Prime Video regala una selezione di titoli per famiglie a tutti gli utenti

Prime Video, il servizio di streaming on demand di Amazon incluso nella sottoscrizione a Prime, si arricchisce stasera di una selezione di contenuti per famiglie completamente gratuiti per tutti. Una gradita novità annunciata in America e sbarcata poco dopo anche qui in Italia.

In sostanza è sufficiente collegarsi al servizio di Prime Video, effettuare il login con le proprie credenziali Amazon, e accedere all’apposta sezione per bambini allestita da Amazon che trovate seguendo questo link. Non è necessario essere abbonati a Prime, basta appunto avere un account Amazon, scegliere un contenuto presente nell’apposita sezione e schiacciare Play.

LEGGI ANCHE: Cosa Guardare su Prime Video

Tra i contenuti presenti c’è ad esempio la serie originale Prime per bambini Il pericoloso libro delle cose da veri uomini, la serie animata originale Niko e la Spada di Luce, Peppa Pig e tanto altro. Un’iniziativa lodevole insomma che permetterà alle famiglie di intrattenere i più piccoli con contenuti accuratamente selezionati e completamente gratuiti.

L’articolo Prime Video regala una selezione di titoli per famiglie a tutti gli utenti sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld

DuckDuckGo sempre dalla parte della privacy: pubblicato il database di aziende e domini che tracciano gli utenti

DuckDuckGo è uno dei più noti browser web centrati sul rispetto della privacy dei suoi utenti e ha appena compiuto un altro passo nella direzione della salvaguardia dei dati personali.

L’azienda che fa capo a DuckDuckGo ha appena pubblicato Tracker Radar, un database che attualmente contiene i dettagli su 5.326 domini e 1.727 aziende che usano dei tracker integrati nei loro siti web per profilare gli utenti, secondo le informazioni personali ad essi associati. La pubblicazione ha lo scopo di rendere fruibile anche agli altri gestori di browser web la possibilità di bloccare questo tipo di tracking. Tra questi Vivaldi ha già riferito di avvalersi del database.

LEGGI ANCHE: come ottenere il tema scuro su WhatsApp

La pubblicazione del database va chiaramente contro gli interessi personali di DuckDuckGo, ma il suo CEO – Gabriel Weinberg – ha affermato che la sua azienda punta alla promozione della protezione del privacy, limitando le attività di tracking basate sulle informazioni personali degli utenti.

Attualmente DuckDuckGo sta registrando un notevole successo, con un tasso di 100.000 download giornalieri della sua estensione per browser web. L’azienda monetizza con gli annunci ma proponendo soltanto quelli basati sui termini di ricerca e non sulle attività online degli utenti stessi.

È importante sottolineare che gli sforzi di DuckDuckGo sono diretti anche a rendere utilizzabili e accessibili i contenuti web bloccando i tracker: infatti alcuni siti web potrebbero non funzionare correttamente o parzialmente al momento del blocco dei tracker. DuckDuckGo si occupa anche della scrittura di codici e algoritmi che assicurino il corretto funzionamento dei siti a tracker bloccati.

L’articolo DuckDuckGo sempre dalla parte della privacy: pubblicato il database di aziende e domini che tracciano gli utenti sembra essere il primo su AndroidWorld.

AndroidWorld