Ecco OnePlus 8T in mostra da tutti i lati e (quasi) tutte le sue specifiche appena trapelate (video e foto)

Ormai sono praticamente passati cinque mesi dal lancio di OnePlus 8. Ciò significa che l’azienda cinese è pronta a presentare il suo nuovo modello: OnePlus 8T. Mentre l’annuncio ufficiale è atteso per la fine del mese o per l’inizio di ottobre, il telefono è stato da poco certificato dall’ente indiano BIS, segno che il suo arrivo è davvero imminente. A confermare tutto ciò è appena piovuta in Rete una serie di leak in cui lo smartphone viene mostrato da tutti i lati insieme a molte delle sue specifiche tecniche.

Le immagini che potete ammirare a fine articolo sono però basate su schemi interni e non sui soliti progetti CAD 3D, per cui non è possibile conoscere le dimensioni esatte del dispositivo. Mentre arriva una nuova conferma dell’assenza di un possibile OnePlus 8T Pro, l’unico modello si prepara a sfoggiare diverse novità, che a livello hardware lo metteranno alla pari se non al di sopra anche di OnePlus 8 Pro.

LEGGI ANCHE: La nostra prova di OxygenOS 11 su OnePlus 8

Lo schermo infatti ha una diagonale di 6,55″ in risoluzione HD+ e refresh rate a 120 Hz, il vetro sarà piatto con un piccolo foro nell’angolo in alto a sinistra per la fotocamera frontale da 32 MP (raddoppiata rispetto al passato). Il comparto fotografico sul retro sarà contenuto in una “toppa” (che non appare esattamente piccola), in cui i quattro sensori sono disposti a C con il flash LED. La lente principale sarà da 48 MP + un grandangolare da 16 MP + un macro da 5 MP + un sensore di profondità da 2 MP.

Contrariamente alle aspettative e ai primi benchmark emersi, sembra che OnePlus 8T possa essere equipaggiato con Snapdragon 865 ed essere lanciato in due tagli di memoria: 8/128 GB e 12/256 GB. La Batteria arriverà a 4.500 mAh, ma per la prima volta ci sarà il supporto alla ricarica a 65 W (era fermo a 30W da qualche anno ormai). Completano il quadro OxygenOS 11 con Android 11, connettore USB-C e microfono a cancellazione del rumore sul lato superiore. E il prezzo? Purtroppo ancora nessuna notizia.

L’articolo Ecco OnePlus 8T in mostra da tutti i lati e (quasi) tutte le sue specifiche appena trapelate (video e foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Tutte le specifiche tecniche di Galaxy Z Fold 2: se solo costasse meno!

Galaxy Z Fold 2 è stato in parte annunciato qualche settimana fa. Diciamo “in parte”, perché ancora mancano disponibilità e prezzo precisi (anche se abbiamo già vari indizi in merito), e qualche dettaglio dalla scheda tecnica era ancora assente. Ci mette ora una pezza Winfuture, che riporta tutte le specifiche dello smartphone pieghevole, unite a qualche informazione ulteriore.

  • Schermo cover: 6,23” (816 x 2.267 pixel, 25:9) a 60 Hz, HDR10+
  • Schermo pieghevole: 7,6” AMOLED (2.208 x 1.768 pixel) fino a 120 Hz con Ultra Thin Glass, HDR10+
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 865+
  • RAM: 12 GB LPDDR5
  • Memoria interna: 256 GB UFS 3.1 non espandibile
  • Fotocamera posteriore:
    • Principale: 12 megapixel, f/1.8, OIS, pixel da 1,8 micrometri, dual PDAF
    • Teleobiettivo: 12 megapixel, f/2.4, pixel da 1 micrometri
    • Grandangolo: 12 megapixel, f/2.2, pixel da 1,12 micrometri
  • Fotocamera cover screen: 10 megapixel, f/2.2 a fuoco fisso, 1,22 micrometri
  • Fotocamera schermo pieghevole: 10 megapixel, f/2.2 a fuoco fisso, 1,22 micrometri
  • Connettività: nano SIM + eSIM, LTE, 5G, Wi-Fi 6, Bluetooth 5, NFC, GPS, USB-C
  • Batteria: 4.500 mAh con ricarica rapida a 25W, wireless a 11W e reverse wireless charging
  • Dimensioni: 159,2 x 68-128,2 x 16,8-6,9 mm
  • Peso: 279 grammi
  • OS: Android 10 con One UI 2.5

Lo schermo pieghevole ha inoltre applicata una pellicola protettiva di plastica. Non dovrebbe trattarsi di una protezione “portante” come nel caso del primo Galaxy Fold, ma del resto perché rimuovere una protezione da quello che è il più fragile dei due display?

Lato software il multi-windows la fa da padrone, dato che secondo Samsung è possibile gestire fino a 3 applicazioni contemporaneamente in parallelo senza difficoltà.

Abbiamo anche qualche dato di autonomia: fino a 31 ore in 4G, anche se non è ben chiaro con che utilizzo e con quale schermo.

Riguardo le fotocamere, la registrazione video si ferma in 4K, mentre la riproduzione è possibile anche di contenuti fino in 8K (7.680 x 4.320 pixel) a 60 fps. Abbiamo anche funzioni avanzate di stabilizzazione dei video, Super Night Shot, Super Slow Motion con 960 fotogrammi al secondo, e messa a fuoco live per l’effetto Bokeh. L’audio è affidato a due speaker stereo ottimizzati da AKG

Viene infine ribadito il prezzo, che di listino dovrebbe essere di 1.999€ con possibili rincari a 2.009€ in alcuni paesi europei (noi sapevamo 2.049€ in Italia, ma lieti se ci sarà uno “sconto”). In ogni caso il 1° settembre ci sarà un nuovo evento Samsung con il quale si apriranno ufficialmente i pre-ordini, ed i pochi dettagli ancora mancanti (ad esempio gli eventuali bundle) saranno svelati.

L’articolo Tutte le specifiche tecniche di Galaxy Z Fold 2: se solo costasse meno! sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Google rilascia la DP3 di Android 11: ecco tutte le novità, mentre la beta pubblica si avvicina per tutti (foto)

Google ha appena compiuto un nuovo e importante passo nella strada che ci porterà a scoprire tutte le novità di Android 11. Nelle ultime ore BigG ha rilasciato la terza Developer Preview, l’ultima prima delle tre beta pubbliche che saranno alla portata di tutti. Andiamo a vedere insieme le novità appena introdotte per la nuova DP di Android 11.

Di seguito elenchiamo le novità immediatamente visibili, quelle apportate all’interfaccia grafica:

  • Maggiore spaziatura per la gestione delle preferenze relative alle notifiche (la prima immagine si riferisce alla DP2, le restanti alla DP3).

  • Il menù dei volumi è stato rinominato in Sound, ci aspettiamo Suoni nella nostra lingua.

  • La freccia per espandere / restringere la notifica è più grande che nella DP2 (qui sotto vedete l’interfaccia relativa alla seconda DP e poi quella relativa alla DP3).

 

  • Possibilità di condividere la connessione internet attraverso USB Ethernet.

  • Tutte le notifiche possono essere eliminate con swipe, anche quelle relative a processi in corso.

  • Nuova gesture verso il basso (in senso verticale) per tornare all’app precedente dal menù multitasking.

  • La sensibilità delle gesture laterali può essere gestita in modo indipendente dall’utente.

Oltre alle novità prettamente grafiche, Google ha introdotto interessanti novità anche sotto il cofano, novità che interesseranno per lo più gli sviluppatori che stanno lavorando alle loro app per renderle compatibili con Android 11. Andiamo a vederle insieme nell’elenco che segue:

  • Motivazione dell’uscita dall’app, la quale sarà utile quando un’app si chiude in modo anomalo.
  • GWP-ASan heap analysis, uno strumento che ha lo scopo di fornire agli sviluppatori supporto nella risoluzione di problemi di sicurezza relativi alla memoria.
  • ADB Incremental, consistente in una nuova modalità di installazione degli apk che ha lo scopo di velocizzare il processo nel caso di file molto grandi (più di 2 GB).
  • Wireless Debugging, per effettuare il debug del codice non sarà più necessaria la connessione con il PC ma basterà una rete Wi-Fi.
  • Maggior controllo sugli accessi alle app, questo fornirà un maggior controllo agli sviluppatori e incrementerà la sicurezza delle app stesse.

Per maggiori dettagli tecnici sulle novità introdotte con la DP3 di Android 11 vi invitiamo a leggere la documentazione completa rilasciata da Google, disponibile a questo indirizzo.

Se invece foste interessati a provare subito la nuova DP di Android 11, questo è l’indirizzo per scaricare l’immagine di sistema. Vi ricordiamo che le Developer Preview sono compatibili con tutte le generazioni di Pixel eccetto la prima. Precisiamo che si tratta ancora di versioni destinate agli sviluppatori, se non siete sicuri di cosa state facendo leggete prima la documentazione e la procedura d’installazione.

L’articolo Google rilascia la DP3 di Android 11: ecco tutte le novità, mentre la beta pubblica si avvicina per tutti (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Pokémon Go si evolve con l’emergenza: tutte le novità introdotte per incoraggiarvi a giocare in casa

Il periodo di particolare emergenza sanitaria che stiamo vivendo sta modificando tante delle nostre abitudini e tra queste sono incluse anche il modo di approcciarsi ai videogiochi. I contenuti come Pokémon Go ne risentono particolarmente, visto che per loro natura prevedono l’interazione con altri utenti e con altri ambienti.

Niantic ha appena comunicato ufficialmente i cambiamenti introdotti in Pokémon Go per incentivare i giocatori a continuare ad usufruire del gioco direttamente tra le mura di casa. Pertanto gli sviluppatori hanno accentuato in modo rilevante tutti gli aspetti del gioco che possono essere svolti al coperto. Di seguito elenchiamo le principali novità:

  • Esercizi, per i quali i passi e l’attività svolta può essere tracciata con Adventure Sync anche al coperto. Tra le attività rilevate sarà supportata anche quella di cammino su tapis roulant.
  • Social, questo aspetto è stato particolarmente sviluppato per incentivare l’interazione virtuale con gli altri giocatori. Prossimamente saranno disponibili anche le Raid Battles in modalità remota.
  • Explore, mediante la quale Niantic prevede che gli utenti condividano i luoghi preferiti che hanno visitato con gli altri giocatori, nell’ottica di suggerirne la visita ad emergenza conclusa.
  • Eventi Live, i quali avranno l’obiettivo di riunire virtualmente i giocatori in tempo reale. Prossimamente Niantic indicherà nel dettaglio come partecipare a questa tipologia di eventi.

LEGGI ANCHE: le 10 migliori app per videochiamate di gruppo

Altre novità sono state introdotte per la modalità GO Battle League del gioco: la distanza di 3 km da percorrere necessaria per partecipare è stata annullata, e inoltre sono state notevolmente semplificate le modalità per accaparrarsi Incense e Poké Balls.

Anche il gioco Harry Potter: Wizards Unite è stato adattato alla situazione: sono stati incrementati i regali per i giocatori, semplificati i raggiungimenti dei vari obiettivi e ridotte le distanze da coprire sulla mappa.

Stesso discorso per Ingress Portals: sono stati ridotti i Portal necessari con i quali interagire durante il gioco, è stato ridotto il tempo di recupero per i Portal ed è stata aggiunta la ricarica degli stessi attraverso i crediti quotidiani. Chiaramente rimane possibile giocare con le modalità classiche nei luoghi in cui è possibile farlo rispettando le normative vigenti relative al distanziamento sociale e coerentemente con quanto disposto dalle autorità locali.

L’articolo Pokémon Go si evolve con l’emergenza: tutte le novità introdotte per incoraggiarvi a giocare in casa sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

Nokia ha finalmente deciso quando e dove svelare tutte le sue ultime novità: il 19 marzo a Londra!

Archiviata la delusione per l’annullamento del MWC 2020, i vari produttori di smartphone che avevano in programma una lunga serie di annunci proprio in quel di Barcellona si stanno via via organizzando per fissare nuovi singoli eventi. L’ultimo in ordine di tempo è Nokia, che ha finalmente annunciato quando e dove potremo toccare con mano le ultime novità che ha in serbo per noi.

Ancora una volta ci ha pensato il frontman Juho Sarvikas, che su Twitter ha dato appuntamento ai fan di Nokia per il prossimo 19 marzo. A Londra, lo storico marchio finlandese alzerà i veli sui nuovi prodotti che saranno protagonisti lungo tutta questa prima metà di 2020. E ce ne saranno per tutti i gusti tranne, come noto, chi punta a smartphone top di gamma.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Note 10 Lite, la recensione

Gli occhi saranno puntati sul primo dispositivo 5G dell’azienda, ovvero Nokia 8.2 5G, probabilmente animato dallo Snapdragon 765. Ci sarà poi spazio per Nokia 5.2, Nokia 1.3 e l’economicissimo Nokia C2. Aspettiamoci anche qualche ulteriore sorpresa, come Nokia 400 4G, il suo primo feature phone con Android, oltre all’operazione nostalgia rappresentata dal rilancio di Nokia 5310 Xpress Music. E voi quale prodotto attendente con maggiore curiosità?

L’articolo Nokia ha finalmente deciso quando e dove svelare tutte le sue ultime novità: il 19 marzo a Londra! sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld