro il 2030. La nuova strategia europea

AGI – Entro il 2030 i droni entreranno a fare parte della vita europea. Dai servizi di emergenza, mappatura, imaging, ispezione e sorveglianza nell’ambito dei quadri giuridici applicabili da parte di droni civili, alla consegna urgente di piccole spedizioni, come campioni biologici o medicinali, ai servizi innovativi di mobilità aerea, come i taxi aerei, che forniscono servizi di trasporto regolari per i passeggeri, inizialmente con un pilota a bordo, ma con l’obiettivo finale di automatizzare completamente le operazioni.

È la strategia europea per i droni 2.0 presentata dalla Commissione europea, che punta a stabilire come l’Europa possa perseguire operazioni commerciali con i droni su larga scala, offrendo anche delle opportunità nel settore.

Secondo la Commissione, “per liberare il potenziale del mercato dei droni e dei servizi dell’Ue è necessario identificare i blocchi tecnologici critici, come l’intelligenza artificiale, la robotica, i semiconduttori, i servizi spaziali e le telecomunicazioni mobili dell’Ue. Ciò aiuterà l’Ue a costruire un settore dei droni innovativo e competitivo, riducendo le dipendenze strategiche”.

La strategia individua anche aree sia di sinergia tra droni civili e da difesa che di aumento delle capacità di contrasto ai droni e di resilienza dei sistemi. La Commissione avvierà ora i lavori sulle 19 azioni operative, tecniche e finanziarie della strategia “per creare il giusto ambiente normativo e commerciale per lo spazio aereo e il mercato dei droni di domani”.

Le azioni includono l’adozione di norme comuni per l’aeronavigabilità e di nuovi requisiti di formazione per i piloti di velivoli remoti e eVtol (decollo e atterraggio verticale elettrico con equipaggio); il finanziamento della creazione di una piattaforma online per supportare gli stakeholder locali e l’industria nell’attuazione di una mobilità aerea innovativa e sostenibile; lo sviluppo di una Roadmap strategica della tecnologia dei droni per identificare le aree prioritarie per la ricerca e l’innovazione, per ridurre le dipendenze strategiche esistenti ed evitare che ne sorgano di nuove; la definizione dei criteri per un’etichetta volontaria per i droni approvati per la cybersicurezza.

Questo lavoro preparerà la strada per operazioni commerciali su larga scala e garantirà che l’Europa tragga vantaggio dalle sinergie tra l’uso civile, di sicurezza e militare dei droni e delle tecnologie correlate, comprese le soluzioni di contrasto ai droni”, ha puntualizzato la Commissione Ue. 


Un drone per taxi entro il 2030. La nuova strategia europea

La strategia di TikTok per salvarsi dalla scure di Trump

Funambolo TikTok. L’applicazione sta cercando un equilibrio tra mercato internazionale e cinese, tra cassa e politica, fra trasparenza e censura. La strategia è chiara: rifarsi una verginità in Europa e Stati Uniti senza inimicarsi Pechino. Il manichino su cui cucire questo abito double face c’è già.

Un unico sviluppatore, ByteDance, controlla due app uguali ma con rigidità censorie differenti: Douyin in Cina, TikTok nel resto del mondo. Passare dal disegno alla realizzazione del vestito su misura, però, non sarà semplice. ByteDance ci sta lavorando.

India no, Stati Uniti forse

Nell’hardware, le filiere di Cina e occidente sono intrecciate. Produzione e mercati di sbocco non possono fare a meno l’una degli altri. Nei servizi, invece, c’è ancora una forte distinzione per aree di influenza. Facebook, Twitter e Google non sono ammessi da Pechino e le app cinesi non sono riuscite a imporsi oltre i propri confini. La principale eccezione è proprio TikTok, la cui proprietà ha sede nel distretto di Haidian.

Anonymous ha raccomandato di “cancellarla subito”, perché “di fatto sarebbe un malware gestito dal governo cinese per eseguire un’operazione massiva di spionaggio”. La prima a muoversi è stata l’India. Dopo gli scontri al confine tra i due eserciti, il Paese ha bandito l’applicazione (assieme ad altre 58) per questioni di “sicurezza nazionale”: c’è il timore che raccolgano dati per il governo cinese. Le stesse preoccupazione hanno spinto il segretario di Stato Usa Mike Pompeo a “valutare il bando”.

ByteDance, operazione internazionale

India e Stati Uniti non sono due mercati qualsiasi per TikTok: sono i più importanti fuori dalla Cina. Ecco allora la volontà di darsi una lucidata. A parole, lo ha sempre fatto: ByteDance ha parlato di accuse infondate e negato qualsiasi rapporto con Pechino. Adesso però serve altro.

A maggio, alla guida della società è arrivato un americano, Kevin Mayer: dopo una carriera in Walt Disney, è stato nominato ceo di TikTok e coo di ByteDance. I vertici della società hanno assicurato che i dati non vengono conservati in Cina e, secondo il Wall Street Journal, la capogruppo starebbe pensando di stabilire una nuova sede all’estero e di modificare la propria struttura, con un consiglio di amministrazione dedicato esclusivamente all’attività internazionale.

Hong Kong: TikTok e Douyin app siamesi

Tutte le mosse vanno nella stessa direzione: non basta più sdoppiare TikTok e Douyin; serve distinguerle. È coerente con questa strategia anche la sospensione delle attività a Hong Kong: una pausa per capire se la legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino abbia un impatto sulla libertà d’espressione.

Se altre altre società (Facebook, Twitter, Google) hanno fatto lo stesso a cuor leggero (visto che sono già vietate in Cina), per TikTok la mossa non era scontata. Il percorso di sdoppiamento punta al mercato internazionale ma non può pregiudicare gli equilibri interni. Inimicarsi il partito non sarebbe proprio il top della comodità.

ByteDance ha scelto la strada del rischio calcolato: lasciare Hong Kong è anche (se non esclusivamente) un messaggio: siamo indipendenti dalla Cina. Pechino potrebbe non aver gradito, ma dal punto di vista commerciale TikTok non rischia nulla. Douyin prosegue le attività sia in Cina che a Hong Kong

. Sebbene – come riferisce Reuters – non ci sia la volontà di sostituire la versione internazionale con quella cinese, il ceo di ByteDance ha affermato che “ci sono molti utenti di Douyin” nell’ex colonia britannica. In breve: la società guidata da Zhang Nan sacrifica (peraltro solo in parte) un mercato minuscolo come Hong Kong e usa la leva della libertà d’espressione per convincere India, Stati Uniti ed Europa.

Trasparente ma non troppo

La strategia delle app siamesi emerge anche nel “Rapporto sulla Trasparenza”, con il quale TikTok pubblica (ogni sei mesi) quanti contenuti sono stati rimossi e quante richieste di accesso ai dati ha ricevuto dalle autorità di ciascun Paese. Nato per dire che “non abbiamo nulla da nascondere”, il rapporto finisce proprio per sottolineare la doppiezza di ByteDance.

Perché da questa “operazione verità” è esclusa la Cina. Tra il primo luglio e il 31 dicembre, sono arrivate 302 “richieste legali di informazioni relative a utenti” dall’India (nove su dieci accolte), cento dagli Stati Uniti, 16 dal Giappone, 15 dalla Germania. Cinque anche dall’Italia, cui TikTok ha risposto solo in una caso. Zero da Hong Kong. I numeri, in ogni caso, sono minimi se confrontati con la quantità di richieste che arriva a una piattaforma come Facebook. Solo per fare un confronto: nello stesso periodo (il secondo semestre 2019), a Menlo Park sono arrivate 241 richieste da Hong Kong, 2.368 dall’Italia e 51.121 dagli Usa. Questione di stazza, certo. Ma anche Twitter (che ha meno utenti di TikTok) riceve più richieste: nel primo semestre 2019 (l’ultimo periodo disponibile) 2120 dagli Stati Uniti, 66 dall’Italia e tre da Hong Kong. 

Un fatturato, due sistemi

Nel rapporto sulla trasparenza spicca però l’assenza della Cina. E non perché non abbia presentato richieste ma per un’altra ragione: Douyin è un’app distinta, che quindi non rientra nelle statistiche di TikTok. Ha una concezione di trasparenza diversa. Così, proprio mentre la legge sulla sicurezza nazionale fa tramontare la dottrina “un Paese, due sistemi” (che riconosceva autonomia a Hong Kong), ByteDance si ritira dall’ex colonia per rilanciarne la versione commerciale: due app, due sistemi, un solo fatturato.

Agi

OnePlus cambia strategia e sforna Nord, uno smartphone economico

AGI – La svolta, per un marchio come OnePlus, non è da poco: abbandonare la totale dedizione ai cosiddetti ‘flagship killer’ per includere nella propria offerta anche telefoni economici. Un po’ un ritorno alle origini, perché il marchio cinese era nato con l’idea di mettere a disposizione il meglio dell tecnologia disponibile a un prezzo competitivo rispetto ai marchi più blasonati. Come? Azzerando i costi di distribuzione nelle grandi catene, innanzitutto, e coinvolgendo a una community di entusiasti smanettoni nelle fasi di miglioramento del prodotto.  

Il gioco, però – in una realtà complessa e affollata come quella degli smartphone di fascia alta, dove a fare concorrenza agli OnePlus ci si sono messi pure gli altri marchi della famiglia Bbk come Oppo e realme – non poteva durare a lungo e così OnePlus ha dovuto rivedere le proprie stategie e ampliare il portfolio smartphone con una nuova linea di prodotti: OnePlus Nord. Un modo per rispondere anche al feedback della community di utenti, che ha espresso un forte desiderio per uno smartphone più accessibile che incorpori gli elevati standard di prodotto e di esperienza utente tipica dei flagship.

Pete Lau, fondatore e CEO di OnePlus, non parla di crisi del mercato né di vendite sotto le aspettative degli ultimi modelli, quanto piuttosto di “un nuovo entusiasmante capitolo”. “Si tratta anche di sfidare noi stessi e di andare oltre la nostra zona di comfort. Siamo immensamente orgogliosi dei nostri flagship e continueremo a crearne per i nostri utenti. Ora siamo entusiasti di condividere l’esperienza OnePlus con un numero ancora maggiore di utenti in tutto il mondo attraverso questa nuova linea di prodotti” dice. 

Il primo dispositivo della linea OnePlus Nord sarà disponibile in Europa e in India. Un numero selezionato di utenti in Nord America avrà la possibilità di sperimentare il nuovo dispositivo attraverso un programma beta molto limitato dopo il lancio

Disponibilità e prezzi saranno resi not in seguito, al culmine di una campagna molto intensa – anche questa ricorda i primi passi dell’azienda – condotta sull’account Instagram ufficiale di OnePlus Nord (@oneplus.nord).

Agi

La pandemia ha rivoluzionato il mercato degli smartphone. La strategia di Oppo in Italia

Il 22 maggio Oppo lancia sul mercato la serie di smartphone Find X2 con cui punta a presidiare la fascia medio-alta e alta del mercato in un momento particolarmente difficile per la crisi innescata dalla pandemia e in un panorama in cui gli equilibri sono stati rivoluzionati dalla guerra commerciale tra Usa e Cina. Ne abbiamo parlato con Li Ming, ceo di Oppo Italia.

Qual è la strategia di vendita in Italia: rapporto con i negozi fisici, gli operatori di telefonia e le vendite online

Oppo ha da sempre un DNA legato all’esperienza d’acquisto in-store. In tutti i paesi in cui Oppo è presente il negozio fisico viene vissuto come un vero e proprio punto di informazione dove l’utente finale può toccare con mano il prodotto, può chiedere informazioni ed essere guidato nel suo processo d’acquisto grazie a personale altamente qualificato. Questa stessa esperienza è stata trasferita anche in un mercato come quello italiano in cui, compatibilmente con le riaperture dei negozi a seguito dell’attuale situazione, isole, shop-in-shop e promoter continueranno a supportare il consumatore. Per quanto riguarda l’esperienza di acquisito online, invece, abbiamo recentemente lanciato la brand page su amazon.it.  È un passo molto importante, perché non solo rappresenta un momento decisivo dell’espansione di Oppo nel mercato italiano, ma, soprattutto, testimonia il profondo interesse e lealtà che l’azienda nutre nei confronti dell’Italia. Infine, con gli operatori il rapporto è ottimo e collaboriamo su diversi fronti ed espanderemo la lista nel corso dei prossimi lanci prodotto.  Oppo continuerà a lavorare per garantire ai clienti e all’Italia servizi e soluzioni all’avanguardia, rinforzando la struttura di vendita e integrando l’esperienza d’acquisto negli store fisici e digitali.

In Italia un prodotto come il Find X2 può occupare lo spazio che inevitabilmente sarà lasciato vacante dai flagship di Huawei?

Find X2 Pro è un prodotto pensato per soddisfare le esigenze di una specifica fetta di mercato. L’obiettivo di Oppo non è quello di occupare spazi vacanti, ma quello di mettere l’esperienza del consumatore al centro, fornendogli un prodotto in cui hardware e software rappresentino una sintesi della tecnologia di cui hanno bisogno. Find X2 Pro, infatti, è uno smartphone che include tutte le ultime tecnologie in campo display, ricarica e performance ed è il compagno perfetto sia per chi vuole farne un uso business sia per chi predilige un utilizzo più ludico. Grazie al suo Ultra Vision display a 120Hz, la ricarica veloce Super VOOC 2.0, il processore Snapdragon 865+ e un sistema di fotocamere di ultima generazione rappresenta un prodotto di eccellenza in grado di rivaleggiare con tutti i top di gamma presenti sul mercato. È un telefono che nasce con la volontà di offrire un prodotto di grande qualità per tutti coloro che cercano l’ultima tecnologia senza compromessi.

Temete che la saturazione del mercato dei flagship possa essere anticipata dalla crisi economica innescata dalla pandemia?

Senza dubbio la situazione economica attuale sta avendo un impatto sulla propensione all’acquisto dei consumatori italiani e non solo. Questo è il motivo per cui la nostra serie flagship Find X2 posiziona smartphone a tutte le fasce di prezzo in grado di offrire prestazioni ottimali a ogni livello. Con Find X2 Pro copriamo la fascia alta grazie a performance e caratteristiche di eccellenza. Con Find X2 Neo, un vero e proprio top di gamma nel corpo di un medio di gamma, siamo in grado di raggiungere un’utenza che non vuole sacrificare le prestazioni a un prezzo contenuto. Infine, Find X2 Neo con un prezzo aggressivo e caratteristiche eccellenti rappresenta una solida scelta nel panorama degli android phone. Siamo convinti che questa diversificazione dell’offerta a livello di specifiche e prezzo sia una scelta pensata proprio per andare incontro alle necessità del pubblico.

A che punto è secondo voi lo sviluppo del 5G in Italia e cosa vi aspettate da questa tecnologia nel nostro Paese?

In Oppo abbiamo investito nella tecnologia 5G sin dall’inizio, sia creando molti degli standard di comunicazione necessari all’ implementazione della rete sui nostri dispositivi, sia collaborando con le differenti aziende del settore per supportare la sua diffusione. In Italia il 5G inizia a essere a un ottimo punto, la realizzazione delle infrastrutture necessarie e la diffusione della rete sta andando avanti grazie al supporto degli operatori. Proprio per questo, e non a caso, OPPO ha lanciato una linea – Find X2 – completamente compatibile con la rete 5G con il chiaro obiettivo di democratizzare questa tecnologia rendendola accessibile a tutti gli utenti e non solo a quelli premium. Crediamo fortemente nel 5G e siamo convinti che rappresenterà una risorsa importantissima che influenzerà e formerà la società del prossimo futuro.

Agi